A Ferrara si gioca il destino del turismo. E tornano i “ turismi”

Sale la temperatura estiva e sale il fermento sul tema turismo. Dopo la presentazione del Piano triennale Enit l’annuncio per il 13 e 14 settembre a Ferrara del primo Meeting Nazionale sul Turismo, e come preparazione la convocazione delle voci del comparto da parte del primo ministro Conte.

Il primo meeting nazionale del Turismo, che si svolgerà a Ferrara,  si presenta come una vera propria “agorà “ del turismo italiano, con la partecipazione di tutti gli attori del settore: Ministero, Enit, Regioni ed enti locali, associazioni di categoria e professionisti. L’evento, promosso dal Mipaaft, sarà una due giorni ricca di dibattiti, tavole rotonde e sessioni tematiche, “ il primo vero momento di confronto tra istituzioni e privati, un progetto importante, destinato a rappresentare in Italia un vero e proprio appuntamento per analizzare e disegnare agenda e strategie politiche, puntando su crescita, qualità, obiettivi, regole, promozione e marketing”.

Ho voluto riunire tutto il mondo del turismo. Superare il vecchio concetto di Stati generali e creare finalmente un momento di confronto per fare rete e creare strategie per far diventare il turismo italiano sempre più competitivo ed attrattivo. L’obiettivo è costruire una politica industriale del turismo. Stiamo lavorando come Ministero con le Regioni, l’Enit e i privati-le parole del Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio. “Quello di Ferrara sarà un grande meeting, in cui tutti insieme raccoglieremo spunti, proposte ed idee. Il Sistema Italia, il brand Italia di cui parlo è questo: una vera squadra, fatta di interlocutori importanti, che lavorano insieme per far crescere questo settore, trainante per il nostro Paese”.

"Ad Enit sta a cuore armonizzare il settore del turismo per approdare a posizioni condivise sugli strumenti di promozione turistica dando spazio a tutte le idee innovative dei protagonisti del settore. Per questo nel corso del Meeting del Turismo sono stati previsti tavoli specializzati di discussione con centinaia di stakeholders ed esperti di settore ed Enit parteciperà quale attore e catalizzatore della promozione e del marketing del nostro paese. È un momento importante per l'indirizzo dell'industria turistica italiana e lo faremo anche animando il cuore delle location più suggestive di Ferrara attraverso incontri itineranti come al Teatro Comunale e al Castello Estense, perché il buon turismo non può prescindere da processi di integrazione territoriale che creino una rete globale strutturata dell’offerta- l’intervento del presidente Enit Giorgio Palmucci.

Siamo orgogliosi di ospitare a Ferrara queste giornate di studio e approfondimento su tematiche così importanti – ha affermato il sindaco del capoluogo estense Alan Fabbri – un appuntamento che va a sottolineare e valorizzare la vocazione turistica della nostra città, il ruolo e la posizione strategica nella rete italiana e internazionale di luoghi storici e tradizionalmente attrattivi. Il nostro territorio è particolarmente ricco di beni monumentali e artistici, nonché di strutture accoglienti per ogni tipologia di visitatore e turista. Il nostro impegno sarà anche quello, grazie agli stimoli che emergeranno nei temi trattati il 13 e 14 settembre da prestigiosi relatori, di valorizzare ancor di più un patrimonio fondamentale per la collettività in termini sia economici sia culturali”.

L’evento sarà aperto dall'intervento del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte , e dal Ministro Gian Marco Centinaio, cui saranno affidate anche le conclusioni del Meeting. Al termine della due giorni sarà presentato il “Programma operativo 2019-2020” a cura del Dipartimento Turismo del Mipaaft, e nelle prossime settimane sarà divulgato il programma dettagliato del Meeting.

 

Nel frattempo come preparazione al meeting di Ferrara, nei gioni scorsi il premier Giuseppe Conte ha convovato a Palazzo Chigi un tavolo sul settore , alla presenza del ministro Centinaio , del presidente Enit Palmucci e altri auttorevoli priotagonisti del comparto. L’obiettivo avere una visione d’insieme della nostra offerta turistica. Da qui l’idea del progetto Turismi , concetto che in realtà ci riporta indietro nel tempo, teso a valorizzare la varietà , differenza e molteplicità delle esperienze turistiche che può offrire il nostro paese. Annunciato anche un altro progetto dal ministro Centinaio e presidente Enit, ovvero una piattaforma digitale che raccoglierà tutti i percorsi turistici possibili dal turismo dolce all’enogastronomia, dall’itinerario alpino al tour in bicicletta. “L’Italia- le parole del premier- ha le potenzialità necessarie per di intercettare nuovi milioni di turisti, da tutto il mondo”.

Sul fronte digitale ancora una novità: il Mipaaft ha annunciato la nascita del primo portale web istituzionale dedicato alle Denominazioni Dop e Igp. ,un enorme patrimonio informativo disponibile on line per i consumatori e i turisti ( dopigp.politicheagricole.it), on line in italiano e in inglese dal 1 agosto. Saranno finalmente resi disponibili sul web, e a breve anche sul mobile attraverso un App dedicata, tutti i prodotti di Denominazione che caratterizzano ciascuna delle nostre regioni: 299 prodotti agroalimentari, 524 vini, con specifiche sulle caratteristiche, metodi di produzione e aree geografiche di nascita. Un progetto che vuole essere innovativo, per Target (mette insieme Consumatori, Turisti, Operatori Economici), per le Tematiche (Valorizzazione, Educazione, Nuove Tecnologie), per l'Approccio (condotte survey dedicate per raccogliere le esigenze degli Operatori) e per le Informazioni (il patrimonio dei disciplinari reso fruibile ad un vasto pubblico). "I prodotti Dop e Igp rappresentano uno strumento di tutela delle eccellenze italiane e delle produzioni legate al territorio ma anche un'attrattiva per il settore turistico con importanti ricadute sull'economia locale. Lo sviluppo del territorio è sempre più connesso a quelle che sono le sue tipicità. Dobbiamo continuare a lavorare sulla promozione, l'innovazione e la tutela. Unire i prodotti agroalimentari al turismo. Celebrare il made in Italy nel mondo-  ha spiegato  il Ministro delle Politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Sen. Gian Marco Centinaio. "Il mondo oggi chiede informazione attraverso la rete ed è in questa direzione che ci dobbiamo muovere, per cogliere appieno il potenziale che offre il digitale. Questo portale può contribuire a rafforzare l'immagine delle DOP e delle IGP e attrarre visitatori che vogliono mangiare, bere, vivere ciò che offrono i nostri territori".

e.i.


Stampa