Classico e Contemporaneo...è CLASH!

Appuntamento on line  dall’8 al 13 dicembre 2020 con CLASH! International Festival - The Hybrid in Dance Models, between Classic and Contemporary: sei eventi interamente dedicati alla danza trasmessi ogni giorno sul sito clashproject.eu. L’evento è promosso dal Balletto di Roma (Italia) e cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’ Unione Europea, con la collaborazione de La Sapienza di Roma.  Sei compagnie europee coinvolte .

CLASH, SCONTRO, COLLISIONE.... la danza classica e contemporanea si incontrano, si scontrano e si incrociano. “ Quando la danza classica e quella contemporanea si scontrano ed emergono nuove forme...” E’ da questa riflessione de Il Balletto di Roma, promotore del  Festival Clash, format on line dall’8 al  13 dicembre, che ha preso il  via questo progetto. Un progetto  che intende indagare sullo “stato dell'arte” in Europa, con particolare attenzione non solo alle realtà più affermate in ambito contemporaneo (per le più localizzate nel Nord Europa), ma anche e soprattutto alle istituzioni che vogliono attuare le loro creazioni contemporanee e hanno quindi la necessità di lavorare su nuovi codici, modelli di produzione, rapporti con il pubblico.

Nasce così il ricco e assai vario  programma di CLASH!, sei giorni intensi di performance video e incontri, evento promosso dal Balletto di Roma (Italia) e cofinanziato dal programma Europa Creativa dell’ Unione Europea, con il coordinamento della Sapienza Università di Roma ,  che ha anche l'obiettivo di    presentare  i risultati delle ricerche condotte negli ultimi due anni.  Coinvolte sei compagnie europee  che cureranno  a rotazione le singole giornate di CLASH!: Balletto di Roma (Italia), 420PEOPLE (Repubblica Ceca), Companhia de Dança de Almada (Portogallo), Derida Dance Center / Art Link Foundation (Bulgaria), Polski Teatr Tanca/ Polish Dance Theater (Polonia).

Numerosi i temi affrontati , dalle iniziative per l’avvicinamento del pubblico alla danza contemporanea, alle pratiche di formazione del danzatore, fino ai processi di creazione coreografica e allo scambio di idee e prospettive culturali a livello europeo. La modalità online di trasmissione dell’evento consentirà agli utenti collegati da tutto il mondo di assistere agli appuntamenti in programma, ma anche di interagire in occasione degli incontri con coreografi, direttori, docenti, operatori ed esperti del settore. Ogni giornata del Festival si concluderà con la messa in onda di brani coreografici e performance appositamente ideate dai partner per l’occasione.

Progettato prima dell’esplosione della pandemia, CLASH! International Festival ha dovuto ripensarsi e modificare l’idea originale  di un evento itinerante nei luoghi centrali dello scambio europeo. “ Se pur on line, lo spirìto originario  di CLASH!  è rimasto intatto -ha puntualizzato  Letizia Gioia Monda , Sapienza di Roma, nel corso del suo intervento nella conferenza stampa sul web che ha illustrato il festival lo scorso 25 novembre.   Moderata da Carmelo Antonio Zapparrata, giornalista e critico di danza, la conferenza  ha visto la partecipazione dei rappresentanti delle sei compagnie coinvolte nel progetto:   Francesca Magnini - Artistic Director Balletto di Roma (IT);Letizia Gioia Monda - Docente Sapienza Università di Roma (IT); Francesca Billi - CLASH! international relations; Agnieszka Jachym - Dancer and Coordinator CLASH! Project Polish Dance Theatre (PL); Atanas Maev - General Manager Derida Dance Center/Art Link Foundation (BG); Ana Macara - Artistic Director Companhia de Dança de Almada (PT). “ Il Festival proporrà un vero e propro melting pot di stili e creatività- ha commentato Francesca Billi, mentre   Francesca Magnini ha sottolineato come " il Festival on line sia nato da uno scambio fra tutte le compagnie per trovare una soluzione ottimale".

CLASH! sarà anche l’occasione per discutere dell’impatto della pandemia sulla danza e le  performance: in programma, nell’ultimo giorno in calendario, una tavola rotonda per aprire un piano di confronto sul ruolo del digitale nell’attualizzazione delle attività legate alla danza e sulle opportunità offerte dai progetti europei per sostenere autori e performer. In chiusura verrà inoltre trasmesso un lavoro di video-danza, creato dal team della Sapienza di Roma, dedicato ai processi creativi “ibridi” utilizzati dai partner per convertire la pratica analogica in artefatti digitali.

Programma del Festival su #CLASHInternationalFestival: www.clashproject.eu 


Stampa