Ballo e canto popolare: se ne parla in Sardegna, a Santu Lussurgiu

In occasione della  Festa Nazionale dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia, sabato 18 giugno,  è in programma   a Santu Lussurgiu (OR)  il Convegno "Musica, ballo e canto popolare: una risorsa strategica per la valorizzazione dell'identità locale quale prodotto attrattivo".

L'incontro si concentrerà su  vari aspetti della nostra tradizione culturale e sulle nostre radici profonde per mettere in luce uno dei fondamenti dell’impegno  dei Borghi Autentici d’Italia:  il consolidamento e lo sviluppo di valori e identità che diano senso profondo alla società.  Valorizzare il patrimonio dei nostri borghi, facendone il perno di un nuovo modello di sviluppo, passa  infatti anche attraverso la musica e le sue declinazioni, specie nell’ottica di una attrattività pensata per i giovani e le nuove coppie. A parlare di questo tema saranno  Emilio Chessa (sindaco di Santo Lussurgiu), Sergio Blasi (consigliere regionale della Regione Puglia e promotore della “Notte della Taranta”), Paolo Scarnecchia (insegnante, pubblicista e direttore artistico della rassegna internazionale “Vis Musicae. Il Parco Sonoro tra i due mari”) e Marcello Marras (etnomusicologo e ricercatore). A coordinare la discussione  Vincenzo D’Urbano, vice presidente dell’Associazione Borghi Autentici d’Italia. La serata si concluderà   a Galtellì (NU), vero e proprio cuore della Festa con stand, degustazioni e musica, per il concerto delle ore 21: "Ensamble della Taranta", un’immersione nelle sonorità pugliesi.  Per informazioni: Associazione Borghi Autentici d’Italia  www.borghiautenticiditalia.it .
  


Stampa