Monica Maria Fumagalli, la ricchezza del tango

Monica Maria Fumagalli, danzatrice di tango, ricercatrice e scrittrice si racconta...l'incontro con la danza di Buenos Aires e con personaggi come Osvaldo Roldán, i viaggi in Argentina a respirare le atmosfere delle milonghe, gli studi, le ricerce sulla cultura del tango che hanno arricchito il suo universo. Nella sua vita spettacoli e insegnamento   e l' ambizione che i propri  allievi sappiano essere se stessi e  siano in grado di  creare il loro ballo....

di Ester Ippolito

 

Un incontro, la scoperta di emozioni nuove, l’istinto di comprendere e ricercare la profonda cultura che si cela dietro a una danza, i viaggi a Buenos Aires, il talento di scrittrice … il destino è segnato…  e si chiama tango. E’ andata così per Maria Monica Fumagalli, oggi danzatrice di tango appassionata, docente, coreografa, impegnata nello spettacolo, ricercatrice e scrittrice. Molti i volumi pubblicati, sua ultima opera “Il mare e il tango” che fa parte della rosa di libri selezionati per i vincitori dell’iniziativa di Ballare Viaggiando “Danza, scrivi e visita Danzainfiera”.

Quale è stata la scintilla che ha creato un legame con il tango così profondo?

Monica MariaDopo una formazione classica e contemporanea - usavo il ballo in modo funzionale alla moda nelle sfilate - mi sono avvicinata al tango a Milano negli anni 90: il mio primo maestro è stato Osvaldo Roldán, con il quale è nata poi una stretta collaborazione artistica di oltre 15 anni. Da qui è partita la mia preparazione professionale: l’approccio a un nuovo linguaggio sentimentale, la fatica, le difficoltà e lo scoramento che stanno dietro a ogni impegno, la passione senz’altro vincente, l’ingresso nel l mondo dello spettacolo e della televisione. Ricordo con piacere l’atmosfera di quegli anni. Eravamo un po' pionieri, non si ballava tanto tango come oggi, non c’erano locali dedicati e si danzava in serate estemporanee indimenticabili”.

 

 

Danza e formazione culturale, due momenti importanti ….

Monica Maria- Certamente, perché quasi nello stesso periodo di iniziazione tango mi sono laureata in Lingua e letteratura ispanoamericana con una tesi su tango e letteratura. E i miei studi sono continuati, non ho mai abbandonato il ruolo di ricercatrice e dalle mie conferenze, come anche dai miei viaggi, sono nate idee e stimoli che si sono molto spesso concretizzati nelle mie pubblicazioni… ed ecco la Monica Maria Fumagalli scrittrice. Ultimo prodotto “Il Tango e il Mare”, nato per far capire quale sia lo stretto legame tra questa danza e il mare. Altri progetti editoriali sono in programma. Un prossimo libro, di cui ancora sono incerta sul titolo, uscirà entro l’anno.

 

Come sono nati i seminari di spagnolo e cultura del tango ?

Monica Maria-E' tutto cominciato otto anni fa con la piccola associazione Milonga con la quale ho organizzato delle conferenze sullo spagnolo legato al tango e all’Argentina, seguite   da incontri  dedicati ad altre danze e paesi dell’America latina.  Per alcuni anni ho portato in giro questi seminari, a Milano, Parma, Crema, con grande soddisfazione. Poi c’è stata una pausa anche per miei impegni. Ma sto ricevendo alcune richieste; il Centro Velico Horca Myseria, dove tengo un corso di tango, potrebbe essere una buona sede.

Il Centro Horca Myseria ci porta al progetto TangoY Vela …e di nuovo al mare...

Monica Maria- TangoY Vela nasce grazie al fondatore di Horca Myseria Pippo Erroi che, attraverso la vicinanza di alcuni suoi allievi che praticavano il tango, ha sentito e riconosciuto una grande affinità tra l’amore per il mare e il sentiment del tango. Ci siamo incontrati e conosciuti e, grazie sia alla mia competenza di danza e alle mie basi culturali, è nato questo progetto che prevede week end che uniscono uscite in barca a vela a contatto con il mare e lezioni di tango. Meta dei primi week end realizzati è stata Portovenere, e a breve è stato programmato un viaggio in Argentina, tra avventura e tango, e uno alle Seychelles. Per rendere ancora più stretto questo connubio mare-tango, una sala del centro è stata adibita a location per le mie lezioni. E il libro Mare Y Tango è stato presentato proprio a Horca Myseria a Milano.

Torniamo al tango..come si balla a BA e in Italia?

Monica Maria- E’ sempre molto bello danzare a Buenos Aires  ma anche qui molte cose sono cambiate rispetto a 20 anni fa quando l’atmosfera era davvero incredibile. Oggi il tango  per molti è solo un business …  e il ballo popolare ha perso tanti ballerini. In Italia la fascia d’età di chi si avvicina al tango si sta allargando, non sotto i 20, ma dai 24 anni ai 60 c’è molta affluenza. In genere il tango viene visto nell’ immaginario collettivo come danza di adulti, ma i giovani sono in aumento anche grazie all’invenzione di nuovi movimenti”. Anche nel milonguero, come negli altri stili, ciò che attrae oggi è l’inserimento di linguaggi nuovi…

Quali sono i principi del suo insegnamento?

Monica Maria- Al di là della comunicazione del valore dell’abbraccio chiuso del tango, petto a petto, della socialità, del saper circolare in pista, la mia ambizione è creare allievi che sappiano essere se stessi e che sappiano creare il loro ballo.

Qual è il ruolo della donna nel tango?

Monica Maria- Non è assolutamente secondario. E’ un ballo a due, l’uomo guida e la donna segue ma si tratta di una comunicazione ricca di sfumature. Se non ci fossero sentimenti e scintille, ben poche donne si accosterebbe con passione al tango.

Prossimi progetti?

Monica Maria- Continuare la mia collaborazione con Luis Alberto Rojas (foto apertura ndr) un grande milonguero (lezioni, esibizioni e spettacoli) e il consolidare e rafforzare sempre di più il mio ballo di coppia con il mio compagno Yatma Diallo. (nella foto sopra ndr)

Per notizie sui corsi e su pubblicazioni www.monicamaria.net

Chi è  Monica Maria Fumagalli

Monica Maria Fumagalli nasce a Milano dove inizia la sua formazione dedicandosi alla danza classica e contemporanea. Lavora come indossatrice e ballerina in numerose manifestazioni internazionali di moda collaborando con coreografi come Geoffrey Colley. Si avvicina al tango nel 1990 comincia i lunghi soggiorni a Buenos Aires dove si dedica allo studio approfondito di questa danza con maestri conosciuti, come Carlos Gavito, e con molti ballerini popolari. Si dedica anche allo studio dell’aspetto storico e antropologico di questa danza laureandosi in Lingua e letteratura ispanoamericana con una tesi su tango e letteratura Inizia nello stesso periodo la collaborazione con Osvaldo Roldán, con il quale insegna in tutta Europa e con artisti del panorama internazionale Coreografa per lo spot pubblicitario Playtex ’97, ballerina per lo spot televisivo Madras ’99, coreografa dello spot Vecchia Romagna (2005). Ballerina invitata a “Uno Mattina”, RAI 1, Roma, Telemontecarlo, Milano, Canal Sur, Sevilla.Attualmente, continua l’intensa attività di diffusione del tango individualmente e in coppia con diversi ballerini e milongueros.



Stampa