Nasce l’ Archivio della vacanza italiana , la storyteller del Bel Paese. Federturismo e Artix

 Posizionare la vacanza italiana come asset culturale intangibile del Paese valorizzandone l’iconografia, l’estetica, il design e l’immaginario: questo l’obiettivo dell’ Archivio della Vacanza Italiana, progetto promosso da Federturismo Confindustria e Artix con la cura di Marco Panella, e presentato presso Enit, Roma.

Questo progetto, che idealmente affonda le radici nella grande narrazione fatta dell’Italia dai viaggiatori del Grand Tour e che stabilisce il suo perimetro iconografico dai primi del novecento sino ai giorni nostri, lancia uno sguardo verso le trasformazioni e le innovazioni della transizione digitale che modifica motivazioni, suggestioni, fruizione e formazione della memoria del viaggio e della vacanza. Federturismo Confindustria e Artix  lo promuovono chiamando a raccolta i player istituzionali, industriali e culturali del Paese, affinché siano partecipi e protagonisti della più grande operazione di storytelling del costume italiano mai fatta prima. Lo strumento di dialogo dell’ Archivio della Vacanza Italiana con gli italiani e con le imprese è la Call for Memory, azione social che invita a condividere nell’Archivio le proprie immagini di vacanza, immagini che saranno rese liberamente fruibili per la consultazione on line e che andranno ad alimentare la produzione di approfondimenti culturali con mostre itineranti, documentari e pubblicazioni tematiche.

Lavoriamo sulla memoria per dare il nostro contributo al futuro – le parole di Marco Panella, Presidente di Artix e curatore dell’Archivio della Vacanza Italiana - realizzando una piattaforma culturale a disposizione di uno degli ambiti economici più caratterizzanti e produttivi del nostro Paese, il turismo. La vacanza in Italia , per la prima volta, diventa narrazione comune e condivisa. A gennaio, sui social e tramite i nostri media partner, rivolgeremo agli italiani la prima Call for Memory – che rimarrà aperta fino ad aprile e sulla quale si andrà a costituire il primo nucleo dell’Archivio della Vacanza Italiana, che contiamo di rendere on line a giugno del 2020.”

Dal turismo d’élite sino alla villeggiatura di massa degli anni sessanta per arrivare ai week end e ai soggiorni brevi, la vacanza italiana ha alimentato un immaginario profondo di cui sono testimoni le memorie fotografiche familiari e d’impresa, oltre a tutta la creatività d’autore che intorno al tema della vacanza ha sviluppato grandi interpretazioni e filoni narrativi, dal cinema alla musica, dal design degli oggetti alle architetture funzionali. Un movimento che solo nel 2018 ha registrato 62 milioni di arrivi ( 13% Pil). L’ Archivio della Vacanza Italiana recupera il grande e inesplorato giacimento culturale delle fotografie familiari, valorizza l’iconografia sociale d’impresa che ha visto nelle colonie e nel dopolavoro gli antesignani della moderna concezione di welfare aziendale, ricostruisce l’immaginario popolare alimentato da rotocalchi, cinema e musica, e realizza una grande rappresentazione iconografica del sistema dell’ospitalità e dei territori della destinazione Italia.

“E’ un vero piacere – ha dichiarato la Vice Presidente di Federturismo Confindustria Marina Lalli - poter, grazie a queste belle immagini, ripercorrere insieme quasi cent’anni di vacanze e di viaggi degli italiani fatti di mete, mezzi di trasporto ed emozioni. È un immenso patrimonio che va valorizzato e messo a frutto, uno spaccato di vita per riflettere sulla nostra storia e sulla strada fatta insieme, per andare oltre come imprese e come Paese”.

L’Archivio sarà un viaggio - lampo, istantaneo, che immortala l’Italia turistica e la sua evoluzione anche nei suoi tratti essenziali e poco noti, fondamentali per la ricostruzione della storia personale e collettiva di ciascuno e per la salvaguardia dei territori. Uno strumento culturale attraverso cui si può scorgere anche l’evoluzione del carico emozionale che il viaggio porta con sé. L’Agenzia Nazionale del Turismo Italiana custodisce, dal canto suo, un proprio patrimonio e infatti ha attivato un progetto multimediale di digitalizzazione dei propri beni che stanno riaffiorando in una ricostruzione che culminerà nei festeggiamenti del Centenario Enit nel 2019- ha affermato il Presidente Enit Giorgio Palmucci, nel corso della presentazione. “Nell’immaginario collettivo – il commento del Direttore Generale della Fondazione FS Italiane Luigi Cantamessal’iconografia del viaggio in treno ha sempre stimolato e affascinato viaggiatori provenienti da ogni dove. Dagli archivi fotografici della Fondazione FS Italiane sono emerse magnifiche testimonianze dei grandi viaggi di massa nel dopoguerra a bordo dei treni diretti al Sud negli anni 50 e 60. Storie di famiglie, comitive, colonie di bambini che, grazie alle Ferrovie dello Stato hanno avuto modo di percorrere l’Italia, dalle grandi città d’arte alla bella e intatta provincia. La valorizzazione di queste preziose immagini non potrà che contribuire ad arricchire la costruzione di un nuovo modello di turismo sostenibile”.

Con il Gruppo Tecnico Cultura e Sviluppo di Confindustria abbiamo deciso di aderire all'iniziativa consapevoli che, attraverso il linguaggio universale delle immagini, si potranno ripercorrere pezzi inediti di storia e di tradizioni del nostro Paese -le parole di  Renzo Iorio, Presidente del Gruppo Tecnico Cultura e Sviluppo di Confindustria. “Il nostro contributo mirerà ad una duplice direzione: da un lato contribuiremo alla campagna di promozione all'interno del Sistema associativo affinché per le imprese sia l'occasione per far vivere, in forme nuove, il proprio patrimonio documentale, dall'altro supporteremo il progetto come efficace operazione di storytelling nazionale”.


Stampa