Indagine SWG- Ciset, la Puglia la regione più amata

 Un “clima turistico più disteso”, una propensione più elevata a rimanere nei confini nazionali e la Puglia fra le mete più apprezzate per una vacanza dagli italiani. Questo è quanto emerge da un’indagine demoscopica realizzata da SWG e da CISET nel mese di maggio 2021 per Pugliapromozione e finalizzata a comprendere preferenze di viaggio, aspettative e timori (in relazione alla pandemia) per l'estate.

In questo contesto, nonostante l’ultimo anno sia stato difficile dal punto di vista sanitario, la Puglia si conferma come una delle destinazioni di vacanza più apprezzate dagli italiani e figura tra le principali mete del turismo domestico per quest’estate, seconda solo alla Toscana. “Si conferma quindi una tendenza già in atto prima della pandemia, quella di  un  turismo lento, alla ricerca di piccole realtà poco affollate e ben organizzate, con una fruizione del territorio decisamente non basata sul “mordi e fuggi” e con una predilezione per borghi e centri storici autentici dove poter trovare un momento culturale accanto ad una festa di tradizione, il teatro per strada e il cinema all'aperto, i festival di musica o dedicati ai libri – commenta l’Assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Puglia, Massimo Bray Il nostro lavoro è far conoscere l'autenticità e la meraviglia che questa terra è in grado di esprimere, particolarmente in questo momento. Stiamo utilizzando tutti gli strumenti mediatici - da quelli più tradizionali come le Tv e le radio alle piattaforme on demand più gettonate - per rilanciare l'immagine della Puglia in Italia e nel mondo come una terra di cui ci si innamora. In Puglia ci si innamora. Ci si innamora delle persone, dell' accoglienza, degli scorci mozzafiato e delle insenature e spiagge, dei mille luoghi da scoprire, della bontà del cibo ricco di tradizioni e capacità di innovare, della creatività della cultura e del valore del patrimonio storico artistico”.

Il turista che sceglie la Puglia in questo periodo apprezza località caratteristiche che offrono eventi locali, sia grandi che piccoli (sagre, teatri e cinema all’aperto, ma anche festival e grandi eventi), e che permettono di riappropriarsi di spazi ed esperienze di cui ha dovuto fare a meno l’anno scorso e per tutto l’inverno. Per quanto riguarda la «profilazione» dell’ “esperienza Puglia” questa si mantiene solida nel corso del tempo, senza subire particolarmente l’austerità del turismo al tempo del Covid: la Puglia continua ad essere percepita come simpatica e accogliente, attenta alle esigenze del turista. Rispetto all’anno scorso, i turisti cercano di prenotare con maggiore anticipo il proprio soggiorno e la differente situazione epidemiologica porta a rivalutare alcune soluzioni di alloggio che l’anno scorso erano risultate meno gettonate. Ad esempio i villaggi vacanze vengono scelti più frequentemente (20%, +4% rispetto a luglio 2020). Il Web assume un’importanza notevole, soprattutto i portali con commenti e recensioni e quelli, con offerte. L’utilizzo di Internet per reperire informazioni e per prenotare la propria vacanza è cresciuto notevolmente durante la pandemia. Confrontando le risposte date dai turisti delle altre regioni emerge come gli influencer giochino un ruolo più importante per la Puglia che per altre destinazioni, considerato che tra i potenziali turisti c’è una marcata componente di giovani.


Stampa