Cina, Coronavirus , le preoccupazioni del settore

Solo a distanza di una settimana dalla celebrazione dell’anno Italia Cina, con un fitto programma di eventi ed iniziative volte a stimolare e potenziare lo scambio turistico tra i due Paesi, è scattata l’emergenza Cina per la diffusione del virus Coronavirus, e grande è la preoccupazione degli operatori alberghieri italiani per gli effetti che potrebbero arrivare a cascata nel settore turisticoper quanto riguarda il turismo dalla Cina.

"Per l’Italia- sottolinea in una nota Confindustria Alberghi - il mercato cinese è tra i più importanti sia in termini di grandezza che per capacità di spesa e la paura legata alla propagazione del virus rischia di generare una serie di ripercussioni economiche su tutto l’indotto.Un fenomeno questo che potrebbe colpire l’intera economia e che per gli operatori del settore alberghiero in particolare vede, tra i timori più grandi, la perdita legata ai contratti già stipulati. Il Belpaese è tra le mete preferite dai turisti del Dragone e la scelta delle autorità cinesi di sospendere temporaneamente i viaggi verso l’estero potrebbe avere forti ricadute sulla nostra destinazione.Come Confindustria Alberghi abbiamo immediatamente avviato un monitoraggio per verificare l’impatto di questo stop forzoso, ma questo raffreddamento del mercato, chiede che quei provvedimenti di riordino e rilancio del settore che sollecitiamo a gran voce da tempo, possano al più presto vedere la luce, così come iniziative specifiche legate al turismo cinese".

Sul fronte tour operating e turismo verso la Cina  la nota Astoi, in stretto contatto con l’Unità di Crisi della Farnesina: "Ogni tour operator ASTOI che programma la destinazione si è da subito attivato per fornire assistenza alle agenzie di viaggio e ai clienti che hanno acquistato un pacchetto turistico per la Cina, colpita dall’emergenza sanitaria Coronavirus”. ".I tour operator ASTOI, a seconda del tipo di viaggio e della data di partenza stanno gestendo le richieste dei clienti offrendo soluzioni a loro tutela. Ai clienti che avevano già effettuato prenotazioni per viaggi imminenti verso le aree interessate vengono proposte destinazioni alternative e, qualora si tratti di partenze future a medio/lungo termine, i clienti vengono invitati ad attendere l’evolversi della situazione".

Per maggiori informazioni si rimanda al Focus Coronavirus, pubblicato sulla homepage di Viaggiare Sicuri, nonché al sito web dell’OMS: https://www.who.int/health-topics/coronavirus


Stampa