Omaggio ad Astor Piazzolla con il film “ Rivoluzione Tango”. Evento in streaming l’11 marzo dell’Ambasciata della Repubblica Argentina

In concomitanza con il Centenario della nascita del grande genio argentino Astor Piazzolla, tra i musicisti più importanti del XX secolo che ha rivoluzionato per sempre la storia del tango, superando contrasti e critiche da parte dei puristi, EXIT Media , distributore del film documentario “Piazzolla Rivoluzione Tango , regia Daniel Rosenfeld, aderisce alle celebrazioni patrocinate dall’Ambasciata de la Repubblica Argentina in Italia.

Il prossimo 11 marzo 2021 , l'Ambasciatore Roberto Carlés omaggerà la figura di Astor Piazzolla incontrando in diretta streaming Daniel Rosenfeld, regista e produttore del film dedicato al grande musicista (tit. originale: "Piazzolla, los años del tiburón"). Il film franco-argentino, campione di incassi in patria, voluto fortemente dal figlio di Piazzolla, è un inedito ed evocativo viaggio nel cuore della vita e della musica di Astor Piazzolla, capace di offrire un ritratto intimo del padre del cosiddetto Nuevo Tango, un genere che incorpora tonalità e sonorità jazz al tango tradizionale, utilizzando dissonanze ed elementi musicali innovativi.

Per la prima volta, grazie al figlio di Piazzolla, vengono aperti al grande pubblico gli inediti archivi del mitico bandonéonista: fotografie, nastri vocali e riprese in super8 per raccontare  la vita di Piazzolla dall’infanzia a Manhattan agli esordi musicali al fianco di alcuni dei più grandi compositori musicali dell’epoca; dal rapporto con la famiglia fino alla passione per la caccia agli squali; dal rientro a Buenos Aires alla rivoluzione degli anni Settanta con Libertango, l’album del 1974 inciso in Italia con cui si sancisce ufficialmente la nascita del Nuevo Tango. In Libertango, l’artista ,portando a compimento un processo già avviato anni prima, utilizza strumenti che non sono contemplati affatto dal tango tradizionale (l'organo Hammond, il flauto, la marimba, il basso elettrico, la batteria, le percussioni, la chitarra elettrica), integrandoli nella sezione d’archi. È proprio da qui che si ha la cosiddetta “Rivoluzione elettrica” e si sviluppa definitivamente il “Nuevo Tango”.

Il film di Rosenfeld arriva dritto al cuore della vita di Piazzolla, offrendo un ritmo serrato scandito dalla sua celebre musica in un montaggio alternato in cui i materiali di repertorio impreziosiscono l’incedere narrativo. “Diversi anni fa, dopo l'uscita del mio film Saluzzi presentato al Festival di Berlino, ho ricevuto un invito inaspettato da qualcuno che lo aveva visto. Era Daniel Piazzolla, il figlio di Astor. Mi ha invitato a cena e quella sera ha detto: ‘Come mai nessuno ha realizzato un documentario di qualità su mio padre? Inoltre, la sua vita ha seguito ‘la struttura perfetta per un film’, è andato a pescare gli squali per tre mesi, ha composto per quattro mesi e ha girato il resto del tempo’- racconta il regista. “Sono passati alcuni anni da quella cena con il figlio di Astor ma le sue parole continuavano a risuonare in me.Ancora adesso, mentre scrivo immagino Piazzolla alle prese con gli squali, mi sembra di sentire anche la sua musica, la sua ‘tanguedía’ che penetra nel cuore, ed è stato proprio questo il mio primo contatto con lui quando da giovane suonavo il pianoforte. Ero un bambino pianista e mi piaceva suonare ‘La mort de l'ange’ o ‘Adios Nonino’.In fondo, credo che la malinconia abbia una sorta di origine segreta che risale all’infanzia e si manifesta in un certo momento della vita. Per me quel momento è stato bandonéon di Piazzolla.Ma non volevo fare semplicemente ‘un film sulla vita o la musica di Piazzolla’, anche perché credo sia impossibile condensare in 90 minuti tutta la sua vita e la sua musica. Piuttosto, mi sono voluto concentrare sui principali eventi biografici e musicali. Ma non in modo ‘anonimo’, con uno sguardo esterno. Ho cercato di creare una narrazione ‘sensoriale’, capace di offrire allo spettatore un'esperienza evocativa, grazie anche all’accesso ad uno straordinario materiale inedito, come la voce di Astor Piazzolla che racconta i suoi ricordi e le sue avventure, registrata da sua figlia Diana”.

Il film franco-argentino, presentato in anteprima in Italia all’ultima edizione del Festival del cinema Spagnolo e Latinoamericano, uscirà al cinema alla riapertura delle sale.

"Il Tango sei tu. Sono i tuoi sentimenti, gli stati d’animo, le tue gioie o le tue tristezze a definirne il colore e il significato"

Astor Piazzolla 

"


Stampa