Valzer, appuntamento a Vienna

Il valzer è di casa a Vienna e con il Capodanno si apre una intensa stagione di balli, eventi mondani  che si richiamano alla tradizione,   appuntamenti imperdibili anche per molti vip. Il calendario conta circa 450 eventi  e tra i  più amati e ricercati  tre balli  in particolare  tra gennaio e febbraio : il Ballo dell’Opera, dei Filarmonici, e il  Ballo dei Caffettieri

“La conferma di quanto sia presente il valzer viennese  nel dna degli austriaci si evince dal fatto che l’anno a Vienna  si chiude e si apre ballando sulle note del “Bel Danubio Blu”. E’ quanto ci racconta Brigitter Wilhelmer, responsabile dell’Ente Nazionale del Turismo Austriaco per  il centro Sud Italia, evidenziando come il ballo sia strettamente legato alla cultura viennese.  A   Vienna   il fantsmagorico ballo del Capodanno  non è  che l’inizio, perché  è da qui che prende il  via  la stagione dei balli, circa 450 l’anno,  appuntamenti mondani amatissimi dai viennesi dove si rispettano  le regole del grande ballo di un tempo: eleganza degli ospiti , rispetto per il dress code, omaggio per le dame, l'importanza del primo valzer e via con la musica...    Anche se i tempi sono cambiati  da quando il primo ballo segnava l’ingresso ufficiale in società di una giovane di buona famiglia, ancora oggi non c’é ragazza che non sogni di fare il suo ingresso in  un lungo abito bianco.

L'origine del valzer viene fatta risalire ad alcune danze popolari  della Germania meridionale che furono presto raffinate e  nobilitate dai tanti artisti -  a parte il ruolo unico giocato dalla famiglia Strauss – che si cimentarono nello  scrivere valzer, da  Beethoveen a Braahms, Chopin, Ravel, Schubert, Schumann, e naturalmente Lanner, l'iniziatore. Criticato all'inizio dai moralisti che vedevano  nella stretta dei partner qualcosa di lascivo, con l'aprirsi  del 1800 e un nuovo assetto politico internazionale il valzer  è arrivato  pian piano  alla Corte Imperiale, la passione si è diffusa  velocemente in città  e si  sono moltiplicate  le  occasioni per danzare e le sale da ballo. Fu con  il Congresso di Vienna (1814/15), che il valzer venne ufficialmente  accettato- di più - si mise ad affiancare  l’attività politica.  Con la morte di Lanner, fu Strauss  padre  a conquistare   l'Europa con la magia dei suoi valzer, e dopo la sua morte  il figlio Johan ereditò  e portò al massimo lo slancio e la creatività musicale. A lui si devono  200 valzer, 140 polke, 50 marce, 18 operette, un'opera e un balletto. Tra i suoi valzer il più celebre  Il Bel Danubio Blu.

La stagione delle danze

Dopo il Capodanno, la stagione delle danze di Vienna  raggiunge il culmine nel periodo del Carnevale, tra gennaio e  febbraio, ed è in questo periodo che si tengono gli eventi più attesi. Nel ricco carnet, sono  tre i balli che si contendono il titolo di più amati tra i viennesi: il Ballo dell’Opera, i Filarmonici, e il  Ballo dei Caffettieri.

Il Ballo dell’Opera, 27 febbraio 2014, ha luogo nelle sale dell’Opera di Stato di Vienna. E’ qui che ogni anno si incontrano personaggi della cultura, dell’economia e della politica sia austriaci sia internazionali per un evento che viene trasmesso addirittura in diretta dalla TV nazionale. Per l’occasione, la fastosa scalinata e l’atrio vengono decorati da lussureggianti composizioni floreali e migliaia di fiori ornano anche la sala da ballo. Solo tre sere prima  la location è generalmente  occupata da uno spettacolo  di opera lirica: immediatamente dopo che è calato il sipario, 600 addetti ai lavori iniziano ad adattare le sale, smontando le file di sedie in platea, e posando un parquet da ballo alla stessa altezza del palcoscenico che copre anche la fossa dell’orchestra.  E’ così può andare in scena il ballo con oltre 5.000 partecipanti, le signore in abito lungo, i signori in frac, le coppie di debuttanti tesissimi in attesa di superare con successo   le complicate coreografie della polonaise iniziale e del primo valzer( www.wiener-staatsoper.at).

Per molti viennesi il gioiello tra i balli non è il Ballo dell’Opera ma quello dei Filarmonici, in programma il 23 gennaio 2014. Questo evento  è un po’ più piccolo e ha una  presenza mediale  più ridotta, ma è  ugualmente frequentato da vip. Il ballo si svolge  in quella che molti definiscono la più bella sala da concerto del mondo, la Sala dorata del Musikverein, nota  per il Concerto di Capodanno  ( www.wienerphilharmoniker.at).

Molto apprezzato dai viennesi è anche il Ballo dei Caffettieri, 21 febbraio 2014, ovvero dei proprietari delle sale da caffè  viennesi, un altro mito della città.  Il gran  Ballo  ha luogo nelle sale della Hofburg (Palazzo Imperiale), compreso l’elegante attico con vista incomparabile sul centro storico. Con i suoi 6.000 partecipanti è il più grande dei balli esclusivi nel periodo del Carnevale e  il programma di apertura del Ballo dei Caffettieri non teme il confronto con il Ballo dell’Opera: gli abiti delle debuttanti sono altrettanto sfarzosi e anche qui si esibisce il balletto dell’Opera di Stato, accompagnato dall’Orchestra del Ballo dell’Opera ( www.kaffeesiederball.at).

Come  prepararsi  per partecipare in modo adeguato se ancora non si mastica ancora bene il valzer?   Per chi non si sente ancora pronto per affrontare il parquet, la tradizionale scuola di ballo viennese Tanzschule Elmayer, in pieno centro città, ha un’offerta interessante da proporre : il Walzer Jour Fixe, appuntamento con il valzer. Ogni sabato pomeriggio dalle 16 alle 17 qui si può imparare a ballare il valzer. Non è richiesta alcuna prenotazione e le lezioni si tengono in inglese  (http://elmayer.at/).

http://www.austria.info/it


Stampa