Etnie in festa

Con due spettacoli al Teatro Italia  di Roma sono stati festeggiati i venti anni di Etnie, il felice format di vacanze studio che celebra la danza del mondo. L’ edizione 2012 a Marina di Camerota, Cilento (25 agosto - 1 settembre), con l’organizzazione tecnica di  Milena Giannoni e  la direzione artistica di  Nando Citarella (Accademia Musicale  Interamnense). Sul palco un giro del mondo tra ritmi e passi di danza: dall’Africa al Brasile, dall’ Argentina al Medio Oriente fino  al nostro Mediterraneo …

di Ester Ippolito

“Iniziamo un viaggio tranquillo  in barca in vela, talvolta un  po’ lento e talvolta più veloce, attraverso ritmi, sound e forme di danza che ci porterà in giro per il mondo a ricercare  non ciò che ci divide ma ciò che ci unisce”. Con queste  parole Nando Citarella, musicologo, una intensa attività di ricerca  nella tradizione marinara e contadina del nostro sud,  docente in Italia e all’estero, e direttore artistico di Etnie, ha aperto la serie dei due spettacoli, tenuti al Teatro Italia di Roma, il 18 e 19 maggio scorsi, per sottolineare il traguardo  dei  venti  anni raggiunto  da Etnie (“Venti di Etnie"), manifestazione  che  ha  sempre messo  al centro l’incontro e  lo scambio di più culture attraverso la musica e la danza. L’edizione 2012 si svolgerà  a Marina di Camerota, Cilento (25 agosto - 1 settembre).  

Colori , suoni e passi di danza

La  prima serata  (18 maggio)  è stata  animata dalle performance dei maestri che in questi anni hanno collaborato e partecipato a Etnie, con tante sorprese e tanto coinvolgimento, mentre la seconda  (19 maggio)  è  stata dedicata interamente  all’Africa (Mama Africa Tour 2012),  “un omaggio a questo continente che è madre di tutte le tradizioni” - ancora Citarella.  Gli spettacoli  sono stati  un assaggio in musica dello spirito che si respira a  Etnie “un incontro non solo di danza  ma di persone, di culture e di religioni”, un luogo dove si studia, si affrontano nuovi orizzonti culturali e si cementano anche amicizie forti. Le danze africane, capitanate con entusiasmo e passione da Steve  Emejuru, un fedele  amico di Etnie,  hanno occupato il palcoscenico  con grande allegria e  sull'onda di ritmi tradizionali grazie al gruppo “ Umu Africa” che ha ballato con estrema energia, offrendo “ un dialogo magico tra il corpo e la musica in una full immersion   nel ritmo scandito dal tamburo”. Il testimone è poi passato   al Brasile, che ha trionfato con la lotta che diventa danza, la capoeira, con lo slancio e le acrobazie  di Walter Da Costa  (Cobra) e  “Sao Salomao”. E’stata poi  la volta di Buenos  Aires, con un intermezzo di  tango  ricco  di passione e dolcezza   offerto dalla coppia composta da Filippo Avignonesi e Julia Yukluina, che hanno incantato la platea. Morbidezza, eleganza,  un pizzico  di languore e sensualità… ed ecco sulla scena il maestro egiziano Saad Ismail e la sua Oriental Dance, portando  il vento del Medio oriente  (danza araba, folcloristica e classica),  tra veli, colori e  tintinni.

Il regno delle percussioni

Ma il ritmo diventa incalzante, è  il trionfo delle percussioni, dalle assonanze  arabe e flamenche, con Gabriele Gagliarini, Pulvano e la “ Takadum Orchestra”, e la forza  ed energia  del gruppo dei Batacoto  con Giovanni Volpe (percussioni brasiliane e scuola di Samba), che hanno animato tutto il pubblico. Immancabile la tradizione  e  il sound mediterraneo con Nando Citarella ( “il progresso brucia, la tradizione mantiene”) che, in buona compagnia,  ha offerto  la vibrante tamurriata dell’Avvocata (Maiori)  alla quale è difficile resistere. Un  sentito intervallo di canto, quello di Gabriella Aiello, canto popolare, che ha invitato alla riflessione sul mondo del lavoro con  “ Bella Ciao”, la versione delle mondine. Infine, ancora  in scena  la  grande Africa, interpretata da grandi artisti (Congo e Senegal) e dal sound di   Ruggero Artale (nella foto in alto), innamorato dei ritmi africani e del  loro sviluppo nelle Americhe (USA, Cuba, Caraibi, Brasile, ecc.) insieme all’Afro Percussion  Quartet (percussioni africane). Un qualcosa  che entra dentro e ti  trascina...    Da ricordare una bellissima interpretazione della canzone di Miriam Makeba Malaika.

Appuntamento a Marina di Camerota

Per rivivere questa atmosfera appuntamento, dunque, a Etnie 2012, in programma  a Marina di Camerota, Cilento, dal  25 agosto al primo settembre, organizzazione tecnica   Milena Giannoni,  direzione artistica  Nando Citarella (Accademia Musicale  Interamnense),con corsi di studio che spaziano  dalle  tradizioni  popolari dell’Italia, Spagna, Africa, America Latina e Mondo Arabo, accompagnati dal vigore delle percussioni di vario sabor e dall’esperienza di maestri di chiara fama internazionale. Il tutto  in  un ambiente rilassante e di vacanza, tra mare e sole, nel villaggio  Villamarina  di Marina di Camerota. Ai momenti di apprendimento si affiancano  occasioni di aggregazione, socializzazione, divertimento e danze collettive. E come dice Citarella con il suo tamburo in mano: “Se non ci siete stati, non potete mancare. Con stima e creanza, Cultura  e Resistenza”.

Il programma 2012

Il calendario dei corsi di  Etnie 2012 prevede Danze Popolari italiane, livello unico, con il maestro Citarella; Danze Tradizionali africane, livello unico, con Steve Emejuru (nella foto); Danza araba e del ventre (principianti e intermedi) con Saad Ismail; Capoeira, livello unico, con Walter Da Costa; Tango  Argentino, livello unico, Filippo Avignonesi; Flamenco (principianti e intermedi) con Maria  Josè Leon Soto; Percussioni Italiane, livello unico, con Nando Citarella; Percussioni  Africane (principianti e intermedi) con Ruggero Artale (Djemblè) ; Percussioni brasiliane con Giovanni Volpe (Batacoto); Canto popolare Italiano con Gabriella Aiello; Percussioni Arabe con Gabriele  Gagliarini ( Darabucca); Percussioni flamenche  con Gabriele Gagliarini (Cajon) ; Zumba Etnic Power con  Steve Emerjuru. Sono previsti anche corsi per adulti e bambini: Capoeira per bambini dai 7 ai 14 anni, docente Walter Costa, e Danze tradizionali  africane dai 5 ai 10 anni.

Per prenotarsi a Etnie : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.etnieonline.org

Artcolo correlato (maggio)in Home Page :

Modifica

Venti anni di Etnie, i mille volti della danza

In Video Gallery i video relativi alla musica e alle danze  ,Teatro Italia



Stampa