• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

Micaela Chauque, il mondo andino tra musica e danza

Un tuffo nei ritmi e nelle melodie del Nord Ovest dell'Argentina  con Micaela Chauque, della provincia di Salta,   una delle maggiori musiciste della musica andina e interprete degli strumenti a fiato tradizionali.  Compositrice e ricercatrice del folklore andino e docente  di danze tradizionali,  si dedica in modo prioritario alla musica suonando gli strumenti a fiato come la quena e il sikus.  "La danza e la musica sono  una parte essenziale dell’identità di un  paese, e all'estero rappresentano un popolo, e ne sono ambasciatori vivi", afferma

di Ester Ippolito

 

Con stile, e dolcezza, l'argentina Micaela Chauque fa uscire le note dai suoi strumenti a fiato di tradizione andina: musica tradizionale, melodie lievi e talvolta più allegre,in grado di accompagnare anche le danze.  L’ascoltiamo a Roma (giugno 2014) nel piccolo teatro AltreVie (Garbatella), realtà che accoglie la musica del mondo, nello spettacolo Argentina Etnica, insieme ai musicisti argentini Claudia Acuna e Bernardo Rotelli, del gruppo Sein Tempu, in tour in Italia e nel Mediterraneo. Un invito a svelare ritmi argentini che non siano legati solo al tango. E che ,nel caso di Micaela, svelano le tradizioni musicali del nord ovest dell’Argentina (NOA), con le province di Salta, Tucuman, Jujuy, Catamarca, La Rioja. Una regione tutta da scoprire,proposta da molti tour operator,  dal fascino ineausaribile, tra aridi deserti, gole ripide e paesaggi unici, testimonianze delle civiltà precolombiane fino alle vestigia coloniali di Salta, e misteriosi menhir preistorici.  Una terra fertile che produce ottimi vini e conserva comunità native di grande interesse.

La giovane Micaela, della provincia di Salta, è oggi  una delle maggiori musiciste della musica andina e interprete degli strumenti a fiato tradizionali.  Compositrice e ricercatrice del folklore andino del nord ovest del suo paese, anche docente    di danze tradizionali,  si dedica in modo prioritario alla musica suonando gli strumenti a fiato come la quena e il sikus. Come “vientista”, percussionista e ballerina ha partecipato all’importante Festival Nacional de Folklore de Cosquín e a tanti altri festival di livello internazionale con vari gruppi, e ha al suo attivo una buona produzione   discografica. Ed è lei a raccontarci come si è avvicinata alla danza e alla musica della sua terra.

 

B&V- Come è iniziata la tua attività di danzatrice /docente  di danze folk argentine? Secondo te la danza è ambasciatrice dell’anima di un paese?

Micaela- Ho iniziato a danzare fin da  piccola, tra gli 8 e i 10 anni, quando da bambina mi  piaceva molto partecipare  alle esibizioni scolastiche ballando il folklore gaucho. Da quel  momento non ho mai smesso di ballare: sono diventata ballerina  di vari gruppi di danze folcloriche argentine e latino americane a Salta, Jujuy e Buenos Aires. Dopo aver ricevuto la licenza di insegnamento  ho iniziato a lavorare e questo mi piaceva molto. All’inizio si trattava di un piacere personale, poi pian piano i messaggi e i linguaggi della danza iniziarono ad assumere un senso più profondo. E oggi sono pienamente consapevole  che la danza e la musica sono  una parte essenziale dell’identità di un  paese.  All’estero rappresentano un popolo, e ne sono ambasciatori vivi.

B&V- Quali sono le caratteristiche di queste danze argentine  e le loro origini?

Micaela - Le danze argentine presentano una grande varietà e sono espressione di tante influenze culturali, da quelle precolombiane a   quelle creole, da quelle  derivanti   dalla  colonia spagnola di moda francese, ma si può    risalire anche a   origini molto più lontane.  Voglio ricordare innanzitutto i balli del nord ovest dell’Argentina: di origine  Coya (indigeni fino agli Inca), il ritmo  Huaynos che accompagna  il Carnevalito (strumenti quena e charango, ballo tradizionale dell'America del sud esistente da prima della colonizzazione spagnola molto praticato nella nostra zona ,  che si danza  con vestiti di  stile indigeno e creolo, gonne, ponchi  e sombreri dai colori    vivacissimi,   dal rosso  all’azzurro al marrone, dal bianco al nero. I costumi sono confezionati con pelo di lama  e vigogna…. Di origine creola  (colonizzazione e conquista  1500-1800),   la Chacarera, di origine rurale, del nord dell’Argentina , che si balla in coppia all’interno di un gruppo di ballerini;  Zamba, Cueca, di influenze spagnole e africane,   Bailecitos, Taquiraris... e molte altre varianti  con canto spagnolo e musica di tradizione    Quechua.  La danza dei Gauchos  adotta dei pantaloni larghi, stivali di pelle di mucca o cavallino, cappelli di stile castigliano. I colori e anche i materiali dei costumi cambiano a seconda della zona.  Di origine Ava Guaranì,  il  Pim Pim e le danze del Carnevale diffusesi con l’arrivo delle comunità della selva dell’est e dell’Amazzonia  come mano d’opera nelle aziende di tabacco e zucchero, insomma con l’industrializzazione. Anche l’influenza degli immigrati -   in gran parte  italiani, spagnoli, portoghesi, francesi,  arabi  e   africani  alla ricerca di una migliore qualità della vita - si è fatta sentire  con il Tango e il Taquiraris.

 

B&V-  Dalla danza agli strumenti a fiato…

Micaela- Anche in questo caso tutto è iniziato da bambina. Mio padre, insegnante nelle scuole rurali,  suonava il flauto, la chitarra ..e io lo imitavo e lo  seguivo moltissimo. Poi  sono andata  a lezione  di professionisti, ma   a quindici anni da un hobby  la musica si è trasformata per me  in una passione. Poi  ho conosciuto  gli strumenti andini , quenas e sikus,   ne sono rimasta affascinata  e mi sono perfezionata da autodidatta.

B&V- Tour in Italia: hai fatto molte tappe: Roma, Viterbo, Sutri , sud Italia…:   come ti è sembrato il riscontro del pubblico italiano ?

Micaela- Penso che al pubblico italiano interessi molto ascoltare  questo tipo di musica, non solo per senso estetico  e gusto, ma anche per la sua  storia e origini, ricercando  un legame  storico culturale. In questo modo le note vanno a comporre un insieme di sensazioni ed emozioni che riportano   alla vita di  un popolo millenario.

B&V-Quali sono i tuoi  prossimi progetti  e appuntamenti?   Tornerai in Italia?

Micaela- Adesso sto girando in Argentina  con i miei concerti: Lincoln, Buenos Aires, Córdoba, Mendoza, Salta, La Rioja, Corrientes, Jujuy e La Quebrada de Humahuaca dove vivo.  Tra i progetti senz’altro la realizzazione di un nuovo  CD "Jallalla" in  Argentina ed è in programma   l’incontro con produttori italiani per  editarlo   anche in italiano e inglese. Tornerò   presto in Italia  anche se un  viaggio così lungo  richiede  fatica e tanto tempo per la sua organizzazione. Ma   in Italia ci sono tanti amici vecchi e   nuovi  che voglio rivedere. E anche il cibo italiano mi  piace molto….

 

Micaela Chauque è su Facebook



http://myspace.com/micaelachauqueysugrupo

www.altrevie.it

www.seintempu.it

Tra i tour oprerator che programmano con attenzione il NOA dell'Argentina,  Konrad Travel www.konradtravel.it

 
foto01.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'- AL VIA BUY WEDDING IN ITALY...SPOSARSI IN ITALIA E' BELLO
Immagine

Un’importante rappresentanza dell’offerta del comparto wedding nazionale si presenta, dal 13 al 14 novembre 2018 a Bologna, alla 4a edizione di “Buy Wedding in Italy”, il maggior...
TURISMOPIU'-DREAM A ROMA:L'ARTE INCONTRA I SOGNI AL CHIOSTRO DEL BRAMANTE
Immagine

    20 grandi protagonisti dell’arte contemporanea raccontano il loro sogno attraverso opere visionarie. La mostra, allestita nelle sale del Chiostro del Bramante a Roma è curata da Danilo...