QUID, si ricomincia con le emozioni di Rino Gaetano. Con Claudia Campagnola, Marco Morandi e Federico D'Angeli

Abbiamo cantato, battuto le mani e applaudito  e " loro " suonavano e cantavano dal vivo, sotto le stelle di Roma. Qualcosa di normale ma che normale non lo sembrava più dopo mesi di chiusure , solitudini, e  silenzi ( nonostante streaming a volontà)....

Grande serata live al Quid / Pizzeria Frontoni, un nuovo inizio, con il recital " Serata per Rino " scritto e diretto da Toni Fornari ,  un omaggio e un ricordo per l'artista Rino Gaetano, a 40 anni dalla sua tragica scomparsa. Sul palco Claudia Campagnola e Marco Morandi, con la partecipazione del musicista dei RinoMinati, Federico D'Angeli, con il quale Morandi gira l'Italia cantando le canzoni di Gaetano , rendendo sempre più forte il suo legame, sonoro e spirituale, che da sempre ha con questo artista.

Grande l'emozione sulla terrazza infinita del Quid da parte dello staff, di Daniele Frontoni, del direttore artistico Perozzi, per questa ripartenza di valore.." con la speranza di non richiudere più". Il concerto ha attraversato, grazie ai brani più famosi e a quelli meno noti del musicista calabrese, e la narrazione da parte di Claudia Campagnola, la sua vita,  tra pensieri e aneddoti  facendo luce   sulla personalità  di Rino, che  ci ha regalato canzoni immortali, ricche di ritmo e innovazioni musicali,di ironia, di non sense, di verità e profondità. Di impegno politico in senso genuino, di occhio sulla realtà, registrando i mali e le ingiustizie e le sofferenze dei lavoratori, degli emigranti, degli emarginati. Con uno   sguardo fiero sul suo sud, Calabria e dintorni. E che ha saputo intuire, forse perché il mondo non riesce a cambiare, che " in futuro le mie canzoni saranno cantate dalle prossime generazioni".

In una ricchezza di note , è stato ricordato il periodo del Folk Studio, i primi brani importanti e significativi come I love Maryanna e Tu, forse , essenzialmente tu , L'operaio, il cielo è sempre più blu, E Berta filava  Aida.... fino alla svolta di Sanremo, l'impossibilità di cantare Nuntereggae più, e la scelta caduta su Gianna che in ogni caso gli portò visibilità e fama. Un alternarsi di brani potenti e liberatori e attuali ( Nuntereggae più è ancora oggi una canzone simbolo per molti, basterebbe  cambiare i nomi della lista....), accanto ad altri più dolci (E sfiorivano le viole) , specchio di una personalità non certo monocorde. E una canzone che fa pensare , La ballata di Renzo, dove si racconta la morte di un amico in un incidente automobilistico e le difficoltà di trovare un posto letto in ospedale. Cosa che succederà anche per lui.

Un filo musicale ben condotto, grinta e sound, dai due musicisti, che sanno regalare le vibrazioni di Rino,  e da Claudia Campagnola con i suoi intermezzi, e che ha chiuso la performance in un duetto  musicale con Marco Morandi  con " Sei Ottavi".

L'evento, che ha riscosso grande successo,  partecipazione di pubblico e apprezzamento per le specialità della Pizzeria Frontoni,  è stato anche trasmesso su tutti i canali social del QUID Channel,  la web TV nata da un palco chiuso durante l'emergenza Covid (https://www.youtube.com/watch?v=wpZhDSegflw).  Lo spettacolo è tratto da  CHI MI MANCA SEI TU, scritto e diretto da Toni Fornari .

 Ester Ippolito

" Ad esempio a me piace rubare Le pere mature sui rami se ho fame Ma quando bevo sono pronto a pagare L'acqua che in quella terra è più del pane Camminare con quel contadino Che forse fa la stessa mia strada Parlare dell'uva, parlare del vino Che ancora è un lusso per lui che lo fa" (Rino Gaetano, Ad esempio a me piace il Sud..)


Stampa