• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

MARISTELLA MARTELLA A ROMA, PUGLIASHOWCASE, CON “PREMESSE A KORE”

  Arriva la danza mediterranea,  la poesia, la ricerca del legame con le danze di tradizione popolare, il mistero della trance, gli interrogativi sul femminile. Nell ’ambito  dello    Puglia Showcase, una vetrina della danza moderna e contemporanea   in svolgimento a Roma   dal 26 al 30 settembre al Teatro di Villa Torlonia e al Teatro Palladium, il 27 settembre alle 21,00 presso il Teatro Torlonia, va in scena   Maristella Martella,danzatrice, coreografa e direttrice della compagnia  Tarantarte, Nuova Danza Popolare,  con lo spettacolo“Premesse a Kore” ,  ispirato al saggio-diario di Christa Wolf. In scena  cinque   donne   provano ad indagare il femminile,  cogliendone i segni disseminati nella storia e nella ritualità delle danze tradizionali. È una ricerca aperta che dal sud Italia si espande alla Grecia e al Mediterraneo seguendo  un filo rosso che lega il presente della danza popolare alle sue origini più antiche: è il legame con il luogo in cui affondano le sue radici. “È il nastro rosso avvolto attorno alle braccia delle danzatrici sulla scena che, ieratiche e seduttive, conducono lo spettatore alla sua iniziazione. Quello che si consuma sulla scena è infatti un drama mystikon, il dramma iniziatico al mistero della trance, che spesso è il cuore occulto e pulsante delle danze di tradizione popolare. Kore, la “fanciulla indicibile” del mito, è il nume ispiratore di questo lavoro che scava nel mito e nel rito delle danze popolari del Mediterraneo”. Maristella Martella è un'artista a tutto tondo che   da un lato cavalca l’onda della sperimentazione  e del nuovo,  e dall’altro è ambasciatrice del ritmo del Salento.Lo spettacolo romano   è una delle tappe  di un tour europeo della compagnia Tarantarte che toccherà    Parigi ,Roma e Lussemburgo.   Pugliashowcase , un progetto della Regione Puglia – Assessorato all’Industria Turistica e Culturale, ideato e realizzato dal Teatro Pubblico Pugliese, propone   12 spettacoli di teatro e danza contemporanea in quattro giorni interamente dedicati alla Puglia con uno sguardo al panorama nazionale ed internazionale.  Accanto agli spettacoli un Forum sullo stato spettacolo dal vivo nella sede e in collaborazione con l’Istituto della Enciclopedia Italiana. Momento di riflessione dal titolo “Ieri, oggi e domani”, organizzato in collaborazione con ARTI  (Associazione delle Reti Teatrali Italiane), un focus sul passato, presente e futuro dello spettacolo dal vivo in Italia in cui rappresentanti di tutti i comparti del settore saranno coinvolti in un’analisi dell’ultimo triennio  .Il quadro giuridico e istituzionale di riferimento, la sostenibilità del settore e la gestione delle economie nel sistema dello spettacolo dal vivo, il riconoscimento e la formazione delle figure professionali, il ruolo dello spettatore, i processi di internazionalizzazione e le politiche di scambio con il resto d’Europa e del mondo saranno alcuni degli argomenti toccati in una tavola rotonda moderata da Giulio Baffi (Repubblica). Ad aprire la conversazione, una riflessione di Nicola Schingaro, sociologo della cultura e urban planner dell’Università di Bari, sulla funzione sociale del teatro, strumento per sostenere giustizia e cambiamento sociale soprattutto nelle periferie. “Un’importante occasione – le parole dell l’Assessore alla Cultura della Regione Puglia, Loredana Capone - per far conoscere non solo la nuova produzione teatrale del nostro territorio, ma viverla nel contesto di una piattaforma di discussione sul passato, presente e futuro del teatro italiano, La Puglia fa sistema e si confronta con operatori nazionali e internazionali in accordo con prestigiose istituzioni il Teatro nazionale Argentina e l’Università Roma tre, per comprendere lo stato dell’arte e la condizione attuale in cui vive il settore teatrale e in particolare i circuiti”. video spettacolo Tarantarte https://vimeo.com/251630767   Roma  - Teatro di Villa Torlonia - ore 21.00 Compagnia Tarantarte PREMESSE A KORE di Maristella Martella con Maristella Martella, Laura de Ronzo, Alessandra Ardito, Silvia de Ronzo, Manuela Rorro Coreografia di MARISTELLA MARTELLA Per informazioni su tutto il programma www.pugliashowcase.it

DANZE POPOLARI LUCANE A REGGIO EMILIA CON TARANTELLA LUCANA

    “La cultura passa anche attraverso la tradionze popolare ed il ballo ne è parte fondamentale” E’ il principio guida dell’Associazione Tarantella Lucana di Donato Vena che propone uno stage di danze popolari lucane, in particolare della provincia di Matera, a Reggio Emilia sabato 29 settembre  dalle ore 14:00 in poi. La Compagnia di danza popolare "Tarantella Lucana" nasce nel 1995 a Reggio Emilia, per opera del lucano Donato Vena (attualmente presidente e coreografo) , che ha esportato la tradizione popolare della Basilicata a Reggio Emilia, con lo scopo di promuovere la conoscenza della tradizione popolare con canti, danze e musiche del passato. Il folklore messo in scena negli spettacoli, quindi, è prevalentemente lucano anche se non mancano danze emiliane. Tra le danze emiliane troviamo il carnevalesco "ballo dei gobbi", il movimentato "ballo dei montanari", la “giga", la “galoppa”; tra le lucane la frenetica "Tarantella" , la coreografica "quadriglia", il curioso "ballo del treppiedi", la scenografica "mietitura".Ma la danza più suggestiva è sicuramente la "Tarantolata" in cui una ragazza, morsa dalla tarantola, viene fatta ballare a suon di tamburello per annientare il potente veleno; a guarigione avvenuta la scena si conclude con la frenetica "pizzicapizzica".Il gruppo ha partecipato a numerosi festival del folclore sia nazionali che internazionali. In occasione della nomina di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, nei prossimi mesi l’ associaizione è disponibile ad organizzare stage di danza lucana e materana presso le organizzazioni interessate a farlo.   In occasione dello stage di fine settembre saranno illustrati le cinque danze lucane  ovvero  La Quadriglia , U ball del treppiedi, Tarantella di Pisticci, Tarantolata e Pizzica, Tarantella del Pollino. A seguire (ore 21,00) spettacolo La Notte delle Farfalle con il coinvolgimento degli  stagisti . Per informazioni Donato Vena (Associazione "Tarantella Lucana" - 328/4324254).  

ANTEPRIMA 2019, GALA LES ETOILES DI DANIELE CIPRIANI

Il 2019 si aprirà con il Gala internazionale di danza a cura di Daniele Cipriani che attinge dal firmamento della danza per portare in scena le sue étoile più brillanti sul palco dell'Auditorium di Roma :le date sono dom 20 gen 2019 | 18:00 | Sala Santa Cecilia e lun 21 gen 2019 | 21:00 | Sala Santa Cecilia. il cast di Les Étoiles è formato dai più grandi nomi del balletto classico, ballerini dalle personalità splendenti e dalla tecnica sfavillante, in un ricco programma di brillanti virtuosismi e momenti di struggente lirismo: amatissimi brani tratti dal repertorio classico, accanto a lavori recenti, firmati dai coreografi attualmente più in vista. Les Étoiles, la cui prima edizione risale al 2015, è una formula ben rodata ed acclamata dal grande pubblico, l’appuntamento di danza più atteso della capitale e di altre città italiane, un gala cult che ha incantato il pubblico di prestigiosi teatri, dall’Auditorium Parco della Musica all’Auditorium Conciliazione di Roma, dalla Fenice di Venezia al Lirico di Cagliari. I nomi in cartellone ed il programma richiamano un ampio ed eterogeneo pubblico di tutte le età, tra cui molti turisti.  Oltre 5.000 gli spettatori della Sala Santa Cecilia, (gennaio 2018), vastissima la copertura mediatica, con presentazioni, interviste e recensioni, sulle reti nazionali e regionali dei TG e dei GR RAI, sulle pagine dei maggiori quotidiani, sulle copertine dei settimanali. Simpatica consuetudine di Les Étoiles, è quella dell’ étoile a sorpresa’, che crea suspense tra i ballettofili mentre un’altra, che piacerà ai romantici, è quella di ospitare coppie di primi ballerini che sono anche coppie nella vita. L’intesa tra di loro è palpabile in scena e va a rendere ancora più intensa l’alchimia tra i protagonisti. Hanno varcato il palcoscenico di Les Étoiles stelle come Svetlana Zakharova, Marianela Nuñez, Ivan Vasiliev, Vladimir Shklyarov, Daniil Simkin, Tiler Peck: artisti provenienti da compagnie come il Bolshoi di Mosca, il Mariinsky di San Pietroburgo, lo Hamburg Ballet, il Royal Ballet di Londral’Opéra di Parigi o il New York City Ballet. Tra i leitmotif di Les Étoiles c’è dunque la sua internazionalità, non solo le diverse nazionalità dei ballerini e dei teatri di provenienza, ma anche quelle dei compositori e dei coreografi. Questo sottolinea il messaggio di unione in cui la danza si presenta quale modello di una società e di un mondo ideali. Les Étoiles diventa ‘Le Nazioni Unite della Danza’: in quest’epoca in cui riaffiorano pericolosi nazionalismi, fanatismi, xenofobie, contrapposizioni politiche e religiose, il gala Les Étoiles è un inno all’armonia tra i popoli del nostro pianeta. dom 20 gen 2019 | 18:00 | Sala Santa Cecilia lun 21 gen 2019 | 21:00 | Sala Santa Cecilia
Auditorium Parco della Musica
Via Pietro de Coubertin, 30, 00196 Roma RM

https://www.auditorium.com/evento/les_etoiles-19178.html

012

A DIF 2016 lo show Ballare Viaggiando...da Oriente a Occidente

"Da Oriente a Occidente”... torna a Danzainfiera 2016, Firenze,  lo spettacolo Ballare Viaggiando, in collaborazione con la nostra testata e con l'associazione Il Flauto Magico di Francesca Trenta, docente, danzatrice e coreografa  che ha curato il progetto artistico.  Per la seconda edizione della performance, il viaggio si fa più intimo e ruota intorno alla femminilità della donna e alla sua sensualità partendo dall'India, con la danza Kathak di Rosella Fanelli, arrivando in occidente, con  tappa in Argentina, tra tango e danze popolari, con Milva & Mirko e Antonio Castiglia, per raggiungere infine il nostro sud - sole, ritmi e colori-  con ballarella, tarantella, tamurriata e pizzica. Con Francesca Trenta e il suo Ensamble  de "I passi   della Tradizione ". Venerdì 26 febbraio, ore 13,00, Padiglione Ronda, Dif

di Ester Ippolito

 

 

La danza ci guida alla conoscenza dei luoghi  e dei popoli, è una bussola con la quale viaggiare tra ritmi, stili, poesia e cultura. Torna a Firenze, nella cornice di Dif 2016, la seconda edizione dello spettacolo  "Ballare Viaggiando: da Oriente a Occidente”, in programma  il 26 febbraio alle 13,00, Padiglione Ronda, con la collaborazione della nostra testata ballareviaggiando.it, l’associazione   culturale Il Flauto Magico, e la direzione artistica e regia di Francesca Trenta, docente Ials Roma, danzatrice  danze popolari, coreografa e ricercatrice. Se lo scorso anno lo spettacolo aveva proposto un giro del mondo in danza,  dalla Spagna all'Egitto, dall’Argentina  ai Caraibi  fino all’Italia popolare, quest’anno, in più quadri, si vuole celebrare un tema –la sensualità e il fascino della donna-  che si esprimono   attraverso il movimento danzato sia in assolo che in relazione alla forza dell'uomo e all'energia del gruppo, in modo diverso, ma a volte affine, da Oriente a Occidente appunto.

 

Si parte  dalla danza Kathak, stile classico dell’India del nord, che investe la danzatrice del ruolo di medium tra Dio e l’uomo, colei che tiene un braccio alzato sopra la testa e l’altro rivolto verso il basso e sembra dire: “tutto quello che ricevo dal cielo io lo passo al mondo” . Protagonista  l’artista Rosella Fanelli ,insieme ai rappresentanti  della sua  Scuola Kathak Italia, che  propone “ Racconti del corpo e dell'anima”, coreografia  da lei ideata e realizzata con la partecipazione delle danzatrici Shirly Cossettini, Sana Afandiyeva,  Serena Di Franco, e la piccola Beatriz Antonietta Ceccarini. Si prosegue poi  verso l'occidente facendo tappa in Argentina, terra di immigrazione che unisce ritmi e melodie  arabo-andaluse e del mediterraneo.


E qui il  ponte verso il Mediterraneo viene offerto dal Tango Orientale in cui la tradizione ritmica dell'Oriente e la malinconia del suono del bandoneon si fondono e dialogano con la danza di Milva Morelli,  nata a  Buenos Aires, che porta in scena  anche il Canyengue, fra i progenitori del tango. Qui la donna è provocante, e si lascia trascinare dall'uomo: Mirko Bonelli è suo partner nel ballo e nel progetto di ricerca sul folklore argentino.


L' abbraccio del tango cerrado e della milonga con Antonio Castiglia della compagnia Zappa di Prato, ed Anna Candeliere, concludono il momento dedicato alla danza in coppia chiusa in cui  l'uomo e la donna sono in contatto come un corpo unico. Ma è  la Chacarera, danza popolare argentina fra le più note, che apre a la porta all' Occidente, con l'intesa che si crea fra i danzatori che si muovono a braccia protese l'uno verso l'altro senza toccarsi, e anticipa alcuni stili di danza tradizionale del meridione italiano, tappa finale del nostro viaggio.....

 

Ed ecco che sul palco si snoda un tour  verso sud, dal Lazio alla Calabria, passando per Campania, Basilicata e Puglia- protagoniste   ballarella, tammurriata, tarantella e pizzica-  con Francesca Trenta e l'ensamble di danzatori formatosi nella Scuola di danza tradizionali “I Passi della Tradizione” e lo Ials di Roma. Le danze vengono riproposte sul palco così come la tradizione le ha consegnate oggi, senza disegno coreografico, ma con la libera interpretazione dei danzatori che sanno mescolare elementi ritmici e stilistici in relazione alla musica dal vivo di MeRitmiRì meridione ritmi e riti con Gian Franco Santucci (Tammorra e voce), Fabio Menditto (bouzouki), Doriano Prati (fisarmonica).

I Danzatori di Ensamble  I Passi della Tradizione sono Elisabetta Corato,Silvia Cesaroni, Silvia D'Afflisio, Cristina Iannuzzi, Lavinia Ottolini, Alessia Mattacchioni, Simona Danieli, Francesca Cugini, Martina Fiorucci, Anna Candeliere, Stefano Campagna, Carlo Pisanò, Marco Schifani, Gabriele De Vita, Laura Lupo.


Rosella Fanelli: fascino e sacralità della Danza Kathak

“Lo spettacolo lo vedo come un viaggio….inteso  anche come viaggio interiore,   come esplorazione. In particolare  attraverso la danza indiana  si esprime bellezza, sensualità femminile ma soprattutto si contribuisce ad evocare e sostenere  quel potere ancestrale spesso dimenticato dalle donne. La danzatrice Kathak si pone come dea, come madre cosmica, ma anche come amante… “. Sono le parole di Rosella Fanelli , artista che ha vissuto a lungo in India e che ha fondato nel nostro paese  la Scuola Kathak Italia, i cui obiettivi sono  la formazione, diffusione  e sperimentazione di questo antico e classico stile di danza indiana che  origina dal nord dell’India e attraversa  varie epoche, dai tempi antichi fino al medioevo,  diffondendosi nelle corti Moghul, fino al periodo coloniale e ai giorni nostri.   "Kathak – ci spiega l’artista- deriva da Katha che vuol dire storia, quindi è una danza per mezzo della quale si narrano storie religiose, epiche , connesse ai miti dell’India. Durante  il periodo moghul questo elemento sacro si arricchisce  di elementi romantici ed edonistici  espressi  dalle poesie in lingua Urdu. La tecnica  della danza  Kathak ricorda  quella del flamenco di cui si dice  sia la vera origine. Infatti il lavoro Tatkar, o lavoro dei piedi nel kathak ,assomiglia  allo zapateado del flamenco. Le piroette innumerevoli, i movimenti aggraziati, e l’abhinaya (espressività affidata alla mimica del viso e degli occhi) fanno di questa danza una tra le più affascinanti del mondo, caratterizzata dall’aspetto ritmico del lavoro dei piedi amplificati  da centinaia di campanelli  avvolti alle caviglie  del danzatore."  E’ una  danza  che   mette in relazione la sfera sacra con l’uomo: il danzatore Kathak è in continua ricerca di un equilibrio tra la potenza, il vigore del Maschile (Shiva), l’eccellenza del movimento armonico Femminile (Shakti) e il sentimento emotivo del Cuore.   “Attraverso la pratica della danza ci riappropriamo consapevolmente di quella energia femminile chiamata Shatki- sottolinea Fanelli.

 

 

 

Tutte le sfumature del tango e non solo  .....Milva & Mirko

Mirko Bonelli, grazie alla conoscenza del tango argentino tradizionale nelle Milongas porteñas di Buenos Aires  ha cambiato totalmente il proprio modo di danzare e di pensare il Tango, abbandonando tutti gli stereotipi legati ai virtuosismi scenici per avvicinarsi sempre più alla tradizione sociale. Milva Morelli, di  origine argentina, ha vissuto il tango direttamente nelle milongas e si è  poi avvicinata alle  danze orientali.   Grazie a questa convivenza,  la fusione tra Danze Orientali e il Tango è qualcosa che avviene normalmente nel movimento danzato di Milva che ci   introduce  nel mondo contemporaneo della fusion dance & contamination facendo incontrare due universi  molto distanti sia geograficamente che culturalmente. La sensualità dei movimenti del mondo orientale, con i quali una donna può esprimersi mettendo a nudo le proprie capacità e il proprio mondo interiore, si sposa con l'eleganza del Tango, fondendosi in un'armoniosa combinazione di stile del movimento.  Ne esce una donna con una ricca sensualità femminile  ma lontana  da ogni preconcetto di volgarità sfarzosa.

Si passa poi alla vitalità  del Tango  Canyengue che resta   uno dei balli popolareschi originatosi in ambienti basso locati e spesso malfamati. Grazie a un percorso iniziato da Milva   nel campo delle danze popolari presso   l'Università del Tango di Buenos Aires , la coppia offrirà  anche  il ritmo della Chacarera, danza inizialmente  diffusa nel nord Est  dell’Argentina, e che originariamente  si ballava nel campo, da qui chacarero vale a dire, campesino, lavoratore dei campi.  E’  una danza che manifesta gioia e divertimento esaltando la mascolinità dell'uomo nel momento dello zapateo e l'eleganza della donna nello zarandeo  mentre mettono in atto un delicato senso di gioco e corteggiamento, provocazioni e dimostrazioni di bravura per conquistare un sorriso della donna, tra  cerchi e cambi di posto, avvicinamenti ed allontanamenti. Mirko  e Milva vanno in scena  con altri due danzatori e l'accompagnamento  musicale di Simone Del Vecchio.


Antonio Castiglia:  musicalità  e libertà del Tango


Antonio Castiglia, associazione Zappa di Prato, fiorentino,  non si è mai accontentato del tango che gli veniva proposto  nei suoi primi corsi,e   ha sempre ricercato qualcosa di più. " Ho avuto la sensazione da subito che   che le nozioni base che impartivano le varie scuole si basavano su concetti di tango molto limitanti e strettamente classici, qualcosa che  limitava le possibilità espressive di questo ballo e già  allora la mia “irrequietezza” caratteriale mi ha spronato sempre alla ricerca di forme più dinamiche e creative nell’interpretazione musicale del Tango. La mia istintività già preludeva ad una evoluzione che sarebbe sfociata in una maggior liberta di movimento a una gestione dello spazio meno limitante con un abbraccio meno rigido, meno “ingessato”- racconta. E in questa ricerca Castiglia ha avuto due incontri importanti.  “Ho avuto la fortuna di incontrare  due grandi maestri che hanno inciso tantissimo nella mia formazione, in particolare Pablo Veron,  un punto di svolta nella storia moderna del tango, insieme naturalmente al grande maestro Gustavo Naveira e tantissimi altri”. Castiglia porta in scena, con Anna Candeliere, un tango libero e appassionato, un abrazo molto speciale....

 

Ballareviaggiando verso sud...con Francesca Trenta

Per il secondo anno a Dif, Francesca Trenta porta la sua energia  e il suo corretto approccio alla tradizione  lontano da ogni caduta nel folclorico, facendoci viaggiare verso  il  nostro mezzogiorno partendo dal Lazio.  “Nelle danze - racconta il direttore artistico di tutta la  performance- gli uomini e le donne dialogano e si relazionano sia come coppia che come individui traendo forza dal gruppo che in posizione di cerchio delimita lo spazio dei danzatori. Un'energia forte ed implosa che riporta come un cerchio che si chiude al quadro iniziale e all'arte della danza indiana, in cui il danzatore è medium fra il cielo e la terra, e restituisce alla donna la forza e la centralità nel cerchio della vità”. "Abbiamo  cucito uno spettacolo con molta passione e rispetto  delle tradizioni  che portiamo in scena e che ci fanno avvicinare a degli universi culturali  che raccontano   la femminilità - ancora  Francesca Trenta. " Per quanto riguarda   "I passi della Tradizione" , portiamo in scena uno spaccato di questo progetto didattico rivolto ad adulti, bambini e diversamente abili da realizzare  in collaborazione con enti, istituti scolastici e associazioni, e che a Roma ha sede da 12 anni presso lo IALS, prestigioso istituto professionale di danza colta, tra i primi ad aprire le porte a un genere sempre relegato al folklore. Sono convinta che   la danza popolare possa mantenere la sua origine di tradizione orale anche riproposta in un contesto di danze scritte e coreografate come Dif che ringraziamo per l’opportunità”.

www.ballareviaggiando.it e www.danzainfiera.it

http://www.danzainfiera.it/ballare-viaggiando.html

I maestri Rosella Fanelli (http://www.danzainfiera.it/danza-katak-rosella-fanelli.html ), Francesca Trenta ( http://www.danzainfiera.it/tammurriata-e-pizzica-francesca-trenta.html),e Milva & Mirko ( http://www.danzainfiera.it/tango_1.html)  terrano stage all’interno di Danza in Fiera. 

 

Gli artisti

ROSELLA FANELLI-Definita dalla critica internazionale " un'anima indiana in un corpo italiano", ha vissuto molto in India. Danzatrice professionista di danza classica indiana stile KATHAK, ha conseguito il titolo “Pravin” con medaglia d’oro nella specialità Kathak presso Istituto Prayag Sanghit Samiti di Allahabad in India e doppio titolo nella danza Kathak “ NIPUN” presso Bhatkhande Music College di Lucknow . Il suo training si basa su uno studio ventennale dietro la guida del Maestro pandit Arjun Misra di Lucknow (U.P. INDIA).Ha portato i suoi spettacoli in India, Italia, U.S.A., Israele, Germania, Spagna, Inghilterra, Austria.In India ha rappresentato ufficialmente la Danza Kathak in molte occasioni, e in Europa ha accompagnato il Ministro della Cultura e del Turismo dell’Uttar Pradesh, per promuovere la Danza Kathak e lo Yoga e il turismo in occidente. Ha partecipato al primo Festival di Kathak di San Francisco (USA) nel 2006, quale unica esponente occidentale insieme ai maggiori danzatori di Kathak contemporanei. Rientrata in Itali da otto anni, è docente presso il Conservatorio di Vicenza nell’ambito del corso accademico di Musica extraeuropea ad indirizzo indologico ( corso unico in tutta Europa). Nel 2010  la Fanelli fonda la SCUOLA KATHAK ITALIA e la FANELLI INTERNATIONAL KATHAK COMPANY. E’ esperta di YOGA e ha sviluppato varie tecniche di meditazione attraverso la pratica della danza Kathak.

FRANCESCA TRENTA- Danzatrice, coreografa e ricercatrice, musicista e cantante, è impegnata nella diffusione e riproposta delle tradizioni popolari italiane coreutiche e musicali. Fra le sue collaborazioni Taranta Power di  Eugenio Bennato, Nando Citarella e Ambrogio Sparagna (coreografa e coordinatrice danze dello spettacolo "Ballo! le danze popolari italiane" 2013/2014, 2015, Auditorium Parco della Musica di Roma), conduce numerosi progetti didattici: stage, laboratori, corsi sulla danza e musica popolare per l'Associazione "Il Flauto Magico" (Lazio e Campania) nel progetto"I Passi della tradizione".  Un viaggio verso Sud con parole, musica, movimento. Uno spaccato della tradizione meridionale in cui danza, canto e musica dal vivo sono "orchestrate" insieme,  e che tocca le principali forme di ballo.

MIRKO BONELLI-  Proviene da una formazione accademica ( classica, danza moderna e della danza sportiva latino americana e standard ), e ha approfondito la propria conoscenza del tango argentino tradizionale vivendolo di persona nelle Milongas porteñas di Buenos Aires.

MILVA MORELLI- Di origine argentina, ha iniziato  a danzare dall'età di 5 anni e ha vissuto il tango direttamente nelle Milongas.   Dopo una formazione accademica classica, si è spostata verso le danze orientali. Studia e ricerca le danze popolari argentine.E' arrivata in Itali nel 2010.

ANTONIO CASTIGLIA- Si avvicina al tango nel 2001 perfezionandosi con stage e seminari con i più grandi maestri del panorama internazionale del tango tra cui Ricardo Barrios y Laura Melo e molti altri. Fa parte della Compagnia di Tango A Media Luz di Verona. Per un paio di anni si dedica anche all’attività di Musicalizador nell’area Toscana. E’ residente a Prato e fa parte dell'associazione  di promozione sociale  Zappa da settembre 2015, dove conduce lezioni di tango principianti e intermedi.

 


 
notte taranta  lucia.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'-ZANKYOU WEDDING EXPERIENCE,LE ANIME DI UN MATRIMONIO
Immagine

Un matrimonio all'estero,con tutto quel che comporta, romantico ed esotico,  un matrimonio solidale,  uno made in Italy,  ed uno same sex .....  tanti  sono i modi per concepire un evento...
TURISMOPIU'-CROCIERE, ATTESO RECORD PER IL 2019
Immagine

Il 2019 sarà l’anno record per il settore crocieristico nei porti italiani. E’ quanto emerso   nell’ambito del Seatrade Cruise Med in corso a Lisbona (19 settembre) dalle previsioni...