SVIZZERA, URBAN EXPERIENCES. DA BASILEA A LOSANNA, DA ZURIGO A LUGANO....

 

La Svizzera è davvero  ricca di sorprese grazie alle sue città che intrecciano natura e cultura, arte d’avanguardia, attenzione all’ambiente e atmosfera a misura d’uomo. Basti pensare che oltre il 50% dei visitatori che soggiorna nel paese sceglie proprio  le città e le urban experiences, come ha sottolineato Piccarda Frulli, vice direttore Svizzera Turismo, in un incontro romano  che ha messo in vetrina le idee più attraenti e  originali per   un tour unico a spasso tra le  tante città svizzere.

Città sempre ricche di novità e di eventi con una ricchezza infinita di proposte culturali di qualità, nuovi spazi museali ,iniziative.... Con i collegamenti Eurocity sono facilmente accessibili dall’Italia: da Milano e Venezia partono regolarmente treni diretti per Basilea, Berna, Ginevra, Losanna, Lucerna, Lugano e Zurigo. Stumento ideale è poi lo Swiss Travel Pass : noto biglietto ferroviario che  permette di effettuare viaggi illimitati sulla rete Swiss Travel System,  disponibile per 3, 4, 8 e 15 giorni e comprendente l’accesso gratuito a oltre 480 musei ed esposizioni. Per chi preferisce l’aereo,la compagnia Swiss opera diversi servizi  giornalieri da Roma, Milano, Venezia, Firenze per Zurigo, mentre da Napoli i collegamenti sono settimanali.  Durante l’estate si aggiungono collegamenti  dal sud Italia ( Bari, Brindisi, Palermo, Catania,Olbia, Cagliari..)

Basilea, capitale della cultura

Tutto può cominciare da Basilea, la capitale culturale della Svizzera, 40 musei tra i  quali spicca La Fondation Bayeler, il museo d’arte più visitato in Svizzera, il Museo Tinguely e il Kunstmuseum Basel, la collezione d’arte più antica del mondo, opere che spaziano da Holbein a Picasso e mostre temporanee di altissimo livello. Ed è sempre a Basilea che si svolge a giugno Art Basel, la più importante fiera mondiale del mercato internazionale dell’arte. E poi   il fascino del suo centro storico alla scoperta di chicche  nel campo dell’architettura, del design e della Street Art. E naturalmente il Reno .... nuotata compresa. Per godere pienamente dell bellezza di Basilea, conviene utlizzare la Basel Card: utilizzo gratuito dei trasporti pubblici  e wifi, 50% di sconto sul biglietto di ingresso ai musei di della città, Zoo, Theater Basel (www.basel.com).

La dinamica Losanna

Losanna, capitale del Vaud, vive una stagione effervescente in attesa del grande evento olimpico- Giochi Olimpici della Gioventù- programmato a gennaio 2020, e nel frattempo è sempre più attiva nel mettere in mostra il suo patrimonio culturale e gastronomico. La cultura rimane un plus importante. E’ prevista per il 5 aprile la cerimonia di inaugurazione del MBCA, Museo Cantonale Belle Arti, che aprirà ufficialmente le sue porte ad ottobre. L’apertura del MBCA segna il compimento della prima fase di Plateform 10, il nuovo quartiere delle arti al centro della città, che entro il 2021 andrà a comprendere tre Musei con una propria identità: il MBCA, belle arti, il Musèè de L’Elysee, fotografia, e il Mudec, design, dando vita a un quartiere artistico di 25.000 metri quadrati.    Ma anche il verde è un punto di orgoglio per la città come dimostra “Lausanne Jardins”, evento a cadenza annuale  che avrà luogo quest'anno  dal 15 giugno al 12 ottobre, con installazioni spalmate in tutta la città, giardini da vivere, laboratori, spazi verdi.... Da non perdere il lungolago tra paesaggio e sole tiepido e i tanti eventi in cartellone ...dalla grande festa della danza, 2-5 maggio, nella città cara a Maurice Bejart a  “Lausanne a Table”, giugno- dicembre, una grande festa della convivialità. Losanna è inoltre, il punto di partenza per suggestive gite e degustazioni nei vigneti del Lavaux, patrimonio Unesco, o per un bel giro in battello sul Lago di Ginevra.


Lugano a due ruote e attività outdoor

Sport, arte e  cultura, relax,  enogastronomia e tanto altro...sono le carte vincenti   di questa città dal clima mite-più di 2300 ore di sole-i suoi mille paesaggi da quelli cittadini, montani e lacustri, e tranquillità. Quest’anno la mountain bike merita un posto in pole position: 370 chilometri di percorsi panoramici   tra i quali spicca il Lugano Bike 66. In tutta la regione, inoltre, sono state potenziate le stazioni publiBike, dove è possibile noleggiare una bicicletta o una e bike attraverso una comoda App. E nel corso di quest’anno verrà definito un nuovo percorso cittadino a due ruote per scoprire nuove sfaccettature di Lugano.   Per chi ama le escursioni a piedi ci sono ben sei risalite in vetta tutte a breve distanza dal centro ciittadino. Da non perdere la gita in battello sul lago di Lugano, passando di villaggio in villaggio ammirando opere artigianali e antiche botteghe. Enogastronomia al top tra castagne, miele, vini, birre, affettati e formaggi: tutto è possibile grazie al tour di mezza giornata “ Taste my Swiss City” o il “ Food& Wine Tour”. Un posto speciale anche per l’architettura e l’arte con un ricco cartellone di mostre .

Zurigo, città dell’arte

A Zurigo si respira l’arte : culla del Dadaismo e del Costruttivismo più tardi, la città è ricca di musei e  istituti culturali e numerosi  i festival.   Da non perdere una visita al Kunsthaus e tra le novità dell’anno, apertura 11 maggio prossimo, il Pavillon Le Corbusier, terza sede del Museum fur Gestaltung. Famoso in tutto il mondo, l’architetto Le Corbusier progettò questo edificio sulla riva orientale del Lago di Zurigo su commissione della collezionista Heidi Weber che ne fece uno spazio espositivo per i suoi lavori artistici, dai dipinti a olio ai disegni, dai mobili alle sculture. Atipico è l'impiego di vetro, acciaio e pannelli di vernice colorata al posto dei materiali tipici di Le Corbusier: pietra e cemento. Fu inaugurata nel 1967 e, ancora oggi, è dedicata a tutte le opere dell’architetto. L’edificio riaprirà con una mostra a lui dedicata e verrà gestito dal Museo del Design.

A Ginevra   alta cucina e sul lago la Festa dei Vignerons

Ginevra, la  «metropoli più piccola del mondo», è anche la più internazionale.    Sulla riva destra del suo lago si trovano la maggior parte dei grandi alberghi e numerosi ristoranti. Sulla riva sinistra troneggia il centro storico, il cuore di Ginevra che ospita il quartiere dello shopping e degli affari. Una delle antiche vie cittadine che ha saputo conservare al meglio il suo fascino è la Grand-Rue, dove nacque Jean-Jacques Rousseau. Le «Mouettes», una sorta di taxi acquatici, permettono di passare da una riva all’altra, mentre i battelli più grandi invitano ad effettuare una crociera sul Lago Lemano. Ginevra, insieme ad arte e musei  ,sa offrire anche un tocco di alta cucina grazie allo  chef Philippe Chevrier che gestisce vari ristoranti nella regione portando  a tavola i sapori  e prodotti del territorio, piatti che nascono da una spesa accurata  fatta nei mercati locali o presso   l’amico pescatore, il tutto condito con il profumo delle erbe.   Da mettere in agenda   ,poi, sempre nella regione del lago di Ginevra, a Vevey precisamente, una delle  «perle della Riviera svizzera» ,la tradizionale Fête des Vignerons riconosciuta dall’UNESCO e iscritta quale patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La Fête des Vignerons è una festa che si svolge da vari secoli, ogni 20 anni,  e vuole omaggiare le  tradizioni viticole e il valore di questo mestiere. Grandi sfilate in costume   dei   contadini delle vigne in un grande   spettacolo si svolge a cielo aperto in una grande arena  i  grado di ospitare    circa 20.000 spettatori.   Le date 18 luglio- 11 agosto.

Lucerna e Turner

Immersa tra i monti, Lucerna è la porta d’ingresso della Svizzera Centrale, sul Lago dei Quattro Cantoni. Grazie ai suoi monumenti, ai suoi negozi di souvenir e di orologi, all’attraente posizione sul lago , è una tappa imperdibile. Per la prossima estate,  sarà l’arte a richiamare i visitatori    con la mostra “ Turner, il mare e le Alpi”, dal 6 luglio al 13 ottobre,  al Kunstnmuseum, omaggiando il pittore inglese Turner, esponente del romanticismo ,che tra il 1802 e il 1844, visitò per ben sei volte la Svizzera facendo tappa anche a Lucerna.

Manuela Ippolito

 

www.myswitzerland.com/‎


Stampa