LA FRECCIA DEL SUD, una nuova esperienza musicale... il sud lontano dal sud...

Tempi sospesi ...ma le storie più intime di ognuno di noi, le sensazioni ed emozioni traducibili in suoni e musiche continuano ad affiorare e a uscire alla luce. Ed è così che quattro nomi e volti noti della musica popolare italiana - Vittoria Jaya Agliozzo (Synanthisi, Banda Corapi), Maria Piscopo (Progetto Sanacore, Vulcana, A Paranza r'o Lione), Mico Corapi (Banda Corapi, Synanthisi, Re Niliu, Antiche Ferrovie Calabro-Lucane) e Francesco Salvadore (Unavantaluna, Vulcana!)- hanno dato vita a un nuovo progetto e laboratorio artistico dal nome evocativo , La Freccia del Sud.

Il progetto è ispirato  alla  emigrazione che negli anni 80 spingeva tanti giovani e meno  giovani a raggiungere il nord ,per motivi di lavoro e studio, prendendo il treno simbolo di questa nuova emigrazione, la Freccia del Sud,  che dal profondo della Sicilia viaggiava per chilometri e chilometri fino a raggiungere Milano e Torino, portando con sé l'immensa ricchezza e umanità di migliaia e migliaia di meridionali, in gran parte siciliani, calabresi e campani. Oggi non esiste più, si viaggia in aereo, in auto o con l’Alta velocità, e questo treno è diventato un simbolo di questa emigrazione , portando con sé un patrimonio di ricordi .

Ed è proprio a questa epopea  si sono ispirati questi artisti che hanno realizzato, come sottolineano loro stessi ,qualcosa di più di un laboratorio musicale “perchè abbiamo tutti  in comune fra di noi  e con quelle migliaia di meridionali di cui sopra la sorte di averlo preso, quel treno, decine e decine di volte, lasciando la propria terra per raggiungere le città lontane del Nord. Il lavoro, lo studio, la fuga, il grande salto...E i Sud che si abbandonavano sembravano dimenticati, accantonati, spariti....”

Mentre l'emigrazione storica è stata ampiamente indagata e documentata- spiegano ancora i responsabili del progetto- questa emigrazione interna degli ultimi trenta quarant'anni non lo è mai stata abbastanza. Finché, come per incanto, a Roma, a Firenze, a Milano, a Torino, schiere di giovani meridionali, lungi dall'essersi completamente assimilati ai luoghi che avevano raggiunto, hanno iniziato negli ultimi decenni a manifestare sempre più apertamente il bisogno, l'urgenza, la necessità di riappropriarsi della propria cultura d'origine, delle proprie magnifiche lingue, delle proprie musiche, dei propri canti, delle proprie danze, dando vita ad un movimento di riscoperta, rinascita e riscrittura della musica tradizionale del Sud Italia per la prima volta lontano dalla propria culla natale”.

Tante le storie e i racconti in musica, dunque, che ci porterà LA FRECCIA DEL SUD, costruendo una nuova vicenda artistica , riassumendo tutte quelle esperienze che dagli anni '80 ad oggi hanno fatto “balenare il SUD lontano dal SUD”,  e facendoci rivivere timori , nostalgie, amori e dolori.

Era già buio quando arrivava in stazione. Lampi giallo oro nel blu della notte di fine estate. A fatica issavo la valigia strapiena di roba per l'autunno e il borsone con i limoni, il pepato, il vino e l'olio sul vagone altissimo, iniziavo a cercare un posto per sedermi e passare la notte e ovunque sorrisi e parlate amiche; intanto l'odore di acciaio surriscaldato si mischiava all'indicibile malinconia, all'adrenalina, al fischio del treno, alle lacrime, al coro degli amici, alla finestra illuminata della stanza di mia madre in lontananza... e poi quel canto nella carrozza appresso, come venisse da un passato antico, sempre il medesimo, epico, straziante, che mi bucava il petto come una FRECCIA DEL SUD”.

Contatti

Maria Piscopo Tel/Wathsapp +39 347 0915 345 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. La Freccia del Sud FB La Freccia del Sud-

Video trailer: https://www.youtube.com/watch?v=UlDmrcyQH64


Stampa