Formazione Post Covid: parola d'ordine reinventare il business. Una ricerca SKAL

Skal Roma  International ha svolto  una ricerca  contattando  oltre 100 esperti di turismo, per scegliere le modalità e i temi per lanciare l’edizione 2020 della SKAL ACADEMY. Ospitalità, servizi per il turismo, intermediazione e altri professionisti del turismo rappresentano insieme l’83% degli intervistati. Come reinventare il proprio business...

Dalla ricerca emerge che i manager del turismo non hanno tempo da perdere: stanno già pensando a come reinventare il proprio business,  come sottolinea Tito Livio Mongelli, Responsabile della Skal Academy e Vicepresidente Skal International Roma, coautore della ricerca con il  presidente Paolo Bartolozzi. Ben pochi pensano di cambiare lavoro e il 2021 può essere tutto reinventato.

Il Presidente Paolo Bartolozzi evidenzia inoltre che nuovi business e nuove imprese sono al top delle richieste di approfondimento. I coautori affermano che i principali risultati, che si evidenziano dalle indicazioni e suggerimenti degli oltre 100 decision makers italiani in rappresentanza delle categorie dell’Ospitalità, dei servizi per il turismo, dell’intermediazione e di altri professionisti del turismo, pari all’83% degli intervistati sono i seguenti : oltre l’85% è interessato a pillole formative brevi a distanza ma solo a condizione che sia efficace ed interessante. Va bene una cadenza settimanale ma non c’e’ tempo da perdere, nonostante il blocco delle attività. Oltre un terzo degli intervistati parteciperà solo se i contenuti saranno interessanti ed anzi si possono anche realizzare momenti formativi più lunghi, anche di 2 ore. Riguardo ai contenuti da sviluppare, isulta un grande interesse  per gli  scenari per il turismo nel 2021, le  innovazioni nell’offerta di hotel e ristoranti, i voucher vacanza per far ripartire il turismo,  le  caratteristiche per i futuri siti degli hotel e dei ristoranti , come  organizzare le videoconferenze  e renderle fruttuose, come accedere ai benefici per i professionisti ,  come accedere ai mutui per gli imprenditori . Minore interesse per l'organizzazione  del lavoro dei  collaboratori a distanza, gestione della   riservatezza e sicurezza dei dati in telelavoro, gestione file  sul PC e su quello di casa per fare telelavoro ecc.

Oltre metà dei manager vorrebbe un sito con link di altissima qualità che rimandino a clip abbastanza brevi e ragionate per incrementare la formazione propria e dei collaboratori. Sono proposti, inoltre, vari approfondimenti da svolgere sugli aspetti giuridici delle contrattazioni on line, su come valutare la produttività in regime di smart-working, sull’importanza della comunicazione quando tutti sono online e addirittura una proposta di riflessione: Sappiamo veramente cambiare? O continuiamo a fare le stesse cose spostandole sul digitale? Secondo Alessandra Bertuzzi, Responsabile Young Skal Roma, le pillole formative possono costituire un modo per creare momenti di formazione comuni ai giovani che si affacciano al mercato del lavoro in questo momento difficile e ai manager che devono reinventare business e aziende. Giada D’Aleo, Segretario di Skal Roma, suggerisce anche di guardare la parte positiva di questa emergenza, l’annullamento delle distanze che ci consentirà di avere come partecipanti e come relatori Skalleghi ed esperti di ogni parte del mondo, per trovare soluzioni ad un problema che mai come ora è davvero mondiale. Il prof Antonio Percario, Past President Roma e Consigliere Internazionale Skal, per la sua esperienza professionale nel campo della formazione sta contattando esperti di grande fama perché la SKAL ACADEMY ROMA presto presenti un calendario prestigioso di incontri online per rispondere alle varie istanze della ricerca.

Ricerca originale: http://www.skalroma.org/ricerca-skal-roma-bisogni-formativi-ai-tempi-di-covid19/

www.skalroma.org

 


Stampa