Stati Generali del Turismo..il settore riparte da qui. Verifica tra 100 giorni

Un mix esplosivo: problemi annosi del sistema turismo, e  problemi nuovi, e gravi, quasi fatali, determinati dal Covid. Numeri col segno meno che segnano le perdite del 2020. Tutta la criticità del comparto è stata la protagonista , attraverso la voce dei numerosi rappresentanti , del convegno “Stati generali. Per l’Italia! Il Turismo come motore economico e sociale per la vera ripartenza” (4 marzo), organizzato dall’Associazione Internazionale dei Cavalieri del Turismo, realtà no profit di alto valore culturale e sociale, che opera dal 1979 per promuovere lo sviluppo del turismo.

L’evento, coordinato da Palmiro Noschese, ha calamitato on line un’alta quota di addetti ai lavori. Un confronto da cui ri-partire - sopravvivenza delle imprese, vaccini, programmazione, certezze, risorse, formazione....- e in agenda una verifica tra 100 giorni. La novità , faro di tante aspettative , il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia, fresco di nomina, che ha aperto i lavori con una rassicurazione: “ Il Ministero è operativo, e possiamo lavorare da subito, cominciando dall’emergenza. Già da subito, nel prossimo decreto, dobbiamo intervenire più e meglio sulla questione sostegni. Coglieremo nell’anno in corso ogni opportunità possibile, iniziando in sicurezza tutto ciò che si può, ma consapevoli che la ripartenza vera sarà quando saremo tutti vaccinati. Non dobbiamo, nel frattempo, disperdere le competenze del settore .Per il futuro bisogna puntare sulla rivoluzione digitale, che offre sviluppi e opportunità al settore. E dovremo superare le frammentazioni, sia quella orizzontale, risolta dall’istituzione di un ministero ad hoc, sia quella verticale nel rapporto con le regioni, con le quali abbiamo già trovato punti chiave di coordinamento, concordando di promuovere prima di tutto il brand Italia. Opereremo in collaboraione con altri ministeri, dallo Sviluppo Economico al Mibac ,ma con pari dignità”. E un impegno: raccogliere tutte le istanze espresse in questa giornata per tratteggiare la strada della ripartenza.

A dare avvio all’appuntamento è stato Pietro Piccinetti, Amministratore unico di Fiera Roma e neo presidente dell’Associazione Internazionale dei Cavalieri del Turismo: “La ripartenza dell’Italia - ha ribadito Piccinetti - non può prescindere da quella del turismo, anzi deve prendere le mosse proprio da qui. La pandemia da Coronavirus ha ridotto in ginocchio il nostro settore- business e leisure- forse più di ogni altro: ora dobbiamo unire le energie per trovare non solo la forza di ripartire, ma anche la strategia per farlo secondo un modello nuovo, sostenibile e redditizio: l’Italia puà essere leader in tutte le declinazioni del turismo e l’istituzione ,finalmente, di un ministero dedicato al turismo è un bel segnale”.

Fra i tanti interventi, Marina Lalli, Federturismo, ha puntato il dito sul valore della formazione , concetto tornato più volte alla ribalta. “ Come Federazione siamo capofila di un progetto europeo che raccoglie tutte le competenze per approdare a un nuovo turismo”. Ivana Jelinic , Fiavet, ha evidenziato , puntando alla ripresa del settore, la centralità della imprese, la loro sopravvivenza, e la loro caratteristica di pmi, che richiede un accompagnamento capillare. “ Quando il mondo si riprenderà ci troveremo a combattere con una grande concorrenza e dovremo essere pronti.Il consumatore sarà sempre più attento, cercherà un prodotto personalizzato, sicuro, e crescerà il ruolo dell’agente di viaggi”.

Massimo Caputi, Federterme, ha sottolineato le esigenze finanziare del settore auspicando nuove forme di di finanziamento, un bond turismo a 20 anni garantito dallo Stato , per esempio, e ha anticipato il prossimo lancio di un progetto di turismo benessere sanitario. Forte la voce di Federcongressi, Alessandra Albarelli- : “Perchè si pensa a una riapertura dei teatri e si stoppano ancora gli eventi che vengono realizzati in teatro o in alberghi con protocolli di sicurezza? Il Mice può essere un punto di partenza a breve termine per tutto il turismo.Ma abbiamo bisogno di certezze, tempi e modi, per avviare la ripresa. Auspichiamo il ritorno di eventi in presenza anche se la tecnologia ci affiancherà sempre per allargare l’audience”.

Di nuovo formazione in pole position per il presidente di ADA, Alessandro D'Andrea. “La nostra confederazione Solidus , che ragccoglie tutte le figure legate al mondo alberghiero, cerca di attuare dialoghi formativi per rendere l’offerta alberghiera altamente professionale e di qualità”. Carlotta Ferrari, Convention Bureau Italia , ha toccato il tasto pubblico privato , la scarsità di budget , la burocrazia e la difficoltà di inseririsi nelle politiche regionali e delle città.

Una opportunità per ripartire può essere il turismo golfistico , illustrato da Paolo Garlando, Founder Italy Best Golf.E’ un turismo ancora di nicchia, ma una grande opportunità, pensando anche che l’Italia nel 2023 ospiterà il Ryader Cup, in pratica i Mondiali di Golf, costituendo un momentio strategico per il settore. E’ uno sport all’aria aperta, l’Italia è ben dotata di campi di qualità e ci sono ben 70 milioni di golfisti nel mondo che scalpitano per tornare a viaggiare e giocare”.

La situazione alberghiera è stata illustrata da Giuseppe Roscioli  ,Federalberghi Roma. “ Ci sono alberghi a fatturato zero che da marzo non hanno più riaperto., è necessario allungare i termini dei prestiti almeno a 15 anni , abbiamo bisogno di nuove regole finanziaree che ci impediscano di svendere le nostre strutture. Cii stiamo anche muovendo per la sospension di tasse per servizi non dovuti in caso di alberghi chiusi come spazzatura, canone Rai ecc , ”.

Crisi profonda anche per il settore wedding. “ Dobbiamo essere aiutati perchè lavoriamo sul territorio e per ogni evento coinvolgiamo fino a 25 aziende. Per ripartire abbiamo bisogno di notizie certe”-la voce di Clara Trama.

Giorgio Palmucci, presidente Enit, sottolineando come questo sia stato il peggior momento vissuto dal settore, ha confermato l’impegno di Enit nel promuovere i turismi italiani nel mondo in collaborazione con le Regioni, ambasciate, ice ecc. "La distribuzione dei vaccini sicuramente riattiverà i flussi.L’estate 2020 ha dato un pò di fiato all’Italia balneare, mentre la la montagna pirtroppo si è stata bloccata e senza turismo internazionale citàt d’arte, Costiera, Sicilia sono in grande sofferenza. Prima azione far tornare i volumi e poi, guardando al prossimo futuro, incentivare turismo sostenibile". Per ripartire- ha detto Stefano Fiori, Convention Bureau Roma e Lazio- bisogna essere uniti. Enit ha un ottimo presidente e  un buon management, deve avere più  risorse per muoversi. So che il Ministero cerca casa, vedrei bene la convivenza tra Enitt e Ministero.Fondamentali i sostegni per imprese, grandi e piccole, senza fare distinzioni, e formazione per giovani e per manager maturi .

Per Ignazio Abrignani, Osservatorio Parlamentare, serve una rivoluzione digitale , un portale Italia guidato da Enit e una compagnia aerea italiana.”

 

L’appuntamento, con regia all’interno dell’Hotel St Regis di Roma, si è svolto grazie alla tecnologia per gli eventi virtuali DES – Digital Event System - di Newton SpA Il Convegno è stato moderato da Palmiro Noschese, Hotelier & Luxury Hospitality Developer e Member Board Aica & Chief Istitutional Comitee Ehma.” Hanno partecipato: Massimo Garavaglia – Ministro del Turismo Marina Lalli – Presidente Federturismo Ivana Jelinic – Presidente Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo Alessandra Priante – Direttore Europa Organizzazione Mondiale del Turismo Massimo Caputi – Presidente Federterme Alessandra Albarelli – Presidente Federcongressi&eventi Mauro Alfonso – Amministratore Delegato SIMEST S.p.A Alessandro d’Andrea – Presidente Nazionale dei Direttori d’Albergo Giuseppe De Martino – General Manager “The St. Regis Rome”; European Hotel Managers Association Member Carlotta Ferrari – Presidente Convention Bureau Italia Paolo Garlando – Founder Italy Best Golf Matteo Musacci – Vicepresidente Federazione Italiana Pubblici Esercizi Sebastiano Pira – Presidente Associazione Italiana Food&Beverage Management Giuseppe Roscioli – Vicepresidente Vicario Federalberghi Loredana Sarti – Segretario Generale Associazione Esposizioni e Fiere Italiane Clara Trama – Presidente Associazione Italiana Wedding Planner Valentino Valentini – Deputato della Repubblica Italiana Giorgio Palmucci – Presidente Agenzia Nazionale del Turismo Stefano Fiori – Presidente Convention Bureau Roma e Lazio; Vicepresidente Federturismo Ignazio Abrignani – Presidente Osservatorio Parlamentare per il Turismo Nicola Benedetto – Operatore Turistico Gianluca Caramanna – Responsabile del Dipartimento Turismo Fratelli d’Italia Micol Caramello – Presidente Federazione Italiana Guide Turistiche, Accompagnatori e Interpreti Andrea Coia – Assessore Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Roma Capitale Cristina Inghilleri – Rappresentante per l’Europa della Inghilleri Consulting Group Virginia Marasco – Assessora Turismo Cultura di Cirò Marina (KR) Angela Masi – Responsabile Turismo Movimento 5 Stelle Ruggero Lensi – Direttore Generale UNI Vittorio Messina – Presidente Assoturismo Marco Misischia – Presidente Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola e media impresa (CNA TURISMO) Francesco Pileggi – Direttore d’Albergo Luca Patanè – Presidente Confturismo Gloria Isabel Ramírez Ríos – Ambasciatrice della Repubblica di Colombia in Italia Michela Sciurpa – Presidente Sviluppo Umbria Katharina Strecker – Consigliere Affari Economici ed Europei dell’Ambasciati di Germania Veronica Tasciotti – In rappresentanza della Sindaca Virginia Raggi


Stampa