• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

SALERNO CITTA' DELLA DANZA...I LOVE DANCE 2019

Tutto pronto per la nuova edizione del concorso nazionale di danza I love Dance ..la danza è in scena! Sabato 23 marzo il Teatro Augusteo di Salerno alzerà il sipario sulla VIII edizione del concorso fra i più prestigiosi in Italia. Anche quest’anno, la kermesse, ideata e diretta da Carmine Landi, con il patrocinio del Comune di Salerno, vanta una grande affluenza tra scuole di danza e allievi partecipanti di età compresa tra gli 8 e i 30 anni, che animeranno il palco del teatro di Piazza Giovanni Amendola fino a domenica 24 marzo, ancora una volta Salerno diventa luogo d’incontro di giovani ballerini provenienti da tutte le regioni, isole comprese.
Il Concorso si pone da sempre l’obiettivo di offrire un’opportunità di confronto ed esperienza scenica ai tanti giovani appassionati dell’arte tersicorea che hanno l’occasione di migliorare il proprio bagaglio artistico esibendosi al cospetto di una giuria composta da maestri di chiara fama internazionale teatrale e televisiva. Prestigiosa  e qualificata la giuria . LUCIANA SAVIGNANO, diplomata alla Scuola di Ballo della Scala di Milano e si perfeziona al Teatro Bol'šoj di Mosca. Nel 1972 diventa prima ballerina alla Scala per diventare tre anni dopo, nel 1975, étoile.Maurice Béjart la invita nella compagnia Ballet du XXe siècle. Nel 2009 è uno dei giudici del talent show di Rai 2 Italian Academy. Applaudita dalla critica europea, esaltata dalla nota critica di balletto e danza italiana Vittoria Ottolenghi, Luciana Savignano è impegnata anche nel sociale, come testimonial a titolo gratuito, delle associazioni italiane confederate per la malattia di Parkinson.   BILL GOODSON inizia la sua carriera in America grazie a Michael Jackson con il quale ha ballato, dopo di lui tantissime star hanno richiesto la sua presenza o le coreografie per le performance coreutiche: Jackson Five, Diana Ross, Steavie Winwood, Gloria Estefan. Da anni è il coreografo del Moulin Rouge di Parigi.In TV ha curato le coreografie per “LA BELLA E LA BESTIA” con Sabrina Ferilli e Lucio Dalla, “NUMERO UNO” con Pippo Baudo e Paola Barale, “TORNO SABATO ...E TRE” e “MA IL CIELO E’ SEMPRE PIU’ BLU” con Giorgio Panariello, “CHIAMBRETTI NIGHT” e “GRAND HOTEL CHIAMBRETTI” con Piero Chiambretti, “SOGNO E SON DESTO 3” con Massimo Ranieri.Nel 2018 è stato maestro nel talent show di Canale 5 “AMICI di Maria De Filippi”   ANNA MARIA PRINA, diplomata alla Scuola di ballo del Teatro alla Scala sotto la direzione di Esmée Bulnes, si è perfezionata per al Teatro Bolshoi di Mosca e al Teatro Marinskij di San Pietroburgo. Nel 1960 ha iniziato la sua carriera al Teatro alla Scala dove ha danzato i principali ruoli di solista del repertorio classico, neo-classico e contemporaneo. Nel 1974 è chiamata alla direzione della Scuola di ballo della Scala, incarico che lascia nel 2006. Ha pubblicato libri di metodologia didattica della danza classico-accademica, collabora a enciclopedie e riviste con testi sulla Danza.   ANDRÉ DE LA ROCHE a sette anni già lavorava in un telefilm degli Universal Studios nel ruolo di un piccolo principe, a otto anni fa parte del musical “The King and I”. Nel 1986 è primo ballerino nello show di Rai Uno “Serata d’Onore” e “Fantastico 8”, è coreografo e ballerino: “Jeans 2”, “Europa Europa”, “Saluti e Baci”, “Bucce di Banana”, “Champagne”, “Beato fra le donne”, “Rose Rosse”, “Viva le Italiane”, “Gran Caffé”.Vittoria Ottolenghi scrive: “…è uno dei migliori ballerini jazz del mondo, è il Nureyev della danza jazz” e gli dedica due special in “Maratona d’Estate” su Rai Uno nel 1988 e nel 1994.   AMILCAR MORET GONZALEZ , diplomato al National Ballet School of Cuba è stato primo ballerino presso il Bavarian State Ballet, Les Ballettes De Monte-Carlo, il Zurich Ballet e The Hamburg Ballet.Ha lavorato come ballerino professionista e insegnante di danza classica nella trasmissione televisiva “Amici di Maria De Filippi”.È stato ballet master e guest principal dancer al Theater Kiel e guest principal dancer all’Hamburg Ballet.   MICHELE OLIVA ha perfezionato i suoi studi in vari centri di danza in tutto il mondo, New York, Los Angeles, Londra. Ha ballato con le star internazionali Geri Halliwell e Kylie e in Italia a lavorato in televisione con Fiorello, Paola e Chiara, Luisa Corna e Renato Zero. È stato assistente coreografo e ballerino nel programma televisivo “Amici di Maria De Filippi”. Docente a Broadway Dance Center e Peridance Capezio Center di New York City, collabora con il Complexions Contemporary Ballet, compone coreografia contemporanea per molte aziende italiane ed europee.   LITTLE PHIL già all’età di 8 anni rimane affascinato dal movimento, dalla cultura e dalla danza hip hop e comincia ad allenarsi con i fratelli maggiori, tutti grandi ballerini. Significativi sono gli incontri con Eddie Morales e Marty Kudelka guru della street dance mondiale, con cui collabora stabilmente.È riconosciuto come uno dei più grandi talenti dell’Hip-Hop moderno a livello mondiale, ha lavorato con  Mariah Carey, Craig David, Britney Spears, Backstreet Boys, Justin Timberlake, Mc Lyte, Brandy, Outkast, Backstreet Boys e Wu Tang Clan.In Italia ha lavorato per il talent show “Academy” RAI 2; “Ti lascio un canzone” RAI 1. Coreografo per gli spot publicitari FAME (Saranno famosi), Freddy, Nike, Adidas, Puma, Reebook Europa, Adidas Italy, Bmw, Oneil, Opel, Rifle Jeans, Ispo, Fibo, Interjeans.   Patrocinio: Comune di Salerno Partners: Micro & Mega Fotografie – Pisa; Dada marketing e comunicazione – Salerno; Media partner: Radio Bussola 24 diretta da Teodoro Maffia.   I LOVE DANCE www.ilovedance.eu Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. cell. 342 125 66 23

FINLANDIA, A KUOPIO, GIUGNO, IL FESTIVAL DELLA DANZA

Una gita nella regione dei laghi è come un viaggio nel cuore dell’identità finlandese, che nasce nel profondo verde delle foreste, sulle colline ondulate e sui laghi scintillanti.  Kuopio è tra le città più grandi situate nella regione dei laghi e le sue bellezze  possono essere ammirate in tutta la loro bellezza dalla torre di Pujo. Inoltre gli abitanti della regione sono conosciuti come persone aperte e con un particolare senso dell’umorismo. Ed è qui che da 50 anni si svolge  a giugno- edizione 2019 12-18 giugno-il Festival della danza, un evento di successo completamente dedicato alla danza e al quale partecipano ballerini di tutto il mondo. Il direttore artistico del Kuopio Dance Festival è il primo ballerino e coreografo Jorma Uotinen. Oltre agli spettacoli che animano la settimana-  eventi di strada, club, sfilate e altre attrazioni  - il Kuopio DanceFestival organizza anche corsi di ballo e workshop a tema  per professionisti o neofiti che desiderano vivere l’  esperienza della danza. Sono previsti anche Dance week end dedicati alla  danza come  benessere. Tra gli spettacoli in programma con artisti e compagnie  provenienti da tutta  Europa, e anche dalla lontana Australia, la Scuola di balletto dell'Opera e del Balletto nazionale finlandese , fondata nel 1922, tradizionale istituzione finlandese, proporrà estratti dalla Spring Screen includendo  sia il balletto classico che la danza contemporanea. Il ruolo e l'importanza della danza nel panorama culturale finlandese sono stati al centro a Roma di Equilibrio Festival, danza contemporanea , in scena al Parco della Musica 10-26 febbraio ,   evento dedicato ai paesi nordici che ha messo in luce anche tanti aspetti culturali dei vari paesi sul filo poetico dell’Aurora boreale , ovvero la danza della luce. Pe informazioni sul  KuopioDance Festival https://www.kuopiodancefestival.fi/en/home www.visitfinland.com

CINEMA, A MAGGIO ARRIVA "LE GRAN BAL"


Dopo aver incantato il  71. Festival di Cannes e aver concorso come miglior documentario ai  César (gli Oscar francesi), arriva finalmente in Italia  Le Grand Bal. L'emozionante documentario di  Laetitia Carton racconta la magica esperienza che lega migliaia di persone di ogni età e provenienza che tutti gli anni si ritrovano per 7 giorni e 8 notti di danza, musica e risate nella campagna francese.  
Le Grand Bal, che sarà nelle nostre sale a partire dal 2 maggio su distribuzione Barz and hippo, trascina lo spettatore in un un viaggio intenso ed intimo, ma al contempo lancia senza retorica un messaggio di umanità e cultura. Un trionfo di vitalità in cui degli sconosciuti superano ogni preconcetto e si prendono per mano per ballare e gioire insieme per giorni, ma anche un'esperienza cinematografica che rimarrà nel cuore degli spettatori. 

L'uscita del film sarà accompagnata da una tournée di lancio curata dall’ Associazione Folkambroeus nella quale musicisti e danzatori rivivranno con il pubblico le atmosfere del film con eventi di bal folk al termine delle proiezioni. 



Ogni anno più di duemila persone, di età ed estrazione sociale diverse, si riuniscono da ogni parte d’Europa nella campagna francese per un’esperienza straordinaria: Le Grand Bal. Per 7 giorni e 8 notti ballano insieme, mentre la musica suona dal vivo, in un emozionante connubio tra tradizione e modernità. La grazia del ritmo supera ogni fatica fisica e la gioia pura della danza abbatte le barriere. Le Grand Bal è un inno senza tempo alla magia del ballo e all’armonia di anime e corpi nella diversità. Scopri il film su Facebook: https://www.facebook.com/legrandbalilfilm/ Partecipa alla conversazione #LeGrandBal Distribuzione Barz and hippo

012

I mondi colorati dello spettacolo "Ballare Viaggiando: da Oriente a Occidente"

Un insieme di mondi colorati e  di ritmi, il femminile sotto  più cieli in un lungo viaggio con musica dal vivo  che ha toccato India, Argentina  e il nostro sud. Filo rosso il battito a terra: dal piede della danzatrice kathak allo zapateo dei gaucios sino al passo della tamurriata e della tarantella....Questa l'anima dello spettacolo  "Ballare Viaggiando:  da Oriente a Occidente”, andato in scena a Danzainfiera 2016, Firenze,  in collaborazione con la nostra testata e con l'associazione Il Flauto Magico di Francesca Trenta, docente Ials, danzatrice e coreografa, che ha curato il progetto artistico. Una esperienza viva dove alcuni artisti, dal background diverso,  hanno mostrato la loro voglia di sperimentare e di incontrarsi uniti dalla danza. Protagonisti Rosella Fanelli, con la sua danza Kathak;  Milva Morelli con   Mirko Bonelli   e Antonio Castiglia, con il tango e la chacarera, e  Francesca Trenta e il suo Ensamble di danzatori   "I Passi della Tradizione"

di Ester Ippolito

 

 

 

"Uscii sul mio carro  ai primi albori del giorno , e ...proseguii il mio viaggio attraverso  i deserti del mondo. Lasciai la mia traccia  su molte stelle e pianeti...a lungo durerà il mio viaggio ..lunga è la via da percorrere, il viandante deve bussare a molte porte straniere...”

 

“Ballare Viaggiando...da Oriente a Occidente”. Un  lungo viaggio  tra atmosfere diverse e diversi ritmi, poesia  e sentimento, momenti devozionali al femminile,  incontro fatale tra uomo e donna, corteggiamento dolce e romantico, gioco ritmico delle coppie dove vincenti sono  l’energia e la passione.  Il femminile  sotto vari cieli.  Questo è stato, ma anche  molto di più, lo spettacolo teatrale  “ Ballare Viaggiando:  da Oriente a Occidente”, svoltosi a Dif 2016, a Firenze (26 febbraio), con il supporto della professionale presentazione di Stefano Baragli, realizzato  in collaborazione con la nostra testata ballareviaggiando.it e con l'associazione Il Flauto Magico di Francesca Trenta, docente IALS,  danzatrice e coreografa,  che ha curato il progetto artistico, ha reso possibile il colloquio tra i vari artisti, ha  cucito e plasmato  la performance che  ha offerto  più quadri, più atmosfere, letture,  passaggi armonici da un paese all’altro e  da uno stile all’altro sottolineando  il fatto   “che anche provenendo   da terre distanti, la danza rende simili tanto da poter entrare ed uscire dalla stessa porta e continuare l'una il viaggio dell'altra”.

“Il mezzo su cui hanno viaggiato melodie e canti nelle varie lingue, abiti e colori che identificano paesi diversi ed apparentemente lontani- spiega Francesca Trenta- è stato  il battito a terra: dal piede della danzatrice kathak allo zapateo dei gauchos sino al passo della tammurriata e della tarantella in cui i colpi a terra, come quelli sulla tammorra, sono " semplici" esattamente come il cuore dà il ritmo alla vita”.

Dall'India all'Argentina ...

Il  viaggio di  Ballare Viaggiando  nasce dalla lontana India, con i suoni  e la poesia della danza Kathak di Rosella Fanelli e del suo gruppo Kathak Italia  (Shirly Cossettini e Sana Afandiyeva ) con  l'opera “Racconti del corpo e dell'anima”, tra preghiere devozionali, letture, calpestii e  tintinnii, movenze eleganti, mostrando come il  danzatore Kathak  sia  in continua ricerca di un equilibrio tra la potenza, il vigore del Maschile (Shiva) l’eccellenza del movimento armonico Femminile (Shakti) e il sentimento emotivo del Cuore...

Ma il viaggio prosegue   e si  deve bussare ad altre porte, ed ecco che si sbarca in Argentina, terra di immigrazione, un ponte verso il Mediterraneo, illuminato  dal Tango Orientale di Milva Morelli   e Romina Ciafrei, dove  la  tradizione ritmica dell'Oriente  e la malinconia del suono del bandoneon si fondono e dialogano raccontando sinuosità ed eleganza.

 

Basta poco ....e si insinuano  le note del tango  Canyengue, fra i progenitori del tango,   malfamato, popolaresco:   protagonista  una donna  che, trascinata dall’uomo, danza con atteggiamento grottesco e provocatorio... come è stato  rappresentato dalla coppia Milva Morelli e Mirko Bonelli.

 

Cambio di coppie  e arriva il tango nuevo, intenso e passionale, accompagnato dal suono vibrante della fisarmonica, e portato in scena da Antonio Castiglia, associazione Zappa di Prato, e Anna Candeliere... e si accende l'atmosfera della milonga che segna l’incontro uomo donna, e dell'abrazo.

 

Dalla Chacarera alle danze del nostro sud

Sempre in terra argentina, è  la  Chacarera, danza popolare argentina fra le più note, ad aprire  la porta  verso l ' occidente sempre  grazie a  Milva & Mirko tra giri, avvicinamenti delle coppie e allontanamenti. “Un uomo e una donna si incontrano con gioia e divertimento. L'uomo è forte nello zapateo, la donna elegante nello zarandeo”. Il gioco si fa malizioso e traspare  l'intesa  fra i danzatori che si muovono a braccia protese l'uno verso l'altro senza toccarsi, come  in alcuni stili di danza tradizionale del meridione italiano, ultima tappa del viaggio....alla ricerca del battito del Sud del mondo.

Dal Lazio alla Calabria, passando per la Campania, Basilicata e Puglia, tra  canti e stornelli, balllarella, tammurriata ,tarantella  e pizzica,  danze  riproposte sul palco così come la tradizione  ce le ha consegnate in  armonia con la  musica dal vivo di MeRitmiRì Meridione Ritmi e Riti con Gian Franco Santucci  (tammorra e voce), Fabio Menditto  (mandolino bouzouki), Doriano Prati  (fisarmonica), Giorgio Pinai (zampogna),Simone Del Vecchio (darbouka), e  l’energia e l’allegria del gruppo di danzatori di Francesca Trenta “I passi della Tradizione"  (Martina Fiorucci, Lavinia Ottolini,   Sivia D'Afflisio, Silvia Cesaroni, Francesca Cugini, Cristina Iannuzzi, Alessia Mattacchioni, Anna Candeliere, Rita Ricciardi, Elisabetta Corato, Simona Danieli , Stefano Campagna, Carlo Pisanò, Gabriele Di Vita, Marco Schifani). Un repertorio vasto dei ritmi del nostro sud, tra danze in coppia e rota, viddhanedda, ballarella,  pizzica di San Vito al maschile, tarantella Cilentana,  tamurriata ... E  in uno degli ultimi quadri, al ritmo della tamorra,  tutti i danzatori  si incontrano e si mescolano sul palco, ognuno seguendo la propria danza  contemplando l’altro, in un crescendo di energia e di coinvolgimento di tutto il pubblico.

“Battere a terra il piede è come scavare la radice per un albero forte che può dare solo frutti meravigliosi”

Un insieme di mondi che  Francesca Trenta ha saputo offrire al pubblico  in modo così  colorato e significativo al tempo stesso.   "Nel ringraziare Ballare Viaggiando e  Dif che hanno voluto rinnovare la collaborazione per l'evento speciale 'Ballare Viaggiando: dall'oriente all'occidente' - ci dice-  vorrei soffernarmi  sulle  motivazioni che mi hanno spinta anche quest'anno ad essere presente a DIF. La danza tradizionale italiana è spesso vista come folklore, ma  proprio perchè parla della cultura italiana deve avere un posto in prima linea vicino alle danze che parlano della cultura dei popoli stranieri, a di là dell'aspetto estetico (costume), coreografia o stemma del gruppo folk. A DIF, come in molti altri eventi promozionali della danza, sono presenti concorsi, stage, spettacoli sulle danze orientali, su quelle spagnole, sulla salsa.. danze latino americane, sul tango..ma come sempre la tarantella resta ' una tarantella'...qualcosa che non ha spazio culturale e che,  poichè è nostra, come tante cose nostre non viene valorizzata. Non voglio trasformarla in una danza ..in un balletto..o in una coreografia, ma vorrei che anche il danzatore più colto ed esperto si rendesse conto che esiste un modo in cui il corpo può esprimersi, che riconnette direttamente all'inizio della nostra vita... e questo modo è la danza tradizionale. Battere a terra il piede è come scavare la radice per un albero forte che può dare solo frutti meravigliosi. In questa prospettiva ho svolto i laboratori per i bambini e per gli adulti all’interno della fiera,  ed accettato la grande fatica nel pensare uno spettacolo come  questo".

"Credo - e conclude - che i nostri figli abbiano bisogno di punti di riferimento importanti, e che fra questi uno importante sia "la partenza": sapere da dove veniamo..la danza, il dialetto, i colori degli abiti, le movenze delle mani, gli strumenti semplici di pelle, canna, legno, ..tutto ricorda da dove veniamo, e se osserviamo bene siamo tutti uguali in questa partenza...non possiamo ignorarlo. L’arrivo è la società di oggi, multietnica, in cui vivremo meglio, anche rispettandoci nella diversità se entriamo in contatto con le nostre radici."

Verso uno spettacolo “ transculturale “

"Ballare Viaggiando: da Oriente  a Occidente" può anche essere un primo passo per un percorso di danza e di studio ancora più complesso e vasto. “Uno spettacolo  che ha del potenziale soprattutto per l’energia che smuove- sono le parole dell'artista  Rosella Fanelli, che prosegue: “Il contesto della fiera Dif  mi è sembrata una grande opportunità  per riunire degli artisti con la voglia di sperimentare. Certo, il tempo  impegnato nella realizzazione dello show è stato troppo poco  per raggiungere il cosiddetto “ rasa”, vale a dire il succo estetico dell’estasi che si ottiene facendo e/o gustando un’opera d’arte ....rimane quindi il desiderio di   conoscerci meglio.  A me piacerebbe fare dei laboratori con Francesca e sapere di più sulla danza e musica popolare, trovare  delle attinenze e / o divergenze con la tradizione classica  delle antiche cività come l’India. Degli  artisti del tango  mi hanno colpito i movimenti sinuosi  ed aggraziati del tango arabo  mentre mi è entrata  dentro  la sonorità della chacarera, e me la sono portata dietro  per alcuni giorni .. magari ha rappresentato la semplice schermaglia amorosa tra uomo e donna   che invita alla gioia di vivere al di là di concetti troppo mentali.   Per costruire uno spettacolo transculturale , per usare un termine alla Eugenio Barba,  dovremmo  continuare a incontrarci, fare dei laboratori incrociati dei vari stili  con musica live e continuare a creare". 

Più artisti e più mondi

“E’ stato molto bello partecipare allo spettacolo  e portare al pubblico  una parte della cultura che  fa parte del nostro bagaglio- affermano Mirko & Milva. “  E' stata una  esperienza emozionante perché siamo riusciti a creare un connubio pluridisciplinare grazie all'intervento di diversi professionisti dei vari settori e i loro allievi.  E ci  ha affascinato l'organizzazione del teatro adatto alla danza e la  professionalità in generale che abbiamo respirato”.   “Uno spettacolo ricco di colori  da  tutti i punti di vista - è il commento di Stefano Campagna, uno degli elementi dell’ensamble I Passi della Tradizione - che ha portato in scena  la vera e propria unione fra i popoli. Una rappresentazione unica nel suo genere delle diverse culture, danze e musiche di popoli fra di loro distanti ma allo stesso tempo vicini e collegati fra di loro grazie alla forza della danza..che quasi magicamente segue un filo logico e mette in luce tutti i collegamenti e le similitudini che esistono fra di loro”. " Ho partecipato per la prima volta a Dif e allo spettacolo Ballare Viaggiando- afferma Anna  Candeliere, un altro elemento dell'ensamble I Passi della Tradizione con incursione nel tango. "Una bella esperienza ricca di energia, rafforzata dalla musica dal vivo, che non si riscontra nelle altre rassegne della fiera, e che è trascinante  e sulla quale prendono vita i piedi come attratti da una calamita. Una sensazione molto bella. In questa occasione Francesca, che canta, balla e suona - e si può dire che " se la canta, se la suona e se la balla"-  è uscita dai suoi canoni di danza popolare,   ci  ha contagiato tutti con la sua forza gettandoci in un  oceano ,noi  pesciolini  in mezzo a pesci grandi. La preparazione  non è stata facile, ognuno con i propri impegni, ma poi magicamente  tutto ha preso forma, ogni danza si è collegata con l'altra , dando vita a qualcosa di vivo".

www.ballareviaggiando.it

www.danzainfiera.it

 

FOTO BALLAREVIAGGIANDO.IT

I protagonisti

I danzatori- Ensamble "I passi della Tradizione " di Francesca Trenta (Martina Fiorucci, Lavinia Ottolini, Alessandra Pansera, Sivia D'Afflisio, Silvia Cesaroni, Francesca Cugini, Cristina Iannuzzi, Alessia Mattacchioni, Anna Candeliere, Stefano Campagna, Carlo Pisanò, Gabriele De Vita, Marco Schifani)

I musicistiGian Franco Santucci  (Tammorra e voce), Fabio Menditto  (bouzouki), Doriano Prati  (fisarmonica), Giorgio Pinai (ciaramelle), Simone Vecchio

Francesca Trenta - Danzatrice, coreografa e ricercatrice, musicista e cantante,docente Ials , è impegnata nella diffusione e riproposta delle tradizioni popolari italiane coreutiche e musicali. Fra le sue collaborazioni Taranta Power di  Eugenio Bennato, Nando Citarella e Ambrogio Sparagna (coreografa e coordinatrice danze dello spettacolo "Ballo! le danze popolari italiane" 2013/2014, 2015, Auditorium Parco della Musica di Roma), conduce numerosi progetti didattici: stage, laboratori, corsi sulla danza e musica popolare per l'Associazione "Il Flauto Magico" (Lazio e Campania) nel progetto"I Passi della tradizione".

Rosella Fanelli - Definita dalla critica internazionale "un'anima indiana in un corpo italiano", ha vissuto molto in India. Danzatrice professionista di danza classica indiana stile KATHAK, ha  portato i suoi spettacoli in India, Italia, U.S.A., Israele, Germania, Spagna, Inghilterra, Austria.In India ha rappresentato ufficialmente la Danza Kathak in molte occasioni e ha  partecipato al primo Festival di Kathak di San Francisco (USA) nel 2006, quale unica esponente occidentale insieme ai maggiori danzatori di Kathak contemporanei. Rientrata in Itali da otto anni, è docente presso il Conservatorio di Vicenza nell’ambito del corso accademico di Musica extraeuropea ad indirizzo indologico ( corso unico in tutta Europa). Nel 2010  ha fondato  la SCUOLA KATHAK ITALIA e la FANELLI INTERNATIONAL KATHAK COMPANY.

Mirko Bonelli- Proviene da una formazione accademica ( classica, danza moderna e della danza sportiva latino americana e standard ), e ha approfondito la propria conoscenza del tango argentino tradizionale vivendolo di persona nelle Milongas porteñas di Buenos Aires.

Milva Morelli- Di origine argentina, ha iniziato  a danzare dall'età di 5 anni e ha vissuto il tango direttamente nelle Milongas.   Dopo una formazione accademica classica, si è spostata verso le danze orientali. Studia e ricerca le danze popolari argentine insieme al compagno Mirko. E' arrivata in Italia nel 2010.

Antonio Castiglia- Si avvicina al tango nel 2001 perfezionandosi con stage e seminari con i più grandi maestri del panorama internazionale del tango tra cui Ricardo Barrios y Laura Melo e molti altri. Fa parte della Compagnia di Tango A Media Luz di Verona. Per un paio di anni si dedica anche all’attività di Musicalizador nell’area Toscana. E’ residente a Prato e fa parte dell'associazione  di promozione sociale  Zappa da settembre 2015, dove conduce lezioni di tango principianti e intermedi.

 

 

 
foto01.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'- CLASSICO E INSOLITO, IN ISRAELE CON KING HOLIDAYS
Immagine

“Israele per noi è un cavallo di battaglia e sono orgogliosa di presentare questo progetto, il nuovo catalogo Israele  di King Holidays.Proponiamo un mix di tappe classiche ed esperienze uniche,...
TURISMOPIU'- FARE TURISMO A ROMA, LE PROPOSTE AL GOVERNO
Immagine

  Si è concluso  da pochi giorni FareTurismo (13-15 marzo Università Europea di Roma), con la sua 21a edizione, l’unico appuntamento nazionale dedicato alla formazione, al lavoro e alle...