Lerici sceglie l’artista Bacci per la cartellonistica di benvenuto

Il Comune di Lerici, nel bellissimo Golfo dei Poeti, in provincia di La Spezia, ha chiesto all’artista locale Carlo Bacci di realizzare la nuova cartellonistica che dà il benvenuto all’entrata del paese, insieme a San Terenzo e Tellaro.

 

Protagonista delle immagini Sovi, il personaggio inventato dalla mente dell’artista, scultore, pittore, illustratore, che vive e lavora da più di 25 anni a Tellaro, in Liguria, in uno dei Borghi più belli d’Italia che fa parte del bellissimo Golfo dei Poeti. Chi andrà a visiutare Lerici, Tellaro  o San Terenzo  troverà dunque all’ingresso di questi  splendidi luoghi dei cartelloni davvero fantasiosi e colorati, con i Sovi che daranno il loro benvenuto, intenti a svolgere alcune delle attività che si possono fare in questi borghi, come surfare o andare in canoa, leggere in assoluto relax un libro di poesie di Percy Bysshe Shelley o Lord Byron, suonare o giocare a tennis o ammirare stupendi paesaggi.

 

Il personaggio di Sovi è nato per caso dalla penna di Bacci nel 2010: anagramma della parola viso, il Sovi è un semplice volto con gambe, braccia e pugnetti al posto delle mani, essenziale ma molto giocherellone. Dal 2018 il personaggio, diventato famoso anche grazie alla pagina Facebook I Sovi di Bacci (https://www.facebook.com/I_Sovi_di_Bacci-292219458319765/),  è protagonista di varie vignette che hanno come sfondo sempre il bellissimo Golfo del Poeti. Particolare l’opera artistica di Bacci. Le sue sculture sono principalmente degli ”assemblaggi”, invitando a recuperare dei materiali e con questi dare vita a nuove creazioni. Le sue opere di pittura sono creazioni originali essenzialmente ispirate dai magnifici luoghi in cui lavora e abita, maggiormente ispirati al mare che lo circonda. Carlo Bacci è uno degli artisti più amati nel Golfo dei Poeti, è apprezzatissimo sia a livello locale che fuori provincia, ma il suo talento lo porta anche all’estero.

 

www.facebook.com/Carlo - Bacci - artista - 529945063877863/


Stampa