Roma, l’uomo e il tempo. Maree della Memoria, un film di Luisa Mariani ispirato a William Kentridge

È dall’incontro con William Kentridge e la sua straordinaria opera Triumphs and Laments sui muraglioni del Lungotevere, potente, poetica e ironica riflessione sull’uomo il tempo e l’oblio, che prende il largo il cortometraggio Maree della memoria – Tides of Memory di Luisa Mariani che ne è regista, autrice e interprete. Il film è stato selezionato nella categoria ‘short films’ all’International New York Film Festival 2020 che quest’anno, a causa della pandemia mondiale, si tiene in forma virtuale – 'a virtual reality online event' – dal 18 al 21 giugno 2020, sul sito ufficiale dell'INYFF, attraverso apposita piattaforma.

Sullo sfondo di Maree della memoria – Tides Of Memory si snoda il racconto iconografico di  omaggio alla storia di Roma, dalla sue origini leggendarie fino ai nostri giorni, attraverso i suoi fasti e le sue miserie, le glorie e le sconfitte: dai trionfi dell’impero alla ghettizzazione degli ebrei, dall’uccisione di Remo alla morte di Pier Paolo Pasolini, passando per l’assassinio di Moro e persino l’incontro di Marcello Mastroianni e Anita Ekberg ne La dolce vita di Federico Fellini… In bilico tra memoria collettiva e memoria individuale, l’opera del celebre artista/regista sudafricano è però volutamente destinato a scomparire nel giro di pochi anni a causa dello smog e degli agenti atmosferici, così come il passare degli anni sgretola i nostri ricordi poiché la transitorietà della memoria, afferma nel film Kentridge, è strettamente legata all’ impermanenza stessa del corpo umano.

Vari ‘esercizi’ emotivo-sensoriali ruotano intorno al perno di Maree della memoria – Tides of Memory: il primo ha luogo su un battello del Tevere che percorre gli straordinari murales di Kentridge fra Ponte Sisto e Ponte Mazzini. È qui che l’attore italo-inglese Simon d’Aquino, nei panni di se stesso, s’imbatte nella sua professoressa di liceo (Marina Barranger) in gita con il marito giornalista (Michael Barranger). Simon, dopo il liceo, si è trasferito a Londra per seguire la sua vocazione per il palcoscenico. Nasce una conversazione sulla sua carriera in cui riaffiora l’insegnamento trasmessogli dalla prof, soprattutto l’incoraggiamento ad attingere dalla memoria emozionale. Si accenna all’opera di Stefan Zweig, alla base di un lavoro da Simon recentemente interpretato sulle scene londinesi: “È uno scrittore austriaco le cui opere sono state bruciate dai nazisti”, osserva il giovane attore; “Tutti i regimi dittatoriali hanno paura del peso della memoria”, ricorda l’insegnante.

Il tema dell’identità s'intreccia con quello della nuova diaspora di oggi e della multietnicità. Tra i protagonisti, infatti, ci sono anche giovani italiani di seconda generazione, Lián (Valerio Tzeng) e Abir (Nada Saad Ismail), la cui unione è ostacolata dall’appartenenza a religioni differenti; oppure la figura del Re dei Rom (Mauro Leuce) che radica nella musica la memoria culturale del suo popolo. In un metafisico giardino, dove Luisa Mariani incontra l’attore polacco Jan Kozaczuk, non potevano mancare memorie olfattive che riportano proustianamente a ricordi di giovinezza; atmosfere vaporose da cui ci si risveglia prepotentemente nella realtà di oggi dove è l’ormai irrinunciabile pc il neo-custode della memoria. Oggetti usa e getta, di solito destinati al disfacimento, vengono invece preservati nei quadri dell’artista Marco Angelini. Al vernissage della sua personale, non a caso intitolata Caleidoscopio: la Memoria e l’Oblio, ritroviamo anche l’attore Mario Valdemarin, lo scrittore Marco Palladini (che cita Calvino: “bisogna ricordarsi di dimenticare”), e la Banda Stendhal (Malvina Ruggiano, Giulia Tomaselli, Emma Giurghi), modaiole ladre di tele. O di ricordi?

Accompagnati dalle musiche originali del fisarmonicista Paolo Rozzi, s'affacciano personaggi alla rinfusa – come lo sono i ricordi in quel computer non formattato che è la nostra mente umana – in cui ritroviamo anche l’attrice Violetta Chiarini che evoca Tryphaena Crepereia, fanciulla vissuta nella metà del II secolo d.C. e rinvenuta insieme alla sua bambola in un sarcofago sulle rive del Tevere. Si ridesta il nume fluviale che impera sulle maree e sopravvive alla caducità dei trionfi e dei lamenti della Città Eterna. Gli ‘esercizi emotivo-sensoriali’ di Maree della memoria – Tides of Memory, ed altri ancora, si svilupperanno nel lungometraggio Flussi e Riflussi di Luisa Mariani, attualmente in lavorazione.

 

Trailer Maree della memoria / Tides of Memory: https://vimeo.com/412146430

Sito ufficiale Maree della memoria (con sinossi, trailer, galleria foto ed altre info): https://www.luisamariani.com/it/maree-della-memoria/

Sito ufficiale International New York Film Festival: https://www.inyfilmfest.com/

SCHEDA MAREE DELLA MEMORIA / TIDES OF MEMORY

A short film by Luisa Mariani Official Selection International New York film festival. Special guest William Kentridge Interpreti Marco Angelini Michael Barranger Marina Barranger Violetta Chiarini Simon D’Aquino Giusy Emiliano Emma Ghiurghi Hideshi Kibi Jan Kozaczuk Nada Ismail Saad Ismail Mauro Leuce Luisa Mariani Marco Palladini Luca Porfido Malvina Ruggiano Raffaella Salato Giulia Tomaselli Valerio Tzeng con la partecipazione straordinaria di Mario Valdemarin. Voice over Simonetta Allder Voce canzone "Mio chiodo fisso" Eleonora D'Ignazi. Direttore della fotografia, Riprese e Montaggio Giovanni Pirri Audio editing Fabio Tullio Colonna sonora originale Paolo Rozzi


Stampa