La danza di Maria Strova...alla ricerca dei “Burka“ dell’anima

Un interrogativo, un libro e una danza: questo il percorso  culturale,  psicologico e artistico della danzatrice, coreografa e insegnante  Maria Strova che, attraverso  il silenzio del Burka, ha guardato dentro se stessa  e poi ha danzato con   caparbietà. "Burka" è l’ultima opera della danzatrice scrittrice, edita da Gangemi editori, un mix affascinante di pensieri e fotografie.   E come ha commentato Sgarbi  "Maria Strova rivela la grazia del Burka e persino la sua poesia. Si interroga, nella danza, trasforma il Burka in un fiore. Omaggio non prigione”

di Ester Ippolito

 

Una veste,  il suo movimento, il chiedersi come sia vivere lì dentro, una cultura lontana,  un pensiero, l’immagine di un “ fiore” che caparbiamente spunta comunque da una terra arida  e dura..... Maria Strova, coreografa, danzatrice, insegnante e scrittrice, direttrice del Teatro del Respiro di Fiano Romano (Roma), impegnata da anni nello sviluppo dell'identità culturale della Danza del Ventre, si è sempre ispirata  nella sua danza e nelle sue opere al fluttuare  di un velo,  a un gesto quotidiano ...facendosi domande, riflettendo, scrivendo e dando dei messaggi  rivolti alla  femminilità e unicità della donna.

 

E’ così è stato  anche con la sua ultima opera “Burka”, edita da Gangemi Editore, un libro tra pensieri e immagini,  “un libro nato  come  introduzione alla danza”, come ha sottolineato il  professor Paolo Portoghesi, architetto della Moschea di Roma  e studioso della cultura islamica,  nel corso della presentazione del libro con una esibizione di danza, presso La Casa dell’Architettura  di  Roma lo scorso novembre, e come ha rivelato la stessa artista: Prima di creare la danza ho  dovuto scrivere”.

Fiore Caparbio

E la danza ispirata al Burka di Maria Strova, dal titolo “Fiore Caparbio”, ha aperto la strada alle   riflessioni sul suo libro e non solo,  rivelandosi  dolce, femminile e fiera al tempo stesso, un incontro tra colori e anime che hanno una voce,  ammaliante e forte,  eseguita dalla stessa Strova con sua figlia Martinica Ferrara (nella foto) e le danzatrici Anita d’Alessandro, Barbara Gervasi e Giada Somenzari. "Un invito al silenzio e alla riflessione", ancora Portoghesi.

 

 

La prefazione al libro è di Paolo  Portoghesi che ha appoggiato questo progetto vedendo in questa opera  anche un mezzo per “capire meglio i contrasti  tra Oriente e Occidente” e che ha segnalato  il ruolo importante che la Strova ha riconosciuto alla danza . “Si loda nella danza il linguaggio del corpo e la metafora della libertà,ma raramente le si attribuisce un valore d’indagine, di conoscenza anche se il modo di danzare ci aiuta a comprendere l’identità delle diverse culture- si legge. “ Maria Strova ha deciso invece di utilizzare la sua esperienza di danzatrice e di insegnante per rispondere a una domanda che in questi anni ha interessato molto la cultura europea:l’effetto del Burka su chi lo indossa”.

Danzare sotto il Burka

Ma come nasce questa opera? “ Da una curiosità – racconta la Strova. “ A Los Angeles, in un ristorante  era appeso a una parete un Burka, mi ha colpito  ed è nato in me il desiderio di  capire cosa  vuol dire vivere là  senza che gli altri ti vedano  e  con  una visibilità altamente ridotta. Volevo indossarlo e sentirlo sulla pelle, e vedere come condizionava i miei movimenti, le mie azioni quotidiane, il mio stato d'animo.  Un amico mi ha portato poi un autentico Burka dall’Afghanistan, l'ho studiato , l’ho usato e ho sentito su di me delle limitazioni e al tempo stesso ho cominciato a  stare in ascolto di me stessa, ho cercato di  riconoscermi. E ho compreso come spesso portiamo nella nostra vita  dei Burka invisibili:   quelli che non sappiamo di indossare sono  anche i più pericolosi. Insomma, “il burka non è solo afghano. Ognuno di noi indossa il suo Burka. Con grande rispetto- ancora Strova- ho creato dei costumi  in tessuti più leggeri e sopportabili e ricchi di colori , come fiori,  dai quali danzando  le braccia e le gambe possano essere libere".

"Ti arrendi all’invisibilità?!"

Il libro, in italiano, inglese e spagnolo,  frutto di un impegno  familiare (la Strova è l’autrice e ispiratrice, il marito Calogero Ferrara ha scattato le splendide  foto che  sono parte integrante del volume, la figlia danzatrice Martinica Ferrara ha partecipato alla revisione dei testi),  si snoda tra pensieri e  immagini  dell’artista in burka che assume via via  forme plastiche e in movimento in immagini  scattate in luoghi bellissimi come Ustica e Corfù. Tante le domande:  "Cosa vedi? Cosa vedi quando non rimane che  guardare da una grata? Io ho guardato me !! E se fosse una metafora  delle nostre chiusure e delle nostre silenziose lotte? Ti arrendi all’invisiilità?!"  “L’uso del burka in Afgahanistan, imposto alle donne dai talebani, è diventato simbolo massimo di oppressione, di annientamento del corpo della donna e delle sue idee- scrive la Strova nella sua introduzione-.Di questo sono consapevole e vorrei che un giorno possa essere appeso a un chiodo o mostrato nei musei insieme ad altri strumenti di tortura....Per l’ artista nessun oggetto è quello che sembra, è così che diventano simboli. Nel caso del burka, posso esplorare  il suo senso ambiguo, ma non per questo mi sento di stare tradendo le donne che sono costrette ad indossarlo”.

Foto ballareviaggiando.it

Video correlato http://www.ballareviaggiando.it/video/9-danze-nel-mondo/1691-maria-strova-danza-ispirata-al-burka-9-11-2015.html

Maria Strova

Teatro del Respiro- Asd Omphalos

V. Venezia 35 Fiano Romano, Roma

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.danzadelladonna.it

----------------------------------------------------------------

Maria Strova è Direttrice Artistica dell’Associazione Omphalos e del Teatro del Respiro con sede a Fiano Romano (RM) dove prepara nuovi talenti nella ricerca di una Danza del Ventre rivolta al teatro e alla sperimentazione coreografica. Pioniera della danza del ventre in gravidanza in Italia, interessata ai temi dell’espressione autentica nell’arte performativa, è autrice dei volumi: Il linguaggio Segreto della Danza del Ventre e di Salomè, il Mito, la Danza dei Sette Veli.


Stampa