• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

SI CANTA MAGGIO, LA FESTA DEL LAVORO AL PARCO DELLA MUSICA CON AMBROGIO SPARAGNA

 

Si Canta Maggio torna ad animare l’Auditorium Parco della Musica con una grande festa, un grande spettacolo, all’aperto e al chiuso: una giornata di  festa popolare per celebrare il diritto al lavoro con concerti, spettacoli all’aperto, mostre di strumenti musicali e il Mercato di Campagna Amica.

Si canta Maggio è un progetto di Ambrogio Sparagna per l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Coro Popolare  e il Coro di Voci Bianche diretti da Anna Rita Colaianni.

Una Produzione originale della Fondazione Musica per  Roma


Ricco il programma della giornata 1 maggio

 

A partire dalla mattina, ore 10,00,nei giardini pensili del Parco della Musica avrà inizio la mostra mercato di prodotti enogastronomici tipici “a chilometro zero” a cura della Coldiretti (Mercato di Campagna Amica). La mostra mercato proseguirà per tutto il pomeriggio e sarà arricchita dalla presenza di alcuni espositori di liuteria tradizionale.

 

Alle ore 11 Sala Sinopoli

Sogna fiore mio

Canti di lavoro, ballate e serenate della tradizione popolare italiana . Un progetto originale di Ambrogio Sparagna

per l’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, il Coro Popolare  e il Coro di Voci Bianche diretti da Anna Rita Colaianni. Ospiti speciali di questa undicesima il cantastorie calabrese Nando Brusco e la partecipazione straordinaria di Tosca.


Sogna fiore mio è uno spettacolo originale dedicato alla grande tradizione dei canti di lavoro femminili, un repertorio assai variegato dove, accanto ad alcuni componimenti utilizzati per ritmare il lavoro (soprattutto collettivo), un tempo erano largamente diffusi anche una serie di canti narrativi dedicati alle grandi eroine della tradizione popolare italiana, in particolare le storie della “povera” Cecilia  e della “donna” Lombarda che in questo spettacolo vengono proposte nella straordinaria interpretazione di Tosca, una delle voci più belle del panorama musicale italiano, che per la prima volta collabora con l’Orchestra Popolare Italiana.
Accanto a questo repertorio di ballate, nello spettacolo vengono proposte anche una varietà di conte, filastrocche e serenate interpretate dalle voci soliste dell’Orchestra, dal Coro popolare e da quello delle Voci bianche. Lo spettacolo è, inoltre, arricchito dalle originali narrazioni del cantastorie calabrese Nando Brusco, straordinario virtuoso di tamburelli e fine affabulatore.

Dalle ore 13.00 ,Giardini Pensili ,distribuzione di fave, pecorino e vino bianco perpetuando l’antica usanza romana delle uscite fuori porta in occasione del primo maggio.Alle 15,00 Tamburo è voce

Battiti di un cantastorie,la Calabria nei racconti cantati di Nando Brusco (voce e tamburello)

 

Ingresso allo spettacolo : 15 Euro – Riduzione Finisterre 12 Euro
Info e prenotazioni: 

ROMA, DANZE E CULTURA THAI AL FESTIVAL "TASTE OF THAILAND"

  L’Ente Nazionale per il Turismo Thailandese – in collaborazione con Thai Airways, Bangkok Airways, Ministero dell’Agricoltura Thailandese, e Nora Thai Vip & Massage Spa – dedica  una intera giornata   alla Thailandia con il Festival “Taste of Thailand”.L’evento rappresenta il primo esempio di manifestazione totalmente rivolta alla comprensione dell’arte e della cultura thai. Nel corso della giornata del 22 aprile, dalle 11.00 di mattina alle 23.00 di sera con ingresso libero, il Palatlantico (Via dell’Oceano Atlantico 217D) aprirà i suoi spazi al pubblico per una full immersion  in una vera esperienza thai nel segno della nuova strategia di promozione dell’Ente che punta su turismo esperienziale e comunità locali denominata “Open to the New Shades”. Relax, energia, conoscenza, ispirazione, divertimento sono le cinque parole chiave attorno alle quali si consumerà la giornata. Il programma prevede rappresentazioni di cultura thai, danze tradizionali , pittura su ceramica e tessuto, boxe thailandese, pittura su ombrellini thai, cucina e prodotti tipici, angolo Spa, vendita di prodotti thai, e un desk riservato alle informazioni su voli e viaggi. Inoltre, un ristorante thailandese sarà aperto per l’intera giornata e tutti i partecipanti avranno la possibilità di sottoporsi gratuitamente al massaggio thailandese, oltre che di partecipare a giochi coinvolgenti.   Sin dalle 11.00 si aprirà la possibilità di assistere e partecipare alle attività tipiche della tradizione thai, dalle 14.00 prenderanno il via anche le esibizioni sul palco.     IL PROGRAMMA DELLE ESIBIZIONI DEL 22 APRILE ORE 14:00 - Danze thailandesi ORE 15:00 - Competizione culinaria (Som Tam) ORE 16:00 - Danze thailandesi ORE 17:00 - Esibizione Muay Thai ORE 18:00 - Competizione culinaria (Som Tam) ORE 20:00 - Esibizione Muay Thai ORE 21:30 - Danze thailandesi Chiusura con premiazioni Per maggiori informazioni: www.turismothailandese.it  

TEATRO OLIMPICO, NOTTE TZIGANA E IL FLAMENCO DI PASTORA GALVAN

    Ultima settimana di appuntamenti per l’VIII edizione del Festival Internazionale della Danza di Roma della Filarmonica Romana e Teatro Olimpico..." con musica e danza in giro per l'Europa".   Martedì 17 e mercoledì 18 aprile (ore 21) protagonista la danza e la musica dei gitani e più in generale della tradizione ungherese, con una festosa Notte Tzigana che vedrà sul palco le danzatrici del Zigana Clan, le cui coreografie si ispirano al mondo nomade, insieme ai musicisti dell’Orchestra Tzigana di Budapest, formazione nata quasi cinquant’anni fa nel 1969, la più conosciuta in Ungheria, che impiega anche strumenti tipici della musica tzigana come il cimbalom e il tarogato, guidata dal talento di Antal Szalai, violinista gypsy fra i più celebri al mondo.   L’improvvisazione, la tensione, il dramma, la libertà, il viaggio e la condivisione in gruppo ‒anima del popolo ungherese ‒ si trasformano in arte, fra musica, danza e gesto. Saranno quindici le danzatrici, dirette da Anastasia Francaviglia, e otto i musicisti che sul palco, in abiti tradizionali, eseguiranno un repertorio fatto musicalmente di accelerazioni e crescendo, ripetuti glissando di violini e virtuosistici assoli, al ternati a momenti di intenso e nostalgico lirismo.Recuperando quella musica popolare ungherese che in passato tanto ha influenzato la musica dei compositori ‘classici’, brani come le Danze ungheresi di Brahms e la Seconda Rapsodia ungherese di Liszt saranno eseguiti mettendo in risalto il temperamento di questa musica che si alternerà all’ascolto di musiche popolari della cultura tzigana, come le celebri csárdás, danze che ancora oggi si ballano nelle taverne ungheresi e che celebrano la gioia di vivere ad ogni istante.       L’ultimo appuntamento di questo felice  Festival giovedì 19 e venerdì 20 aprile (ore 21) ospita invece Pastora Galván, star mondiale del flamenco, discendente della consacrata famiglia sivigliana di bailaores che sono i Galván: suo padre José Galván, sua madre Eugenia de Los Reyes, senza dimenticare suo fratello Israel Galván figura di primo piano del mondo del flamenco d’oggi. Con tutto il suo carisma e il suo fascino Pastora presenta il nuovo spettacolo, intitolato semplicemente Pastora baila. Nelle sue celebri pose, guiderà il pubblico dal flamenco tradizionale ad una visione contemporanea di quest’arte, costellata da molteplici dettagli. Del flamenco infatti Pastora porta nel sangue la tradizione tramandata dai suoi genitori e la modernità dal fratello Israel, artista che ha sviluppato in senso contemporaneo quest’arte e che ha contribuito all’ideazione dello spettacolo. Con lei sul palco anche la chitarra di Juan Requena e il canto di David el Galli e Manuel Lopez. Dunque il flamenco nella sua essenzialità, con cante, baile e guitarra, perché come diceva Manuel Machado, poeta e scrittore spagnolo: “una fiesta si fa con tre persone: uno balla, uno canta e un altro suona. Ah dimenticavo quelli che gridano olè e battono le mani!”.         TEATRO OLIMPICO martedì 17, mercoledì 18 aprile ore 21 NOTTE TZIGANA Orchestra Tzigana di Budapest Antal Szalai violino e direzione   Compagnia Zigana Clan direzione di Anastasia Francaviglia     -------------------------   TEATRO OLIMPICO, giovedì 19 e venerdì 20 aprile ore 21 PASTORA BAILA Pastora Galván baile Juan Requena chitarra David el Galli, Manuel Lopez canto   con il patrocinio di   info  Teatro Olimpico, tel. 06 32659927, email 

012

“TRA TERRA E MARE ”... L’INCONTRO

 

Un lungo viaggio, quello dei popoli nomadi (romanì) che partirono   dall’Asia per raggiungere  il Mediterraneo  e l’Europa, arricchendo  il loro bagaglio, a ogni tappa,  di suoni, ritmi e colori. E nello spettacolo “ Ballareviaggiando...  Tra Terra e Mare", progetto artistico di Francesca Trenta,ricercatrice, danzatrice e docente, andato in scena negli spazi di Danzainfiera 2018 (Firenze, Teatro Ronda, 23 febbraio 18,30) ,   in partnership con la nostra testata ballareviaggiando.it , si celebra l’incontro tra terre  lontane e diverse che  si uniscono e si chiamano attraverso la musica e i  passi di danza...

di Ester Ippolito

 

 

“ Fra la terra e il mare, dall’Asia al Mediterraneo..nella ricerca  di un approdo comune”

Una  performance  intensa, ricca di sfumature, di passaggi di ritmi e di  ambientazioni quella di  "Ballareviaggiando....

Tra Terra e Mare", progetto artistico di Francesca Trenta, ricercatrice, danzatrice e docente, andata in scena negli spazi di Danzainfiera 2018 (Firenze, Teatro Ronda, 23 febbraio 18,30) , in partnership con la nostra testata ballareviaggiando.it .



Presentata da Stefano Baragli, lo spettacolo celebra l’incontro tra terre  lontane e diverse che    si uniscono e si chiamano attraverso la musica e i  passi di danza. Accanto a Francesca Trenta il suo Ensemble  I Passi della Tradizione, il  gruppo Onirika di Rossella Lazzari  , l’ Associazione Terpshicòri Danze Greche di Anna Botzios, più la musica dal vivo, un valore aggiunto, con le  musiciste Rita Tumminia (organetto) e Monica Neri (organetto, tamburi e lira calabrese), che hanno accompagnato con i loro strumenti momenti tra i più diversi legando culture solo apparentemente lontane .

Incontro di terre lontane , e anche di persone , di artisti legati a differenti stili di danza  che hanno recepito questo senso dell'incontro.  “ Il Dif- afferma Francesca Trenta- è stata un’occasione di incontro  fra persone e danzatori .Nel nostro spettacolo  mondi apparentemente lontani si sono incontrati”.E  stata una bella esperienza fare parte di questo evento. Ho conosciuto tanta gente innamorata della danza e della cultura-le parole di Rossella Lazzari. "Una esperienza ricca di emozioni- il commento di Anna Botzios. "L'evento di Dif- secondo Monica Neri- è stata  una occasione  per far conoscere un altro aspetto della danza in Italia, e bisogna insistere.    E' necessario  costruire  spettacoli nei dettagli   e coinvolgere persone preparate, e sono   propensa a collaborare  con la danza e con la musica ".

 

In scena....la zingara in viaggio...

Un percorso  affascinante  che  prende  il  via dall’India , dalla vita dei templi dove la preghiera è danza.... è solo l’inizio del viaggio della nostra zingara  che procede  poi alla volta dei Balcani , mentre nella sua mente echeggiano ancora i tintinnii  dell’Asia minore , il profumo dei fiori  e il ricordo del   movimento magico delle mani.

“. ..la zingara  arriva nei Balcani, accompagnata da violini e fisarmoniche ...danza la gioia ,il dolore, la passione ,la  nostalgia...”

Trionfano i colori , la  femminilità ,la forza della donna  nelle danze del gruppo Onirika di Rossella Lazzari che  sottolineano  il passaggio dalla danza sacra alla danza gitana  segnata dallo  stile   Bohemian Gypsy Style, in cui  si fondono in un unico linguaggio i modi ed i passi propri delle danze  sviluppate nei vari gruppi del popolo nomade. India, Turchia, Russia, Egitto, Spagna, Italia,  danze andaluse, il flamenco-arabo, la zambra mora.... “ Perchè la danza è un viaggio-come sottolinea  Rossella Lazzari . Il viaggio continua e si approda alla Grecia....

"...e la zingara guarda il mare ..e sogna colori   e atmosfere del Mediterraneo"

La Grecia irrompe sul palco  con danze tradizionali  di varie aree  accompagnate da ritmi dolci ,che ci riportano in Tracia, Macedonia, Mikonos , Samotracia , rumore del mare, piccole barche, vino e olive...  ..perchè la Grecia non è solo Sirtaki.   Grecia e Italia si danno la mano, il passaggio è veloce e armonico, si balla insieme , si passa dal mare alla terra, la terra nostra ...

“ Donne del sud ...forti e indomite. Donne che hanno nel sangue  il riflesso delle zingare che sono passate di lì” .

Ed ecco che, grazie al gruppo de I Passi della Tradizione, la nostra tradizione di musiche e di danze  popolari cresce in potenza, castagnette, tamburi e organetto  battono il tempo , si balla  a passo di tamurriata , irrompe la tarantella di Montemarano, si danza a cerchio, in processione , si accende la pizzica  con sfumature balkan  mentre ancora scorrono sul fondo le danze greche...Si alza il canto grecanico ,la lira emette il  suo suono e accompagna  la tarantella calabrese....”perchè le tarantelle  parlano greco, albanese , spagnolo, arabo” e  la danza è il vero punto di approdo.

Il progetto  Ballare Viaggiando per il Dif , scritto e curato da  Francesca Trenta, è giunto alla sua quarta edizione , in collaborazione con la testata ballareviaggiando.it.

FOTO BALLAREVIAGGIANDO.IT di RICCARDO SOTTORIVA

--------------------------

Coreografie e riproduzioni etnocoreografiche:
“Bohemian Gypsy Style” a cura di Rossella Lazzari
“Le danze tradizionali in Grecia” a cura di Anna Botzios
“Innesti culturali” le tarantelle parlano in greco, albanese, spagnolo, arabo...
a cura di Francesca Trenta

Musicisti in scena: Rita Tumminia , organetto tamburello voce
Monica Neri , organetto lyra calabrese, tamburello,ciaramella


I DANZATORI


I PASSI DELLA TRADIZIONE – Francesca Trenta
Silvia Cesaroni , Barbara Bufano, Anna Candeliere, Claudia Cardegna, Silvia D'Afflisio,Fabrizio Ferrito, Francesca Cugini, Francesca Renzi, Laura Miorelli, Massimina Serafini,
Silvia De Propis, Fernando Incurvati, Maddalena Comodeca, Antonio Cafiero, Andrea Novi, Vittoria Filardi

ONIRIKA Rossella Lazzari, Antonietta Tamburrini, Silvia Pinori, Tiffany Petri, Carolina Mariani

TERPSHICÒRI DANZE GRECHE – Anna Botzios, Marina Galetti, Grazia Saracini, Gigia Lazzaro, Silvana Silvestri, Ezio Mancuso

 

I PROTAGONISTI

Francesca Trenta- Danza, canto e teatro musicale fanno parte del Know how di  Francesca Trenta, ricercatrice, docente, danzatrice e coreografa,       che annovera collaborazioni  con Tarantella Power di  Eugenio Bennato, Nando Citarella (partecipazione alla compagnia La Paranza) e Ambrogio Sparagna e con l’Orchestra Popolare ( edizioni di Ballo! all'Auditorium di Roma , 2013 , 2014, 2015,2016,2017, La Tarantella del Carnevale 2018). Cura    attività di insegnamento in Italia e all'estero portando avanti   il progetto didattico sulla danza tradizionale rivolto ad adulti, bambini e diversamente abili “I Passi della Tradizione” che da 12 anni ha sede stabile presso lo IALS di Roma , e coordina in spettacoli e performance   il suo Ensemble I Passi della Tradizione.  E’ presidente dell’associazione    Culturale   Il Flauto Magico  e ha dato vita anche  anche   alla compagnia MeRitmiRiti Meridione, ritmi e riti con Gian Franco Santucci.

 

Rossella Lazzari -  Rossella Lazzari si dedica alla Danza Orientale dal 1999 e dal   2005  è Presidente dell'associazione Onirika Dance Project.L'incontro con Raquel Brice nel 2004   ha dato il via  agli studi di Tribal Bellydance e Tribal Fusion. L'artista   ha poi integrato  il proprio percorso  con studi su varie danze etniche e discipline:dal Barata Natyam al Gypsy Duende,dal   Flamenco al Tango Argentino,   danze Caraibiche , Pizzica Salentina (M.Santoro) ,danze Medievali e Rinascimentali,  danza jazz  , danza Africana, Danza Geishe Giappone. Onirika Dance Company è la compagnia  fondata nel 2005 e diretta da Onirika Rossella Lazzari che cura le coreografie, i testi e ne disegna  costumi e scenografie. Nel 2014 per il Festival dell'Oriente  ha ideato e co-diretto la competizione di danze: 'Oriental Vision'.

Anna Botzios- Nata a Roma, da padre greco e madre italiana, ha iniziato a ballare da bambina, in un gruppo di danze tradizionali della Regione di Thesprotia, in Epiro, terra di   origine della  la sua famiglia   durante i Panighiria (feste che si svolgono prevalentemente in estate).    E' membro del “Conceil International de la Dance (CID) dell’UNESCO.  Ha insegnato per la Comunità Ellenica di Roma e Lazio ai figli dei cittadini greci che vivono a Roma. Dal 1997 al 2005 ha ballato nel Gruppo di Musica e Danze della Grecia “Mandila”, in spettacoli in tutta Italia e in trasmissioni televisive.    Attualmente  insegna e partecipa a vari spettacoli con il  Gruppo Terpsichòri (dal nome della Musa della Danza nella mitologia greca) e collabora con l’Ambasciata di Grecia e con la Comunità Ellenica di Roma e Lazio.

 

I danzatori de “I Passi della Tradizione - Questo ensemble fa riferimento   a un     progetto didattico di Francesca Trenta   nato nell’anno 2000   in seno ad alcune attività dello IALS di Roma  che ha per primo aperto le porte in modo    professionale anche  alle danze etniche italiane. Molti di loro si sono formati  anche attraverso i laboratori di Ballo! ,progetto artistico del maestro Ambrogio Sparagna, e appuntamento annuale presso il Parco della Musica di Roma. Sono reduci dall'aver partecipato alla performance " La Tarantella di Carnevale", con Ambrogio Sparagna, Parco della Musica.

 

Monica Neri ,polistrumentista, studia clarinetto all'età di tredici anni, successivamente si appassiona alla musica tradizionale e nel 1997 comincia  a suonare l ‘organetto come autodidatta. Studia il tamburo a cornice con Antonio Matrone insieme alla   danza tradizionale vesuviana.  Negli stessi anni conosce Andrea Sacco, cantore di grande rilievo del Gargano (Carpino), e  insieme ai ricercatori e musicisti Elia  Ciricillo ed Enrico Noviello fonda il gruppo Malicanti.  Fino al 2011 collabora con Ambrogio Sparagna, in italia e all 'estero.   Studia la lira calabrese con Antonio Critelli  e con lui collabora a   Tarantella Power dal 2002 al 2007.  Fa  parte dell’Orchestra de La Notte della Taranta di Melpignano e dell'Orchestra Popolare Italiana del Parco della Musica di Roma. Frequenta il conservatorio di Cosenza, corso di armonia e analisi jazz. Nel 2012 in collaborazione con Rita Tumminia e Lavinia Mancusi promuove il progetto musicale d'autore Lamorivostri come autrice dei brani del disco d'esordio Rosabella, presentato in Auditorium Parco della Musica di Roma.


Rita Tumminia è  organettista di uno dei gruppi storici del folk italiano Acquaragiadrom , e rivolge il suo  massimo interesse   allo studio del repertorio zingaro e alle sonorità balcaniche approfondendo le tecniche esecutive sull 'organetto.  Di lei vengono sottolineate “tecnica e grinta dall’organetto 12 bassi”.   E ancora:” Il suo stile esecutivo, passionale e frenetico, è il ‘palese’ anello di congiunzione tra le tammurriate Sinti e i balli dei Carpazi, tra le tarantelle del Salento e i ritmi dei Balcani”.Vanta collaborazioni d'eccellenza con Nando Citarella,   Gogol Bordello , Piero Pelù.

 
notte taranta cannito .png
facebook youtube twitter
  • login

Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando








VIAGGIANDO...FRONTEMARE,DALL'IRPINIA AL CILENTO. ESPERIENZE, INCONTRI, CONCERTI
Immagine

  Dalla terra al mare, dall’Irpinia al Cilento: Avellino ospita la grande presentazione di una nuovissima realtà che si appresta ad approdare a Marina di Camerota. Si tratta di Frontemare,...
COSIARTE, AZIONE conCRETA. ARTE, RITMO E CORPO
Immagine

    CosiArte  di Ostia, spazio culturale  aperto a più forme di espressione  quali la danza, la musica e le arti visive, propone il  6 maggio prossimo il Workshop  di Paola Ramondini...