Tango e Buenos Aires, una danza e una città

Un filo indistruttibile lega Buenos Aires al tango. L'abbraccio sensuale  del ballo diventa l'abrazo  della  capitale, tutta da scoprire accompagnati  da note  struggenti

di Ester Ippolito


Il tango, un abbraccio sensuale, elegante e struggente, un misto di poesia, dolore, passione, è strettamente legato a Buenos  Aires. Una danza e una città  legate da un filo indistruttibile e  da una storia lunga   iniziata più di 100 anni fa ( i 100 anni del tango  sono stati compiuti nel 2010) nelle vicinanze del porto, nei bassifondi, nei locali malfamati...

Una storia intrigante che  prende il via ai primi del 900 quando l'Argentina, Terra d'Argento, è  meta di flussi migratori  da tutta Europa, tanti  anche dall'Italia  e  dal Centro America. Buenos Aires diventa  così  il grande scenario di  vite  tristi e  faticose, di incontri   tra  diverse   umanità in quartieri popolari e sovraffollati, di  intrecci di culture e di suoni, un modo  per scacciare la nostalgia. La fusion, inoltre,  dei ritmi Condombè, afroamericani, l'influenza degli spagnoli (del resto milonga è una parola di origine spagnola), le  note evocate dagli schiavi provenienti da Cuba con l'Habanera, fanno il resto e danno  vita  a una miscela di canzoni  piene di umanità, e a  sequenze di  danza  dove il soggetto assoluto è la coppia e il suo rapporto. Le prime canzoni vengono  composte in  lunfardo, un gergo influenzato da italiano e spagnolo, considerato oggi l'idioma del tango. Forte l'influenza degli immigrati italiani sulla sua  evoluzione musicale : tra i compositori più noti  ci sono   figli di immigrati italiani  come Di Sarli, Pugliese e De Caro. Mentre lo strumento più caratteristico del tango diviene in breve tempo il  bandoneon, mai abbandonato. Un ballo dal  percorso  lungo e dal grande futuro,  cresciuto  “tra malavita e stiletti di coltelli” ma che  è  poi  riuscito  a sbarcare  nel salotti europei negli anni 30  grazie alle musiche di  Carlos Gardel ( a Buenos Aires è possibile godere di un tour che ripercorre i luoghi più importanti della vita del musicista), si  è imposto  al pubblico mondiale e si  è  rinnovato  negli anni senza mai tradire il  suo primo impulso.

La forza dell'abrazo

Il  tango è un incontro,  un “abrazo” tra un uomo e una donna, sensuale e intimo, che nei tre minuti di musica sapranno condividere una passione - afferma   Daniel  Binelli, considerato uno dei più  noti bandoneisti attuali,  nel 1989 membro del sestetto di Astor Piazzolla, e direttore musicale dello spettacolo “ Tango Metropolis”, in  tournée mondiale nel  2009 (Italia, Milano)   che  ha  portato sulle scene  lo spirito del tango dalle origini agli anni 50,  la rivoluzione di  Piazzolla, la fusion con ritmi contemporanei. Ballare il tango – dice  Gabriel Perrone, coordinatore turismo del mercato Italia per l'Argentina (Inprotur)- presuppone sempre  un forte sentimento nella coppia ... e non esiste età  né altro limite quando  si volteggia  su una pista da ballo”. Dal 30 settembre  2009 il tango   è stato dichiarato  Patrimonio Immateriale dell'Umanità  (Unesco),un  riconoscimento giusto - sottolinea  Perrone - perché il tango è riuscito a superare  opposizioni  e frontiere  per affermarsi quale fattore culturale universale e quale   linguaggio non parlato, in tantissimi  paesi e soprattutto nella sua culla, Buenos Aires. In seguito a questo riconoscimento la città ha in agenda  diverse iniziative  a favore della storia di questa danza come la  creazione di   un Centro di Documentazione e Registro del Tango, vestiario di epoca e strumenti musicali. Inoltre, è in fase di costituzione  un Istituto di insegnamento della tango-danza e  una "cattedra del bandoneón". E' forte, inoltre,  la convinzione  che la  musica e sensualità  di questa danza rappresentino  un ottimo richiamo turistico  verso tutta l'Argentina,che ha chiuso  il 2010 con 5 milioni di turisti.Il paese    considera l'Italia uno dei suoi  mercati prioritari.


Le suggestioni di Buenos Aires


Le vie di Buenos Aires
sono ormai le mie viscere. Non le avide vie,
scomode di turba e d’affaccendarsi,
ma le vie svogliate del quartiere,
quasi invisibili tanto sono abituali,
intenerite da penombra e da tramonto
e quelle di periferia estranee di alberi pietosi
dove austere casette si avventurano appena,
sopraffatte da immortali distanze,
a perdersi nella profonda visione
del cielo e della pianura...”
Sono i  versi di Jorge Luis Borges che illuminano   Buenos Aires, città dai cento  quartieri diversi tra loro per le varie  influenze europee, e dall'anima ricca  e cosmopolita  e  che riconosce la sua icona proprio  nel tango.  Una città  da amare e da conoscere. Tappe imperdibili  il quartiere della Boca, nato intorno al porto ormai non più attivo e noto come il  quartiere operaio e dei genovesi: di grande suggestione la   passeggiata lungo il Caminito, tra le casette di legno e lamiera tutte colorate le cui tinte  vengono rinfrescate costantemente. Questo è il luogo naturale del tango, e qui  si aprono tanti locali che offrono spettacoli e la possibilità di sperimentare questa emozione. E ancora il fascino aristocratico di Recoleta, quartiere residenziale nel centro della città,  un'area di enorme interesse storico e architettonico (Cimitero della Recoleta), e ricco di ristoranti e caffè. Da non mancare una visita al quartiere    Palermo e   Retiro dalle influenze parigine, e naturalmente   Avenida de Mayo e Plaza de Mayo dove fu fondata  nel 1580  Buenos Aires.www.argentinatravel.it

(le foto  del testo sono di Vanda Biffani e Carlo Cappellari)

(Vai in Videogallery per video  correlato  all'articolo )




IN BACHECA

dove ballare


Sono  tantissime le milonghe a Buenos Aires, luoghi dove avere un contatto genuino con il fervore del tango. Tra i luoghi più  noti La Viruta, a Palermo  Soho,  spettacoli, milonga e lezioni di tango e salsa con insegnanti bilingue; El Beso, Salone Canning, il Porteno, il Torcuato Tasso...


dove assistere a  spettacoli di tango

L'Esquina Carlos Gardel: locale di lunga tradizione, ambienti stile Art Nouveau, cucina raffinata  e uno spettacolo di tango indimenticabile


Tango del 900 alla Boca, uno spettacolo  con coreografie che ricreano i vecchi quartieri di Buenos Aires

Tour e lezioni di ballo

con Argentinian Explorer
L'operatore argentino propone  pacchetti che uniscono alla visita  di Buenos Aires e delle sue bellezze lezioni di tango e serate nelle milonghe più  famose e ricercate www.argentinaexplorer.com


con Jangada Travel

L'operatore italiano  ha costruito pacchetti di viaggio  alla scoperta di Buenos Aires, della  sua architettura e delle sue tradizioni  da alternare a lezioni di tango  e spettacoli show di professionisti www.jangadatravel.it

Shopping

Impossibile non comprare un paio di   scarpe da ballo, fashion e glamour, classiche e meno classiche. Solo entrare in questi negozi  specializzati è un'avventura  da non perdere  per gli occhi e il gusto.  Tre nomi solo per cominciare … Taconeando, Gretaflora, Neotango...

Appuntamenti 2011


Buenos Aires Tango Festival, tra la fine di febbraio e i primi di marzo, oltre 100 spettacoli dal vivo  e oltre 150 ballerini e musicisti


Anniversario della morte  di Carlos Gardel , giugno, tutti i locali  celebrano per una settimana la vita di questo artista sulle note del tango

World Tango Festival, ottobre, una rassegna di danza e musica che invade tutta la città

International Tango Festival, primo week end di dicembre, l'evento più importante  legato a questo genere musicale


Stampa