Classico e contemporaneo nello spettacolo finale degli allievi dell’Accademia nazionale di Danza

Si conclude sabato 30 giugno “Serata”, lo spettacolo finale degli allievi dell’Accademia Nazionale di Danza in scena da lunedì 25 presso il Teatro Grande dell’Accademia (Largo Arrigo VII, 5 – Roma).

Nel magnifico spazio all’aperto dell’AND, diretta da Margherita Parrilla, si passa dai virtuosismi classici del “Don Chisciotte” di Aleksandr Gorskij e Marius Petita fino all’omaggio ai maestri coreografi del Novecento. “Serata” è diviso in due parti: la prima porta in scena brani tratti dal Divertissment del balletto classico Don Chisciotte, su musiche di Ludwig Minkus, con le coreografie di Aleksandr Gorskij e Marius Petita nella versione di Zarko Prebil, con i costumi del Teatro dell’Opera. Interpreti principali delle serate del 25 e del 28 giugno Diego Mulone e Marta Petkova, prima ballerina del Balletto di Sofia. Protagonisti degli spettacoli del 26 e del 30 giugno, invece, Giacomo Luci e Arianne Lafita, prima ballerina del Ballet Nacional de Cuba Laura Alonso. A Eugenio Lepera e Lucrezia Serafini, entrambi allievi che si diplomeranno nel VIII corso dell’AND, sono affidate le serate del 27 e del 29 giugno. Lo spettacolo mostrerà le capacità di alcuni di loro, già selezionati da importanti teatri internazionali: per Mulone c’è un ingaggio al Bavarian State Ballet di Monaco, per Luci allo Staats Ballett Berlin e per Lepera all’Arena di Verona.

La seconda parte dello spettacolo è dedicata alla danza contemporanea con le coreografie firmate da Daniela Capacci, Enzo Cosimi, Michele Di Stefano, Sabrina Massignani, Giovanna Velardi e Dino Verga i quali, con le loro creazioni, si ispireranno ai maestri della danza  e del teatro del Novecento.

In programma Chanson Boheme (coreografia di Giovanna Velardi), una danza carnale che veste i panni di una Carmen dai colori mediterranei, in omaggio alla coreografia del Bolero di M. Bejart, Just do it (coreografia di Dino Verga), ispirato all’ultima rappresentazione della Merce Cunningham Dance Company a New York, e ancora Piccoli indizi di apocalissi annunciate – I studio, (coreografia di Enzo Cosimi), lavoro che attinge la drammaticità dall’opera di Tadeusz Kantor, Outdoors (coreografia di Michele Di Stefano), performance ispirata a Trisha Brown, Passio (coreografia di Sabrina Massignani), omaggio a John Neumeier e al tema della Passione di Cristo. Chiude Miele Amaro, (coreografia di Daniela Capacci), una riflessione sul senso dolce e amaro della vita ispirato alla danza di Jean Cébron. Gli interpreti principali della parte contemporanea sono  Valeria Baresi, Simona Borghese, Francesca Formisano, Luigi Linardi, Livia Massarelli, Fabiola Pietrini, Beatrice Munarin e Agnese Zanetti.

prenotazione obbligatoria dei posti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

info: Accademia Nazionale di Danza tel. 06 5717621  www.accademianazionaledanza.it


Stampa