Pizzica: una lezione dal vivo con Malerba e U’Papadia

Pizzica, suonata e ballata, e tante radici culturali  che s’intrecciano nelle spiegazioni  dei passi e delle posture  nel corso “ Il ritmo che cura”, dalle origini  della taranta alla pizzica de core
(seconda parte)

Il tamburello  prima di tutto: da lì scaturisce il ritmo guida, il ritmo crescente  che  va a vestire il movimento dei piedi  ... più lenti, più veloci, piccole corsette, giri ,  battiti  ripetuti verso il pavimento, verso la terra “ come se sotto i piedi ci fosse una calamita”.
Comincia così  la lezione  di pizzica, tenuta da U’Papadia, cantautore e percussionista salentino (ultimo successo La  Peronospera), e un’attività didattica quindicennale di tamburello e danza, e da Francesca Malerba, salentina di Galatina, ballerina di pizzica fin da bambina e appassionata danzatrice di danze etniche, nell’ambito del corso da loro ideato dal titolo significativo ed evocatore “ Il ritmo che cura” (ogni mercoledì,   Parco Tirreno sull’Aurelia, e un nuovo corso dall'8 marzo tutti i giovedì dalle 20.30 alle 22.00 presso LA CAVA Associazione Culturale
via degli Scipioni 237 - Roma - metro Lepanto.Presentazione il 3 marzo alle 17,30
).

Un insieme di passi, di esperienze vissute, di racconti, di richiami alla cultura salentina e non solo,  spaziando  anche su altri universi culturali nei quali si possono rintracciare  affinità, legami, influenze.  Così,  nel ricordare  il rito   della guarigione delle tarantate, vengono richiamate  le teorie di Luigi Stifani, barbiere e musicista salentino  che ha realizzato tante guarigioni individuando in  ogni tarantata il ritmo giusto per la liberazione , e che  accompagnò Ernesto De Martino in occasione della sua ricerca sul tarantismo negli anni cinquanta.  Mentre  si citano anche  esperienze di guarigione similari per alcune donne, a suon di musica e a pagamento, praticate in Egitto, testimoniate dallo stesso U’Papadia.  O quando,  nella spiegazione del giro  della pizzica, momento clou  della fase curativa e momento importante anche nella pizzica de core, si fa riferimento alla magia e mistero del giro  dei dervisci. Passando, poi,  alla pizzica de core o di corteggiamento,  emerge tutto un  retaggio   popolare  di grande rilevanza andando a figurare in un cerchio immaginario  la femminilità, la ritrosia, la civetteria,  l’allontanamento dall’uomo se si fa troppo incalzante…” senza mai perderlo di vista per evitare  che si rivolga a un’altra donna”.

Spontaneità, naturalezza, nessun obbligo di precisione assoluta ma obbedienza a un ritmo antico e ai suoi significati:  queste le regole  di una danza  nata nei campi, negli spazi aperti,  nelle piazze e che è stata anche terapia liberatoria. “ Una danza che non aveva canoni, né tanto meno stili, solo il ritmo del tamburo dettava legge..e nei giorni di festa  si potevano dimenticare i pensieri, e con quel ritmo la gente parlava la propria lingua - come   ripete  Francesca Malerba. Mentre musica e danza  travolgono gli allievi.        

Per  informazioni sui corsi e sugli stage (una domenica al mese)  al  Centro Mocobo  (Piramide Cestia)  cell. 338 6814889
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
facebook.com/upapadia

Articoli correlati: Danze Popolari, C'era una volta la pizzica (prima parte); Eventi, "U'Papadia, la musica che scuote"; Paesindanza, La Pizzica simbolo del Salento

Video correlato in Video Gallery



Stampa