Sein Tempu Musica Etnica, alla ricerca di un ponte tra i popoli


Dall’Argentina il richiamo alle tradizioni e alla cultura mediterranea e la ricerca di identità perdute attraverso la musica e la danza. Il progetto di lavoro  del gruppo musicale Sein Tempu, tre musicisti argentini ma con antenati italiani e del Sud Europa che ,intorno al porto di Buenos Aires,  hanno ritrovato  lo spirito dei loro padri 

di Ester Ippolito 



“Músicas del Mundo, Sein Tiempo y de Todos los Tiempos". E’ questo il claim e la filosofia  di Sein Tempu Musica Etnica di Buenos Aires, un gruppo di musicisti argentini ma con antenati   italiani che si dedica con passione ed entusiasmo  alla ricerca  di  musiche e danze di origini mediterranee (Spagna, Italia, Grecia, Nord Africa), alla ricerca dei suoni tradizionali,  delle identità talvolta perse nel tempo, e  dei punti di incontro tra i vari popoli.

Fonara’, “ad alta voce” le tradizioni del Salento

Pizzica, taranta, e tutto un mondo nella musica dei Fonarà, gruppo  di musica popolare grico-salentina  di Corigliano d’Otranto (Lecce). Uno spirito giovane per cantare  l’antico ritmo  del Salento, un invito  a incontrare questa  terra.  L’ultimo Cd  ‘Bellu ci balla’ dedicato “alla nostra terra  dagli ulivi argentei…dedicato a tutti coloro  che sono inebriati dell’antico profumo delle loro radici…dedicato a chi è stato e a chi verrà”

di Ester Ippolito

“ se vidi  ca se cotula lu pede …segnu ca vole ballare”

Mani nodose che testimoniano la vecchiaia, il duro lavoro, e un  retaggio di antiche tradizioni, leggende e storie di vita: è questa  l’immagine che caratterizza la copertina dell’ultimo cd " Bellu ci balla" dei Fonara’,  gruppo  di musica popolare grico-salentina  di Corigliano d’Otranto, Lecce.

La danza orientale con gli occhi di Latifa Amar

L’incontro con la ballerina di danze orientali Francesca Trezza, insegnante e coreografa:  la sua passione per un  ballo  antico che va ben oltre l’esteriorità. I suoi maestri e ispiratori:  Mahmoud Reda e  Saad Ismail.  Dal folclore alla fusion e contaminazione

di Ester Ippolito


Amar è stato il primo nome che ho scelto per rappresentare me stessa come danzatrice, perché vuol dire Luna, come la Grande Luna che ho tatuato sulla mia pancia, come la Grande Madre che porto dentro di me. Latifa in arabo significa “delicata”, “graziosa”,“gentile”…ed è proprio delicatamente che ho mosso i primi passi di Danza Orientale….”

Lady Vega, Bailar es Vivir

Un incontro con Lady Vega, venezuelana,  personalità poliedrica, Dj affermata di musica latina in quel di Padova, insegnante di salsa, profonda conoscitrice del mondo latino e ideatrice del marchio "Karibe Urbano", che caratterizza serate friendly  in cui il mondo latino  è protagonista in tutte le sue sfaccettature  in un mix di ballo, cultura e divertimento

di Ester Ippolito

“Si, ballare è vivere, abitare il nostro corpo e liberarci, almeno per un po', dalle tensioni della vita di ogni giorno. Un testo, una melodia ci possono far sognare ed evadere dalle prigioni del quotidiano. Balliamo dunque, viviamo e amiamo la vita con tutto ciò che abbiamo: corpo, anima e cuore... Un cuore salsero”.
E’ un messaggio, e un invito,  di Alejandra Vega, venezuelana, in arte  Lady Vega, amante  e conoscitrice della musica, del ballo, di tutta la cultura latino americana.

crediti