Arriva “Miradas”, tango e vita tra Italia e Spagna

Sarà pronto a settembre il cortometraggio “Miradas”, un ponte di “sguardi” tra Firenze e Barcellona, un viaggio, un incontro casuale con un gruppo di ballerini di tango…. La regia è di Lorenzo Righini,  libera ispirazione al racconto “Siviglia e il tango” di Alessandra Cafiero, pubblicato sul sito www.ballareviaggiando.it, primo classificato all’iniziativa congiunta del magazine web con  DANZA IN FIERA 2013, Firenze, “Danza, scrivi e visita DanzainFiera"

di Ester Ippolito

“Le scarpe di lei, con quei piccoli tacchi, le punte arrotondate che lasciavano scoperto il dorso del piede fino ad allacciarsi finemente alle caviglie, esercitavano un fascino senza limiti. Sensualità e femminilità si fondevano alla perfezione. Le coppie continuavano al ritmo delle note emesse dalla fisarmonica…” ( Da “Siviglia e il tango” di A.Cafiero)

C’era una volta un racconto,  una destinazione affascinante  come Siviglia  che sa anche parlare con il tango...a sorpresa, in una sera d'estate.... Dal racconto di Alessandra Cafiero “Siviglia e il tango”, primo classificato all’iniziativa congiunta del magazine www.ballareviaggiando.it e di DANZA IN FIERA 2013, Firenze,  "Danza, scrivi e visita DanzainFiera” , pubblicato sul magazine B&V, è nato Miradas (Sguardi), un cortometraggio con la regia di Lorenzo Righini, sceneggiatura e    coordinamento della comunicazione e promozione del progetto di Alessandra Cafiero, attualmente in lavorazione  tra il set di Firenze e Barcellona.

Una genesi spontanea e ricca di passione quella che ha portato dal racconto all’idea e realizzazione del corto, come ci racconta la stessa  Alessandra Cafiero.

Dopo il riconoscimento di B&V al mio racconto, ho diffuso questa notizia su facebook ai miei amici e tra questi  Lorenzo Righini:  gli è piaciuto subito e mi ha proposto di trasformarlo in un cortometraggio.  Dal dire al fare,  abbiamo iniziato subito a  lavorare alla prima stesura della sceneggiatura  aggiungendo degli elementi che ci sembravano interessanti. Abbiamo deciso di girare le scene in Spagna proprio come succede alle tre amiche nel racconto e, solo per motivi logistici, abbiamo trasferito il set da Siviglia a Barcellona dove  siamo stati aiutati da amici  nella parte organizzativa (scelta dei luoghi per le riprese, noleggio attrezzature, contatti con le scuole di tango del posto). Siamo rientrati da poco  da Barcellona dove  abbiamo girato le scene in città.  Altre scene sono girate a   Firenze, dove abitiamo, su una bellissima terrazza panoramica sulla città dove sarà ambientata  una scena di tango.  Essendo  un cortometraggio totalmente autoprodotto -continua Alessandra-  abbiamo  organizzato a Firenze  delle serate di autofinanziamento sotto l'egida dell'associazione MOEBIUS CINEMA di cui Lorenzo Righini  è presidente. Serate in cui offriamo agli ospiti un'ottima selezione di cibo e drink , spettacolo musicale dal vivo e in cui raccontiamo al pubblico, che ha risposto sempre con interesse,  cos'è Miradas. Come promozione è stato   realizzato anche un trailer ”.

Miradas, quegli sguardi  che parlano…

Il  titolo del corto “Miradas” ci riporta immediatamente  al mondo del tango e al codice  dei ballerini nelle milonghe: quello sguardo dell’uomo che a distanza, senza importunare la donna ed evitare situazioni imbarazzanti in caso di rifiuto, la  invita a danzare: un cenno della testa da parte del ballerino e un cenno di assenso da parte della ballerina  e il via all’abrazo….  Ma nell’idea degli sceneggiatori il tango  è qualcosa di più di una danza coinvolgente  e passionale, è anche metafora della vita stessa, dell’incontro casuale tramite la “mirada” tra persone di paesi diversi e portatori di culture proprie. In Miradas   si evoca l’idea d’interazione tra popoli - qui Italia e Spagna -  e il tango diventa il pretesto e lo strumento  perché questa possibilità si realizzi. Luogo d'azione principale  a Barcellona è una piazza,  di particolare interesse storico-culturale, dove è avvenuto un tragico eccidio di bambini da parte dei falangisti durante la guerra civile spagnola. Naturalmente la  musica gioca un ruolo di rilevo nell’accompagnare gli sguardi e i sentimenti dei protagonisti, si lega al tango e in particolare  guarda a  Federico Garcia Lorca che, oltre ad essere poeta e drammaturgo spagnolo, è stato musicista ed è l’ispiratore della colonna sonora (originale) realizzata per il cortometraggio. “A luglio gireremo a Firenze, agosto montaggio  e  a fine settembre  abbiamo in programma  una premiere a Firenze per la  visione  del cortometraggio in una serata che metta insieme cinema, danza, teatro e chiaramente musica, tutto dal vivo", conclude Alessandra. “Da ottobre poi il corto parteciperà ai vari festival e concorsi dedicati. Ci auguriamo che venga fuori un bel prodotto e che possa essere apprezzato dal pubblico…l’intenzione è   trasmettere la stessa emozione che ho provato io  scrivendo il racconto”. Non resta che aspettare ….

I protagonisti

Lorenzo Righini - ideatore del progetto, sceneggiatore, regista e montatore. Righini è presidente di  Moebius Cinema, Associazione di produzioni artistiche e culturali, con sede a Firenze.  Tra le ultime produzioni dell’Associazione   “La Città di Moebius - Mentre gli altri dormono" al Cinema Adriano di Firenze   otto cortometraggi sul tema della "Fine del Mondo" musicati dalla Scuola di Musica di Fiesole.

Alessandra Cafiero - autrice, sceneggiatrice e coordinatrice della comunicazione e promozione del progetto

Enrico Lorenzini - aiuto-regista, cameraman e scenografo

Lorenzo Maiani - compositore della colonna sonora

Marco Scalise - fotografo e curatore della grafica

Suela Kernezo - make up artist e costumista

Protagonista femminile  Marine Galstyan, protagonista maschile  Sargis Galstyan. Co - protagonisti Irene Barbugli, Alessandra Panzone, Piergianni Piredda

Miradas è su facebookcon tutti gli  aggiornamenti e novità....

Associazione Moebius Cinema - www.moebiuscinema.it

Mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il racconto  " Siviglia e il tango" (http://www.ballareviaggiando.it/component/content/article/942.html) è su www.ballareviaggiando.it


Stampa