Evita: un brindisi al tango, all’amore e ai diritti della donna

Colonna sonora il tango per la commedia in prosa e musica “Un the-tango per Evita” (Auditorium del Massimo di Roma) , protagonista Fatima Scialdone, presentata   dall’associazione Tangoeventi. Emozioni, rimpianti, ironia a tenerezza  ballando e cantando   il “pensiero triste”

di Estrella

Evita vestita di bianco come un fantasma,  un pianoforte, un bandoneon, champagne e qualche sedia: tutto è pronto per un the-tango  sulla scia della  tradizione parigina dei primi anni del 900. E’ questo lo sfondo da cui prende il via la   sentita ed emozionante commedia in prosa musica e tango “Un the tango per Evita”, dedicata a Eva Peron  nel  60° anniversario della morte, che vede protagonista Fatima Scialdone, attrice, danzatrice e  cantante,  su un  testo  di Fernando Pannullo da un’idea della stessa  Fatima Scialdone, con la partecipazione di Eduardo Moyano, Luciano Donda e Cinzia Lombardi (Campioni  italiani di Tango  2012) con Mariano Navone al bandoneon,  e al pianoforte Giovanni von Gartner.

E’ in questa cornice  surreale  che  questa figura di donna dalle mille sfaccettature - donna, moglie, amante, companera e simbolo dei  diritti delle donne  (ha trasformato in legge   in Argentina  il diritto di voto delle donne), morta per malattia a soli 33 anni -  uscita dalla sua tomba monumentale alla Recoleta  si appresta ad attendere i suoi amici  e persone che hanno segnato momenti importanti della sua vita, tutti legati al tango, una passione e una colonna sonora davvero importante per lei.   In questa attesa, Evita ripercorre  alcuni momenti della sua vita soffermandosi, anche con molta ironia, sulle vicende  lunghe  e tortuose   relative alla sistemazione della sua salma/mummia,  frutto della volontà  dei   regimi che si sono succeduti in Argentina di  allontanare e sopprimere per  l’eternità il suo ricordo e il suo potere. Fino al suo ritorno alla Recoleta.

Ma ecco che arrivano gli ospiti, richiamati  da uno strano e misterioso invito: il musicista Enrique Santos al pianoforte, Astor Piazzolla con il suo bandoneòn, il generale Juan Peron, marito e   grande amore, Agustin Magaldi, cantante di origine italiana, che a soli 14 anni, circuendola, la portò via dal suo paese verso Buenos Aires, promettendole un futuro da attrice, e Libertade Lamarque, attrice in auge della grande borghesia argentina con la quale in vita Evita ebbe dure rivalità. Sulle note  del tango, passi di danza  arditi e teneri, si rincorrono ricordi, storie passate, sentimenti sepolti, interrogativi e perchè rimasti irrisolti con una grande umanità e tenerezza. E si brinda al tango, all’amore, alla felicità  e al valore delle donne, dando vita  a una vera milonga, con l’intonare  di alcune delle canzoni più belle della tradizione tanghera e  balli intrecciati , offrendo uno  spettacolo veramente  ammaliante.

Ma sorge la luna e  il salotto si deve sciogliere, ognuno deve tornare al suo “freddo” destino: rimane Evita sulla scena, con il suo mantello bianco,  che torna ancora  indietro alla sua vita, ai suoi ricordi di bambina, figlia illegittima di un “riccastro di campagna” e  chiamata   "bastarda" dai più, e  al suo sogno  di occupare un posto nella storia.

Bravissimi  tutti gli  artisti a cominciare  da Fatima Scialdone / Evita, che presenta una “ Madonna dei Descamisados” realistica, recitando, cantando e ballando,  e mettendo in evidenza  anche le sue debolezze di donna.  In questa cornice magica,  ha preso il via  sul palcoscenico e nel foyer  una gran Noche di tango  aperta a tutto il pubblico con selezioni di Tango tradizionale a cura  di  Elio Astor Paoloni. E nel foyer tentazioni preziose negli stand di vestiti da ballo e scarpe tanguere (nella foto Tabata )...

Articolo correlato in Eventi

"Napoli Buenos Aires andata e ritorno… e quel tango nel cuore …"

In Video Gallery video correlato, sezione Danze nel mondo

www.fatimascialdone.com

Ass. Cult. Tangoeventi
www.tangoeventi.com

--------------------------------------------------------------------------

L'associazione culturale TangoEventi, di cui Fatima Scialdone è direttore artistico,   si propone la promozione del Tango in ogni suo aspetto: danza, musica, poesia, cultura, storia, affiancata da partner istituzionali, con serate ad "evento" in luoghi di prestigio architettonico, storico ed artistico, in cui si possa praticare ed ascoltare il Tango, e dove si riuniscono appassionati italiani e stranieri. Un appuntamento ormai fisso  di Tangoeventi " per ballare Tango" è rappresentato dai martedì alla Milonga San Salvador, Roma Eur (Via dell'Oceano Atlantico) con pratica di tango,  ballo e apericena.


Stampa