Tributo a Celentano con “Memorie di Adriano”

Una sfida e un tributo al “molleggiato”: questo l’obiettivo  dello spettacolo “ Memorie di Adriano”, andato in scena  a dicembre all'Auditorium di Roma ripercorrendo la creatività  del Clan del molleggiato, una delle etichette discografiche più importanti della musica italiana. L'interpretazione di Peppe Servillo e del suo gruppo

di Elio Ippolito

Una sfida e un tributo al “molleggiato”: questo l’obiettivo  dello spettacolo   "Memorie di Adriano”, andato in scena  (13 dicembre) presso la sala Sinopoli dell’Auditorium di Roma grazie a un gruppo di musicisti di alto livello, capitanato 
da Peppe Servillo (Avion Travel), che ha voluto affrontare un repertorio importante legato al Clan di Celentano, una delle  più   originali   etichette discografiche della storia  della musica italiana, fondata e ideata nei primi anni sessanta da Adriano Celentano. Il clan ha rappresentato una sorta di comune artistica della quale facevano parte Milena Cantù, Gino Santercole, Ricky Gianco, Miky del Prete e Don Backy, tanti talenti, un’esperienza nuova e tutta da vivere nel panorama musicale di quel periodo fantastico, che ha annoverato  tante trasformazioni sociali. Anni in cui le speranze dei giovani incontravano  la possibilità effettiva di soddisfare i sogni tanto attesi, e che hanno  generato  canzoni serene, d’amore  e spensierate, e anche brani impegnati.
Una sfida  affrontata  con impegno  dalla voce  di Servillo, dal  sax di Javier Girotto,  tromba di Fabrizio Bosso,  batteria di Mattia Barbieri, contrabbasso di Furio Di Castri e dal pianoforte di Rita Marcotulli. La serata si è  aperta  con la scatenata “Ventiquattromila baci”, il primo boom di Adriano al Festival di Sanremo del 1961, che ha annunciato l’ingresso in scena di Servillo.

Grandi successi e arrangiamenti  personalizzati

La band, tutta in abiti scuri eccetto la camicia chiara di Di Castri, cercando e trovando  una feeling connection con i brani  nati e cresciuti con i protagonisti del Clan,  ha assecondato  nel migliore dei modi Servillo, di formazione campana, personaggio sui generis, raffinato e completo in grado di offrire al suo  pubblico,  oltre a una  voce particolare,  tutta una serie di ammiccamenti e gestualità che passano da movenze veloci tipiche delle arti marziali,  a movimenti più controllati e divertenti che si rifanno all’arte ineguagliabile del principe De Curtis, in arte Totò. Gli spettatori hanno ricevuto, in questa remake scherzosa degli anni del Clan,  una fusion di suoni del tutto particolari, un matrimonio di sound e parole dal fascino inusuale, in un alternarsi di grandi successi, da Azzurro, Una carezza un  pugno....,  a importanti “assolo” dei musicisti che a turno si immergevano nei vecchi brani e li “restituivano” alla attenta platea con una revisione personalizzata. Favolosi i tocchi delle dita sul pianoforte  di Rita Marcotulli, e grande la  simpatia che Servillo dispensa con grande stile verso il pubblico.

VEDI VIDEO IN VIDEOGALLERY/MUSICA


Stampa