Le Grand Bal in Italia. Il vortice del Balfolk

Qual è la ricetta della felicità in un mondo in cui siamo tutti sempre più isolati e diffidenti? Una sorprendente risposta viene da Le Grand Bal, l'emozionante film di Laetitia Carton   che arriva finalmente nelle sale italiane a partire dal 2 maggio grazie a Barz and hippo.

“ Un invito alla gioia, alla gentilezza, sentimenti sempre più dispersi oggi. Un invito a ritrovarsi  uniti dal ballo” . E’ questo il senso del film documentario di Laetitia Carton “ Le Grand Bal” , presentato al 71. Festival di Cannes,  e nominato ai Premi César nella categoria miglior documentario, in cui la regista racconta la magica esperienza che lega migliaia di persone di ogni età e provenienza che tutti gli anni si ritrovano per 7 giorni e 8 notti di danza, musica e risate nella campagna francese a Le Grand Bal de l'Europe ( Gennettines, Allier), convivendo legati dalla passione della danza, dormendo poco, ma vivendo felicemente trascinati da ritmi diversi, facendo incontri, anche fuggevoli “ che possono diventare poesia”.

 

Nel film Le Grand Bal, presentato alla stampa in anteprima a Roma al cinema Caravaggio (15 aprile), si rivivono le esperienze di questi appassionati ballerini che tra stage  di giorno e serate di ballo fino a notte fonda più boeuf spontanei,   vivono profondamente la musica e la danza balfolk, stili e generi legati al territorio, danze che hanno radici nella storia e nella cultura dei popoli. Dallo schermo il pubblico viene coinvolto nelle mazurche, polke, melodie greche e balli in cerchio a mani unite, nella pizzica , nel  congo, nel valzer, nello scottish e nel rondeau, mentre violini, fisarmoniche, ghirondeaccompagnano incessantemente questo movimento umano armonico. Questi danzatori venendo a Le Grand Bal "cercano un nutrimento dell’anima", viene sottolineato.

 

Interviste, molto spontanee, mettono a nudo il perchè si è lì, cosa si prova, cosa si cerca. Escono sentimenti di gioia, di fratellanza ma in qualche caso anche  sentimenti di esclusione per non sentirsi abbastanza bravi e poco invitati. Si discute se è bello guidare o essere guidati, se e perchè  gli anziani tendono a invitare le giovani mentre per le meno giovani si riducono le chances, se è giusto insegnare dei passi a chi ha difficoltà.... Tutto questo si mescola ai movimenti di danza e alle riflessioni dell’autrice regista Laetitia Carton che fa partire questo meraviglioso racconto dai ricordi della nonna che saliva sulla pedana da ballo all’inizio della serata per non abbandonarla fino alle prime luci dell’alba, trasportata dal ballo..” e il suo viso si illuminava quando mi parlava di queste notti trascorsenell’ebrezza del movimento della musica “. E poi il colpo di fulmine per la regista stessa in un paesino sperduto dell’Auvergne dove tutti ballavano ..” la gioia di essere lì era palpabile ..e si sprogionava un bel calore umano...il mondo del balfolk l’ho amato subito, mi ci sono sentita talmente bene... da allora è nella  mia vita”.

E quindici anni fa Laetitia è andata al Grand Bal dell’Europe, a Gennitenes ” un luogo magico, una parentesi  incantanta" per tornarvi nell’estate del 2016 in veste di regista, ma anche di ballerina, con due squadre di operatori per filmare notte e giorno ..” senza perdersi niente di questo turbinio . E fare un film come un turbinio”. " Questa avventura umana fuori del comune, che vivo da svariati anni, meritava di essere guardata, contemplata. Condivisa- le sue parole. Un lavoro complesso e non facile- spiega -Tantissimo il materiale raccolto e nel montaggio ogni taglio è stata come una ferita. Sono davvero contenta che finalmente il film stia arrivando in Italia e che si possa conoscere questo mondo e che, soprattutto, venga la voglia di ballare”.

L'uscita del film  in Italia è accompagnata da una tournée di lancio curata dall’ Associazione Folkambroeus nella quale musicisti e danzatori rivivranno con il pubblico le atmosfere del film con eventi di bal folk al termine delle proiezioni (foto sopra). Così è avvenuto a Roma, sulla musica di Massimiliano Felice.
 
Ester Ippolito
 
Gennetines 2019, Le Grand Bal del'Europe, 19 luglio-2 agosto
trailer
Programmazione del film nelle sale italiane
 

● ALBA (CN)
CINEMA MORETTA , 12 maggio

● BRA (CN)
Cinema Impero Multisala - Bra , 3 maggio

● BRESCIA
NUOVO EDEN , dal 2 maggio

● CARMAGNOLA (TO)
Cinema Teatro Elios Carmagnola , 24 maggio

● CASTENASO (BO)
Cinema Italia Castenaso , 3 e 7 maggio

● CATANIA
Cinema King, data da definire

● FAENZA
Teatro-Cinema Europa , 4 maggio

● FIRENZE 
Fondazione Stensen , dal 2 maggio

● GENOVA
Cinema Cappuccini , dal 2 maggio

● MESTRE
Cinema DANTE , 8 maggio

● MILANO
Cinema Beltrade , dal 3 maggio

● NOVARA
Cinema Araldo , 15 maggio

● PADOVA
Cinema Esperia , dal 3 maggio


Cinema Lux > 13 maggio

 

● PIACENZA
CINEMA JOLLY , 4 giugno

● PERUGIA
PostModernissimo

● RIMINI
Cinema Teatro Tiberio , dal 2 maggio

● ROMA >, dal 2 maggio  
Apollo 11 - Un progetto di Agostino Ferrente

 

● SENIGALLIA
Cinema Gabbiano Senigallia , 11 maggio

● SIRACUSA
Cinema Aurora , 15 maggio

● VARESE
Filmstudio 90

 
Scopri il film su Facebook:
Partecipa alla conversazione
#LeGrandBal
Distribuzione Barz and hippo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Stampa