• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

LI UCCI FESTIVAL,CUTROFIANO, TRADIZIONE E TERRITORIO


Torna a Cutrofiano, dal 9 al 15 settembre, l'ottava edizione  de Li Ucci Festival, manifestazione  ben radicata sul territorio e  che    propone una settimana di concerti, mostre, estemporanee di pittura, bike tour, e  incontri per ricordare non solo i cantori dello storico gruppo salentino “Li Ucci” (guidato da Uccio Aloisi, Uccio Bandello e Narduccio Vergaro), custode degli "stornelli", dei canti d'amore e di lavoro, ma anche un’intera generazione di cantori capaci di tramandare il patrimonio popolare salentino. Sabato 15 settembre il concerto-evento con Li Ucci Orkestra che accoglie alcuni dei principali esponenti della musica, del canto e della danza popolare del Salento

Da domenica 9 a sabato 15 settembre a Cutrofiano, in provincia di Lecce, si rinnova  l' appuntamento con l'ottava edizione de Li Ucci Festival. La manifestazione -  organizzata dall'Associazione Culturale Sud Ethnic e dal Comune di Cutrofiano, con la direzione artistica e organizzativa di Antonio Melegari, con il patrocinio, tra gli altri, di Mibac, Regione Puglia, Provincia di Lecce, Istituto Diego Carpitella e con il supporto di altri partner pubblici e privati - ricorda non solo i cantori de "Li Ucci", lo storico gruppo salentino (guidato da Uccio Aloisi, Uccio Bandello e Narduccio Vergaro) custode degli "stornelli", dei canti d'amore e di lavoro ma anche un’intera generazione di cantori capaci di tramandare il patrimonio popolare salentino.
"Questa manifestazione - racconta il direttore artistico Melegari, musicista della tradizione salentin, membro fondatore del gruppo Kamafei e rappresentante legale  della    Ass.ne Cult. Sud Ethnic-è nata come una piccola finestra sulla musica , e  si è trasformata negli anni  in una porta spalancata su tante realtà artistiche, dalla musica alla fotografia, dalla pittura alla gastronomia, dalla danza alla poesia”.
Dopo una settimana di concerti, mostre, bike tour, incontri, degustazioni, sabato 15 settembre in Piazza Municipio il festival si chiuderà con il concerto-evento finale con Li Ucci Orkestra, che ospita sul palco alcuni dei principali esponenti della musica, del canto e della danza popolare del Salento e che, poche settimane fa, ha pubblicato il disco "Concerto alla rimesa", edito e distribuito da Kurumuny, con il sostegno di Puglia Sounds Record 2018.

Un ricco programma tra musica, danza, sapori, arte e sport

L'articolato programma  de Li Ucci Festival prenderà il via domenica 9 settembre dalle 9 (raduno ore 8.30 in Piazza Municipio) con una bicicletta “culturale”, realizzata in collaborazione con la Pro Loco e l’Assessorato all’ambiente del Comune di Cutrofiano, con alcune soste per degustare gli “AssaggiUcci” ,prodotti della terra a Km0 (Biosteria Piccapane, Parco degli Aranci, Sciacuddhri, L’Artigiana) e pranzo finale alla Masseria L’Astore. Lunedì 10 dalle 20 al via “Li Ucci tra musica e colore”, la sezione di arti visive - a cura di Teresa Gravili - creata all’interno del Laboratorio Urbano Sottomondo (ex Mercato coperto) che sino al 15 settembre ospiterà una mostra fotografica sull'esperienza salentina dell'Odin Teatret di Eugenio Barba, Ferro riciclato in musica di Maurizio Marioli, Cantori con i disegni di Gianni Matteo e L’Arte nel Piatto, in collaborazione con l’azienda Fratelli Colì. Martedì 11 dalle 19 sempre nel Laboratorio Urbano Sottomondo, la serata ospiterà un’estemporanea d’arte con la "madonnara" Alice Valente, una serie di racconti e testimonianze su "La canzone salentina tra la campagna e la piazza" con Giovanni Pellegrino e Giovanni Leuzzi, "I martedì de lu puzzu" e la "Scuola di Firenze" con Aldo Nichil e Roberto Vantaggiato. A seguire "Trame", performance di Marialucia Musca in collaborazione con Artèdanza e i costumi dello stilista Tommaso Filieri. In chiusura ronda di musicisti e danzatori. Mercoledì 12 dalle 20.30 spazio alla serata "E mo te la cantamu nui", in collaborazione con le Officine Culturali, con ragazzi e ragazze che si esibiranno e proporranno canti della tradizione salentina appresi dal confronto con gli anziani del paese. Giovedì 13 dalle 19 Laboratorio di Pizzica Pizzica a Villa Santa Barbara e dalle 21 in Piazza Cavallotti consueto appuntamento con “ La chiazza ca sona e ca vive”, con l'esibizione dei Soballera, che tradotto dal dialetto ostunese significa “Sull’Aia”, vincitori del Premio UcciFolkontest. La band nasce dal desiderio di ricreare le atmosfere tipiche della musica tradizionale del Sud Italia usando, come tramite, gli strumenti di questo straordinario linguaggio musicale (la voce, la fisarmonica, la chitarra battente ed il tamburello). A seguire concerto dei Cardisanti, gruppo di Cutrofiano che prende il nome dalla denominazione dialettale di una pianta. Venerdì 14 invece la Masseria L'Astore ospiterà dalle 20 la Cultura nella Ruralità, con la possibilità di visitare l'antico frantoio ipogeo e la mostra di trattori d'epoca. Dalle 21 spazio alla musica con Nannarè, omaggio a Gabriella Ferri con l'attrice e cantante Emanuela Gabrieli affiancaìta da Marco Tuma (fiati) e Raoul De Razza (chitarra). Fellini la definiva "un pagliaccio di razza" e l’immagine calza perfettamente: il pagliaccio è una figura misteriosa, è condannato a far ridere e ha dunque una sua latente ma costante tragicità. Gabriella Ferri, con la sua voce era ed è ancora capace di toccare le diverse corde dell’animo umano. Voce calda, potente, graffiante. Una voce che racconta. Un cuore assai rappresentativo della melodia italiana. A seguire dj set a cura di Puccione.

Sabato 15 settembre il festival si concluderà con il Concerto-evento alla Rimesa (antico nome della centrale Piazza Municipi o) con Li Ucci Orkestra. Un progetto, nato nel 2013, composto da musicisti, uniti dalla voglia di costruire in note e in musica gli insegnamenti e la tradizione lasciata dai cantori salentini. Dalle 21 apriranno la serata i Musicanti di Scuola - Stornelli senza barriere, e la band Behike Moro che ha conquistato il Premio Nazionale "Folk & World - Nuove Generazioni", ideato da Antonio Melegari, Giordano Sangiorgi e Marco Bartolini, organizzato da Li Ucci Festival, Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli, La Musica nelle Aie di Castel Raniero, con il patrocinio di Mei – Meeting etichette indipendenti e It-Folk con la collaborazione di BlogFoolk, dedicato ad esperienze italiane under 35 nel folk e nella world music. Il gruppo, proveniente da Montebello Ionico, in provincia di Reggio Calabria, nasce all'inizio del 2017 guidato dall’idea di comporre musica traendo ritmi e melodie dalla tradizione calabrese miscelate a sonorità tipicamente flamenche e ad un sound pop-rock. Il simbolo della band è una fetta circolare di bergamotto, frutto tipico  che cresce solo in Calabria.

In chiusura del Festival, sul palco Li Ucci Orkestra formata da Antonio Murciano (batteria), Alessandro Chiga (percussioni), Andrea Stefanizzi, Francesco De Donatis, Marco Garrapa, Alessio Giannotta (tamburelli),Gabriele Gatto (basso Elettrico), Giacomo Casciaro (mandola), Ylenia Giaffreda (violino), Stefano Calò, Agostino Cesari (chitarre), Andrea Doremi e Gianmichele De Filippo (basso tuba e trombone), Antonio Stefanizzi, Diego Vergari, Alessio Colì (sax), Alessandro Dell’Anna (tromba), Stefano Blanco (flauto), Vittorio Chittano (fisarmonica), Max Però (organetto), Gigi Russo (piano). Le voci che si alterneranno sul palco sono quelle di  Alessandra Caiulo, Uccio Casarano, Cristoforo Micheli, Marco Puccia, Antonio Melegari, Emanuela Gabrieli, Marina Leuzzi, Francesco De Donatis, Gigi Marra,Andrea Stefanizzi, Totò Cavalera, Alessandro Botrugno, Giovanni Palma, Ilaria Costantino, Gino Nuzzo, Lina Bandello, Antonella Fiorentino, Michela Sicuro, Giuseppe Lisi, Le Sorelle Gaballo,Baye Fall, Giacomo Casciaro, Rocco Borlizzi. La danza sarà affidata invece a Andrea Caracuta,Claudio Longo, Romolo Crudo, Laura Boccadamo, Sara Albano, Cristina Frassanito, Veronica Calati.


Cutrofiano è comune di quasi 9mila abitanti che si trova nella Grecia salentina a circa trenta chilometri da Lecce. Il centro è noto per la lavorazione artigianale di ceramiche e terrecotte, una tradizione che risale al Medioevo. Da visitare il palazzo Filomarini noto anche come Palazzo della Principessa, edificato su un preesistente castello, il Museo della Ceramica che ripercorre l’arte della cottura dell’argilla dai fossili fino ai variopinti fischietti. Ad un chilometro dall’abitato sorge la cripta di San Giovanni Battista interamente scavata nella roccia dove è possibile ammirare la chiesetta rupestre, una piccola necropoli medievale e un frantoio ipogeo.

 

Info e programma su www.liuccifestival.it – 3776954833
INGRESSO LIBERO
Ballareviaggiando.it tra i partner dell'evento
 
notte taranta cannito .png
facebook youtube twitter
  • login
Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando
Privacy e Termini di Utilizzo
Cliccando sul pulsante "Iscriviti" l'utente dà il consenso esplicito a ricevere la newsletter di Ballare Viaggiando

TURISMOPIU'-ZANKYOU WEDDING EXPERIENCE,LE ANIME DI UN MATRIMONIO
Immagine

Un matrimonio all'estero,con tutto quel che comporta, romantico ed esotico,  un matrimonio solidale,  uno made in Italy,  ed uno same sex .....  tanti  sono i modi per concepire un evento...
TURISMOPIU'-CROCIERE, ATTESO RECORD PER IL 2019
Immagine

Il 2019 sarà l’anno record per il settore crocieristico nei porti italiani. E’ quanto emerso   nell’ambito del Seatrade Cruise Med in corso a Lisbona (19 settembre) dalle previsioni...