"Senza te vivrò", Dora Moroni torna con un singolo

Dora Moroni  torna al suo pubblico con un singolo "Senza te vivrò", uscito a marzo accompagnato da un video di grande successo. E per l'estate ha in lavorazione un cd con altri pezzi classici, riarrangiati,  e alcune novità. Un buon risultato frutto di impegno, costanza, tenacia e fiducia nella vita della cantante  ravennate  che ha saputo superare  il brutto incidente che 35 anni fa frenò la sua vita e la sua carriera

di Elio Ippolito

 

Coraggio, costanza, tenacia e fiducia nella vita : queste le doti di Dora Moroni, la famosa valletta show girl della Rai che 35 anni fa  (luglio 1978)   ebbe un gravissimo incidente che la mise in pericolo di vita e che frenò la sua carriera(compromesse le funzioni del linguaggio). Ravennate, ancora bella e giovane, ha deciso di fare il grande passo e ritornare al suo pubblico (a “Domenica in di fine anni 70” la seguivano 18 milioni di telespettatori) con il lancio del suo nuovo singolo “ Senza te vivrò”, uscito il 20 marzo scorso e prodotto da Luca Bergamini per la etichetta Galletti Boston. Con un po' di apprensione ma senza paura ….. E ne parla molto volentieri...

B&V. Hai inciso una canzone “Senza te vivrò” , brano di Luca Bergamini con testo di Castellari. Come sei arrivata a cantare questo brano?

È stato quasi un caso. Infatti tramite Alessandro Farina,un giovane manager molto conosciuto specie sulla riviera romagnola, ho conosciuto Luca Bergamini , musicista capace e molto serio. Ci siamo messi al lavoro per circa un anno fino ad arrivare a questa incisione, e contemporaneamente abbiamo realizzato anche un video, regia di Davide Legni, che sembra stia piacendo molto. Ma è da tanto tempo che studio canto per migliorare la mia dizione e il mio obiettivo principale è quello di far uscire per l'estate, insieme a questo singolo, altre 5 canzoni che saranno del genere classico. Dei miei vecchi successi, completamente riarrangiati da Bergamini, includerò nel cd “Ora” (scritta da Donatella Rettore) che presentai a Sanremo nel 1978, e poi la sigla di “Domenica in", “Che facciamo stasera”, con un nuovo testo di Castellari. Ancora “Nessuno al mondo” e forse includerò una nuova canzone sempre di Luca Bergamini.

B&V-  Il cd sarà anche il traino per gli impegni estivi...

Ci sarà senz'altro l'impegno di promuovere il cd e poi parteciperò ad un evento organizzato da Alessandro Farina il 12 di luglio, sulla riviera romagnola, dove canterò 4 canzoni in una serata alla quale parteciperà anche Donatella Rettore. Devo dire che in questi miei impegni vengo assistita sempre da Farina, manager efficiente e molto gentile.

B&V-  Hai fatto qualche serata di recente?

Sì, ho partecipato ad una festa privata con 230 persone.....ho cantato 3 canzoni e il pubblico mi ha molto applaudito. Sono davvero migliorata e credo che il peggio sia passato....

B&V-  Negli ultimi anni c'è stato qualcuno, un amico, un'amica, un personaggio dello spettacolo, che ti ha spronato e convinto a tornare sulle scene?

Ho conosciuto tanto tempo fa Mara Venier e con lei sono intervenuta al suo programma “La vita in diretta”.....Una volta Mara ha convocato anche Christian (ex marito di Dora, n.d.r.) senza avvertirmi. E' stata l'occasione per cantare insieme senza alcuna prova. Mara fa di queste sorprese! Certamente da quella volta ho fatto grandi progressi in quanto gli esercizi della scuola di canto mi hanno aiutato tanto con la mia dizione. Anche Barbara D'urso è stata molto carina quando ho partecipato al suo programma su Canale 5.

B&V- Cosa ti ricordi di Dora bambina?

Da bambina lavoravo moltissimo, a 3 anni già cantavo! Ed ho partecipato a tanti concorsi. A 14 anni iniziai le mie lunghe tournée e serate, di gavetta ne ho fatta davvero molta cantando canzoni molto serie e valide. Ho studiato moltissimo anche per il teatro....insomma non facevo certo i giochi della mia età!!

B&V-  Come donna sei serena in questo momento?

Sono molto tranquilla e cantando mi sento bene, è come una terapia, mi sento serena e vivo bei sentimenti...

B&V-  Cosa pensi della società attuale e come sono i rapporti con tuo figlio ?

In Italia c''è molta difficoltà, molte fabbriche nella nostra zona soffrono e il lavoro non si trova. Con mio figlio Alfredo ho un buon rapporto e sono contenta che abbia preso la laurea in ingegneria aeronautica.

foto di Marco Piraccini


Stampa