Buenos Aires Tango 2012, come sempre un’emozione

Lo spettacolo d’apertura “Racconto Tanguero”, una vivace evocazione della storia del tango, ha dato il via all’edizione 2012 del Festival al Parco della Musica ( 12-21 settembre), una rassegna che ha messo in luce tutte le nuove tendenze del tango cantato, ballato e suonato. Eduardo Varela, ministro presso l’Ambasciata Argentina in Italia di Roma: "è un linguaggio universale"

di Manuela Ippolito


Davanti al tango si sa...ci si emoziona, e anche se non si conoscono i passi è facile lasciarsi trascinare vedendo  un tango o ascoltando le sue note. Così è stato grazie allo spettacolo “Racconto Tanguero” – vivace evocazione che ha ripercorso tutta l’eredità culturale del tango fino all’epoca contemporanea - che è andata in scena nella Sala Sinopoli dell’Auditorium per l’apertura della quarta edizione di Buenos Aires Tango, la manifestazione biennale del Parco della Musica. La rassegna ha animato Roma tra le nuove tendenze contemporanee del tango porteño, dal ballo al canto fino ai nuovi arrangiamenti con la partecipazione  di Daniel  Pipi Piazzolla, il nipote del grande Astor...  suonando e danzando anche all’aperto coinvolgendo il pubblico romano sempre più appassionato a questa forma d’arte con lezioni , conferenze e gare … fino alla maratona finale sotto le stelle che ha  riproposto un assaggio in breve di quanto ammirato nel corso del Festival.

Lo spettacolo Racconto Tanguero ha visto il Cuarteto La Bordona unito alla voce di Juan Villareal, giudicata una delle più interessanti degli ultimi tempi, e   tre coppie di ballerini di grande valore: Los Macanas, che hanno interpretato il tango al maschile, Horacio Godoy e Magdalena Gutierrez Calviño e, soprattutto, Milena Plebs, acclamatissima dal pubblico, con David Alejandro Palo.

Ignacio Varchausky, direttore del gruppo ed eccellente contrabbasso, ha coinvolto il pubblico con grande ironia guidandolo in questa retrospettiva del tango raccontando la storia e alcuni aneddoti, esplorando inoltre tutte le sfumature dell'universo tanguero grazie a un repertorio che ha unito classici e nuove composizioni. Al “Cuarteto La Bordona” è stata affidata la colonna sonora che ha attraversato 100 anni di storia del tango accompagnando i ballerini in ogni loro abbraccio. Degni di nota Los Hermanos Macanas con il loro stile unico e molto divertente: il tango ballato da soli "tangueri" uomini, un mix incredibile di eleganza e vivacità. Los Macanas, i fratelli Macana (Enrique e Guillermo De Fazio) nati a Buenos Aires,  sono protagonisti dei festival di tango in tutti i continenti, rievocando le origini del tango come i "compadritos". Horacio Godoy e Magdalena Gutiérrez Calviño hanno raccolto gli applausi del pubblico dando il meglio della tradizione e raffinatezza del ballo da sala.

E’ stato bellissimo avere qui in Italia la possibilità di vedere e conoscere il tango che si fa adesso a Buenos Aires, lontano da tutti gli stereotipi – ha commentato  Eduardo Varela, Ministro presso l’Ambasciata Argentina in Italia di Roma, presente all’evento. “Senza dubbio il tango in Italia è conosciuto tantissimo e ci sono sempre più appassionati e questa è stata un’occasione importante per entrare a contatto con la nuova realtà che fermenta nella capitale argentina. Lo spettacolo è stato di gran qualità, un assaggio vero del tango con ballerini magnifici. A maggio scorso abbiamo coinvolto un gruppo italiano e un gruppo argentino all’evento di tango al Campidoglio a Roma e abbiamo potuto constatare il forte legame tra i due paesi e l’interesse del pubblico romano verso la milonga e lo spettacolo. Un vero linguaggio universale”.

Credit fotografico Musacchio&Ianniello

Video correlato  in Video Gallery, sezione danze nel mondo

www. auditorium.com


Stampa