Premio Cinema alla Musica per il maestro Umberto Scipione

 

Ai “Dioscuri del Quirinale” Premio Cinema alla Musica. Assegnato al Maestro Umberto Scipione il riconoscimento dell'Annuario del Cinema Italiano & Audiovisivi, una pregevole scultura dell'Artista Roberta Gulotta


Presso il Teatro Sant’Andrea nel Complesso Monumentale dei “Dioscuri del Quirinale”,a Roma, a conclusione della tavola rotonda “Arte e Cinema”, incontro ideato dall’artista Roberta Gulotta, nell’ambito degli incontri culturali a Roma per iniziativa dell’Associazione Cassiopea Arte, e a chiusura della rassegna internazionale “L’Arte come energia creativa” , si è svolta l’assegnazione del Trofeo Premio Cinema dell'Annuario del Cinema Italiano & Audiovisivi, ideato e realizzato dalla stessa Roberta Gulotta e consegnato al Maestro Umberto Scipione, intervenuto insieme aRosario Sprovieri (Responsabile del Teatro dei Dioscuri del Quirinale) ed Elettra Ferraù (giornalista e direttore generale dell’Annuario del Cinema Italiano & Audiovisivi).


Il Maestro Umberto Scipione -compositore e autore di colonne sonore di film di successo come “Benvenuti al Sud”, “Benvenuti al Nord”, “Il Principe Abusivo”, “Sotto una buona stella”, “Un Boss in Salotto”, “Si accettano Miracoli”- ha raccontato molti episodi della sua vita di musicista "figlio d'arte", ed ha spiegato i passaggi non facili della composizione di una colonna sonora per il cinema.
Il Trofeo “Premio Cinema” è destinato ad un personaggio che si sia particolarmente distinto per il suo percorso professionale nel mondo dello spettacolo e la motivazione dedicata al Maestro Scipione,che ha molti nuovi progetti nella sua agenda, è stata: “Musicista di grande talento, ha legato il suo nome ad una serie di film - tutti Campioni d'Incasso - dei quali ha realizzato le splendide colonne sonore”.
Nel suo saluto agli intervenuti, Roberta Gulotta, impeccabile moderatrice della tavola rotonda che ha introdotto il premio, ha voluto ricordare Anny Baldissera, recentemente scomparsa, ideatrice del progetto espositivo oggi portato avanti da suo marito Gustavo Baldissera.
In apertura della Tavola Rotonda Rosario Sprovieri ha spiegato le origini del Teatro, situato all'interno del Complesso Monumentale dei Dioscuri del Quirinale, e che assunse il nome di Teatro dei Dioscuri con la Compagnia del Teatro dei Commedianti diretta da Gianfilippo Carcano. Sul palcoscenico di questo teatro hanno recitato i più grandi artisti.
Roberta Gulotta, nella settimana dal 16 al 23 ottobre, ha esposto alla rassegna internazionale d’arte contemporanea, realizzata presso i Dioscuri per iniziativa dell’Associazione Cassiopea Arte, due opere: “Tempo che scorri inesorabile” (vincitrice nel luglio scorso del Premio Spoleto Festival Art ) ed “Enea”. Quest'anno l'Artista ha preso parte a ben 25 manifestazioni culturali tra mostre, premi e festival internazionali (inclusa un' "incursione" all'Expo di Milano dove ha esposto un bellissimo quadro). 

foto Claudio Patriarca


Stampa