Occit’amo 2020, suoni , danze e tradizioni dell’Occitania. Palcoscenico le valli

Nonostante il lockdown, sesta edizione per Occit’amo 2020 , festival che segna l’estate nelle Terre del Monviso, porta orientale dell’Occitania, 'area storico-geografica dell'Europa, non delimitata da confini politici, sviluppatasi in una larga parte della Francia meridionale, e zone limitrofe nelle odierne Italia e Spagna. Il Festival Occit’amo, nato nel 2015, va in scena dall'11 luglio fino al 15 agosto, e rappresenta una grande occasione per affermare, attraverso la cultura e la musica, l’identità e la tradizione della storia di queste terre.

 Il Festival si è sviluppato all’interno del progetto di territorio TERRES MONVISO, che tutt’oggi lega le Unioni Montane di Valle Stura, Grana, Maira, Varaita, Po e Infernotto, i Comuni della Pianura Saluzzese – Lagnasco, Manta, Moretta, Saluzzo e Verzuolo, i BIM di Po, Varaita e Maira/Grana ed il Parco del Monviso. La Direzione Artistica è affidata a Sergio Berardo, leader dei Lou Dalfin e anima della riscoperta della musica occitana, e che con un ricco programma ogni anno conduce in un vero e proprio viaggio. Quest’anno il festival si ripropone in formula live ,ma rispettosa delle disposizioni governative, della sicurezza di tutti, e ancor prima, e da sempre, rispettosa dei luoghi e della loro identità. Occit’amo è infatti un festival radicato, già presente nelle abitudini del territorio e dei numerosi appassionati, sostenibile dal punto di vista del territorio e della formula. Palcoscenico del festival sono le valli montane, ampie e accessibili: distanziamento e sicurezza sono garantiti. “ Non è stato necessario, quindi, cambiare rotta- sottolineano gli organizzatori. Territorio e musica si stringono in un abbraccio sfoderando un patrimonio ricco di tradizioni e cultura  tra concerti, teatro, laboratori, stage di danza ,  passeggiate.... Protagoniste assolute sono le valli alpine ai piedi del “Re di Pietra”, il Monviso, riunite in un unico progetto di promozione territoriale che va sotto il nome di Terres Monviso: Valle Stura, Valle Maira, Val Varaita, Valli Po Bronda e Infernotto, Valle Grana e tutta la pianura che si estende intorno a Saluzzo, capitale dell’antico marchesato.

Il Festival 2020 è stato preceduto da alcuni appuntamenti “ per stuzzicare l’appetito “. Il 20 giugno scorso si è svolta una passeggiata al Parco Roccerè, con la compagnia del duo occitano La Bandia, musiche rituali, con Sergio Berardo (bodega, cornamusa occitana) e Riccardo Serra (tamborn, tamburo occitano). Dal 17 giugno, poi, appuntamento con la danza on line sul profilo Facebook di Occit’amo, con Daniela Mandrile e Sergio Berardo, presentando balli della tradizione occitana che non prevedono il contatto fisico e che potranno essere ballati in occasione dei concerti estivi del festival: la matellotte bearnese, il rigodon del delfinato, la borreia (burrée) a 2 e a 3 tempi, la santiera..... Infine, il Passa Charriera, I Passa Strada dei Mercati cittadini, che dal 29 giugno hanno raccontato Occit’amo nei principali mercati cittadini, con melodie e poesie lingua d’oc, anticipando gli appuntamenti della manifestazione. E il 9 luglio anteprima a Saluzzo , con Ginevra di Marco, Lucho e noi, omaggio a Luis Sepulveda, in collaborazione con Associazione Ratatoj,con Francesco Magnelli, Andrea Salvadori e ospite Massimo Zamboni.

 

Il programma

Valle Stura

Sabato 11 luglio 2020

ore 15.30 V. Martiri e Caduti per la Libertà, Demonte _ L’Unione Montana Valle Stura presenta STORIE D'OC Laboratori di lettura ad alta voce intorno alle tradizioni occitane  ore 17 Spazio Polivalente – Arena Esterna, Piazza Renzo Spada, Demonte stage danza Destacha la dança con DANIELA MANDRILE -Prenotazione al 339 7950104

 ore 21.30 Parco Borelli, Via Gerbido, 2, Demonte  Lhi Balòs : propongono un'originale patchanka, segno di vitalità culturale e apertura al mondo. Attivi dal 2006, portano il loro progetto su palchi importanti di Italia e Francia fino ai Pirenei. L'incontro dello ska, del reggae e del balcan-folk, genera un mix esplosivo di musica festosa che trasporta il pubblico in uno spettacolo coinvolgente di vero "marasma controllato".

 Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Domenica 12 luglio 2020

ore 14.30 Pietraporzio – Borgata Pontebernardo

DESTARTAVELHA’ ,passeggiata musicale Rota de Son Laura Bagnis Ghironda, Organetto, Flauti Vittorio Grosso Ghironda Michela Giordano Cajon, Chitarra, Percussioni, Voce Alessandro Diano Basso Elettrico, Organetto Alessio Carletto Fisarmonica, Cornamusa Beatrice Spalenza Flauti Ghironda Flavia Barale Flauti Percussioni Si chiamano Lhi Destartavelà, gli “scavezza collo”. Amano farsi trasportare dalla musica e non pensare ad altro!  Sono nati "ufficialmente" nel luglio 2008. Si sono conosciuti frequentando le lezioni ed i saggi organizzati da Sergio Berardo, Simonetta Baudino e Simone Lombardo. In comune hanno la voglia e il piacere di suonare la musica tradizionale occitana con qualche inserzione personale (alcuni pezzi sono di loro composizione) e usano gli strumenti della tradizione - organetto diatonico, ghironda, flauti, galobet, piva, cornamusa - miscelati con strumenti "moderni" come il basso elettrico e il cajon. Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

 

– ore 18 Teatro - Valloriate ASSEMBLEA TEATRO presenta "L'uomo che piantava gli alberi" con Gisella Bein ingresso gratuito .Nel pomeriggio passeggiata alla scoperta del Castagno – info Unione Montana Valle Stura Valle Maira

 

Venerdì 17 luglio 2020

 ore 21.30 Borgata Chiesa, Piazzetta del comune, Tensostruttura - Celle Macra SERGIO BERARDO CAVALIERS, GIGANTS E LA BEATA - storie e glorie d'Occitania nelle canzoni di SERGIO BERARDO con Carlo Revello - basso Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

SABATO 18 luglio 2020 -

Dalle ore 17 Struttura polivalente - San Damiano Macra stage Destacha la dança con DANIELA MANDRILE

Prenotazione al 339 7950104

 ore 17 - San Damiano Macra Locanda il Campo della Quercia Laboratorio EUPHYTOS presenta Profumo delle erbe officinali, essenze del territorio Iscrizione obbligatoria al numero 329 1480685 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

21.30 Piazzetta Comunità Montana, Via Torretta, 9 - San Damiano Macra TERES AOUTES STRING BAND. Il gruppo   nasce da un’idea di Mario Poletti, mandolinista ben noto per la sua intensa attività artistica con i Lou Dalfin, e Fabrizio Carletto, bassista con alle spalle una lunga esperienza non solo in ambito trad ma anche al fianco di artisti come Michele Gazich e Massimo Priviero, i quali hanno unito le forze con Diana Imbrea (violino) e Oreste Garello (chitarra) per dar vita ad un originale progetto musicale volto a rileggere i canti e le danze della tradizione musicale delle Alpi Occidentali, esaltando le potenzialità espressive degli strumenti a corde. Dopo aver rodato dal vivo il repertorio, il gruppo ha recentemente dato alle stampe il suo album di debutto “Lo rock’n roll de la moutagna” nel quale si coglie non solo tutta l’energia e l’intensità dei loro live act, ma anche la loro capacità di reinterpretare i suoni e le melodie popolari, attraverso una cifra stilistica contemporanea nella quale si intrecciano roots-rock e folk anglosassone. Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

 

Domenica 19 luglio 2020 -

ore 16 Piazza del Comune - Canosio La musica occitana apre l’incontro letterario con ENRICO CAMANNI in collaborazione con il Festival BORGATE DAL VIVO Enrico Camanni, nato a Torino nel 1957, è approdato al giornalismo attraverso l’alpinismo. È stato caporedattore della Rivista della Montagna e fondatore-direttore del mensile “Alp” e del semestrale internazionale “L’Alpe”.Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.borgatedalvivo.it

LOU PITAKASS : sono un gruppo di ragazzi da 16 ai 19 anni nato nella primavera del 2012 che fa musica tradizionale occitana, con rivisitazione personale del repertorio.Tutti allievi della scuola di Sergio Berardo coinvolgono il pubblico con ritmi grintosi e ricchi di energia. Il gruppo è formato da Arnaudo Gabriele (organetto), Davide Bagnis (batteria), Daniele Mauro (basso), Declementi Luca (organetto, voce, fifre, cornamusa), Giraudo Loris (organetto, ghironda). Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.borgatedalvivo.it

 

PIANURA

Giovedì 23 luglio 2020 -

ore 18.00 Castelli Tapparelli D’Azeglio – Lagnasco / Giardino delle Essenze EUPHYTOS presenta Profumo delle erbe officinali, essenze del territorio Iscrizione obbligatoria al numero 329 1480685 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 ore 21.30 Castelli Tapparelli D’Azeglio - Lagnasco CHARAMALHATOMICA _ LOU DALFIN + BANDAKADABRA  si troveranno sullo stesso palco quest’anno ad Occit’amo Festival per reinterpretare alcuni brani del repertorio del gruppo occitano, fondendo le anime e le tradizioni di queste due formazioni.

LOU DALFIN ,fondato da Sergio Berardo, nasce nel 1982 con l’obiettivo di rivisitare la musica tradizionale occitana. Una "line-up" acustica (ghironda, fisarmoniche, violino, plettri, clarinetto, flauti) e un repertorio di brani storici e popolari – sia strumentali che vocali - caratterizzano il percorso artistico della formazione originaria. Dopo uno stop di 5 anni, Lou Dalfin "resuscita" nell'autunno del 1990: Sergio riunisce attorno a sé vari musicisti delle più diverse estrazioni musicali - folk, jazz e rock. L'inizio di questa seconda esperienza ha rappresentato il naturale momento di transizione del gruppo dalla formula acustica a quella attuale. Accanto agli strumenti più tipici della tradizione - vioulo, pivo, armoni a semitoun, pinfre, arebebo, viouloun, ecc. – vengono introdotti basso, batteria, chitarra e tastiere. È il nuovo suono dei Lou Dalfin che cela un ideale e un fine esplicito: rendere la tradizione occitana fruibile dal maggior numero di persone, perché le radici culturali di pochi divengano patrimonio di tutti. Nel 1991 esce “W Jan d’l’Eiretto”, il disco testimone del nuovo corso. Uno dei momenti più importanti dell’intera storia di Lou Dalfin arriva nel 2004 con l’uscita de “L’Oste del Diau” che ottiene la Targa Tenco per il miglior album in dialetto, lo stesso premio assegnato per la prima volta a Fabrizio De André con “Creuza de ma”. È l’inizio di un ulteriore nuovo corso che vede Berardo e soci prestare una maggiore attenzione alla canzone d’autore pur senza abbandonare la consueta energia. Nel 2007 Lou Dalfin festeggia i 25 anni di attività e fa uscire “I Virasolelhs”, secondo capitolo di quella che si potrà definire una trilogia. Come già avvenne per “L’Oste del Diau” è di nuovo il fumettista di scuola Bonelli Luca Enoch a disegnare la copertina. Dopo 34 anni di carriera, 12 album realizzati, un impressionante numero di collaborazioni e più di 1300 concerti, Lou Dalfin si sta dedicando alla nuova avventura discografica “Musica Endemica” che ha visto la luce il 1 aprile 2016.

BANDAKADABRA nata a Torino, la Bandakadabra vanta una frenetica attività liveche l'ha portata a esibirsi sia in Italia che nel resto d'Europa e a guadagnarsi una crescente attenzione da parte degli appassionati, grazie a una combinazione riuscita di musica e cabaret e a uno spettacolo capace di conquistare qualsiasi tipo di pubblico. Dall'Edinburgh Jazz & Blues FestivalaChalon dans le rues, passando per Jazz sous le pommiers, l'Udin Jazze il Premio Tenco, in soli quattro anni la Bandakadabra si è esibita centinaia di volte in tutta Europa, tra manifestazioni musicali, teatri, rassegne di strada, affermandosi come una realtà artistica unica nel suo genere. Con la pubblicazione del disco-live Entomology Vol I, il gruppo inizia a diffondere la propria musica anche sui network radiofonici nazionali e internazionali. Oltre a essere "disco della settimana" su Fahrenheit(Radio Rai Tre), Entomology vol. I viene trasmesso da Battiti(Radio Rai Tre), L'altra Europa, e in svariate trasmissioni in giro per il mondo: dagli Stati Uniti (Splinter and candy, WKR) alla Repubblica Ceca, dalla radio nazionale svizzera, (Tenera è la notte,Rsi) a quella serba (Rts), finendo per essere incluso in diverse compilation di ska e rocksteady.

Ingresso € 12 – prevendita disponibile su MAILTICKET.IT Biglietti omaggio, Bambini sino a 10 anni, Disabili con accompagnatori / chiamare direttamente in Fondazione Amleto bertoni al numero 0175 43527 *I posti a sedere, stante la nuova regolamentazione, saranno ovviamente più distanti dal palco di quanto avveniva in passato – teniamo a sottolinearlo perché sia chiaro al pubblico che interverrà

Venerdì 24 luglio 2020 -

ore 21.30 Palazzo Drago - Via Guglielmo Marconi, 13 - Verzuolo

I POLIFONICI DEL MARCHESATO, gruppo nato   nel 1986 a Saluzzo,  ha, al suo attivo, oltre 500 concerti ed è formata da oltre 50 elementi. Tra i palchi più prestigiosi sui quali il coro si è esibito, ricordiamo:la Basilica Superiore di S. Francesco ad Assisi, il rifugio Quintino Sella (2640 m. slm), la Basilica di S. Giacomo e la Basilica SS. Apostoli a Roma, il Teatro Ariston di Sanremo, il Teatro Regio di Torino, Palazzo Vecchio a Firenze, il Palazzo della Gran Guardia e l’Arena a Verona, le città spagnole di Valencia e Barcellona, quelle francesi di Mentone, Lione, Marsiglia, quella tedesca di Heidennhaim, oltre a moltissimi capoluoghi delle varie regioni d’Italia e, naturalmente, la città di provenienza: Saluzzo, dove è molto stretta la collaborazione con il Comune e con la Diocesi.

Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Sabato 25 luglio 2020

- ore 17:30 e 18:30 Cascina Aia - Manta Laboratori ludico-educativi realizzati con l’utilizzo di canti, movimento strutturato ed espressivo, strumentario convenzionale e non, attraverso la musica.

CARTABAND – Come creare un’orchestra che suona solo strumenti di carta? Costruendo una cartaband, per una esplorazione sonora ricca di fantasia, ingegno e senso del ritmo! - Età: 6-11 anni, massimo 8 partecipanti per gruppo - necessario arrivare 15 minuti prima dell’inizio Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA al numero 0175 - 567840

 ore 21.30 Cascina Aia - Manta CINECAMPER di Nuovi Mondi Festival FUNNE 74’, Italia, 2016, Regia di Katia Bernardi  Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

 

Domenica 26 luglio 2020 -

 

ore 17.30 Ala – Porta Santa Maria, Busca stage danza Destacha la dança con DANIELA MANDRILE Prenotazione al 339 7950104

 ore 21.30 Piazza Diaz - Busca PAOLO GERBELLA , cantautore genovese. Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

 

Lunedì 27 luglio 2020

- ore 21.30 Piazza Montebello 1 - Saluzzo -In collaborazione con FESTIVAL BORGATE DAL VIVO ANDREA SCANZI in E PENSARE CHE C’ERA GIORGIO GABER Di e Con: Andrea Scanzi Musiche e arrangiamenti: Filippo Graziani Regia: Simone Rota Lo spettacolo si incentra sul Giorgio Gaber teatrale, quello che ha il coraggio di uscire dalla tv e che entra con Sandro Luporini nella storia. Tutto nasce da un’idea di Andrea Scanzi, gaberiano doc; giornalista e scrittore aretino che si è laureato ad Arezzo nel 2000 su Gaber, De André e i cantautori di quella generazione.Lo spettacolo ha il patrocinio della Fondazione Giorgio Gaber. Ingresso € 12 –

 

VALLE VARAITA

Giovedì 30 luglio 2020

ore 21.30 Piazza Caduti - Venasca CINECAMPER di Nuovi Mondi Festival LA GRAND – MESSE Valéry Rosier, Méryl Fortunat-Rossi Belgio, Francia / 2018 / 70' - DOCUMENTARIO Un film sui tifosi che vengono ad applaudire il Tour de France Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Venerdì 31 luglio 2020 - ore 21.30 Parrocchiale San Massimo - piazzetta - Isasca Concerto FAIA Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Sabato 1 agosto 2020

Rifugio Meira Garneri - Sampeyre Happening musicale firmato SUONI DAL MONVISO Per info e iscrizioni  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o  3493282223 o 3493362980 Possibilità di pranzare, su prenotazione, presso il rifugio Meira Garneri, per info 0175.977181 Le iscrizioni si chiudono giovedì 30 luglio alle ore 20 Sabato 1 agosto 2020 -

ore 17 Casermette – Casteldelfino stage danza Destacha la dança con DANIELA MANDRILE Prenotazione al 339 7950104

ore 21.30 Casermette – Casteldelfino CHIARA CESANO E ROBY AVENA IN DUO Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Domenica 2 agosto 2020

- ore 6.30 Rifugio Melezet – Bellino DUEA concerto all’alba Aubada Chiara (classe 1985) e Sara (classe 1994) sono unite non solo dal legame di sangue ma anche da una forte passione per uno strumento: il violino. Decidono di unirsi per la prima volta per suonare insieme, partendo proprio dalle loro origini, da quel rivolo che dà il nome al duo, per proporre un viaggio nella musica popolare.  Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

 ore 10 Locanda Enventoour – Bellino EUPHYTOS presenta Profumo delle erbe officinali, essenze del territorio,  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. A seguire pranzo a base di erbe presso la Locanda Enventoour, prenotazioni: 0175.956422, 338.2461123.

ore 11 Pontechianale, loc. Villaretto Alevè e il Segreto del Bosco Cembro,  visita teatralizzata per famiglie con bambini, con breve passeggiata naturalistica. Attività gratuita con prenotazione obbligatoria in collaborazione con il Progetto Interreg Alcotra

VALLI PO BRONDA INFERNOTTO

Venerdì 7 agosto 2020

dalle ore 17.30 – 18.30 Parco Lungo Po – Paesana Laboratori ludico-educativi realizzati con l’utilizzo di canti, movimento strutturato ed espressivo, strumentario convenzionale e non, attraverso la musica. IN VIAGGIO CON GIOVANNINO PERDIGIORNO - Partendo dal celebre Giovannino Perdigiorno di Gianni Rodari. 

ore 21.00 Lungo Po – Paesana SONADORS Concerto. "Sonadors" è un gruppo di musicisti che propongono la musica tradizionale della Val Vermenagna e la musica tradizionale occitana in chiave alternativa. Roberto Avena - Fisarmonica Cromatica, Dario Avena - Clarinetto, Michela Giordano - Pecussioni e Voce, Fabrizio Carletto - Basso e Contrabbasso. Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Sabato 8 agosto 2020 -

ore 17 Bagnolo Piemonte – Sagrato della Chiesa, Località Montoso CALA CIMENTI incontro letterario in collaborazione con FESTIVAL BORGATE DAL VIVO SDRAIATO IN CIMA AL MONDO LA MIA STORIA DALLA VETTA DEL NANGA PARBAT ALL'INFERNO DEL GASHERBRUM 

ore 21 Ex Officina Ferroviaria – Via Assarti, Barge LOU SERIOL : nato nel  1992 come gruppo di musica trad ,Lou Seriol è diventato nel corso degli anni una delle band più longeve e conosciute del panorama della nuova musica tradizionale occitana. Dai primordi acustici alla formazione attuale il fil-rouge è quello della trad-innovazione rigorosamente in lingua d’Oc. Organetto diatonico, auti, voci vengono affiancati dai ritmi delle ballate occitane e il tutto viene rivisto e stravolto fondendo sonorità antiche con l’attualita pop e rock del tempo. Le influenze richiamano la pachanka, il reggae, il punck il mix risulta esplosivo e coinvolgente. Brani tradizionali come “Au pont de Mirabel” diventano ballad storiche e nuove composizioni come “Laiseme” si annoverano come uno dei classici della nuova musica di composizione occitana. i Lou Seriol hanno appena pubblicato il nuovissimo disco di inediti “Occitan”. Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Domenica 9 agosto 2020

- ore 6.30 Rifugio pian della Regina - Crissolo AUTRE CHANT concerto all’alba  Il gruppo Aubada  nasce in Val Susa, a pochi chilometri da Torino nel 2011 dall’incontro dei fratelli Rizzo e Alessandro Strano. Nel 2014 si uniscono Alessandro Zolt con vari strumenti folk e Erica Fazion al violino, e infine nel 2015 avviene la svolta elettrica con Martina Sangrali al basso e Giancarlo Abaldo alla batteria. Dopo un primo disco autoprodotto uscito nel 2016 subentra Ivano Roberto alla batteria. Gli Autre Chant si propongono come una nuova espressione dello spirito Folk Rock Occitano che già ha dato vita negli anni passati a svariati gruppi di fama nazionale e internazionale... Vengono mescolati i classici canoni della musica occitana, celtica e del balfolk con quelli del Punk, Reggae e Rock and Roll puntando così sulla grande varietà degli strumenti folk tradizionali, affiancati con pari importanza di suono degli strumenti più elettrici ed "eretici". La formazione attuale è composta da Matteo Rizzo (Chitarra elettrica e Voce), Alessandro Zolt (Fisarmonica, Cornamusa, Ghironda, Flauti), Giorgio Damiano (Violino), Martina Sangrali, (Basso elettrico), Ivano Roberto (Batteria). Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

ore 11 Rifugio Pian della Regina - Crissolo stage danza Destacha la dança con DANIELA MANDRILE Prenotazione al 339 7950104 -

ore 18 Chiesa Parrocchiale – Brondello SIMONETTA BAUDINO Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

VALLE GRANA

Giovedì 13 e venerdì 14 agosto 

dalle ore 10 Bocciofila - Monterosso Grana / Ex Mulino Gallina - Pradleves stage di strumenti della tradizione occitana e Destacha la dança in collaborazione con ESPACI OCCITAN

 

ore 16 Rifugio Fauniera - Castelmagno,  Bataclan è il nome della fanfara fondata e diretta dal maestro Dino Tron. Laboratorio permanente di cornamuse d'oc e banda da strada di cornamuse d'oc- Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it

Sabato 15 agosto 2020 -

ore 16 Pradleves - Via Vittorio Nazzari, 3 – Abrì (nuovo centro Polifunzionale/Palazzetto del Ghiaccio) Ferragosto Occitano concerto LOU DALFIN + LA GRANDE ORCHESTRA OCCITANA. Come gli antichi “trovatori” erano soliti esibirsi facendo da ambasciatori delle prime culture europee, i Lou Dalfin cantano nella tradizionale lingua “d’Oc” e portano la cultura occitana in giro per il mondo. Con Lou Dalfin le valli d’Oc non sono più l’estremo lembo di una cultura asettica ma hanno riacquistato la loro funzione storica tradizionale: l’essere ponte. Ingresso gratuito – prenotazione OBBLIGATORIA sul sito www.occitamo.it


Stampa