• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

A ROMA IL GRAN BALLO VIENNESE IL 27 OTTOBRE.CULTURA,TRADIZIONE E SOLIDARIETA'

  Roma  sogna con il Gran Ballo viennese. Tornano ,infatti,  il glamour e la magia senza tempo con  l’unico e inimitabile Gran Ballo Viennese di Romasabato 27 ottobre, quando i riflettori si accenderanno  nella splendida sede dell’Acquario Romano, in Piazza Manfredo Fanti, nel Rione Esquilino. Giunto alla XII edizione il Gran Gala Charity più atteso e famoso della capitale sarà presentato dalla  conduttrice Rai, Chiara Giallonardo, in video su Rai1 ogni sabato con Linea Verde Life. Elvia Venosa, ideatrice e direttore artistico dell'evento, condurrà per mano in quest’avventura delle giovani splendide ragazze, d’età compresa dai 15 ai 24 anni provenienti da tante regioni italiane: Veneto, Lazio, Campania, Basilicata, Puglia e Sicilia. Le giovani protagoniste della cerimonia d'apertura saranno accompagnate in questa edizione dagli “Ufficiali Allievi dell’Accademia della Guardia di Finanza”, rappresentanti di una cavalleria sempre più ricercata tra le nuove generazioni. Per la serata le ragazze indosseranno abiti realizzati ad hoc dalla boutique pugliese: Giotta Sposa. Il Gran Ballo Viennese di Roma vuole essere per tutti i giovani partecipanti e non solo un’esortazione a ritrovare nel ballo di coppia un potente mezzo di comunicazione, divertimento e socializzazione. In una realtà come quella attuale dominata dai social network, dove il contatto umano è sempre più filtrato e complesso, il ballo di coppia rappresenta un modo sano, semplice e genuino di stare insieme e divertirsi. Un po' come prendersi cura dell’ambiente che ci circonda. Infatti, quest’anno è stato  deciso di dare un tocco di green all’evento, fil rouge di questa edizione sarà proprio la tutela e la salvaguardia del nostro pianeta, come messaggio per le nuove generazioni che per l’occasione si mettono a confronto vivendo insieme questa esperienza. La manifestazione unisce cultura, tradizione e solidarietà e, proprio grazie ai suoi obiettivi ed ai progetti sociali realizzati, ha avuto il sostegno di importanti organizzazioni quali: Unicef, FFC – Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica, Doppia Difesa, Croce Rossa Italiana, Giovani per L’Abruzzo. La XII edizione del Gran Ballo Viennese di Roma rinnova il suo impegno di sostenere, “Make-A-Wish Italia Onlus”, per realizzare il sogno di un bambino affetto da patologie gravi o croniche. Un desiderio che si realizza ha il potere di migliorare la qualità della sua vita, di renderlo più forte nella sua battaglia contro la malattia e ritrovare gioia e speranza. “Make-A-Wish Italia Onlus” è un’organizzazione non profit che realizza i desideri di bambini e ragazzi di età compresa tra i 3 e i 17 anni, colpiti da gravi malattie. Presente in 50 Paesi, nei 5 continenti e, in Italia, ha realizzato dal 2004 più di 1600 desideri. Per la XII edizione non poteva mancare l’assegnazione del prestigioso Premio Vindobona ad artisti e professionisti di fama italiana e internazionale per i meriti conseguiti durante la loro carriera: Premio Vindobona 2018Maurizio Colombi, per le sue indiscusse doti artistiche, come ideatore e regista di musical teatrali apprezzati dal grande pubblico e dalla stampa. Attraverso le sue numerose opere teatrali di grande successo, connubio perfetto tra storia e musica è riuscito ad entrate nel cuore delle persone: Peter Pan, We Will Rock You, Rapunzel, Vorrei la pelle nera, La Regina di Ghiaccio, Elvis An Historical Musical. Come ogni anno numerose performance seguiranno la premiazione: un’emozionante esibizione del Campione di Danza sportiva Mirko Gozzoli, in coppia con la bravissima Edita Daniute. Molto attesa la coreografia realizzata dai ballerini dell’Accademia Nazionale di Danza. La magia dei Balli Viennesi sarà accompagnata dall’orchestra giovanile Pueri Symphonici diretta dal Maestro Lorenzo Lupi che per la prima parte della serata scandirà l’atmosfera romantica dell’evento. Ma per chi avrà ancora voglia di ballare e scatenarsi sulla pista al termine del Gala potrà farlo al ritmo della musica di Alberto Laurenti e i suoi Rumba de Mar. Il Gran Ballo Viennese di Roma si svolge con il Patrocinio della Città di Vienna, l’Ambasciata D'Austria, il Ministero delle finanze austriaco, il Patrocinio di Roma Capitale Assessorato alla Crescita Culturale e a favore di: Make-A-Wish Italia Onlus (www.makeawish.it). Un parterre d’eccezione farà da cornice ad una serata indimenticabile alla quale si potrà prendere parte contattando direttamente la Società organizzatrice, ai numeri 06 45494834 – 3453977364 o tramite l’acquisto online su www.granballoviennese.it

LATINO-AMERICANO, MALUMA A ROMA IN CONCERTO

Grande evento musicale a Roma  dal sapore latino americano con il concerto di un artista   idolo della musica Latino Americana di nuova generazione che ha duettato con Shakira e Ricky Martin. Si tratta di Maluma che per Fiesta presso la Nuova Fiera di Roma venerdì 12 ottobre,  presenterà il suo nuovo album F.A.M.E. Maluma, venticinquenne artista colombiano, in America Latina è una star già da tempo e in Europa è la rivelazione del momento, grazie al suo successo internazionale “Felices Los 4”, una delle hit più ascoltate della scorsa estate che, con numeri da capogiro, ha sfidato “Despacito” di Luis Fonsi e Daddy Yankee. Il cantante colombiano  ha inoltre avuto l’opportunità di interpretare in spagnolo l’inno dei Mondiali 2018, ovvero la canzone di Jason Derulo “Colors”, partecipando con lui alla cerimonia di apertura il 14 giugno allo stadio Luzhniki di Mosca. Maluma è l’idolo della musica latina di nuova generazione e una delle voci emergenti più importanti dell’industria discografica. Dopo la data annullata lo scorso anno per motivi di sicurezza, Maluma arriva finalmente a Roma con il “F.A.M.E. Europe Tour”, il tour del suo ultimo album “F.A.M.E.”, uscito a maggio 2018. “F.A.M.E” è il terzo album in studio di Maluma e presenta tracce sia in spagnolo che in inglese. Juan Luis Londoño Arias, nato nel 1994 a Medellin, ha creato il suo nome d’arte Maluma unendo le prime due lettere dei nomi della madre Marli, del padre Luis e della sorella Manuela. È diventato famoso nel suo paese con i singoli “Farandulera” ed “Obsesion” e poi nel resto dell’America Latina con i brani “La Temperatura” e “Carnaval”. In particolare, il suo album di debutto “Magia” nel 2012 ha avuto un grande successo in Colombia e l’anno successivo l’artista è stato nominato per il Latin Grammy come “miglior nuovo artista”. Il cantante colombiano ha collaborato con numerosi artisti, tra cui Ricky Martin, Thalia e Shakira, figura chiave per la carriera di Maluma. Con i loro duetti di successo infatti, tra cui “Chantaje” e “Clandestino”, Maluma e Shakira hanno scalato le classifiche di tutto il mondo. Anche sui social Maluma non ha rivali: su Facebook ha oltre 23 milioni di fan, su Twitter sono in 5,6 milioni a seguirlo, su Instagram ha oltre 35 milioni di follower mentre il suo canale Youtube ufficiale conta oltre 4 miliardi di visualizzazioni. Fiera di Roma, Padiglione 1 Via Portuense 1645/1647, Roma Tel. 06.96035234 Apertura porte ore 19.00 Inizio concerto ore 21.30 Biglietti a partire da 50.00€ In vendita su I-TICKET, TICKETONE, BOX OFFICE, DIY e presso il botteghino di Fiesta in Via delle Tre Fontane, 24

ROMA, COUNTDOWN PER FESTIVALDANZA-THE NEW DANCE EXPERIENCE

Arriva a Roma la prima edizione del FestivalDanza , evento che intende presentare    un nuovo modo di vivere la danza e che si svolgerà  il  20 e 21 ottobre all’ Auditorium SGM di Roma e che  vede protagonisti i ballerini e il mondo dell'arte tersicorea. Nel corso dell'evento, diviso in tre sezioni, gli artisti avranno l'occasione di poter studiare il mondo della danza a 360°, attraverso la proiezione di film, incontri con professionisti del settore e vivere l’emozione di un  vero e proprio audition-contest. I migliori di loro avranno anche l'opportunità di poter usufruire di un contratto di lavoro. Particolarmente rilevante, nel week end della settimana del Cinema di Roma, la sezione dedicata al rapporto tra cinema e ballo, il  Roma Dance Film Festival, infatti, rappresenta una kermesse unica dedicata alla danza e al suo “pas de deux” con il mondo della celluloide. Punto d'incontro per gli specialisti del settore, l'evento consentirà non solo di discutere del rapporto tra Arte, Danza e Cinema, ma anche di promuovere e dare visibilità a tutti coloro – film makers, scenografi, coreografi, ballerini – che lavorano, spesso nell'ombra, alla realizzazione di un prodotto artistico di alta qualità, “figlio” della fusione tra danza e settima arte. Per la prima volta in Italia sarà presentato il live-documentary dedicato al Re del Pop Michael Jackson “Dancing with The King” di LaVelle Smith Jr, il coreografo delle pop star internazionali tra cui Michael Jackson, Beyoncé, En Vogue, Janet Jackson e vincitore di 5 MTV Dance Video Award.A sessanta dalla nascita del Re del Pop, il coreografo oltre a presentare il documentario terrà un corso di alta formazione per professionisti certificato da EurEthics Etsia, ente certificatore europeo a garanzia della qualità dei livelli conformi al quadro europeo delle qualifiche (EQF). In programmazione al RDFF anche il documentario “Dancing With Maria” di Ivan Gergolet. Nella serata di sabato il FestivalDanza presenta anche la seconda edizione del Dance Award “Stefano Francia”, premio dedicato alla memoria del coreografo, ballerino e maestro Stefano Francia e al ricordo della sua importante opera a favore della promozione e divulgazione della danza in ogni suo ambito. La domenica, l’Auditorium SGM Conference Center di Via Portuense 741 di Roma accoglie  infine  i ballerini per  il Dance Opportunities Contest, concorso dedicato agli assoli, passo a due, coppie, piccoli gruppi e disability dance. Al FestivalDanza Contest si sfideranno i migliori ballerini di ogni disciplina suddivisi in categorie di età. Una qualificata giuria composta da insegnanti, impresari teatrali e direttori di scuole di danza, sceglieranno i più bravi, i quali avranno l'occasione di poter essere scritturati per importanti progetti professionali. Il contest è il set naturale di un nuovo talent show sulla danza: “Dance is my life”, in onda su Canale Italia. . Per partecipare a titolo gratuito basta iscriversi sul sito www.stefanofrancia.com scaricare regolamento e schede da inviare a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Il FestivalDanza si schiera a sostegno di un progetto umanitario promosso e portato avanti dal CID UNESCO. FestivalDanza,manifestazione  “globale” sul mondo della danza, è  patrocinato dalla Regione Lazio, CSAIN, Consiglio Internazionale della Danza CID UNESCO e in partenariato con l’ANMB (Associazione Nazionale Maestri di Ballo). L’Associazione “Stefano Francia –EnjoyArt” no profit, con sede a Roma - Via Gravina di Puglia 55, è stata costituita nel 2017 ( ad un anno dalla morte di Stefano Francia, maestro, coreografo e dirigente nazionale di Danza) con lo scopo di sostenere, promuovere e divulgare l’arte in tutte le sue forme. L’associazione è un luogo d’incontro, dove riscoprire l’importanza della formazione, socializzazione e solidarietà. Attraverso corsi di alta formazione,  l' obiettivo è creare figure professionalmente qualificate e preparate.  Presidente dell'associazione, e ideatore dell 'evento  FestivalDance Fabrizio Silvestri. Posti limitati all'evento, ingresso solo con accredito sul sito www.stefanofrancia.com Info +39 335 435168 – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.      

012

BALLO !, SUD E CULTURA GRECA TRA MUSICA E DANZA

Appuntamento irrinunciabile il 28 giugno prossimo, Parco della Musica di Roma,  Cavea, con Ballo!,   un progetto artistico del maestro Ambrogio Sparagna, giunto alla sua nona edizione.  Un evento  che quest'anno fa parte della ricca programmazione del Summer Fest della Fondazione Musica per Roma (  maggio - primi di agosto),  e che  si avvale dalla presenza di oltre trecento danzatori, cantori e musicisti provenienti da varie regioni italiane, con la partecipazione dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica, il Coro delle Voci Bianche e il Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni e  i Gruppi di danzatori popolari coordinati come sempre  da Francesca Trenta, ricercatrice, danzatrice e docente di danze popolari . Questa edizione    guarda in particolare  alla cultura greca, a quanto il nostro sud ha assorbito e reinterpretato nella lingua, nei suoni e nella danza.  Tra gli ospiti Theodoro Melissinopoulos  e Apostolos Efthymiou e il gruppo di danza Hellas, La Tarantella greganica dell’Aspromonte, e Il Ballo di San Vito dei Normanni (Scuola di Pizzica di San Vito).

di Ester  Ippolito

 

Appuntamento irrinunciabile  il 28 giugno prossimo, Parco della Musica di Roma,   Cavea, con Ballo!, un progetto artistico del maestro Ambrogio Sparagna, giunto alla sua nona edizione,  che ogni anno propone al suo pubblico un percorso culturale  ,musicale e coreutico- tra emozioni, colori, ritmi e riti collettivi-   che conduce  attraverso il format della festa spettacolo alla riscoperta e alla reinterpretazione delle antiche danze popolari italiane. Un evento  che quest'anno fa parte della ricca programmazione del Summer Fest della Fondazione Musica Per Roma, da maggio ai primi di agosto,  e che  si avvale dalla presenza di oltre trecento danzatori, cantori e musicisti provenienti da varie regioni italiane, con la partecipazione dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica, il Coro delle Voci Bianche e il Coro Popolare diretto da Anna Rita Colaianni e  i Gruppi di danzatori popolari coordinati come sempre  da Francesca Trenta.

Ballo ! 2018 guarda in particolare  alla cultura greca, a quanto il nostro sud ha assorbito e reinterpretato. Tra gli ospiti  che contribuiranno  a rendere in musica e  danza questo spirito  Theodoro Melissinopoulos Apostolos Efthymiou e il gruppo di danza Hellas, La Tarantella greganica dell’Aspromonte, e Il Ballo di San Vito dei Normanni (Scuola di Pizzica di San Vito).

Grecia, Magna Grecia, sud...le nostre radici

Ogni anno Ballo! propone un filo rosso di lettura , dove il ballo e la musica  svelano radici  del nostro essere o della nostra storia, tra spirito  devozionale,  senso della festa e della comunità, riti collettivi... Questa nona edizione è dedicata alle influenze della cultura greca nel nostro Meridione,  una terra  -Salento  e Calabria in particolare, ma anche Basilicata   - dove  per circa 3.000 anni si sono parlati due dialetti di lingua greca, le cui radici risalgono all'VIII secolo a.C.quando  arrivarono  in queste regioni , e anche in  in Sicilia, i primi coloni Greci che crearono la Magna Grecia. Influenze che non si riscontrano solo nella lingua ma nella cultura musicale e danza, con un focus particolare   sul fatto che  in Grecia la danza ha avuto una  importante  funzione rituale prima delle battaglie e delle imprese militari.

" I racconti, canti e danze che presenteremo quest'anno in Ballo!- spiega Ambrogio Sparagna- ruoteranno intorno  alla logica della influenza greca  nel nostro sud, in particolare  Puglia, Calabria e Basilicata , aree in cui ci sono  ancora testimonianze  ellefone,  tracce culturali che caratterizzano anche   danze e canti.  In particolare l'attenzione del pubblico sarà richiamata   da  un nocciolo duro di  danze " armate", rappresentate  del resto   in moltissimi reperti archeologici delle aree citate , vasi che ritraggono danzatori in armi, con bastoni,  o immagini affini.  Il cuore della danza cercherà di esprimere proprio testimonianze della cultura della Magna Grecia, privilegiando balli  marziali ,  danze maschili,   per richiamare  energia,   potere e forza, più che la danza di coppia , di corteggiamento       che esprime   la pizzica e la tarantella. Anche se non mancheranno queste forme.  Lo spettacolo, possiamo dire,  mostrerà più un carattere drammatico che lirico ,  senza  tralasciare  lo spirito della festa collettiva   che caratterizza ogni edizione di Ballo! e che coinvolge tutto il pubblico. Stiamo lavorando sugli arrangiamenti, sulla scelta delle musiche e   sulla espressività della danza insieme a Francesca Trenta. Siamo anche molto contenti che Ballo! faccia parte  del nuovo Festival estivo del Parco della Musica , Summer Fest, che ha una  nutrita programmazione creata in una logica internazionale   che conta pochi nomi italiani ( De Gregori, Barbarossa ecc). E  e tra questi  ci siamo noi".


Lo spettacolo , che raccoglie ormai tradizionalmente fette di pubblico provenienti da varie regioni italiane, rappresenta inoltre un’occasione speciale per conoscere la ricchezza del lavoro di ricerca e valorizzazione che l’Orchestra Popolare Italiana svolge da anni all’interno dell’attività del Parco della Musica, e in particolare attraverso i laboratori etnocoreutici coordinati da Francesca Trenta. Laboratori che si rinnovano ogni anno  alla vigilia di Ballo! per coinvolgere scuole e   appassionati in questa grande operazione culturale e che saranno presentati al Parco della Musica in un incontro  ad hoc   l'11 giugno prossimo.

 

" Ballo!, progetto inclusivo e sinergico"

"Ballo! continua come progetto inclusivo, integrativo, comunitario e sinergico che crea contatti culturali fra le varie realtà coreutiche e musicali regionali italiane.  E quest'anno si caratterizza con  un'apertura verso la musica internazionale che ha lasciato un'impronta indelebile nella nostra lingua: la cultura greca". Esordisce così Francesca Trenta, ricercatrice, danzatrice e docente di danze popolari che porta avanti da anni l'impegno di coordinare i danzatori partecipanti a Ballo! creando coreografie in linea con il tema prescelto dal direttore artistico Sparagna.
"Per cultura greca- continua-  intendiamo non solo la presenza di cantori e danzatori tradizionali di lingua greca ma anche i temi toccati con le danze e le musiche composte da Ambrogio Sparagna. Si ricercheranno le " tracce" che verranno espresse con il ritmo, oggetti di scena, abiti, la lingua, i passi che arricchiscono i quadri coreografici composti da danzatori di varie età".


"Resta infattì immutato-ancora Trenta - il concetto che la danza popolare UNISCE ed INCLUDE. Ballo! non è solo uno spettacolo di professionisti ma nasce anche grazie ai Laboratori  di preparazione   che formano il corpo della danza alternando coreografie dinamiche, quadri coreografici e poetici..danze sfrenate e vorticose che coinvolgono il pubblico immerso nella dimensione della tarantella. Fra gli ospiti di quest'anno vorrei citare un gruppo di danzatori provenienti da vari paesi della provincia di Reggio Calabria, figli della tradizione condotti da Ninello (voce, chitarra e tanburello)e Fortunato Verduci  (organetto, tamburello e danza),che sono nello stesso tempo musicisti poliedrici  e danzatori. Tra gli altri del gruppo Piero Mallamaci, Pasquale Franco, Marco Manti, Peppe Stilo.  che daranno allo spettacolo quell'elemento prezioso ed inimitabile che è la " radice"  del ballo reggino , la naturalezza forte dei passi e del suono che riporta alla terra d'Aspromonte, cuore e culla della cultura greca in Italia".
Nocciolo duro dei danzatori di Ballo! è l’ensemble “ I Passi della Tradizione” di Francesca Trenta , più altri danzatori   provenienti da varie scuole  che si formato attraverso   i laboratori in calendario .

 

I protagonisti


Confermata anche quest'anno la presenza di Stefano Campagna, danzatore di livello, fedele all'appuntamento con Ballo! , già danzatore de I Passi della tradizione e ballerino de La Notte della Taranta  2016 e 2017.


" Sono sempre felice  ed entusiasta di partecipare- le sue parole-  per il quarto anno consecutivo a questa importante tappa dell'estate romana  " Ballo!", uno spettacolo unico  in collaborazione con il maestro Sparagna  e Francesca Trenta , che ringrazio.Sarà come sempre una emozione unica ...vi aspettiamo il 28 giugno al Parco della Musica di Roma". Oltre al team consolidato di Ballo!, come l'Opi, il Coro e i danzatori di Francesca Trenta , gli ospiti   previsti per questa nona edizione  rappresenteranno con le loro danze e performance  tasselli importanti  di questa tela culturale  che  vuol sottolineare il valore delle tradizioni linguistiche   nella Grecìa salentina e nell’ Aspromonte grecanico    reminiscenze greche che si rispecchiano nelle  danze popolari.

 

Tra gli ospiti   Theodoro Melissinopoulos, cantante ed interprete che guiderà con la sua voce straordinaria il gruppo dei danzatori Hellas, guidati dal ballerino solista Apostolos Efthymiou. Un momento, come sottolinea il Maestro Sparagna, "che dovrà esprimere  proprio le tracce della cultura greca nel mondo". A testimoniare  la persistenza della antica cultura greca in Italia, ecco  il gruppo dei danzatori della Tarantella greganica dell’Aspromonte, provenienti da vari  paesi dell’area del Reggino.

 

" La danza e  musica  della nostra provincia si specchia fortemente nella tradizione greca, soprattutto  risentiamo delle influenze delle isole. Ci sentiamo più vicini ai loro ritmi che non ad altre danze popolari quali tamurriata o pizzica- commenta Fortunato Verduci, uno dei componenti del gruppo reggino. Infine  l'  ensemble  del Ballo di San Vito,  antica forma di danza vertiginosa, tipicamente maschile, legata ai rituali marziali di derivazione classica ancora in uso nell’area dell’Alto Salento, rappresentata dalla Scuola di Pizzica di San Vito di San Vito dei Normanni.


San Vito,il nostro " essere Greci"

Siamo molto felici che il Maestro Ambrogio Sparagna ci abbia invitato come ospiti di questo grande evento che ormai da diversi anni cattura l'attenzione dell'estate a Roma. Come Scuola di Pizzica di San Vito portare su un palco così importante il nostro modo di danzare significa dare valore al nostro lavoro quotidiano di ricerca e rielaborazione, partendo da radici solide". Sono le parole di Andrea De Siena, danzatore e tra i fondatori de La Scuola di Pizzica di San Vito e che ha partecipato  già a numerose edizioni di Ballo! nelle fila dei danzatori popolari di Francesca Trenta (nella foto sotto)


"Quest'anno il Maestro ha scelto come tema il nostro essere "greci", con alcuni temi specifici legati a questo aspetto. Da parte nostra proporremo sul palco una coreografia, su una sinfonia originale del Maestro Sparagna, da cui si evinca l'aspetto del conflitto e della lotta. Una sorta di danza "armata" che può essere ben rappresentata dalla rielaborazione e stilizzazione di alcuni nostri passi e movenze. Per fare questo naturalmente ci discosteremo dalla danza tradizionale che abitualmente vediamo, ma credo che Ambrogio abbia saputo cogliere un aspetto importante di questa arte, ovvero la capacità che hanno le nostre musiche e le nostre danze di modificarsi rispetto ad un messaggio da comunicare. L'aspetto della "lotta" è molto presente in varie aree e cercheremo di rappresentarlo in maniera forte  ma elegante. Crediamo che questa sia anche la caratteristica della Scuola di Pizzica di San Vito. Per fare ciò, quest'anno saranno presenti anche le nostre due danzatrici, Ludovica Morleo e Mina Vita, per sottolineare la presenza femminile e assottigliare una differenza di genere che nell'epoca contemporanea vorremmo che non ci fosse più. Alla fine il compito della danza e della musica è soprattutto questo: veicolare un messaggio".

 

INGRESSO 15 € | RIDUZIONE FINISTERRE 12 €
Info e prenotazioni _ Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Previste riduzioni  Scuole di Ballo 10 euro

 

www.auditorium.com

Le foto relative a Ballo! di Ballareviaggiando.it ( Ippolito-Perilli) si riferiscono alle edizioni 2016 e 2017

articolo correlato http://www.ballareviaggiando.it/danze-popolari/2475-ballopoesia-tradizione-e-cultura-sud-e-mondo-greco.html

 

 

 
notte taranta  lucia.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'- ZANKYOU WEDDING EXPERIENCE, MILLE ANIME DI UN MATRIMONIO. ANALISI E BUSINESS
Immagine

  Matrimonio  fenomeno in evoluzione  e non estinto , al di là dei numeri Istat , e confidando in una ripresa delle cerimonie in ascesa dal 2015-2016.    Ed ecco che l’analisi delle  mille...
TURISMOPIU'- " VIAGGIARE DA SOCI" NELLE AGENZIE ROBINTOUR E VIAGGI COOP
Immagine

  E’ in arrivo in questi giorni in tutta la rete di agenzie Robintur e Viaggi Coop il nuovo “Viaggiare da soci” Robintur, catalogo  con una tiratura di un milione di copie che presenta...