80 NOSTALGIA CALIFANO, AMARCORD AL TEATRO BRANCACCIO CON GIANFRANCO BUTINAR

80 Nostalgia Califano: dopo le serate di successo a Roma e Civitavecchia Gianfranco Butinar, attore e cantante e amico del maestro Califano,  porterà il suo spettacolo   in giro per l’Italia, con l’ambizione di   far conoscere e apprezzare le molteplici sfaccettature del Califfo, uno dei più intriganti cantautori della storia della musica leggera italiana. Lo spettacolo: una maratona di circa due ore tra brani noti e meno noti, aneddoti, monologhi, con la forza   di una straordinaria orchestra di 6 elementi, alcuni  dei quali  tra i musicisti più apprezzati proprio da Califano. E tanti ospiti che omaggiano l'artista Califano

di Elio Ippolito

 

Gianfranco Butinar sta per iniziare   un lungo tour con lo spettacolo " 80Nostalgia Califano" che lo condurrà in diverse regioni della penisola per ricordare ai vecchi e nuovi estimatori di Franco Califano le bellissime storie che il poeta (a volte “maledetto” da sé stesso e dalla critica poco amica) ha lasciato come testamento della sua vita fin troppo travagliata (ingiustamente). L’esordio è avvenuto il 26 marzo al teatro  Brancaccio di Roma, gremito di pubblico , di entusiasmo e passione nel ricordare l'artista , e il gran battage pubblicitario tramite i media è stato  così dirompente che  anche i fan venuti dalla Puglia hanno trovato spazio per una premiazione sul palco.

La cosa che è quasi subito apparsa evidente – come giustamente il giornalista Franco Melli ( Foto sopra) ha fatto  osservare dal palco - è  la sapiente e accurata scelta dei brani fatta da Butinar- tra noti e meno noti-  che fa della ricerca tra centinaia di testi inediti  una  vera  epropria mission. Questo del resto è strettamente necessario perché nelle 40 date previste per “80 Nostalgia di Califano”, lo spettacolo avrà  contenuti ed ospiti diversi.

Al Brancaccio, oltre ai fantastici musicisti della band (alcuni stretti collaboratori del “Califfo”) , sono saliti sul palco in veste di ospiti Giuseppe Povia (a piedi scalzi) innamoratissimo dei testi di Califano che con splendida voce ha cantato "Buio e luna piena", accompagnato dalla violinista Cristina Magno…..davvero insospettabile…..da “ I bambini fanno Ooh”ai testi del poeta maledetto! Grandi applausi per lui. Poi Roberto Bernardi , che ha cantato con grande voce La Musica è finita,  e il violinista Olen Cesari che ha incantato il pubblico in un duetto con il maestro Luciano Titi (Malinconia)

A seguire anche il grande Dario Baldan Bembo che  ha  raccontato i suoi incontri con Califano e gli aneddoti curiosi che hanno preceduto la nascita di uno dei brani migliori della musica leggera italiana,  parliamo naturalmente di “Minuetto” reso immortale da Mia Martini. Il pianista compositore ha poi accennato al pianoforte “Tu cosa fai stasera” ,canzone arrivata terza al festival di Sanremo 1981, e ha accompagnato " Spiagge" con la voce di    Daniele Si Nasce / Renato Zero.

Butinar, conduttore e cantante /  “chansonnier" stile  Califano , ama alternare  alle canzoni- le classiche, le inedite, medley di brani in romanesco e tanti altri brani che sono nel cuore di tutti-   aneddoti divertenti  di vita califanesca dalla quale attinge a piene mani….22 anni di vicinanza e amicizia lo hanno plasmato in tal modo compresi  i tic reali del maestro, graditi  se non troppo esagerati, per non scadere in imitazioni a basso prezzo. Fanno parte della performance anche momenti dedicati a  monologhi  a firma Califano, commoventi  e veri.

Uno spettacolo ricco e  variegato,  supportato da Butinar e dalla sua  fisicità accattivante , bella voce e il movimento delle mani che cattura  gli occhi degli ammiratori di Califano  ritrovando in quei gesti il ricordo del maestro. E la soddisfazione di Butinar,  alla vigilia del tour, è davvero tanta.

"Gli spettacoli stanno andando bene, anzi benone- ci dice.  "Dopo il Brancaccio di Roma (26 marzo),  Civitavecchia, ancora Roma al Teatro greco il 29 e il 30 marzo….  Tanti gli  ospiti, tra questi  Edoardo Vianello,  ancora Giuseppe Povia, e altri   che stanno aderendo. C'è  tanto affetto, tanto rumore, tanto eco, farò un lungo giro con questa orchestra meravigliosa, cambiando sempre le canzoni. Fan che tornano per più serate  trovano sempre delle novità, dei brani  che io ricerco tra i tantissimi scritti da questo genio scapestrato (Califano-n.d.r.)e che purtroppo non sono conosciuti a dovere. La scaletta viene sempre cambiata anche improvvisando sia per gli aneddoti che per le canzoni, e la gente è felice  e mi scrive cose meravigliose. Capisco che lo spettacolo è lungo, stringendo un po’ i tempi questa performance può diventare una vera bomboniera   ..piano piano ce la faremo!".

I MUSICISTI

GIANFRANCO BUTINAR (VOCE)

LUCIANO TITI (PIANOFORTE – FISARMONICA)

GIANCARLO BIANCHETTI (CHITARRA ELETTRICA E CLASSICA – BASSO ELETTRICO – UKULELE)

ENRICO LAZZARINI (CONTRABBASSO)

MAURIZIO ASERO (PERCUSSIONI)

GIANDOMENICO ANELLINO (CHITARRA CLASSICA ED ELETTRICA)

MARCO PIERFEDERICI (CLARINETTO – PIANOFORTE)

KICCO CAREDDU (BATTERIA)

Stampa