• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

FLAMENCO A CINECITTA' WORLD CON CRISTINA HALL

Per la prima volta il flamenco, la forma di musica e di danza di origine Andalusa, arriva a Cinecittà World, il 27 aprile prossimo, 20,30, con la partecipazione di Gianni Sperti e lo spettacolo " Luz de Sombra". Oltre 10 ballerini sul palco accompagneranno la star della serata, Cristina Hall, che insieme a Mirko Luccarelli metterà in scena movimenti e tecniche innovative. Battito di piedi e di mani, cante, chitarra, cajon, e violoncello scandiranno le sequenze ritmiche e le suonate, e tutto questo creeranno uno spettacolo dal vivo indimenticabile pieno di  colori e di energia.   Cristina Teresa Hall si è avvicinata per la prima volta all'arte del flamenco nella sua città natale, a San Francisco, in California. Poi il flamenco   è diventata la   sua vita,   realizzando una tecnica personale e una visione innovativa di questa danza. Nel 2004 Cristina ha fatto parte   della compagnia di Israel Galván con lo spettacolo Torero Alucinógeno esibendosi al Teatro Centrale di Siviglia. Nel 2006 ha partecipato come solista al Dance Month di Siviglia,  partecipando  al II Incontro Internazionale delle Donne nel Teatro. Nel 2009 ha creato il suo spettacolo, El Sonido del Silencio, in cui la creazione artistica e il lavoro coreografico sono già molto personali. Con questo lavoro ha raccolto un grande successo e una buona accoglienza tra pubblico e critica, e ha intrapreso    un tour in diverse fasi del Canada e degli Stati Uniti. Allo stesso tempo ha lavorato con diversi artisti e compagnie di flamenco e altre discipline, all'interno e all'esterno della geografia spagnola. Nel 2010 ha fatto parte  della programmazione della CAAC Off Seville Biennale con il suo show Dream. Nel 2011 è stata nominata finalista al concorso internazionale Global Dance Contest al Saddler's Wells Theatre di Londra con il pezzo Blackbird. Nel 2012 ha partecipato all'innovativo Empirical Flamenco Festival al Mercat de les Flors di Barcellona sotto la direzione artistica di Juan Carlos Lérida. Ha ricevuto il secondo premio del Concorso di danza flamenco Tablao Las Carboneras a Madrid. Nel marzo del 2013  ha collaborato con Manuela Ríos al Festival de Jerez con lo spettacolo Consuelo de Penas. Nel giugno 2013, si è esibita    come artista ospite con l'Orquesta Vigo 430 in città come Vigo e Ourense. Nel dicembre 2013 è  stata artista ospite della Castalia Orchestra al Teatro Cajasol di Siviglia. www.cinecittaworld.it                                                                                                                                            
---------------AfrikaansAlbaneseAmaricoAraboArmenoAzerbaigianoBascoBengaleseBielorussoBirmanoBosniacoBulgaroCatalanoCebuanoCecoCinese (semplificato)Cinese (tradizionale)CoreanoCorsoCroatoCurdoDaneseEbraicoEsperantoEstoneFilippinoFinlandeseFranceseFrisone occidentaleGaelico scozzeseGalizianoGalleseGeorgianoGiapponeseGiavaneseGrecoGujaratiHaitianoHausaHawaianoHindiHmongIgboIndonesianoIngleseIrlandeseIslandeseItalianoKannadaKazakoKhmerKirghisoLaoLatinoLettoneLituanoLussemburgheseMacedoneMalayalamMaleseMalgascioMalteseMaoriMarathiMongoloNepaleseNorvegeseNyanjaOlandesePashtoPersianoPolaccoPortoghesePunjabiRumenoRussoSamoanoSerboShonaSindhiSingaleseSlovaccoSlovenoSomaloSotho del sudSpagnoloSundaneseSvedeseSwahiliTagicoTamilTedescoTeluguThaiTurcoUcrainoUnghereseUrduUzbecoVietnamitaXhosaYiddishYorubaZuluItaliano Apri in Google Traduttore Fe

VENTO RUSSO SU LA NOTTE DELLA TARANTA 2019

Le  prime carte della prossima edizione de La Notte della Taranta a Melpignano ( 24 agosto 2019) sono state svelate a Mosca ,in una conferenza stampa presso l’Ambasciata Italiana, nel contesto di una missione in Russia della Regione Puglia. Maestro Concertatore de La Notte della Taranta 2019, evento che riunisce oltre 2000 persone unite dall’amore per sonorità salentine e la danza, sul palco e in piazza, sarà il direttore d’orchestra (musica classica) Fabio Mastrangelo, il più noto musicista italiano in Russia, dove il maestro vive da 18 anni, direttore musicale della Russian Philharmonic di Mosca. Nativo di Bari, è il primo pugliese ad assumere il ruolo di maestro concertatore e avrà il ruolo di avvicinare il ritmo potente della pizzica con le arie classiche, un incontro tra musica colta e popolare. “ Ogni musica parte dalla popolare e dal movimento. La mia è una sfida, un mettermi alla prova- ha detto il maestro esternando il suo entusiasmo per questa avventura che lo riporterà nella sua Puglia. “ Ho già incontrato Daniele Durante,  direttore artistico del Concertone , e abbiamo già trovato tra noi un’armonia” . E ha promesso pure una danza sfrenata.... ". Massimo Manera, Fondazione Ndt, ha spiegato come la scelta di quest’anno di puntare, come elemento   di contaminazione,  sulla musica classica rappresenti senz’altro “ una scommessa forte”. Nel corso della conferenza stampa svelati anche i nomi di alcuni degli ospiti di fama che andranno a interagire , speriamo felicemente, con la musica salentina : Elisa e Gué Pequeno, un idolo dei più giovani. Altro annuncio ,le riprese televisive de La Notte saranno realizzate da Rai 2. La conferenza, preceduta da una esibizione dei ballerini del Corpo di Ballo della Ndt accompagnati da alcuni musicisti dell’Orchestra Ndt, ha visto la partecipazione  di Pasquale Terraciano, , Ambasciatore italiano a MoscaMIOchele Emiliano, Presidente Regione Puglia,Loredana Capone , Assessore Industria Turistico culturale Regione Puglia, Massimo Manera , Presidente Fondazione La Notte della Taranta, e la delegata Enit a Mosca. Coordinamento a cura di Gabriella Della Monaca.
Sono stati sottolineti i rapporti di collaborazione e di  amicizia Italia Russia, invitando tutti i cittadini russi a visitare l’Italia e la Puglia   per godere  della cultura, natura, tradizioni e buon cibo  in occasione di un evento come quello della Ndt, grazie anche ai nuovi collegamenti aerei della compagnia Poveda che dalla Puglia ha portato tutti i delegati a Mosca. Emiliano ha  evidenziato la potenza del ritmo della Pizzica  e di come il Salento attraverso questa musica sappia raccontare la proria storia, il lavoro, l’amore... Loredana Capone ha messo in luce la forza di questo evento che attraversa “non solo Melpignano ma tanti borghi salentini travolti dalla musica, che è al tempo stesso tradizione, rito, terapia, religione,  e dalla danza, trasformando questi luoghi in comunità danzanti. Il successo della Notte lo si deve anche a un gioco di squadra che unisce la Fondazione, La Regione, gli enti di Promozione Turistica e tante altre realtà “. ( Nella  foto i danzatori Ndt Laura Boccadamo e Fabrizio Nigro Ndt) Presenti a Mosca anche Daniele Durante, Direttore artistico Concertone,Luigi Chiriatti, Direttore artistico Festival, Stefano Minerva, Presidente Provincia Lecce, Roberto Casaluci, Presidente Unione dei Comuni della Grecìa salentina, Ivan Stomeo, Sindaco di Melpignano. www.lanottedellataranta.it  

IN QUESTO NUMERO DI BALLAREVIAGGIANDO.IT ....



On line   il nuovo numero  targato aprile-maggio 2019 di ballareviaggiando.it , un   viaggio che ci conduce tra suoni , ritmi  e colori del mondo.     In Home Page una full immersion nel mondo del Balfolk con il film Le Grand Bal, nelle sale italiane dai primi di maggio.  Un film, di Laetitia Carton, che trasporta lo spettatore nella magia delle campagne francesi, nelle quali ogni anno più di duemila persone di ogni età e provenienza si danno appuntamento per 7 giorni ininterrotti di danza, musica, amicizia e gioia: Le Grand Bal de l'Europe. Sempre in Home Page le anticipaziomi su Taranta Gitana, progetto di Ambrogio Sparagna, in scena il 30  giugno prossimo  a Roma, nella  Cavea del Parco della Musica, nell' ambito del Roma Summer Fest. Uno spettacolo  che porta  in scena per la prima volta  uno straordinario dialogo fra danza popolare e ritmo latino, due stili  di grande storia e suggestionecon la partecipazione  dei Gipsy Gold ( ex Gipsy King), e la   partecipazione del  Corpo di Ballo dell’OPI , guidato da Francesca Trenta.
In Paesindanza un tuffo nelle Bahamas, bellissimo arcipelago anglofono situato tra la Florida e Cuba, e nel suo mondo  musicale. Anima del paese il   Junkanoo, una festa tipica caratterizzata da sfilate e danze in costume.  La tradizione locale può ancora contare su strumenti musicali unici come il rake-and-scrape e il goombay, che danno un'impronta particolare alla musica e alle sue danze. In Eventi tanti gli appuntamenti.Teatro, Danza, Musica, Mostre, Incontri...nella  Stagione del Teatro Greco di Siracusa ( 9 maggio - 25 luglio) focalizzata quest’anno sul tema “ Donne e guerra”, le prime vittime, ieri e oggi, di ogni conflitto. E' questo  il filo rosso che lega le tre opere in cartellone Elena, Le Troiane, Lisistrata.. Anticipazioni sulla  edizione 2019 di RomaEuropaFestival dal 17 settembre al 24 novembre. In programma teatro, danza, musica, digital e Kids,  377 artisti provenienti da 27 paesi,  126 eventi in scena in 20 spazi diversi della capitale . Il festival si inaugura   con la brasiliana  Lia Rodriguez, con “ Furia”: danza contemporanea e musiche rituali della Nuova Caledonia. E fino all' 11 maggio Roma ospita la mostra fotografica di Ninni Romeo dedicata a Pina Bausch, uno dei maggiori talenti della danza del Novecento.  L'esposizione, voluta dalla Daniele Cipriani Arte, è ospitata presso il ristorante vegetariano Il Margutta Veggy Food & Art, a Roma, in via Margutta 118. E dietro l'ngolo la tappa romana del Festival dell'Oriente  e degli alti festival connessi:America Latina ,Irlanda, Country, Spagna... Per Musica e Danze Popolari,  focus Basilicata con l'intervista a Pietro Cirillo,  Officine Popolari Lucane, cantautore e musicista, ricercatore di tradizioni popolari,  fortemente impegnato ed attivo nel sociale, che racconta la sua musica,  il   legame con la sua terra, il suo " grido lucano", e il ritmo della Taranta...Suoni, canti e narrazioni della tradizione: inaugurata a Roma la Rete degli Archivi Sonori  Musiche e Tradizioni Orali,  presso la Biblioteca Nazionale Centrale  di Roma,   fruibile e consultabile da studiosi e appassionati.  Oltre 12000 documenti e la voce di sei regioni: Abruzzo, Basilicata, Campania, Marche, Puglia e Umbria.
Nella rubrica Viaggi tematici legati al ballo,una proposta de Il Tappeto Volante di Padova . Danzare a Sofia:    un viaggio-studio a Sofia, dall'8 al 15 luglio, di danze tradizionali bulgare e danze gipsy russe, livello base.  Lezioni,  visita alla città e dintorni e la sera danze nei locali tipici. Per Scuole una stagione  all'insegna del  flamenco e nacchere- da maggio a luglio - con Silvia Sabatini presso Così Arte di Ostia.  Stage  aperti a tutti, vari livelli e varie proposte.
Per Musica e Parole, i giorni di Califano, nel ricordo della sua scomparsa, tra dibattiti e musica. Musica romana in pole position  con il nuovo lavoro discografico di Maurizio Fortini (Mezzo pieno mezzo voto) e il Festival della Canzone Romana in programma al Teatro Olimpico il 29 aprile. In campo teatrale il successo della versione teatrale di Vincenzo Longobardi “ Lo cunto de la Vecchia Vergine “ andata in scena al Teatro Di Documenti di Roma dal 12 al 14 aprile scorso: magia della narrazione e accompagnamento di musica e danze popolari.  E in anteprima nazionale  tre date al teatro Vascello-28 aprile, 11 maggio   26 maggio- con Nicola Vicidomini, il più grande comico morente, con l'inedito e attesissimo Fauno.... Novità.... Turismopiù con idee, tour, numeri, politiche turistiche, tendenze...  e una pagina dedicata su facebook (https://www.facebook.com/turismopiu/) E ancora tante  news su stage, eventi , festival e  spettacoli, anicipazoni Notte della Taranta e altro, e  la ricca sezione Video, curata da Elio Ippolito. Iniziative: ricordiamo gli appuntamenti su richiesta di ballareviaggiando Academy, lezioni di danze popolari italiane per turisti italiani e stranieri di passaggio nella capitale, e congressisti, con la docente, danzatrice e ricercatrice   Francesca Trenta.  Incontri   in locali romani con stage più aperitivo. Per informazioni  e richieste scrivere a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ------------------------------- BallareViaggiando è su facebook (Pagina) e su Twitter. Sul gruppo Ballare Viaggiando FB è possibile condividere in modo autonomo  eventi di danza e musica. I SERVIZI OFFERTI DA BALLAREVIAGGIANDO.IT  ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) ° Si realizzano videoclip e promo  a prezzi competitivi (concerti, spettacoli, saggi fine anno ...) °Si realizzano lavori grafici, locandine, folder ecc °Servizio Ufficio Stampa, Servizio Newsletter promozione eventi ° Inserzioni banner per raggiungere un target interessato al tema della danza, musica e del viaggio

012

Tornano gli anni 60, un invito a ballare... anche con Let it Boat

"Finché vedrai
sventolar bandiera gialla
tu saprai che qui si balla
ed il tempo volerà...” (Bandiera Gialla, Gianni Pettenati)

Ballare e divertirsi con il revival  degli anni 60, dal twist al surf dall’ hully - gully allo shake ...un’occasione di divertimento  imperdibile per tutte le età  da cogliere nei locali, nelle piazze   d’estate e in eventi  dedicati. Tra questi anche la minicrociera Let it Boat in programma a maggio (12-15 maggio)  da Civitavecchia a Barcellona in collaborazione con  Grimaldi  Lines

andiera Gialla, versione italiana di The pied piper incisa lo st

di Ester Ippolito

Indimenticabile twist, allegro hully gully, scatenato shake….Negli anni 60, insieme al boom della musica leggera, nazionale o di importazione, ci fu un ricco fiorire di  balli, di varia tradizione e origine, che hanno cominciato a tenere  banco nelle  feste, nelle rotonde sul mare, nelle spiagge, in alternativa allo statico ballo del mattone. Nuovi ritmi che hanno “ scoppiato” la coppia invitando alla libertà di movimento. Tante ancora oggi le possibilità per rinnovare questa esperienza, nei locali, nelle piazze d’estate e in eventi dedicati. Tra questi in programma  la minicrociera Let it Boat dedicata agli anni 60, in programma dal 12 al 15 maggio  da Civitavecchia a Barcellona in collaborazione con Grimaldi Lines, firmata Elly Travel e MitinItaly (cfr sezione Viaggi),  un appuntamento di cui www.ballareviaggiando.it è media partner. Una proposta, di cui presto si saprà molto di più, e che vede protagonisti la musica e i balli, i miti dell’epoca, a cominciare dai Beatles,  e le emozioni legate a quel decennio. Un long week end “a caccia degli anni 60” da Roma a Barcellona, attraversando il Mare Nostrum a bordo della Cruise Roma, che prenderà il via da Piazza Cavour per arrivare alla Sagrada Famiglia di Barcellona, in un’appassionante caccia al tesoro fra i luoghi più magici delle due città, sbarcando nella capitale catalana con un suggestivo corteo di auto storiche.

Dal rock and roll e cha cha cha …

Alcuni balli hanno segnato un’epoca, altri sono caduti nel dimenticatoio dopo aver fatto divertire per una sola stagione. Da ricordare che a capo del fermento degli anni 60 c’è sempre il padre rock and roll che ha spopolato negli anni 50, anzi la sua data di nascita è fissata nel 1954 con la canzone di Bill Haley e il suo gruppo (The Comets) "Rock around the clock", inserita nella colonna sonora del film "Il seme della violenza" (1955). Il gioco è fatto, i giovani stravedono per questo ritmo, Elvis Presley diventa un mito e la sua influenza arriva anche da noi contagiando Little Tony, Bobby Solo, Celentano. Alla fine degli anni 50, salgono alla ribalta anche i ritmi latino americani, dal mambo al cha cha cha: indimenticabile la coppia Xavier Cugart-Abbe Lane e tra le varie canzoni di moda “ Il Cha cha cha della segretaria”( Michele Gramazio).Nell'estate del 1962 dobbiamo a Edoardo Vianello il cha cha cha di “Pinne fucile e occhiali”.

Il trionfo del twist, hully gully e surf

Il twist, dall'inglese “ torcersi ” o “ dimenarsi”,  di origine americana e derivazione del  rock'n'roll, la cui nota caratteristica è la torsione del ginocchio, fu lanciato  nel 1961 da  Chubbi Checker con "The twist" e "Let's twist again". “Ballare  il twist è come spegnere una sigaretta con i piedi - spiegò il cantante. Mitici i successi internazionali che si ispirarono al twist, a cominciare dai Beatles con “Please please me" e "Twist and shout", e "Speedy Gonzales" cantata da Pat Boone. In Italia le canzoni più popolari furono “ Stai lontana  da me “ di Adriano Celentano, “Tintarella di luna”, e “Una zebra a pois” di Mina, "Guarda come dondolo" di Edoardo Vianello, e "St. TropezTwist”, e  ancora Speedy Gonzales nella versione italiana, cantata con grande successo da Peppino Di Capri. Accanto al twist trionfò a casa nostra il ritmo dell’l'hully-gully, di origine sudamericana, portato alla popolarità da alcuni celebri brani di Edoardo Vianello: “ Hully Gully in dieci”, “ Abbronzatissima” (1963), e soprattutto “ I Watussi”, boom dell'estate 1964 e che ancora oggi rimane l’inno di questo ballo, un  richiamo  irresistibile, una parola d’ordine alla quale si risponde alzandosi e mettendosi tutti in fila  a ballare...  L'hully gully fu, in fondo, uno dei primi balli di gruppo. Negli stessi anni, dalla California, si diffuse il surf ( dal surfing delle onde dell'oceano,uno sport polinesiano in grande diffusione in America), un ritmo che si legò  a livello internazionale  alle musiche dei Beach Boys. I protagonisti del surf italiano sono stati invece  nel 1964 Rita Pavone, con “Datemi un martello“, Catherine Spaak con “L'esercito del surf”, e tanti altri, tra cui ancora Edoardo Vianello con "Tremarella".

Arriva lo shake

Il '66  fu infine l'anno  dello  shake, uno scuotimento in libertà, senza passi codicizzati,  il padre  di quello che poi, con innumerevoli varianti, diventerà il  ballo da discoteca. Davvero ognuno per sè. In Italia, a Roma, il Piper ne  è stato il luogo sacro.  Fra le  canzoni italiane più note del periodo , “I ragazzi dello shake”, cantata da Gianni Morandi, e  il famoso “geghegè”, lanciato da Rita Pavone nel 1966 nella trasmissione Studio Uno. Una icona dell’epoca fu la canzone Bandiera Gialla di Gianni Pettenati del 1966 (Alberto Testa - Nisa - S.Duboff - A.Kernfeld), versione italiana di "The pied piper", incisa lo stesso anno da Patty Pravo (brano marchio del PIper di Roma), una espressione piena della voglia di ballare e di libertà. Al centro ci sono i giovani e le loro aspirazioni come indicava la felice trasmissione radiofonica Bandiera Gialla ,in onda sul secondo programma dal 16 ottobre 1965 al 9 maggio 1970, inventata da Boncompagni ed Arbore. Frutto tardivo  degli anni 60, quando generazioni di giovani  cominciavano ad avere meno attenzione per il ballo ed erano attratti da nuovi fermenti, fu  il “ Ballo di Simone”, brano cantato nel 1968 da Giuliano e i Notturni,  traduzione italiana di "Simon Says", del gruppo americano Fruitgum Co. Un ritmo travolgente  che  ebbe comunque un grande successo e  che ancora oggi trascina in pista ballerini di varie età.

Video Gallery - Musica anni 60/70

Articolo correlato in Viaggi

 
foto01.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'-SKAL ROMA,PROMOZIONE GOLF E TURISMO
Immagine

  Binomio tra sport e turismo per Skal International Roma, Associazione che unisce professionisti operanti nel settore turistico e Membro Permanente del WTO World Tourism Organization, che celebra...
TURISMOPIU'- PRIMAVERA CON IL SEGNO PIU' E SUD IN CORSA. PREVISIONI ASSOTURISMO CTS
Immagine

  La vicinanza delle festività pasquali ai ponti di primavera mette il turbo al turismo. Saranno moltissimi gli italiani e gli stranieri ad approfittare dell’inusuale spring break per una vacanza...