La Spagna partecipa al Roma Travel Show con numeri record

Il 2019 segna un nuovo record di arrivi internazionali per la Spagna, che partecipa alla prima edizione del Roma Travel Show con 7 destinazioni iberiche molto amate dal turismo italiano. Novità e proposte per progettare una vacanza in Spagna verranno presentate al pubblico della capitale dal 31 gennaio al 2 febbraio presso il Palazzo dei Congressi dell' EUR, e i visitatori più rapidi saranno premiati con 50 ingressi gratuiti per due persone.

Per la Spagna, l'Italia rappresenta il quarto mercato come numero di turisti, che mantengono in testa la Catalogna come destinazione preferita, ma si registrano tendenze di crescita in altre mete come Madrid, Andalusia e Valencia. Secondo i dati dell’Instituto Nacional de Estadística –INE, fino a novembre del 2019 si è registrato un aumento per quanto riguarda l’arrivo di turisti internazionali del 1’2% rispetto allo stesso periodo del 2018, nonostante il calo del 2,2% del flusso dei turisti britannici, primo mercato per l’incoming spagnolo.

La performance per il turismo spagnolo è sempre in crescita rispetto al 2018, sfiorando gli 80 milioni di turisti internazionali, cifra che verrà certamente superata non appena verranno contabilizzati i dati relativi al mese di dicembre 2019. Prevedibilmente la Spagna manterrà il 2º posto nella classifica dei paesi più visitati al mondo anche per il 2019, soltanto dietro alla Francia e davanti agli Stati Uniti, già superati nel 2018 secondo il report statistico fornito dalla World Tour Organization (UNTWO). Sono i turisti provenienti dal Regno Unito i più numerosi con un totale di 17 milioni di turisti, seguiti dai tedeschi con 10 milioni e 600 mila. Il terzo posto del podio va ai turisti francesi con poco più di 10 milioni e mezzo. L’Italia si mantiene come quarto mercato per la Spagna, con un aumento delle presenze del 3,5%, per un totale di 4 milionie 200 mila. Da gennaio a novembre l’aumento della spesa dei turisti internazionali in Spagna ha mantenuto lo stesso trend positivo, raggiungendo la cifra di 87.265 milioni di euro, che equivale ad un 3 % in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Nel totale della spesa i turisti italiani sono in testa per quanto riguarda la differenza rispetto al periodo 2018, con un aumento del 5,1% per un totale di 3.327 milioni di euro, ovvero ogni turista italiano ha speso 785 euro nel paese iberico. La Catalogna continua ad essere la principale regione di destinazione per il turista italiano, con una quota di mercato del 30%, mentre il secondo posto spetta alle Isole Baleari, meta che è stata scelta dal 19% dei turisti. La regione di Madrid è stata scelta dal 16% e continua ad aumentare mantenendo lo stesso trend positivo degli ultimi anni. Identica tendenza per le altre destinazioni preferite dagli italiani - Andalusia e Valencia - che vedono aumentare il numero delle presenze. Il dato negativo arriva dalle Isole Canarie, che diminuiscono notevolmente la propria percentuale di quota tra le regioni preferite dagli italiani. In questa prima edizione del Roma Travel Show, nello spazio dedicato alla Spagna sono presenti le Asturie, i Paesi Baschi, le Isole Canarie, le Isole Baleari, Benidorm, Port Aventura e l’Andalusia. Il nord della Spagna è rappresentato dalle Asturie e Paesi Baschi, ovvero il volto più verde della Spagna. Le Isole Canarie sono presenti con Gran Canaria, Tenerife, Fuerteventura e Lanzarote, adatte a una vacanza in qualsiasi periodo dell’anno. Le Isole Baleari non mancano all’appello con Formentera, l’isola mediterranea più amata dagli italiani. Saranno presenti, inoltre, Benidorm, una delle mete turistiche più rinomate di Spagna e Port Aventura, il parco tematico più conosciuto di Spagna, che ospita anche il Ferrari World, unico in Europa. Non poteva mancare L’Andalusia, con molte proposte e novità per i turisti italiani. Per tutti coloro che desiderano organizzare le proprie vacanze in Spagna 50 biglietti(*) d’ingresso validi per 2 pax per Roma TravelShow, sabato e domenica 1 e 2 febbraio, contattando via mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stampa