E’ Procida la Capitale italiana della cultura» per l’anno 2022. Dieci progetti eccellenti

 E’ Procida la Capitale italiana della cultura» per l’anno 2022: l’annuncio è stato dato dal Ministro Mibact Dario  Franceschini dopo aver ricevuto la comunicazione via whatsapp dal presidente di giuria Baia Curioni (diretta Zoom e Youtube). Una scelta difficile per la rilevanza di tutti i progetti presentati.

Una terra fra cielo e mare, dai mille colori, ispiratrice di capolavori letterari, e che ha presentato un progetto caratterizzato dal claim “La cultura non isola. Procida è l’ isola che non isola”. Procida si è candidata a Capitale Italiana della Cultura quale “ luogo di esplorazione, sperimentazione e conoscenza, modello delle culture e metafora dell’uomo contemporaneo. Potenza di immaginario e concretezza di visione ci mostrano Procida come capitale esemplare di dinamiche relazionali, di pratiche di inclusione nonché di cura dei beni culturali e naturali.Il percorso che ha portato alla creazione e consegna del dossier di candidatura è una significativa esperienza di innovazione sociale, per la centralità di un modello di vita urbana attiva, orientata alla cultura e ai desideri della comunità. Procida è l'isola che non isola, laboratorio culturale di felicità sociale”.

Grande emozione all’annuncio tra i rappresentanti dell’isola. “ Siamo davvero onorati – ha detto il sindaco di Procida - e vogliamo fare i complimenti anche a tutte le altre città candidate. Questa vittoria è la prova che la cultura sia un grande detonatore, per noi è una opportunità storica e lavoreremo sodo”.

Baia Curioni ha ricordato come tutti e dieci i progetti abbiano presentato valore e qualità tanto da determinare una vera sfida il decretare il territorio vincitore .”Ogni progetto presentato ,in realtà, andrebbe promosso e finanziato, sarebbe davvero uno degli investimenti pubblici di maggior ritorno. Siamo arrivati a un punto chiaro che la cultura è ormai pane quotidiano. La vincitrice Procida ha dimostrato in ogni caso slancio ideale, concretezza, laboratorio di idee, attrattività”.

Questa la motivazione ufficiale della scelta di Procida: “Il contesto dei sostegni locali e regionali pubblici e privati è ben strutturato. La dimensione patrimoniale e paesaggistica del luogo è straordinaria. La dimensione laboratoriale che comprende aspetti sociali di diffusione tecnologica è importante per tutte le isole tirreniche, ma è rilevante per tutte le realtà delle piccole isole mediterranee. Il progetto potrebbe determinare grazie alla combinazione di questi fattori un'autentica discontinuità nel territorio e rappresentare un modello per i processi sostenibili di sviluppo a base culturale delle realtà isolane e costiere del Paese. Il progetto è inoltre capace di trasmettere un messaggio poetico, una visione della cultura che dalla piccola realtà dell'isola si estende come un augurio per tutti noi, al Paese nei mesi che ci attendono".

E’ la prima volta che vince un piccolo centro , per noi rimane molto importante promuovere con iniziative l’Italia minore e sono previsti investimenti ad hoc anche nel Recovery Plan- ha aggiunto Franceschini ricordando come è nato questo titolo/ riconoscimento. “ L’idea è nata nel 2014 ed è riuscita ad attivare un meccanismo di progettualizzazione e valorizzazione dei territori molto proficuo. Data l’eccellenza dei progetti presentati , il titolo di finalista è in ogni caso, come negli Oscar , un riconoscimento importante e ci lavoreremo sopra. Questa vittoria deve rappresentare un segno di speranza per il prossimo anno, ci accompagnerà nell'anno della ripartenza e della rinascita" .

 

Ricordiamo gli altri finalisti attraverso le tracce dei loro dossier di candidatura

Ancona. La cultura tra l'altro Ancona nasce e si sviluppa in funzione dell'Altro, come porto, luogo di incrocio, di conoscenza e scoperta. A una cultura che oggi è chiamata ad occuparsi della coesione, della differenza, della civiltà, la città offre un terreno fertile di scambio e di produzione di nuovi contenuti e nuove mappe attraverso progetti che guardano all'accessibilità, alla sostenibilità, alla tutela, ai giovani e al dialogo tra le discipline della conoscenza.

Bari  - La cultura vien dal mare La ricchezza semantica e culturale, così come i valori del mito di San Nicola, sono alla base della candidatura di BARI2022. Il rapporto di identificazione tra San Nicola e Bari è millenario, è profondo, ha segnato il destino urbanistico e architettonico della città, il suo rapporto con il mare, con le culture dei paesi dell’area adriatico-mediterranea, ne ha determinato la riconoscibilità internazionale, esercitando sui baresi una forte influenza simbolica, antropologica, sociale, culturale, artistica, ancorché religiosa. Per questo abbiamo scelto di declinare l’universo nicolaiano in sei archetipi che ci aiuteranno a raccontare il cuore e la storia di questa città: il sacro, la luce, il mare, l’oriente, il dialogo, il femminile.

Cerveteri - Alle origini del futuro Cerveteri può diventare un centro di sperimentazione di modelli innovativi di governance della cultura a livello locale. Il dossier è il piano strategico su cui intendiamo lavorare nei prossimi anni, partendo dalle nostre radici etrusche, che rappresentano un glorioso passato e che sono al contempo alle origini del futuro. Un futuro che adeguerà gli standard della salvaguardia e della valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale ai valori della sostenibilità, dell'accessibilità e della partecipazione civica.

L’Aquila- La cultura lascia il segno Per dare origine ad un nuovo ciclo di sviluppo, il dossier per L’Aquila Capitale italiana della cultura traccia il percorso per raggiungere quattro precisi obiettivi: 1) Ripopolare la città e il territorio e riannodarne il tessuto sociale; 2) Promuovere un nuovo modello di sviluppo e benessere a base culturale; 3) Diventare il centro di competenze di riferimento a livello europeo sulla resilienza post- catastrofe a base culturale; 4) Formulare una strategia di sviluppo scalabile alle altre realtà simili delle aree interne italiane.

Pieve di Soligo (Treviso), Pieve di Soligo e le Terre Alte della Marca Trevigiana- “Non si tratta di conservare il passato ma di realizzarne i sogni”. Il nostro passato sono i nostri padri, le loro idee e i loro sogni, e il nostro paesaggio, con le sue peculiarità e con la nostra azione che nel tempo lo ha cambiato, plasmato e spesso anche deturpato. Il nostro dossier invita a “paesagire”, a mettere in atto azioni di paesaggio in grado di tradurre i nostri sogni, ovvero le linee guida del Piano Strategico, in progetti attivatori, moltiplicatori e creatori di reti diffuse culturali basate sulla connessione materiale e immateriale del territorio, delle sue socialità e delle sue economie.

Taranto, Taranto e Grecia Salentina- La cultura cambia il clima Può un deserto far germogliare una pianta e questa dare frutti ad una comunità? Come può cambiare il clima di una terra lacerata dalla monocultura industriale e dalle ingiurie agli ecosistemi, alle coscienze e persino ai sogni delle future generazioni, e attraverso la cultura e la voglia di partecipazione sospingere la rinascita socio-economica e ambientale? Tante Taranto, dal mare a luoghi unici dell’arte contemporanea, attraverso ventotto secoli di storie ed esperienze sensoriali, per un laboratorio nazionale di cultura resiliente e sostenibile. Dove c’era un deserto.

Trapani-Capitale italiana delle culture euro mediterranee. Trapani crocevia di popoli e culture, approdi e policromie. Arte e cultura, vento di rigenerazione "Trapani è approdo, culla di contaminazioni, popoli, lingue, miti. È un abbraccio fra terra e mare, crocevia, mistero. Trapani è un tripudio: di natura, cultura, gusto, colori. Trapani è terra di vento, un alito antico che da millenni porta il mondo in questa localitè e ad essa si unisce. La candidatura è un impegno corale alla definizione di una nuova identità culturale per la città e per il suo territorio, che concretamente si espliciterà in una piattaforma che consenta agli attori in campo di valorizzare le proprie specificità. Una proposta culturale complessiva e armonica. Un ricco calendario di progetti, iniziative ed eventi per trasformare Trapani in una fabbrica della creatività e in un luogo di produzione culturale".

Verbania Lago Maggiore - Il progetto culturale alla base della candidatura intende mettere a sistema le eccellenze culturali del territorio facendo emergere il loro legame inscindibile con l’eccezionalità ambientale e paesaggistica del lago. Il fil rouge è l’elemento “acqua” che, oltre a connotare esteticamente e visivamente la città, ne ha influenzato lo sviluppo sia economico che identitario.

Volterra.  Volterra  candidata a Capitale italiana della cultura 2022 con un dossier dal titolo Rigenerazione umana. Il tema, scelto prima della diffusione del virus Covid-19, si rivela oggi più che mai di straordinaria attualità e utile a costruire una nuova comunità a partire dalle sfide che la pandemia ci impone.

 e.i.

 


Stampa