• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

TORNA LO SCHIACCIANOCI PIU' BELLO, DI AMODIO E LUZZATI

Alla riscoperta del repertorio italiano: tempo di feste e tempo di Schiaccianoci. Al via la  nuova tournée de Lo Schiaccianoci  italiano  di Amodio e Luzzati, produzione Cipriani Entertainment " Questa è una scelta sicura ed è lo Schiaccianoci più bello- commenta Daniele Cipriani.  Gli spettacoli partono  da Novara l'11 novembre e saranno in giro per l'Italia fino a gennaio 2018.

.

 

 

È Lo Schiaccianoci italiano più bello, uno dei più interessanti della storia della danza, senz’altro uno dei più incantevoli. Dopo il successo della passata edizione che ha registrato oltre 25.000 spettatori in tutta Italia (e che gli è valso il premio “Oscar della Danza  - Best Italian Dance Box Office 2016/2017” (Direzione artistica Luciano Cannito) ovvero per lo spettacolo di danza di maggior successo dell’ultima stagione), Daniele Cipriani ripropone Lo Schiaccianoci di Amedeo Amodio, sulle familiari note di Piotr Ilych Ciaikovsky e con le fantasmagoriche scene e costumi di Emanuele Luzzati. Una tournée di due mesi parte l’11 novembre 2017 dal Teatro Coccia di Novara (replica il 12 novembre). I ruoli principali saranno danzati da Anbeta ToromaniAlessandro Macario, circondati dal corpo di ballo e solisti della Daniele Cipriani Entertainment (DCE).

 

Si tratta di una produzione su grande scala, paragonabile per dimensioni e qualità solo a quelle dei più importanti teatri lirici: in scena quasi 40 artisti (37 ballerini, 2 artisti del teatro d’ombre e un trampoliere); dietro le quinte una quindicina di persone, tra maîtres, staff tecnico, sarte ecc. Uno spiegamento di talenti che anche quest’anno fa de LoSchiaccianoci di Amodio/Luzzati uno degli eventi principali della stagione. Le tappe saranno  Teatro Sociale Como (18 novembre), Teatro Comunale di Bolzano (22 novembre), Teatro Regio di Torino (5-10 dicembre, con l’Orchestra del Teatro Regio diretta da Alessandro Ferrari e il Coro delle voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi”; nei ruoli principali ci saranno i principals del New York City Ballet, Ashley Bouder e Taylor Stanley), Teatro Carlo Felice di Genova (16-20 dicembre,con l’Orchestra del Teatro Carlo Felice diretta da Alessandro Ferrari e il Coro delle voci bianche del Teatro Carlo Felice), Teatro Comunale di Ferrara (5 gennaio 2018) e Teatro Municipale di Piacenza (14 gennaio 2018).


Lo spettacolo coincide con il 10° anniversario della scomparsa di Emanuele Luzzati: è dedicato proprio al grande maestro genovese che ha fatto risplendere le scene italiane e del mondo con i colori della sua tavolozza e l’arcobaleno della sua fantasia, di cui Lo Schiaccianoci di Amodio/Luzzati dà un ricco assaggio.

Mentre la maggior parte degli Schiaccianoci “tradizionali” – a partire dalla prima versione del coreografo Marius Petipa (San Pietroburgo, 1892)  –  si rifanno all’adattamento e addolcimento del racconto da parte dello scrittore Alexandre Dumas, il balletto di Amodio si rifà alla novella originale  Schiaccianoci e il Re dei topi, riscoprendo le tinte forti dello scrittore tedesco e sottolineando il confine labile tra immaginazione e realtà.In questo Schiaccianoci, creato per Elisabetta Terabust e Vladimir Derevianko da Amodio nel 1989 durante gli anni d’oro dell’ATER Balletto di cui egli era allora direttore, lo Schiaccianoci del titolo non è il prodotto di un sortilegio, bensì della fantasia di una bambina la quale (come tutti i bimbi) gioca e parla coi suoi giocattoli, facendoli vivere nel mondo magico dell’immaginazione, che è quello della “sua” realtà: uno schiaccianoci  può benissimo essere un principe, un’ombra sulla parete può diventare un drago in quel mondo dove desiderio e paura, sogno e incubo si sovrappongono in continuazione. Una rivisitazione in chiave psicologica del balletto normalmente popolato da fate, che lascia tuttavia intatto l’elemento fiabesco poiché nulla v’è di più magico della fantasia infantile.

 

Lo Schiaccianoci di Amodio/Luzzati si rivolge a grandi e piccini e s’inserisce nell’ambito dell’impegno personale di Daniele Cipriani a recuperare il repertorio italiano del balletto della seconda metà del ‘900. Questa produzione è una delle sue colonne portanti, esempio delle vette artistiche toccate quando alla robustezza del pensiero tedesco e all’anima russa che impregna la partitura, si uniscono anche l’estro e la fantasia italiani: la coreografia di Amodio, le scene e costumi di Luzzati, le “ombre” ideate dal Teatro Gioco Vita (e qui realizzate della Compagnia teatrale L’Asina sull’Isola), gli inserimenti musicali di Giuseppe Calì e della voce di Gabriella Bartolomei.

“Sono felice quando i sogni diventano realtà-sottolinea  Cipriani. "Non sopportavo l’idea che un allestimento importante come Lo Schiaccianoci di Amedeo Amodio/Emanuele Luzzati, fosse da anni nei depositi di Aterballetto, destinato a perdersi: ho avuto il coraggio di acquistarlo e farlo ristrutturare e rivivere, cosa che ho fatto anche con altri allestimenti.” “In un’Italia dove i corpi di ballo chiudono i battenti uno dopo l’altro-continua- la Compagnia Daniele Cipriani Entertainment rappresenta per i talenti italiani un importante sbocco di lavoro e di crescita artistica.” E anticipa: “Nell’ambito del mio impegno a recuperare e dare nuova vita ai lavori del repertorio italiano della seconda metà del ‘900, a partire da gennaio 2018 Daniele Cipriani Entertainment propone una nuova produzione di Mediterranea, balletto a serata intera di Mauro Bigonzetti in cui danzeranno 20 solisti della DCE.”

Ada Braccioli

trailer https://www.youtube.com/watch?v=_YAYvPszFQk

foto credit Massimo Danza


Daniele Cipriani Entertainment è la seconda produzione a livello nazionale riconosciuta dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del turismo.

LO SCHIACCIANOCI

Balletto in due atti di Amedeo Amodio dal racconto di E.T.A. HOFFMANN

"Schiaccianoci e il Re dei Topi"

musica di Pëtr Il'ič Čajkovskij

coreografia e regia Amedeo Amodio

direttore Alessandro Ferrari*

scene e costumi Emanuele Luzzati

ideazione ombre Teatro Gioco Vita

realizzazione ombre L’Asina sull’Isola

voce Gabriella Bartolomei

assistente alla coreografia  Stefania Di Cosmo

luci Marco Policastro

produzione Daniele Cipriani Entertainment

solisti e corpo di ballo Daniele Cipriani Entertainment

* per le recite al Teatro Regio di Torino e al Teatro Carlo Felice di Genova con musica dal vivo suonato dalle orchestre delle rispettive fondazioni lirico sinfoniche.

 
foto02.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

CARAIBI A RITMO DI MUSICA: AD ARUBA DANDE E NON SOLO
Immagine

In  un viaggio ai Caraibi,   la musica è un elemento costante e ricorrente, che accompagna il trascorrere delle giornate e rallegra la gente del posto e i visitatori. Merengue, salsa, bachata,...
IALS ETNICA, TARANTELLA, RITMI DELLA GRECIA E TRADIZIONE DEL SUD ITALIA
Immagine

  Con la giornata di sabato 26 maggio (dalle 14,00) si concludono   gli incontri di IALS ETNICA per la  stagione 2017-2018, un progetto culturale a cura di Francesca Trenta , danzatrice,...