Arte- Le "Donne" di Patrizia Claps

Colori netti, ovali di donne “ vittime o eroine”, sentimenti, specchio di molte realtà, volti che esprimono felicità o infelicità, riscossa e rinascita....che colpiscono. Sono le donne dei dipinti di Patrizia Claps , giornalista ed esperta in comunicazione, un ‘ artista che, come ci racconta lei stessa , ha sentito esplodere da poco il suo talento nella pittura , un  seguire e rincorrere il sentire quotidiano, le emozioni e situazioni che la vita presenta costantemente.

Quello di Patrizia Claps  è uno  stile immediato, immagini stilizzate e squadrate senza per questo, o forse per questo,  perdere la forza dell’impatto e dell'emozione. Diversi i temi, i soggetti,  le espressioni, ci sono gli abbracci, la distanza, il ritrovarsi, storie e percorsi intimi.  Privilegiate le figure femminili immortalate in mille sfumature . Ma qual è l’ispirazione, quali le fonti o i momenti magici che portano alla creazione?

Claps- L’ispirazione nasce da quel che sento , percepisco e vivo. Le  "Donne"  ritratte   incarnano aspetti della personalità femminile e quindi anche di me stessa e condizioni per le quali  si diventa vittima o eroina. Le mie donne in realtà mirano a portare al pubblico femminile (ma non solo) un messaggio di forza e rinascita, partendo sempre e solo da se stesse.

B&V- Come hai iniziato a dipingere ? Qualche modello artistico ti ha influenzato?

Claps- E’ una domanda alla quale mi piace molto rispondere. Casualmente direi. Il mio primo approccio alla tela è avvenuto qualche anno fa in una fase molto particolare della mia vita, durante la quale scoprii un grande beneficio psicofisico proprio dipingendo. Ma fu un momento circoscritto che si concluse nel giro di poco . Il vero amore, che ha lasciato sbalordita me per prima, è scoppiato nel 2020 durante il primo lockdown. Avevo bisogno di arredare una parete di casa e ho pensato di farlo io realizzando “ Andata e ritorno ” ,un’opera pittura scultura in acrilico e metallo. Da quel momento non mi sono più fermata ed è stato come un fiume in piena, un fiume senza più argini. Mi sento chiedere spesso se ho modelli artistici a cui mi ispiro, ma pur avendo una grande ammirazione per i grandi maestri di ogni tempo, non emulo (se mai io potessi!) alcuno di loro. Allo stesso tempo, però, non mi sento di escludere di essere stata inconsapevolmente influenzata.

B&V- Tra le tue opere, e le tue donne, a quale sei particolarmente legata?

Claps- Sono legata a tutte allo stesso modo. Sono le mie creature. Mi incarnano e le incarno. In ciascuna di loro esiste una parte di me, per questo le amo tutte senza differenza. C'è Indomita , mai più schiava, che  per me è un Manifesto contro la violenza sulle donne in ogni sua forma.  C'è la Donna Tigre , dedicata a tutte quelle donne in cui vive una tigre sempre vigile. C'è Nicole, il pensiero...., c'è Cecilia, mia madre...

B&V- Attraverso la pittura riesci a inviare un messaggio a te o agli altri?

Claps- A me stessa senza alcun dubbio. Agli altri lo spero. Il messaggio più importante che mi auguro possa giungere è che non c’è mai un tempo per scoprire il proprio talento. Il senso dell’arte  di arrivare dritto al cuore dell’osservatore penetrando laddove nessun altro avrebbe mai potuto. L’arte è espressione del Divino . E gli artisti non sono altro che strumenti a suo servizio.

B&V- I tuoi quadri sono stati esposti (retrospettiva) a Latina qualche mese fa prima del Covid. Quali sono i tuoi progetti futuri?

Claps- Partecipare con una retrospettiva all’evento benefico organizzato dall’ Associazione Big Family a favore dell’Ospedale ICOT è stato per me un vero onore ,considerato il nobile obiettivo perseguito. In programma per il prossimo futuro, una personale a Latina presso la Galleria D’arte Charta di Carlo Battaglia. Purtroppo vista la drammatica situazione che stiamo vivendo e le conseguenti restrizioni applicate dal Governo, non sono al momento in grado di fornire date che mi auguro si possano concretizzare nella prossima primavera.

Ester Ippolito

B&V ha già ospitato una  opera  di Patrizia Claps, Note di Tango, un abrazo che ha sottolineato la Giornata Internazionale del Tango 2020  ( https://www.ballareviaggiando.it/2-uncategorised/3709-11-dicembre-dia-internacional-del-tango-la-danza-che-manca.html )

Le opere sono visibili  sulla  pagina FB Evoluzioni in arte di Patrizia Claps 

Per info o acquisto scrivere  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattare Charta  Galleria D'Arte  339406681/3297576373


Stampa