La voce di Giulia Maglione… tra Napoli, jazz e swing

Una questione di feeling …con il mondo della musica napoletana e la sua storia e con le note jazz e swing.   Sono due  delle anime della cantante Giulia Maglione

di Ester Ippolito

In  Giulia Maglione, solare, sorridente  ed empatica,  una bella esperienza di piano bar internazionale e musica latina, la capacità di saper gestire un pubblico da  un palcoscenico e quella di saperlo accompagnare in modo soft in momenti particolari,  si intrecciano e convivono due anime musicali: quella legata a Napoli, la sua città natale, e quella legata al Jazz e  allo swing.  “Sono  due nicchie musicali  che si legano fortemente a me - ci racconta. “ Con la musica  del Golfo  è uscita fuori tutta  la mia “napoletanità” che si è aggiunta al mio amore da sempre  per   il jazz, esperienza che porto avanti  da alcuni anni: il legame tra questi due mondi  è , per esempio,  Malafemmina che  presentiamo   nei nostri spettacoli sul filo del  jazz  e   swing con il gruppo JVP (Jazz  Vojager Project) . Del resto  i mei miti sono stati Carosone, Aurelio Fierro e quelle contaminazioni  che venivano fatte tra il   sound napoletano e lo swing”.

Ma è  la musica con  la lettera maiuscola che  domina  da sempre   la vita di Giulia. “Ho respirato fin da piccola la musica in famiglia, dai miei genitori  prima e da mio fratello dop, Massimo Maglione, che canta e suona e dal quale ho appreso tutto  prima di  iniziare a camminare con le mie gambe.  Ed è grazie a mia madre che ho ereditato e mantenuto il mio DNA: è lei la mia Napoli. “

Napoli & Friends  e sull’onda del jazz con  JVP

“Il mio legame con la musica napoletana - ancora Giulia - a sua volta  si divide in due strade: la prima  segue assolutamente Pino Daniele, e la seconda mi porta alla scoperta della storia della canzone popolare. E di grande soddisfazione  è stato   il tour   che ha preso il  via  da gennaio di quest’anno- Napoli & Friends -  che ha visto in calendario   quattro serate a Roma e una a Napoli tenuto in un locale di grande atmosfera come il  Caffè Cantante,  e che vedrà ancora  nuove repliche.  Al centro   la  canzone napoletana nel tempo,  un cammino dall’800  a oggi.   C’è da lavorare molto su questo tema, con nuove serate e  nuovi spunti, e tra  i progetti c’è quello di trasformare questi spettacoli in performance teatrali nel vero senso della parola.  In  Napoli & Friends  sono stata accompagnata al pianoforte da Giuliano De Paolis,  con gli  arrangiamenti del musicista  Bruno Pantalone, che è anche leader  del gruppo  JVP con il quale mi accompagno in veste jazz,  proponendo brani classici ma anche nuovi arrangiamenti”.   La cantante  ama  inoltre arricchire le sue performance musicali  raccontando aneddoti, curiosità sulla storia di alcune canzoni, riscontri storici  “piccole cose  che non tutti sanno e che vanno al di là dell’ascolto di una canzone rendendo i nostri incontri più ricchi.  Sul palcoscenico, infatti,  è bello condividere   oltre al pezzo l’interesse per la musicae la sua storia – conclude Giulia Maglione.



Stampa