Balletti di Montecarlo, danza d’autore al Principato di Monaco. Da aprile la nuova stagione. La nascita di BMCStream

La primavera nel Principato di Monaco si presenta viva più che mai confidando nella forza della cultura. "Senza cultura sono in gioco la vitalità e la resilienza del nostro spirito" sostiene S.A.S il Principe Alberto II di Monaco, sottolineando l'importanza della cultura come bisogno vitale e strumento di svago ed evasione per uscire dall’isolamento della mente. Una delle perle del Principato è la compagnia dei Balletti di Montecarlo, istituita nel 1985 da Carolina, Principessa du Hannover, su desiderio di sua madre , la Principessa Grace.

La compagnia, da aprile , riprenderà la sua stagione di danza , sempre sotto l’egidia di S.A.R la Principessa Carolina. Dal 16 al 18 aprile, dal 23 al 26 aprile e dal 1 al 3 maggio la compagnia di Jean-Christophe Maillot tornerà sulle mezze punte nel prestigioso contesto della Salle des Princes del Grimaldi Forum, con gli spettacoli COPPÉL-I.A., Lac e Le Songe. Intanto, in risposta al Covid e al bisogno di superare le barriere geografiche, Jean-Christophe Maillot ha annunciato la nascita di BMCstream, una piattaforma pensata per permettere al pubblico di tutto il mondo di connettersi e scoprire il valore della cultura e dell’arte in un momento in cui viaggiare è più difficile. La piattaforma presenta una selezione di video-on-demand, opzioni di abbonamento e pay per view, e una visione interattiva grazie a una multicamera (www.bmcstream.com).

La piattaforma è stata originariamente creata in risposta alla crisi COVID che abbiamo affrontato all'inizio di quest'anno, per consentire ai nostri spettatori in tutto il mondo di starci vicino - le parole di Maillot- “ Ma non vuole essere un sostituto per i nostri spettacoli dal vivo, perché niente su uno schermo può replicare un'esperienza dal vivo, ora o mai. Invece, vogliamo creare uno spazio in cui il pubblico possa interagire con i nostri video, scegliere come vogliono guardarli con la nostra nuova funzionalità unica, un dispositivo multi-camera”. Tra gli spettacoli che hanno inaugurato la piattaforma ai primi di gennaio 2021,lo spettacolo di spettacolo di Jean-Christophe Maillot Core Meu ,con la musica del salentino Antonio Castrignano, andato in scena a fine dicembre presso il Forum Grimaldi di Monte Carlo.

La danza ha radici antiche in quel di Monaco, e tutto ebbe inizio con i “ Balletti Russi” quando ai primi del 900 Sergei Diaghilev , che presentò per la prima volta a Parigi i suoi Balletti russi, scelse Monaco come sede dei suoi laboratori per due decenni. Diaghilev e i suoi collaboratori riformarono il balletto dell’epoca in tutte le sue forme, ma alla sua sua morte, 1929, la compagnia prese altre strade per scomparire definitivamente nel 1951. Fu nel 1985 che fu istituita l’attuale Compagnia dei Ballets de Monte-Carlo per volontà di S.A.R. la Principessa di Hannover al fine di dare ampio risalto alla tradizione monegasca della danza. La nuova compagnia inizialmente fu diretta da Ghislaine Thesmar e Pierre Lacotte, poi da Jean-Yves Esquerre. Nel 1993 S.A.R. la Principessa di Hannover ha affidato la direzione dei Ballets de Monte-Carlo a Jean-Christophe Maillot. Forte di un’esperienza come ballerino acquisita con Rosella Hightower e John Neumeier, e come coreografo- direttore del Centre Chorégraphique National de Tours, Jean-Christophe Maillot ha impresso una svolta alla compagnia, per la quale ha creato più di 30 balletti, molti dei quali sono entrati nel repertorio delle grandi compagnie internazionali. I Ballets de Monte-Carlo sono richiesti in tutto il mondo grazie alle opere emblematiche di Jean-Christophe Maillot , fra cui Vers un pays sage (1995), Roméo et Juliette (1996), Cendrillon (1999) La Belle (2001), Le Songe (2005), Altro Canto (2006), Faust (2007) e LAC (2011).Jean-Christophe Maillot, inoltre, ha arricchito il repertorio della compagnia invitando anche coreografi emergenti a lavorare con i 50 ballerini dei Ballets de Monte-Carlo. Nel 2000 Jean-Christophe Maillot ha creato il Monaco Dance Forum, vetrina internazionale della danza che propone una miriade di spettacoli, mostre, laboratori e conferenze.

Incastonato nell’area sud-orientale della Francia, a 12 km dal confine italiano, il Principato di Monaco accoglie ogni anno oltre cinque milioni di visitatori. Turisti da tutto il mondo, sia per business che per leisure, partono alla scoperta dei luoghi più iconici della destinazione, come il Palazzo dei Principi, il Museo Oceanografico, la Cattedrale, il Giardino Esotico, il Nuovo Museo Nazionale e tanti altri.La città –stato monegasca è il punto di riferimento di eventi internazionali di grande prestigio, come il Ballo della Rosa, il Gran Premio di Formula 1, il Rally di Monte Carlo, il torneo di tennis Monte-Carlo Rolex Masters, oltre a manifestazioni culturali di altrettanto valore che vanno dagli appuntamenti con l’Orchestra Filarmonica, ai Balletti di Monte Carlo fino all’Opera. Paradiso per gli amanti del divertimento, il Principato di Monaco offre un’ampia scelta di discoteche, bar e concerti di musica dal vivo per soddisfare i gusti dei viaggiatori più mondani.

http://www.balletsdemontecarlo.com/

https://www.visitmonaco.com/it

Credit foto Danza Alice Blangero


Stampa