• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

Malicanti, la tradizione è un must

"La nostra musica è quella dei nostri contadini.   A noi interessa  riportare in vita quella musica  facendo rivivere insieme a lei tutto un mondo, non più bello di quello attuale, ma che sta sparendo, e da dove tutti noi proveniamo". Queste le parole  di Enrico Noviello, portavoce del gruppo musicale Malicanti, che  attingono alle tradizioni musicali del Gargano e del Salento, avendo alle spalle un importante lavoro di ricerca sul campo fatto di ascolto e condivisione con gli anziani. 

 

 

Aderire alla tradizione, portare al pubblico la musica  del mondo contadino, raccolta e imparata dagli anziani. Essere  semplici e immediati facendo rivivere quelle emozioni legate a  questo mondo passato. Questa la mission de I Malicanti, gruppo musicale nato nel 1999 dopo una  importante esperienza di ricerca e raccolta sul campo di storie e tradizioni, suoni e canti,  e che sempre in questa  ottica  continua a raccontare  la  musica  e  cultura  della terra del Gargano e del Salento,  senza sovrapposizioni musicali  sofisticate  o contaminazioni.   Attualmente i membri sono sette  (Anna Invidia, Valerio Rodelli, Daniele Girasoli, Elia Ciricillo, Pio Gravina, Giorgio D'Aria, Enrico Noviello) anche se nei concerti spesso la formazione va da quattro a cinque elementi.  Nel tempo ci sono stati dei cambiamenti, persone nuove si sono aggiunte, qualcuno ha preso un'altra strada, ma la filosofia del gruppo è rimasta  integra e  fedele alle proprie origini.

La nostra musica - racconta  il portavoce Enrico Novielloè quella dei nostri contadini  e  siamo convinti che  allontanarsi dalle radici aggiungendo arrangiamenti nuovi  o altri arricchimenti  richieda  una qualità musicale molto alta  e finora,  nel panorama della riproposta, a parte qualche eccezione, non ci sono grandi risultati nell’aver imboccato questo percorso.  A noi interessa  riportare in vita quella musica  facendo rivivere insieme a lei tutto un mondo, non più bello di quello attuale, ma che sta sparendo, e da dove tutti noi proveniamo. Non amiamo gli effetti speciali. Cosa diversa è trasformare questi suoni in musica leggera, pop o etno.  La musica è come la cucina, quella tipica, contadina, è  semplice  e vera". 

Anni di ricerca e di raccolta  di voci e di suoni,  di convivenza con gli anziani, hanno preceduto la formazione del gruppo che, come racconta ancora Noviello all'inizio era di  accompagnamento al canto degli anziani. Pian piano  abbiamo incontrato amici musicisti, abbiamo arricchito il nostro repertorio con tradizioni salentine  e del Gargano, e ha preso forma  Malicanti , iniziando a  fare concerti.  Ma è la ricerca il momento fondamentale  che più ci ha gratificato e  che dà significato alle attività del gruppo.  Inoltre,  nostra caratteristica  è stata sempre quella di ospitare,  nel corso dei concerti,  degli anziani che portassero il loro talento e la loro storia".

Nel corso della nostra  attività di ricerca - continua  Noviello -   abbiamo legato con molti anziani, e in particolare voglio ricordare il lavoro che abbiamo fatto insieme ad Andrea Sacco, con il quale si è creato anche un legame di forte amicizia e vicinanza.   Perché da queste persone si impara la musica ma anche la vita.  Attualmente  è molto forte il  rapporto con Mike Maccarone di Carpino che ha cantato con noi al concerto di Lesina del 24 aprile: 92 anni e una grinta che fa invidia  ai quarantenni. Naturalmente non tutti gli anziani sono portatori di tradizioni, e  non è vero  che nei paesi   tutti ballavano e cantavano.   Coloro che lo facevano, i cantori, erano  spesso persone dalla forte personalità, con   grande carattere, il più delle volte  pastori, o persone che  venivano  chiamate 'cafoni', o che  giravano armati di coltello”.

Ma come è nata la spinta  a ricercare e a scoprire questo mondo che si allontana sempre di più?  “Io ho fatto sempre una vita molto contemporanea, per motivi di lavoro ho viaggiato tanto fuori dell'Europa   in paesi  in via di sviluppo, e sono venuto in contatto con culture sempre intense. Da qui la voglia di ricercare anche nel mio paese qualcosa di simile, e ho cominciato dalle zone di origine della mia famiglia: la Puglia, e in particolare il Gargano. Ho portato avanti questa ricerca con entusiasmo e passione  prima con Elia Cicirillo e  poi  ho continuato con Pio Gravina ”.


Frutto della ricerca sul campo e della musica prodotta due CD a firma Malicanti, Tarantelle e Canti Tradizionali delle Puglie (Finisterre), il primo  edito nel 2005. “Questo primo CD - ancora Noviello- ha avuto una importanza notevole per i brani inconsueti che ha saputo proporre. In quel momento molti gruppi facevano tutti gli stessi brani, noi abbiamo portato qualcosa di nuovo riprodotto come l’avevamo ascoltato.  Ha rappresentato una rottura. Inoltre fa parte  del nostro modo di fare musica dare  importanza al canto, anche in forma polivocale e "alla stisa ". E anche in questo ci distinguiamo un po’. Nel 2015 arriva il secondo CD,  Tarantelle e Canti Tradizionali  delle Puglie, Volume secondo, che  esprime continuità  e  risente dell’arrivo nel gruppo di Pio Gravina,  che ci ha portato un repertorio interessante”. Il repertorio dei Malicanti è molto ricco erappresenta la voce cantata del Salento e del Gargano attraverso canti di lavoro, stornelli, canti alla stisa,  mentre  nei concerti una buona parte è dedicata a canti di feste, pizziche e tarantelle dominate dal suono del tamburo.


I Malicanti in versione duo (Enrico Noviello ed  Elia Cicirillo) sono i protagonisti a Roma, portando il soffio musicale e culturale della Puglia, del secondo appuntamento di IALS ETNICA (17 aprile, Roma Ials, direzione artistica Francesca Trenta), incontri e racconti sulla cultura popolare coreutica e musicale italiana, aprendo delle finestre  sulle tradizioni musicali e di danza di varie regioni italiane. "In questa occasione - dice Noviello- più che presentarci come gruppo musicale, vogliamo introdurre al pubblico  il valore della chitarra battente, adesso suonata soprattutto in Gargano e Calabria, ma fino al XVIII secolo  chitarra italiana per eccellenza  della tradizione popolare, di ispirazione  spagnola  poi soppiantata da quella francese. E' prevista anche la visione  di  un video relativo alla nostra ricerca sul campo  per raccontare la nostra esperienza con gli anziani, il rapporto con Andrea Sacco, Mike  Maccarone,  e per avvicinare  l'essenza e la verità di questo mondo”.

www.malicanti.it

Ada Braccioli

 

articolo correlato IALS ETNICA

http://www.ballareviaggiando.it/danze-popolari/1811-ials-etnica-17-aprile-una-finestra-tra-puglia-e-campania.html

 

 

 

 
notte taranta altalena.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'-PROGETTO SIS.T.IN.A, TURISMO INNOVATIVO IN ALTO MEDITERRANEO
Immagine

Al via il progetto SIS.T.IN.A, acronimo di Sistema per il Turismo Innovativo dell’Alto Mediterraneo, la cui finalità è quella di destagionalizzare i flussi turistici in arrivo e aumentare la...
TURISMOPIU'-ISOLE DEL CUORE... "IL GIRO D'ITALIA IN 50 ISOLE " DI LUCREZIA ARGENTIERO
Immagine

“Il giro d’Italia in 50 isole”, la nuova guida (Iter Edizioni) di Lucrezia Argentiero nasce per per sognare e vivere il proprio “lembo di terra” dove ritrovarsi.Sono “altri mondi” sì,...