• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

VIAGGIO NELL'INDIA CHE DANZA, UN MESSAGGIO PER LE DONNE

  Un viaggio virtuale nella cultura indiana, un excursus nel mondo femminile del subcontinente, ricco di suggestioni ma anche di contraddizioni. Non è certo un caso che lo spettacolo “Viaggio nell'India che danza”, giunto all'ottava edizione, abbia scelto quest'anno il palcoscenico della Casa internazionale delle donne, a Roma, per lanciare i suoi messaggi contro la violenza. Curato da Valentina Manduchi e dalla sua Apsaras Dance Academy, lo spettacolo ha offerto, attraverso le danze e i costumi, una panoramica delle più importanti figure femminili della cultura indiana. Una cultura complessa, che ha subito nei secoli e subisce tuttora diverse influenze; da quella induista a quella buddista, dalla persiana alla musulmana, fino a 'Bollywood' con l'incontro tra Est e Ovest del mondo. Protagoniste della scena le dee, i personaggi mitologici, ma anche le regine, le guerriere e le donne che hanno combattuto per l'indipendenza, a testimoniare l'importanza dell'universo femminile nella società indiana, nella quale tuttavia le donne sono spesso vittime di violenze di ogni genere, discriminazioni e sopraffazioni, come è stato ricordato alle fine dello spettacolo. Danze che raccontano storie antiche, danze che trasmettono divertimento e leggerezza - “dalle giungle ai deserti, dalla tradizione a Bollywood”- e nello stesso tempo ci ricordano di non abbassare mai la guardia, in India come in Italia. L.R. www.apsarasdance.com

"NADIJA'S ORIENTAL DANCERS®, SI FESTEGGIANO I 10 ANNI

  Quest'anno il gruppo di danza ligure  "NADIJA'S ORIENTAL DANCERS®"festeggia il decennale della propria attività e per l'occasione   il  22 ,23 e 24 giugno l’ASD LA PINETA PLANET SPORT DI ARMA DI TAGGIA - SANREMOorganizza  il primo    “ORIENTAL&BOLLY DANCE FESTIVAL RIVIERA”.
Il programma prevede serate a tema, lezioni gratuite  di preparazione alla danza e risveglio muscolare  presso la splendida spiaggia  " Germana" di Arma di Taggia, lezioni teoriche gratuite  sulla danza orientale tenute dalla direttrice del Festival ,insegnante di danza e giornalista Francesca Paglieri, responsabile Nazionale di settore  per la  FIPD  e membro  CID UNESCO. E ancora un workshop di danza orientale  con la ballerina internazionale  Silvia Brazzoli il sabato pomeriggio,   un workshop di danza Bollywood con Gioia Cavedon la domenicamattina,   serata di Gala  il sabato sera .
Ci sarà la possibilità ,inoltre , di visitare stand e mercatini gastronomici  in tema grazie al percorso  “STREET FOOD”, che si terrà sul lungomare di Arma di Taggia  durante il weekend .  " Il festival-sottolineano gli organizzatori-  sarà una occasione non solo per danzare  e approfondire varie tematiche  ma anche per visitare  la splendida riviera dei fiori  e la vicina Costa Azzura con tanto sole e mare all'inizio dell'estate".           IL PROGRAMMA VENERDI’ 22 GIUGNO DALLE ORE 20 APERICENA ORIENTALE PRESSO DECO' DI SANREMO CON DS SET MASTER DBJ SABATO 23 GIUGNO DALLE ORE 10 PREPARAZIONE ALLA DANZA E RISVEGLIO MUSCOLARE IN SPIAGGIA CON L’ISTRUTTORE LUCA CAPPONI PRESSO LA SPIAGGIA CONVENZIONATA BAGNI GERMANA DI ARMA DI TAGGIA. DALLE ORE 10.30 PRESSO BAGNI GERMANA LEZIONE TEORICA GRATUITA PRIMO MODULO: STORIA E CURIOSITA’ SULLA DANZA ORIENTALE CON PRESENTAZIONE DEL TESTO “DANZA ORIENTALE: EMOZIONI IN MOVIMENTO” DI FRANCESCA PAGLIERI .SECONDO MODULO: COMPARAZIONE DI STILI TRA LA COREUTICA ORIENTALE E QUELLA POLINESIANA CON PRESENTAZIONE DEL TESTO “DA ISHTAR A LAKA” DI FRANCESCA PAGLIERI. DALLE ORE 14.30 ALLE ORE 16.30 WORKSHOP CON L’INSEGNANTE INTERNAZIONALE SILVIA BRAZZOLI PRESSO ASD LA PINETA PLANET SPORT VIALE DELLE PALME 40 TAGGIA.   DALLE ORE 21 SERATA DI GALA CON IL CORPO DI BALLO NADIJA’S ORIENTAL DANCERS A SCOPO BENEFICO CON PROVENTI PER L'ASSOCIAZIONE ENEA DI GENOVA,     SPECIAL GUESTS STARS SILVIA BRAZZOLI E GIOIA CAVEDON, OSPITE INTERNAZIONALE LA MAESTRA MIKAELA JOKINEN DALLA FINLANDIA E OSPITI ITALIANE MARIE FRACCALVIERI, IL DUO HANAMI BELLYDANCE E FEDERICA DOSSENA.     INGRESSO LIBERO, CON IL PATROCINIO DEL COMUNE DI TAGGIA . DOMENICA 24 GIUGNO DALLE ORE 10.30 ALLE ORE 13.30 WORKSHOP CON L’INSEGNANTE INTERNAZIONALE GIOIA CAVEDON PRESSO ASD LA PINETA PLANET SPORT   www.francescapaglieridanza.it

MEDITERRANEA, IL TOUR ESTIVO

  Con il sostegno del MiBACT e della SIAE nell’ambito dell’iniziativa “Sillumina – Copia privata per i giovani, per la cultura”, Daniele Cipriani Entertainment presenta   il calendario della tournée estiva di Mediterranea: 4 luglio - Arena Shakespeare - Fondazione Teatro Due, Parma; 5 luglio - Festival Acqui in Palcoscenico, Acqui Terme (Alessandria);  6 luglio - Festival Como Città della Musica, Arena del Teatro Sociale di Como; 7 luglio - Torino Estate Reale, Torino; 10 luglio - Florence Dance Festival, Firenze; 14 luglio Teatro Romano di Ostia Antica (Roma).  Mediterranea è un importante lavoro di danza che parla di mare. Di un mare che è parte di noi, che ha forgiato la nostra storia e temprato i nostri caratteri, che ad ogni flusso e riflusso cambia i connotati della nostra società, accende la nostra politica e i nostri dibattiti e che nei secoli ha ispirato canti e danze. Tra queste, quelle create per per questo balletto ,tra i più amati, da uno dei maggiori coreografi italiani, Mauro Bigonzetti.
  Salpato con il Balletto di Toscana e rappresentato in anni successivi anche alla Scala, Mediterranea non ha lambito solo le coste italiane, ma è il balletto italiano che ha conquistato il mondo, circumnavigando il globo da Rio de Janeiro a New York, Madrid, Stoccarda, Toronto e Kiev. La sua ripresa quest’anno – con una tournée in varie città italiane ed un trionfo sulle sponde di un ‘altro’ mare, il Mar Nero, al Winter International Arts Festival di Sochi (Russia) – testimonia la missione di Daniele Cipriani volta al recupero del repertorio italiano della seconda metà del ‘900.     La presente produzione vede il Corpo di Ballo di Daniele Cipriani Entertainment, costumi di Roberto Tirelli e luci di Carlo Cerri. 15 i ballerini impegnati in questa navigazione immaginativa costruita su un collage di musiche di Mozart, Ligeti e Palestrina, insieme a musiche dei paesi mediterranei, con momenti d’insieme alternati a passi a due. In Mediterranea due protagonisti maschili – l’Uomo di Terra (Umberto De Santis) e l’Uomo di Mare (Francesco Moro), alter ego l’uno dell’altro – si incontrano e si scontrano; il complesso intreccio coreografico mette in risalto le loro forza e velocità e riflette la condizione umana, rendendoli di sostegno e dipendenza reciproci.  Così a rispecchiare il contrasto tra mare e terra e l’imperituro andirivieni delle onde, la danza fluisce, costruita sulla coesistenza degli opposti: movimenti energici alternati a passaggi estremamente lirici. "Ne risulta un affresco di grande respiro, profondo come il mare".   Lavoro dalle molteplici sfaccettature, già dal titolo Mediterranea spinge come un forte vento marino il pensiero dello spettatore anche verso temi di attualità: l’inquinamento plastico (attualmente al centro di tante campagne ecologiche) che attanaglia le distese d’acqua del pianeta, nonché i perigli (e, spesso, la tragedia) di chi oggi attraversa proprio il  Mare Nostrum in cerca di un futuro. Non a caso Mediterranea si chiude con un messaggio di unione: il medesimo messaggio portato avanti da tutte le produzioni di Daniele Cipriani Entertainment.   Daniele Cipriani Entertainment è  riconosciuta dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo Trailer https://www.youtube.com/watch?v=KhqYzRyrk3g&feature=youtu.be Foto Massimo Danza

012

“TRA TERRA E MARE ”... L’INCONTRO

 

Un lungo viaggio, quello dei popoli nomadi (romanì) che partirono   dall’Asia per raggiungere  il Mediterraneo  e l’Europa, arricchendo  il loro bagaglio, a ogni tappa,  di suoni, ritmi e colori. E nello spettacolo “ Ballareviaggiando...  Tra Terra e Mare", progetto artistico di Francesca Trenta,ricercatrice, danzatrice e docente, andato in scena negli spazi di Danzainfiera 2018 (Firenze, Teatro Ronda, 23 febbraio 18,30) ,   in partnership con la nostra testata ballareviaggiando.it , si celebra l’incontro tra terre  lontane e diverse che  si uniscono e si chiamano attraverso la musica e i  passi di danza...

di Ester Ippolito

 

 

“ Fra la terra e il mare, dall’Asia al Mediterraneo..nella ricerca  di un approdo comune”

Una  performance  intensa, ricca di sfumature, di passaggi di ritmi e di  ambientazioni quella di  "Ballareviaggiando....

Tra Terra e Mare", progetto artistico di Francesca Trenta, ricercatrice, danzatrice e docente, andata in scena negli spazi di Danzainfiera 2018 (Firenze, Teatro Ronda, 23 febbraio 18,30) , in partnership con la nostra testata ballareviaggiando.it .



Presentata da Stefano Baragli, lo spettacolo celebra l’incontro tra terre  lontane e diverse che    si uniscono e si chiamano attraverso la musica e i  passi di danza. Accanto a Francesca Trenta il suo Ensemble  I Passi della Tradizione, il  gruppo Onirika di Rossella Lazzari  , l’ Associazione Terpshicòri Danze Greche di Anna Botzios, più la musica dal vivo, un valore aggiunto, con le  musiciste Rita Tumminia (organetto) e Monica Neri (organetto, tamburi e lira calabrese), che hanno accompagnato con i loro strumenti momenti tra i più diversi legando culture solo apparentemente lontane .

Incontro di terre lontane , e anche di persone , di artisti legati a differenti stili di danza  che hanno recepito questo senso dell'incontro.  “ Il Dif- afferma Francesca Trenta- è stata un’occasione di incontro  fra persone e danzatori .Nel nostro spettacolo  mondi apparentemente lontani si sono incontrati”.E  stata una bella esperienza fare parte di questo evento. Ho conosciuto tanta gente innamorata della danza e della cultura-le parole di Rossella Lazzari. "Una esperienza ricca di emozioni- il commento di Anna Botzios. "L'evento di Dif- secondo Monica Neri- è stata  una occasione  per far conoscere un altro aspetto della danza in Italia, e bisogna insistere.    E' necessario  costruire  spettacoli nei dettagli   e coinvolgere persone preparate, e sono   propensa a collaborare  con la danza e con la musica ".

 

In scena....la zingara in viaggio...

Un percorso  affascinante  che  prende  il  via dall’India , dalla vita dei templi dove la preghiera è danza.... è solo l’inizio del viaggio della nostra zingara  che procede  poi alla volta dei Balcani , mentre nella sua mente echeggiano ancora i tintinnii  dell’Asia minore , il profumo dei fiori  e il ricordo del   movimento magico delle mani.

“. ..la zingara  arriva nei Balcani, accompagnata da violini e fisarmoniche ...danza la gioia ,il dolore, la passione ,la  nostalgia...”

Trionfano i colori , la  femminilità ,la forza della donna  nelle danze del gruppo Onirika di Rossella Lazzari che  sottolineano  il passaggio dalla danza sacra alla danza gitana  segnata dallo  stile   Bohemian Gypsy Style, in cui  si fondono in un unico linguaggio i modi ed i passi propri delle danze  sviluppate nei vari gruppi del popolo nomade. India, Turchia, Russia, Egitto, Spagna, Italia,  danze andaluse, il flamenco-arabo, la zambra mora.... “ Perchè la danza è un viaggio-come sottolinea  Rossella Lazzari . Il viaggio continua e si approda alla Grecia....

"...e la zingara guarda il mare ..e sogna colori   e atmosfere del Mediterraneo"

La Grecia irrompe sul palco  con danze tradizionali  di varie aree  accompagnate da ritmi dolci ,che ci riportano in Tracia, Macedonia, Mikonos , Samotracia , rumore del mare, piccole barche, vino e olive...  ..perchè la Grecia non è solo Sirtaki.   Grecia e Italia si danno la mano, il passaggio è veloce e armonico, si balla insieme , si passa dal mare alla terra, la terra nostra ...

“ Donne del sud ...forti e indomite. Donne che hanno nel sangue  il riflesso delle zingare che sono passate di lì” .

Ed ecco che, grazie al gruppo de I Passi della Tradizione, la nostra tradizione di musiche e di danze  popolari cresce in potenza, castagnette, tamburi e organetto  battono il tempo , si balla  a passo di tamurriata , irrompe la tarantella di Montemarano, si danza a cerchio, in processione , si accende la pizzica  con sfumature balkan  mentre ancora scorrono sul fondo le danze greche...Si alza il canto grecanico ,la lira emette il  suo suono e accompagna  la tarantella calabrese....”perchè le tarantelle  parlano greco, albanese , spagnolo, arabo” e  la danza è il vero punto di approdo.

Il progetto  Ballare Viaggiando per il Dif , scritto e curato da  Francesca Trenta, è giunto alla sua quarta edizione , in collaborazione con la testata ballareviaggiando.it.

FOTO BALLAREVIAGGIANDO.IT di RICCARDO SOTTORIVA

--------------------------

Coreografie e riproduzioni etnocoreografiche:
“Bohemian Gypsy Style” a cura di Rossella Lazzari
“Le danze tradizionali in Grecia” a cura di Anna Botzios
“Innesti culturali” le tarantelle parlano in greco, albanese, spagnolo, arabo...
a cura di Francesca Trenta

Musicisti in scena: Rita Tumminia , organetto tamburello voce
Monica Neri , organetto lyra calabrese, tamburello,ciaramella


I DANZATORI


I PASSI DELLA TRADIZIONE – Francesca Trenta
Silvia Cesaroni , Barbara Bufano, Anna Candeliere, Claudia Cardegna, Silvia D'Afflisio,Fabrizio Ferrito, Francesca Cugini, Francesca Renzi, Laura Miorelli, Massimina Serafini,
Silvia De Propis, Fernando Incurvati, Maddalena Comodeca, Antonio Cafiero, Andrea Novi, Vittoria Filardi

ONIRIKA Rossella Lazzari, Antonietta Tamburrini, Silvia Pinori, Tiffany Petri, Carolina Mariani

TERPSHICÒRI DANZE GRECHE – Anna Botzios, Marina Galetti, Grazia Saracini, Gigia Lazzaro, Silvana Silvestri, Ezio Mancuso

 

I PROTAGONISTI

Francesca Trenta- Danza, canto e teatro musicale fanno parte del Know how di  Francesca Trenta, ricercatrice, docente, danzatrice e coreografa,       che annovera collaborazioni  con Tarantella Power di  Eugenio Bennato, Nando Citarella (partecipazione alla compagnia La Paranza) e Ambrogio Sparagna e con l’Orchestra Popolare ( edizioni di Ballo! all'Auditorium di Roma , 2013 , 2014, 2015,2016,2017, La Tarantella del Carnevale 2018). Cura    attività di insegnamento in Italia e all'estero portando avanti   il progetto didattico sulla danza tradizionale rivolto ad adulti, bambini e diversamente abili “I Passi della Tradizione” che da 12 anni ha sede stabile presso lo IALS di Roma , e coordina in spettacoli e performance   il suo Ensemble I Passi della Tradizione.  E’ presidente dell’associazione    Culturale   Il Flauto Magico  e ha dato vita anche  anche   alla compagnia MeRitmiRiti Meridione, ritmi e riti con Gian Franco Santucci.

 

Rossella Lazzari -  Rossella Lazzari si dedica alla Danza Orientale dal 1999 e dal   2005  è Presidente dell'associazione Onirika Dance Project.L'incontro con Raquel Brice nel 2004   ha dato il via  agli studi di Tribal Bellydance e Tribal Fusion. L'artista   ha poi integrato  il proprio percorso  con studi su varie danze etniche e discipline:dal Barata Natyam al Gypsy Duende,dal   Flamenco al Tango Argentino,   danze Caraibiche , Pizzica Salentina (M.Santoro) ,danze Medievali e Rinascimentali,  danza jazz  , danza Africana, Danza Geishe Giappone. Onirika Dance Company è la compagnia  fondata nel 2005 e diretta da Onirika Rossella Lazzari che cura le coreografie, i testi e ne disegna  costumi e scenografie. Nel 2014 per il Festival dell'Oriente  ha ideato e co-diretto la competizione di danze: 'Oriental Vision'.

Anna Botzios- Nata a Roma, da padre greco e madre italiana, ha iniziato a ballare da bambina, in un gruppo di danze tradizionali della Regione di Thesprotia, in Epiro, terra di   origine della  la sua famiglia   durante i Panighiria (feste che si svolgono prevalentemente in estate).    E' membro del “Conceil International de la Dance (CID) dell’UNESCO.  Ha insegnato per la Comunità Ellenica di Roma e Lazio ai figli dei cittadini greci che vivono a Roma. Dal 1997 al 2005 ha ballato nel Gruppo di Musica e Danze della Grecia “Mandila”, in spettacoli in tutta Italia e in trasmissioni televisive.    Attualmente  insegna e partecipa a vari spettacoli con il  Gruppo Terpsichòri (dal nome della Musa della Danza nella mitologia greca) e collabora con l’Ambasciata di Grecia e con la Comunità Ellenica di Roma e Lazio.

 

I danzatori de “I Passi della Tradizione - Questo ensemble fa riferimento   a un     progetto didattico di Francesca Trenta   nato nell’anno 2000   in seno ad alcune attività dello IALS di Roma  che ha per primo aperto le porte in modo    professionale anche  alle danze etniche italiane. Molti di loro si sono formati  anche attraverso i laboratori di Ballo! ,progetto artistico del maestro Ambrogio Sparagna, e appuntamento annuale presso il Parco della Musica di Roma. Sono reduci dall'aver partecipato alla performance " La Tarantella di Carnevale", con Ambrogio Sparagna, Parco della Musica.

 

Monica Neri ,polistrumentista, studia clarinetto all'età di tredici anni, successivamente si appassiona alla musica tradizionale e nel 1997 comincia  a suonare l ‘organetto come autodidatta. Studia il tamburo a cornice con Antonio Matrone insieme alla   danza tradizionale vesuviana.  Negli stessi anni conosce Andrea Sacco, cantore di grande rilievo del Gargano (Carpino), e  insieme ai ricercatori e musicisti Elia  Ciricillo ed Enrico Noviello fonda il gruppo Malicanti.  Fino al 2011 collabora con Ambrogio Sparagna, in italia e all 'estero.   Studia la lira calabrese con Antonio Critelli  e con lui collabora a   Tarantella Power dal 2002 al 2007.  Fa  parte dell’Orchestra de La Notte della Taranta di Melpignano e dell'Orchestra Popolare Italiana del Parco della Musica di Roma. Frequenta il conservatorio di Cosenza, corso di armonia e analisi jazz. Nel 2012 in collaborazione con Rita Tumminia e Lavinia Mancusi promuove il progetto musicale d'autore Lamorivostri come autrice dei brani del disco d'esordio Rosabella, presentato in Auditorium Parco della Musica di Roma.


Rita Tumminia è  organettista di uno dei gruppi storici del folk italiano Acquaragiadrom , e rivolge il suo  massimo interesse   allo studio del repertorio zingaro e alle sonorità balcaniche approfondendo le tecniche esecutive sull 'organetto.  Di lei vengono sottolineate “tecnica e grinta dall’organetto 12 bassi”.   E ancora:” Il suo stile esecutivo, passionale e frenetico, è il ‘palese’ anello di congiunzione tra le tammurriate Sinti e i balli dei Carpazi, tra le tarantelle del Salento e i ritmi dei Balcani”.Vanta collaborazioni d'eccellenza con Nando Citarella,   Gogol Bordello , Piero Pelù.

 
lavorincorso  .png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

VIAGGIANDO...LA COSTA DI ENEA, AL VIA LA STAGIONE ARCHEOLOGICA DI ARDEA
Immagine

Archeologia e mare, questa una  grande risorsa del Comune di Ardea  pronta a valorizzare i suoi  gioielli per l’estate alle porte.    La Costa di Enea, progetto di marketing territoriale ...
VIAGGIANDO....BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA, ARRIVA LA NOTTE ROMANTICA
Immagine

  Sono in fermento i Borghi più Belli d’Italia per la terza edizione della Notte Romantica  che si svolgerà il 23 giugno, il sabato successivo al solstizio d’estate. La Notte Romantica,...