Lady Vega, Bailar es Vivir

Un incontro con Lady Vega, venezuelana,  personalità poliedrica, Dj affermata di musica latina in quel di Padova, insegnante di salsa, profonda conoscitrice del mondo latino e ideatrice del marchio "Karibe Urbano", che caratterizza serate friendly  in cui il mondo latino  è protagonista in tutte le sue sfaccettature  in un mix di ballo, cultura e divertimento

di Ester Ippolito

“Si, ballare è vivere, abitare il nostro corpo e liberarci, almeno per un po', dalle tensioni della vita di ogni giorno. Un testo, una melodia ci possono far sognare ed evadere dalle prigioni del quotidiano. Balliamo dunque, viviamo e amiamo la vita con tutto ciò che abbiamo: corpo, anima e cuore... Un cuore salsero”.
E’ un messaggio, e un invito,  di Alejandra Vega, venezuelana, in arte  Lady Vega, amante  e conoscitrice della musica, del ballo, di tutta la cultura latino americana.

Laureata in pedagogia e logopedia, da venti anni  in Italia, a Padova, città che ama molto, Lady Vega  è una personalità poliedrica: giornalista, Dj affermata di musica latina e non solo, animatrice di serate a tema musicale, insegnante di salsa  e di lingua spagnola, organizzatrice di latin cocktail con selezionata musica d’ascolto, di presentazioni di libri, di seminari sulla cultura latina, di degustazioni di sigari, altra sua grande passione. Tutto un mondo da scoprire. La sua  sua mission è proprio far conoscere il  mondo  latino, e farlo amare, in tutte le sue sfaccettature: musica, ritmo, danza, cultura, essenza profonda.  Come ha  suggerito in una sua passata  intervista  “…conosciamo l’ artigianato, il cibo,  le mostre, leggiamo qualche autore latinoamericano sotto l’ombrellone. Con i loro affascinanti romanzi ci terranno buona compagnia. Ne nascerà sicuramente una gran sintonia culturale poiché gli italiani sono, secondo me,  i veri “latinos” di Europa”.
Insomma se ballare è vivere, il ballo può essere la chiave per scoprire tanti universi.

...e fu Karibe Urbano

Come sintetizzare  tutto questo in una serata di ballo? Con il    concept base di Karibe Urbano, un format che mira a offrire  il melting pot della danza sudamericana  e “ l’armonia  interetnica”.Tutto nasce da un’idea di  Lady Vega  che  è diventato poi  un vero e proprio marchio di sua proprietà:  sede principale del Karibe Urbano  è  il  "Big Club" di Padova.   
Karibe Urbano è  un'idea nata 7 anni fa, insieme alla mia attività di DJ - spiega Lady Vega - per portare  i Caraibi in città, in tutto il loro ampio  valore culturale, nel  modo più genuino possibile e con il contributo di  noi latini. Ho quindi voluto proporre  in un unico contenitore  musica, cultura e divertimento. A Padova da venti anni, ormai,  ho visto crescere e  svilupparsi il fenomeno della salsa:  all'inizio  vi si avvicinavano persone con una certa sensibilità e  attraverso la danza  arrivavano ad apprezzare e conoscere  la cultura di Cuba  e del mondo latino. Poi  gli italiani hanno capito che  dalla diffusione di questa passione  ci poteva uscire il business,  e sulla cultura hanno  prevalso la tecnica, la smania delle figure e del perfezionismo, e la partecipazione dei latini ha dato anche  un po' fastidio. Per questo vorrei  rimettere a posto alcune  cose, e vorrei far sì  che la cultura latina sia rispettata, e che l'enfasi  e la  perfezione del ballo, una prerogativa molto italiana, non sovrastino  il rapporto umano”. Come ha detto Alejandra in altra occasione  bisognerebbe “sorridere di più mentre si balla, non preoccuparsi tanto delle figure eseguite alla perfezione ma divertirsi noncuranti di chi ci guarda…tranne il nostro compagno di ballo”.  “La salsa dovrebbe  aiutare a socializzare – continua la nostra DJ -   per questo le mie serate  Karibe Urbano sono easy, friendly, non competitive, e inseguono un  mix  musicale molto variegato, con tanti generi di ballo, salsa di tutti i paesi, son, reggaeton, merengue, bachata, cumbia, boogaloo, latin jazz, mambo…..Non tutti comprendono questo impegno: qualcuno è riuscito solo ad osservare che  il livello di ballo dei partecipanti  delle serate di Karibe Urbano  è  nella media “ basso”.  Io continuo a portare avanti questa mia operazione perché ci credo molto. Per  questo  mio impegno sono stata definita  ambasciatrice di questa cultura, e di  questo mi sento molto  onorata ma non sono presuntuosa e non “esigo” questa etichetta come fanno altri”.

Quella  salsa  che fa battere il cuore

Lady Vega ha conosciuto la musica (“La  musica è fatta anche da silenzi ed   è l'unico marito che non ti tradisce - sottolinea )  e la danza da giovanissima, ama tutti i  ritmi latini, più o meno noti. Ma qual  è  quello che  fa battere più il  suo cuore?
Senz’altro la salsa - risponde prontamente -  e il son , praticamente nonno e nipote. Ma amo tutta la musica e gli stili, in questo sono onnivora nella convinzione  che le monoculture impoveriscano  il terreno:  sono  certa  che “nella varietà ci sia  il gusto”, come diceva mia nonna. La differenziazione  aiuta ad allargare le vedute”.

Lezioni di salsa…lezioni di entusiasmo 

Differenziazione di stili, arricchimento culturale  costante, entusiasmo da neofita : è questa, probabilmente, la ricetta giusta per il  ballerino tipo secondo Lady Vega  che applica la sua filosofia  anche ai  suoi corsi di salsa.  “ Sono stata la prima insegnante di salsa  di Padova. Mi dedico in particolare alla salsa venezuelana, caratterizzata più dai movimenti  dei piedi che delle braccia, con un ritmo veloce  e  anche con qualche difficoltà tecnica in più.  La musica è caratterizzata   da specifiche sonorità e tromboni, e come sound si avvicina alla salsa classica. Faccio solo dei corsi base di 12 - 15 lezioni e poi, con pochissimo senso di marketing, devo dire, mando i miei allievi in pista  consigliando loro  di  continuare a ballare con lo stesso entusiasmo e spirito con cui hanno iniziato, di  provare altri stili e  di arricchirsi…”

Musica e miti

Sono tanti i personaggi   del grande mondo della musica latina che hanno colpito e lasciato un segno  in Lady Vega:  Oscar Leon, La India, Tito Nieves, Tito Rojas, Andy Montañez,”El Canario”, Spanish Harlem, Manolito Simonet, Los VanVan… e andando indietro nel tempo, e con il cuore , certamente  i Buena Vista Social Club. Ma nel cuore di Alejandra  c’è un posto particolare  per Celia Cruz, un po' "musa ispiratrice".Celia Cruz è stata una donna piena di talento, una professionista e un'ottima persona. Amo le persone brave, non i  “belli e dannati”. Tanta è la mia stima per Celia, che mi è sembrato un  davvero  un segno quando la casa editrice Rue Ballu  mi ha scelto  e chiamato  per presentare l’edizione italiana  del libro "Mi Vida" che racconta la vita della grande cantante. Ho fatto già una presentazione a Padova - e posso farlo anche in altre città con distribuzione e vendita dei libri  -  che è riuscita molto bene, suscitando grande interesse nel pubblico. Alla illustrazione del libro e del personaggio  ha fatto seguito tutta una selezione di  brani della  Cruz”.Un altro personaggio che mi ha colpito – conclude Lady Vega -  è Trudy Iglesias, tra le prime insegnanti di salsa a Roma, venezuelana come me, di grande cultura. L’ho incontrata  nel corso di una  sua conferenza sulla storia della salsa dalle origini al reggaton. Mi ha ispirato per mie relazioni e conferenze sul mondo latino”.

 www.ladyvega.it- myspace.com


Stampa