Il cinema Troisi rinasce . Una festa per Roma, per il cinema e per i giovani che l'hanno voluto

Dopo 10 anni di iniziative, affrontando ogni ostacolo burocratico, i ragazzi del Cinema America hanno realizzato il sogno di dare vita a uno spazio di cultura aperto a tutta la città. Roma ha festeggiato un grande evento : l'inaugurazione e la riapertura ,dopo 8 anni di chiusura , dal 21 settembre del Cinema Troisi, nel cuore di Trastevere, restituito alla città dall’Associazione de I Ragazzi del Piccolo America. Un traguardo raggiunto dopo 10 anni di impegno, lotta e sacrifici. mossi dall'obiettivo di riaprire un luogo di cultura per ragazzi della periferia che studiano e vivono nel cuore della città, e per tutti coloro che sentano il bisogno di cultura e di confronti.

Come ha detto Valerio Carocci, Presidente dell’Associazione Piccolo America, durante la conferenza stampa che ha suggellato questo momento, "oggi  festeggiamo i nostri primi 10 anni restituendo finalmente alla città il Cinema Troisi, una sala cinematografica che abbiamo immaginato come un punto di riferimento, una piazza inclusiva, nella vita sociale delle persone. Uno dei motivi che ci ha portato a candidarci al bando per la gestione del Cinema Troisi è stato l’intuizione di poter realizzare - sfruttando gli spazi dell’edificio razionalista originariamente destinati a locali caldaie - anche un’aula studio. Un luogo che abbiamo sognato per Roma sin da quando, nel 2011, abbiamo iniziato a riunirci come “Assemblea Giovani al Centro”, nucleo originario di quella che sarebbe diventata, tre anni dopo, l’associazione Piccolo America. E il merito di tutto questo va all'energia e alla forza di tutti i ragazzi dell'associazione ”.

A inaugurare il Cinema Troisi, grazie alla collaborazione di I Wonder Pictures, un film premiato con la Palma D'oro all'ultimo Festival di  Cannes ma un film anche molto discusso e criticato: Titane di Julia Ducournau, presente in sala all'anteprima stampa con il protagonista Vincent Lindon. I film , intenso, crudo, impegnativo, sicuramente ben costruito , e che   lascia anche  spazio all'umanità, sarà proiettato (in v.o. con sottotitoli in italiano) in anteprima e in esclusiva nazionale dal 21 settembre, per poi arrivare nelle sale di tutta Italia la settimana successiva. A seguire dal 30 settembre, il Troisi ospiterà uno dei film-evento dell’anno, il nuovo, attesissimo 007, No Time to Die di Cary Fukunaga con Daniel Craig, distribuito da Universal Pictures International Italy.

"L'apertura di un cinema è una grande festa - le parole della regista- e provo un grande ammirazione per tutto il team che ha portato avanti questa opera . Voglio ringraziarli per la lotta, il coraggio, la gioventù, per provare ad aprire gli spiriti, per averci accolti al Cinema Troisi, a casa loro, è un grandissimo onore". " Questa apertura è anche un gesto politico- ha aggiunto Vincent London- e sono ammirato e commosso per la lotta "titanica, per fare un gioco di parole, " che hanno condotto Valerio Carocci e I ragazzi del cinema America. “Sono felice che a Roma ci sia una nuova casa del cinema e ci siano nuove voci, e che siano di giovani. Ed è stato per noi un grande onore ricevere la richiesta di inaugurare questa nuova pagina con la proiezione di Titane- le parole di Andrea Romeo, casa di produzione I Wonder.

Solidali le istituzioni. "L’apertura del nuovo cinema Troisi è una bella notizia per la città di Roma, per gli appassionati del grande schermo e per tutto il mondo del cinema italiano. Il Ministero della Cultura ha sostenuto e supportato il progetto di riammodernamento e trasformazione tecnologica portato avanti dall’associazione ‘PiccoloAmerica’- ha dichiarato il ministro della cultura Franceschini. "Dopo 10 anni di battaglie ed ostacoli burocratici superati, l’apertura del Cinema Troisi da parte dei ragazzi e delle ragazze del Cinema America è un traguardo per l’intera città. La storia di questo gruppo, che parte da un atto illegale, è diventata il simbolo di una rivoluzione culturale per il riscatto di Roma- la voce di Nicola Zingaretti, Regione Lazio. "Oggi celebriamo un altro grande risultato del recupero del Patrimonio di Roma Capitale destinato ad attività e di imprese culturali. L'inaugurazione dei rinnovati spazi del Cinema Troisi  è anche un ulteriore e importante segnale di vicinanza e sostegno dell'Amministrazione capitolina al mondo del cinema e della cultura.- la dichiarazione della sindaca Virginia Raggi.

 

I plus del Cinema Troisi

Completamente rinnovato, il Cinema Troisi è uno spazio unico nel panorama europeo: una storica sala cinematografica da 300 posti dotata delle tecnologie di proiezione più all’avanguardia, di un foyer-bar, di una luminosissima terrazza, di uno spazio polifunzionale per mostre ed eventi e soprattutto di un’aula studio-biblioteca con 80 postazioni, completamente gratuita, aperta – primo esempio in Italia – per 365 giorni all’anno, 24 ore su 24. Uno spazio innovativo legato a filo doppio alle istanze originarie dei ragazzi del Cinema America. Il Troisi vuole essere quindi un cinema nuovo e “inclusivo” (in termini di gusti, pubblico, proposte, scelte di programmazione) e insieme uno spazio aperto alla cultura nella sua accezione più ampia. 

 

L’obiettivo è ambizioso: creare un luogo di incontro e confronto dove tutti possano sentirsi a casa, in primis (ma non solo) gli amanti del grande schermo.  Ospitato all’interno dell’edificio dell’ex GIL, progettato nel 1933 da Luigi Moretti e inaugurato nel 1937, il Troisi è stato oggetto di un elaborato lavoro di restauro curato dagli architetti Raffaella Moscaggiuri e Claudia Tombini, in dialogo costante con l’associazione Piccolo America e con la supervisione della Soprintendenza Speciale Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Roma. Una preziosa opera di restauro e risanamento conservativo (tra gli interventi citiamo la restituzione della circolarità funzionale, il restauro dei pavimenti originali in marmo di Carrara, dei gradini e dei rivestimenti in travertino all’ingresso, il recupero di alcuni bassorilievi, nonché il ripristino, secondo i progetti originali dell’architetto Moretti, dell’ampia vetrata assiale in terrazza) che dal 22 settembre rivive nella mostra fotografica “Cantiere Troisi”, e che gli appassionati potranno approfondire sabato 2 e domenica 3 ottobre grazie alle visite guidate a cura di DOCOMOMO Italia per Open House Roma (prenotazioni sul sito https://www.openhouseroma.org/node/26859). Dalla storia dell’architettura del Novecento a una storia più breve, e più recente, quella “riassunta” nella illustrazione murale di Lorenzo Terranera che impreziosisce il foyer e le scale interne, fino all’aula studio TIM, ripercorrendo i dieci anni dell’esperienza del Piccolo America.  La sala è inoltre dotata di due posti riservati a persone con disabilità, e di un sistema per persone audiolese e ipovedenti, in modo da garantire a tutti l’accessibilità alle proiezioni.

Il Cinema Troisi, immobile concesso a canone agevolato da Roma Capitale mediante bando pubblico, è un progetto del Piccolo America reso possibile grazie al sostegno del Ministero della Cultura, Regione Lazio con Lazio Innova, BNL gruppo BNP Paribas, SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori, Otto per mille della Chiesa Valdese, il green partner Iberdrola e il digital sponsor TIM.

 

Foto fornite ufficio stampa GDG Press

credit foto apertura (esterno Troisi) Flavia Rossi

Credit foto  Carocci, gruppo Titane Rolando Bassa


Stampa