• home
  • chi siamo
  • paesindanza
  • protagonisti
  • eventi
  • Danze Popolari
  • Viaggi
  • Scuole
  • musica e parole
  • Video
  • contatti

‘Le Bal’ , spettacolo da non perdere per chi ama il ballo, la musica e il teatro

E-mail Stampa PDF

Il pubblico ha accolto con entusiasmo lo spettacolo Le Bal, in scena al teatro Sala Umberto di Roma dall'11 al 23 ottobre, che racconta attraverso il ballo e la musica la storia dell'Italia dall’inizio della seconda guerra mondiale al crollo delle torri gemelle. Le Bal, nato da un format francese, è interpretato da 16 giovani attori e ballerini, con la regia di Giancarlo Fares, anche lui in scena


di Livia Rocco

 

 

Ballo, musica, teatro e…storia: tutto questo è lo spettacolo Le Bal, “L’Italia balla dal 1940 al 2001”, nato da un fortunato format francese del Théâtre du Campagnol da un’idea di Jean-Claude Penchenat. Due atti frizzanti e coinvolgenti – in scena al Teatro Sala Umberto di Roma dall’11 al 23 ottobre - che senza parole riescono a raccontare la storia del nostro paese dall’inizio della seconda guerra mondiale al crollo delle torri gemelle. Due momenti drammatici che segnano l’inizio e la fine di un lungo periodo, narrato abilmente attraverso balli e canzoni che hanno caratterizzato la vita e il costume della società.

Tutto si svolge in una balera. Un caleidoscopio di accadimenti e curiosità che viviamo attraverso sedici bravi attori e ballerini, i quali ci accompagnano in un appassionante viaggio nel tempo, scandito dalla musica che si fa drammaturgia, e non trascura fenomeni socio-politici tpicamente italiani come la corruzione e ‘mani pulite’. Giancarlo Fares, che firma anche la regia dello spettacolo, si aggiunge ai sedici giovani in scena.

A catturare lo spattatore è il fascino del racconto senza parole, affidato al ballo, alla musica alla forza espressiva e comunicativa degli attori-ballerini, alla suggestione dei loro gesti e movimenti. Vanno in scena i balli e i modi di ballare più significativi di questo lungo periodo storico, dal tip tap al chachacha, dal tango al rock and roll, ma anche il ballo da discoteca, il twist, il lento, abilmente proposti nelle coreografie di Ilaria Amaldi.

Un ruolo importante è affidato alla nutritissima selezione di brani musicali, dai più scanzonati e frivoli come Maramao perchè sei morto cantato dal Trio Lescano o Tremarella cantata da Edoardo Vianello ai più struggenti come Che cosa resta cantata da Franco Battiato, passando per pezzi famosi come la celebre Fascination, in diverse versioni, o I Will survive cantato da Gloria Gaynor.

Tra i momenti più originali dello spettacolo, la scena iniziale in cui i personaggi entrano uno alla volta guardandosi in uno specchio immaginario e quella in cui, con lo stesso accompagnamento musicale, ogni coppia esegue un ballo diverso: a teatro si può fare anche questo!

 

 

 

Attori-ballerini:

Giancarlo Fares, Sara Valerio Alessandra Allegrini, Riccardo Averaimo Alberta Cipriani, Vittoria Galli, Alice Iacono, Matteo Lucchini, Fancesco Mastroianni, Davide Mattei, Matteo Milani, Pierfrancesco Perrucci, Maya Quattrini, Michele Savoia, Patrizia Scilla, Viviana Simone

 

coreografie Ilaria Amaldi

Scenografia Marco Lauria

Costumi Francesca Grossi

Light Designer Luca Barbati

Sound Designer Giovanni Grasso

 

Info Sala Umberto

Via della Mercede, 50 Roma

Tel. 06 6794753

www.salaumberto.comn

 

 

 
lavorincorso  .png
facebook youtube twitter
  • login

Iscriviti alla Newsletter di Ballareviaggiando








VIAGGIANDO...PARMA, CAPITALE ITALIANA DELLA CULTURA 2020
Immagine

E' Parma la Capitale Italiana della Cultura 2020, designata dalla Giuria presieduta da Stefano Baia Curioni. La vincitrice è stata annunciata oggi 16 febbraio dal ministro di beni culturali e del...
VIAGGIANDO... ALLA SCOPERTA DEI BORGHI PIU' BELLI CON TRENITALIA
Immagine

  Al via un accordo di collaborazione tra l’Associazione de I Borghi più belli d’Italia  e Trenitalia che consente di    valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura, ambiente...