• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

DIF 2019, MILLE STORIE DI DANZA

Danzainfiera 2019 (21-24 febbraio), XIV edizione, si è chiusa  all'insegna di grandi numeri - 65.000 mq, oltre 200 lezioni, più di 50 tra audizioni, stage e master e più di 30 eventi coreografici tra concorsi, spettacoli, contest e rassegne,   180 gli espositori da tutto il mondo,quasi 200.000 visitatori  - e  di tante emozioni, tra  tante  #storie di danza e tanti incontri. Corridoi affollati da giovani e giovanissimi alla ricerca di un sogno, un percorso ricco di colori  tra le tante sfaccettature della danza,  dall’accademica all’ urban, dalla popolare italiana alle danze storiche, dal flamenco alla tap dance,  dal musical al  burlesque e danze orientali, spazio bambini,  e tanto altro inseguendo le nuove tendenze nazionali e internazionali. Tra le novità la danza inclusiva al Concorso Expression (accesso ai diversamente abili). E in passerella fashion sempre più a passo di danza....

di Ester Ippolito

 

 

Emozioni e numeri importanti. Si è chiusa con successo la XIV edzione di Danzainfiera , 21-24 febbraio, Firenze, Fortezza Da Basso. Un viaggio ricco di colori e di ritmi  tra le mille sfaccettature della danza – dall’accademica all’ urban, dalla popolare italiana alle danze storiche, dal flamenco al burlesque e  tap dance,   danze standard e caraibiche, danze orientali, spazio bambini, danza in fascia in su, e tanto altro inseguendo le nuove tendenze internazionali, grazie   a  lezioni, audizioni,  incontri con i protagonisti della danza, spettacoli, esibizioni e  contest, rassegne,  momenti dedicati alla moda  sempre a passo di danza. Come nel caso della presentazione in passerella del brand brasiliano So  Danca che ha messo in scena una vera e propria performance, di grande effetto ed eleganza, ispirata al mondo di  Fellini,  con la partecipazione  degli artist Christiane Matallo, sull’onda del tip tap, e Jim Hamilton,e del giovane  danzatore Antonio Casalinho, con il supporto  artistico della maestra Claudia Zaccari.


Questo è stato DIF 2019, che si è aperta  alla presenza dell'assessore allo Sport del Comune di Firenze, Andrea Vannucci, del coreografo Anthony Heinl e del Patron di Danzainfiera, Alessandro Sanesi.La manifestazione è oramai un appuntamento fisso – ha dichiarato l'assessore allo Sport Andrea Vannuccinon solo per gli addetti ai lavori ma per gli appassionati del settore e per tanti curiosi, un luogo dove trascorrere del tempo tra spettacoli di assoluto valore e per tanti ragazzi e bambini l'occasione di provare nuove disciplina e migliorare la propria tecnica. Una fiera che ogni anno ha aggiunto una faccia ed oggi è un diamante bello che dà lustro a Firenze ed al movimento della danza che, nella nostra città è molto presente”. Il Patron Alessandro Sanesi nel sottolineare gli eventi più importanti ha evidenziato come  “Danzainfiera sia una piattaforma di incontro ed ogni anno intercetti le nuove tendenze che nella danza come per la moda sono soggette al cambiamento”.

La danza inclusiva al Concorso Expression

E non sono mancate le novità. Come l’introduzione della danza inclusiva, aprendo a tutte le categorie di diversamente abili che hanno gareggiato nel Concorso Expression nella nuova categoria Danza Inclusiva. Testimonial di questa novità   sono stati Elena Travaini ed Anthony Carollo, giurati speciali del concorso assieme alla Campionessa italiana di danza sportiva su sedia a rotelle, Chiara Pedroni, affetta da endometriosi.  “E' importante – ha detto l'assessore alle pari opportunità del Comune di Firenze Sara  Funaro - che questi ragazzi vengano giudicati in maniera imparziale, senza scadere nel buonismo che spesso viene riservato ai disabili”. Quest'anno l'evento si è arricchito ulteriormente offrendo finalmente a tutti, ciascuno con le proprie abilità, l'occasione per esprimere le proprie emozioni attraverso la danza- ha aggiunto    il patron Dif Sanesi.

Le Stelle

Tra le stelle che hanno partecipato a questa edizione le étoile Evgenia Obrastzova e Lucia Lacarra,che hanno tra l’altro illuminato, insieme ad altri artisti,  il bellissimo Gala di sabato pomeriggio;  il Maestro Frédéric Olivieri, i coreografi Anthony Heinl, Valerio Longo e Franco Miseria, oltre ad  altri personaggi del mondo dello spettacolo, come quelli che ruotano intorno ad  AmiciLucia Lacarra, tra le étoile più eleganti e incantevoli sul panorama mondiale ad aver ricoperto tutti i ruoli più importanti del repertorio classico,  ha raccontato  in un incontro le tappe principali della sua carriera: dal sodalizio artistico con il mitico coreografo Roland Petit, che su di lei ha creato il balletto la Signora delle Camelie, e la sua esperienza americana al San Francisco Ballet, fino alla collaborazione con gli italiani Massimo Murru Carla Fracci e Roberto Bolle. Il suo messaggio per i più giovani: “Ogni ruolo che interpreti, anche il più piccolo e apparentemente insignificante fa di te la ballerina che sarai”.

 

In collaborazione con il Teatro Verdi di Firenze, l’incontro con Anthony Heinl, fondatore di eVolution dance theater, coreografo e direttore artistico dello spettacolo The magic of light, che  ha raccontato i suoi primi passi nel mondo della danza ed assieme al pubblico ha parlato di formazione e contaminazione soffermandosi su Danzainfiera: “Un luogo come questo offre l'opportunità di provare, senza avere paura, tante discipline diverse” perché, ha sottolineato “la vera sfida è non tirarsi indietro davanti ai cambiamenti ma sapere che nel mercato di oggi occorre essere pronti a qualsiasi richiesta, dal flamenco all'afro”.


E ancora, sempre  in collaborazione  con il Teatro Verdi di Firenze l' incontro con Yanina Valeria Quiñones e Neri Luciano Piliù, coreografi, direttori artistici e ballerini della loro compagnia Tango Rouge Company, che hanno portato in scena al Verdi  il 22 febbraio scorso a Firenze  lo spettacolo Noche de Buenos Aires.   “Non è stato facile all'inizio – hanno spiegato i due tangheri uniti anche nella vita – ma abbiamo scelto di vivere facendo quello che ci appassionava. Da Buenos Aires siamo andati in Giappone dove lavoravamo tantissimo, ma è stata l'Italia ad affascinarci ed è a Salerno che abbiamo trovato un ambiente straordinario dove esprimerci sia nella danza che nella vita, ritrovando anche i tempi per la complicità affettiva.  Chiunque ed a qualsiasi età può dedicarsi al tango  perché non ci sono distinzioni, c'è solo il desiderio di condividere il trasporto emozionale della musica”.

Emozionante anche l'intervista a  Evgenia Obraztsova, prima ballerina del Bolshoi che ha raccontato come ricevere dei no spinga a mettersi più in gioco. Non dobbiamo mai smettere di crescere e metterci alla prova!”. Anche Franco Miseria, un grande del musical e più in generale della danza spettacolo in televisione,  pigmalione di Heather Parisi e Lorella Cuccarini nelle varie edizioni di Fantastico, si è raccontato con generosità.    Il  coreografo è celebre nell'ambiente proprio per la sua capacità di fondere tutti gli stili di danza. Il segreto? "Lo si può fare solo con ballerini che provengono da una forte base classica”.


Grande il tifo per i giovanissimi dell'Accademia Sistina che proprio tra i padiglioni di Danzainfiera hanno ballato in anteprima un estratto di School Of Rock, musical che porta la firma di Massimo Romeo Piparo, tratto dall’omonimo film musicale di Andrew Lloyd Webber e che  va in scena ai primi di marzo a Roma al teatro Sistina,     e, nel suo tour italiano,   a Firenze al Teatro Verdi dall’ 11 aprile con protagonista LILLO nei panni Dewey Finn. Piparo ha raccontato anche dei suoi corsi dell'Accademia Il Sistina frequentati da ragazzi giovanissimi   “Questi giovani sono straordinari perché, d'estate, rinunciano alle vacanze per frequentare la scuola, facendo grandissimi sacrifici. I più bravi poi entrano a far parte del cast dei miei musical come School of Rock”.


Il Galà

Appuntamento clou  il  Gala di Danzanfiera (sabato 23)   al Padiglione   La   Ronda, presentato da Stefano Baragli, con   l'esibizione   di   strepitosi   ballerini   che   hanno portato in scena       passi   a   due   e straordinarie   performance   dedicate   a   vari   stili   della   danza   classica   e   contemporanea. Il Gala si è aperto  con la performance La Bambola  a cura di Nicoletta Tinti , su sedia a rotelle, e Silvia Bertolucci: un quadro emozionante , di grande effetto e poesia.  Grande l'attesa  per  Lucia Lacarra   e  Josué Ullate in un estratto molto intenso e sensuale  da La Carmen di Victor Ullate ,mentre Evgenia Obraztsova si è esibita  in una variazione Talisman di Petipa, Gusev, Ponolarev. El Junco ha portato il ritmo di un flamenco festoso, accompagnato da Juan Lorenzo     (guitarra) Paolo Baldoni     (cajòn)  e  Monica Argnani      (palmas). Ad esibirsi davanti al pubblico anche    Rada Waackengers , la regina del Waacking , e  Christiane Matallo, tip tap, accompagnata dal percussionista Jim Hamilton,  in una performance ritmica,   elegante e spiritosa.    Sul palco pure Cristian Priori   e  Dasha Loginova, con i balli latini  e  Ivan Iacobbe  e  Ylenia Dalla Bona con  danze standard. Finale dal sapore spagnolo con il gruppo dei Flash Kids Flamenco, urban dance sul ritmo del flamenco, Cajon compreso.

 

Un salto nel tempo tra danze storiche e popolari italiane

La danza tra cultura e memoria. Un tuffo nel romanticismo, galanteria, eleganza con l' appuntamento con la Compagnia Nazionale di Danze storiche, guidata da Nino Graziano Luca che festeggia i 30 anni di attività : abiti color   pastello stile 800, crinoline, pizzi,  frac negli   spazi Spadolini con meravigliosi Valzer, Quadriglie, Contraddanze e Mazurche, coinvolgendo anche il pubblico incantato da queste visioni.  In programma anche la presentazione   in anteprima della versione in inglese del libro di Nino Graziano Luca sui Gran Balli dell’800 intitolato The Grand Balls of the 19th Century, Armando Curcio Editore: storia del costume, curiosità, piccolo galateo  per i danzatori da tardo 700 ai primi del 900....


E grande evento, una full immersion    nella musica popolare italiana con un’anteprima di BALLO! al teatro Ronda, con il maestro Ambrogio  Sparagna, la domenica 24 febbraio, la danzatrice e coreografa Francesca Trenta e il Corpo di Ballo, e i musicisti dell'Orchestra Popolare italiana del Parco della Musica di Roma. Una festa spettacolo che in una sinergia di danza, musica e teatralità, riporta alla luce  il valore delle danze popolari italiane, in una ottica non folcloristica ma di memoria,  frutto di una ricerca costante sul campo. Lo spettacolo è stato  anticipato da una conferenza stampa che ha messo al centro  il valore della danza popolare, “un mondo aperto a tutti”, l’importanza dei  laboratori, il ruolo della musica e degli strumenti tradizionali, e le novità della  prossima edizione di BALLO! a Roma, cavea Parco della Musica, 30 giugno 2019. Flash mob tra pizzica e tarantella e uno spettacolo intenso e colorato hanno coronato felicemente questa pregiata partecipazione in collaborazione con la nostra testata Ballareviaggiando.it.

 

Una mostra e un convegno per   Kemp

Come omaggio al grande artista Lindsay Kemp, recentemente scomparso, una mostra fotografica di Paolo Bonciani e un convegno organizzato dal Giornale della Danza in collaborazione con la Fondazione Léonide Massine. La carriera di Bonciani è strettamente legata alla danza e l'amicizia con Kemp ha segnato il suo percorso artistico. "I miei colleghi fotografi quando c'era lui smettevano di scattare perché restavano affascinati dalla sua gestione dei ballerini. Aveva un carisma trascinante e la capacità di cambiare la scena dicendo semplicemente 'ora siamo all'inferno' e 'adesso siete in paradiso'”. In esclusiva per Danzainfiera Bonciani ha presentato al pubblico una raccolta di dediche: "Non ho mai chiesto dediche “con simpatia”, volevo che gli artisti lasciassero, a margine dei miei scatti, un loro segno distinguibile e Kemp mi ha sempre regalato degli straordinari disegni".

 

Le rassegne:  Oriente e Flamenco

Imperdibile   la rassegna “Magie d’Oriente” (presidente di giuria Cinzia Neri Ravaglia) che  ha offerto come ogni anno  creatività e interpretazione dei ritmi orientali: colori, veli, tintinnii, si va dallo stile Oriental Show al folclore, da sfumature di Bollywood  al fascino intrigante del tribal ATS. Grande protagonista anche  il flamenco con laboratori, esibizioni e con la  rassegna non competitiva  "ENTRE DOS AGUAS" . Attraverso le varie scuole il    flamenco si  è voluto presentare   come ponte tra culture,  con coreografie sia di "fusione" che di "flamenco puro" in onore al popolo gitano. In collaborazione con  Andalusiena.

 

Un momento di arte

Danzainfiera ha ospitato   quest'anno   l'Accademia di Belle Arti di Firenze per un progetto artistico con la danza  protagonista: 15 opere d'arte realizzate con 880 scarpette da ballo. Ragazzi tra i 19 ed i 24 anni  si  sono sfidati in una prova di creatività e manualità stimolando lo spirito del recupero. Tutti i visitatori di Danzainfiera, tramite una speciale cartolina, hanno potuto votare le opere in concorso, ottenendo in cambio buoni sconto messi a disposizione da varie aziende di abbigliamento.   A fine fiera sono state premiate le opere più belle. Acquistabili tutte le opere,  ed il ricavato  devoluto in beneficenza all’associazione Girotondo per sempre per progetti a favore dell'Ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

www.danzainfiera.it

 

 
notte taranta altalena.png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'-PROGETTO SIS.T.IN.A, TURISMO INNOVATIVO IN ALTO MEDITERRANEO
Immagine

Al via il progetto SIS.T.IN.A, acronimo di Sistema per il Turismo Innovativo dell’Alto Mediterraneo, la cui finalità è quella di destagionalizzare i flussi turistici in arrivo e aumentare la...
TURISMOPIU'-ISOLE DEL CUORE... "IL GIRO D'ITALIA IN 50 ISOLE " DI LUCREZIA ARGENTIERO
Immagine

“Il giro d’Italia in 50 isole”, la nuova guida (Iter Edizioni) di Lucrezia Argentiero nasce per per sognare e vivere il proprio “lembo di terra” dove ritrovarsi.Sono “altri mondi” sì,...