Suoni e ritmi dall’Argentina, canzoni folk e tango

Uno spettacolo intrigante e appassionante  quello di Soledad Villamil e Los Hermanos Macana: una  voce profonda  per cantare il folk argentino e il tango ironico e virtuoso dei fratelli Macana all’Auditorium   di Roma

di Ilaria Mandoli

Un vento argentino ha spirato su Roma: ritmi diversi, dal tango, milonga  ad altri altri sound  legati al  folklore  del paese sud americano, la tristezza, il canto d’amore,la passione,  l’allegria, e tante storie.

E’ quanto ha portato sul palcoscenico del Parco della Musica di Roma (31 maggio) la cantante  e attrice argentina  Soledad Villamil, per la prima volta nella capitale e per la prima volta nella veste di cantante  di tango e folklore  argentino, dopo aver pubblicato  due album da solista, uno nel 2007 “Soledad Villamil” e nel 2009 “ Morir  de Amor”. E performance nel mondo del cinerma  con il film “ Il segreto dei suoi occhi” di  Juan Josè Campanella, vincitore  del premio Oscar come miglior film straniero del 2010.  Una voce  solida e profonda nel canto, una voce dolce e comunicativa  nel presentare e spiegare  al pubblico  le sueinterpretazioni, brani classici e testi suoi. Insieme a lei, hanno acceso lo spettacolo i Los Hermanos  Macana ( Enrique e Guillermo De Fazio), una coppia di tangheri al maschile  che già si sono fatti apprezzare dal pubblico italiano nelle passate edizioni di Buenos Aires Tango, con i loro  virtuosismi freschi, vivaci e ironici.  Affiatato e partecipe il team dell’orchestra  composto da  Jose Teixido, direzione e arrangiamenti chitarra, Gerardo De Monaco, contrabbasso, Nicolas Perrone, bandoneista e fisarmonica, Juan Trasia, pianoforte, Augusto  Arganaraz, batteria e percussioni.


Stampa